Esorcisti, un esercito di 400 preti contro il maligno

Pubblicato il 17 marzo 2017 da ansa

CITTA’ DEL VATICANO. – Sono oltre 400 i preti esorcisti nel mondo e di loro 240 operano in Italia. Dal 2014 sono riuniti in una associazione internazionale riconosciuta dal Vaticano, nata per condividere le esperienze e per fornire occasioni di formazione continua per chi esercita questo delicato ministero.

Ma la lotta della Chiesa al ‘maligno’ è bimillenaria: episodi di cacciata dei demoni dalle persone sono raccontati innanzitutto nel Vangelo. Oggi Papa Francesco ha invitato i confessori, nel caso di disturbi spirituali gravi, a rivolgersi appunto agli esorcisti. Figure di provata fede scelte dal vescovo, sono quei sacerdoti che seguendo precisi riti codificati, liberano le persone da possessioni diaboliche.

Le richieste sono in continuo aumento, considerato il diffondersi dell’occultismo. Ci sono comunque delle linee guida e l’esorcismo non è mai un atto improvvisato. Il “Rito degli Esorcismi” sottolinea innanzitutto che gli atti non debbono poter essere interpretati “come un atto di magia o superstizione”.

Lo stesso documento, promulgato nel 1998 dalla Congregazione per il Culto divino, fornisce anche i sintomi della possessione diabolica: “parlare correntemente lingue sconosciute o capire chi le parla; rivelare cose occulte e lontane; manifestare forze superiori all’età o alla condizione fisica”. Ma a questi segni deve aggiungersi la condizione principale, ovvero “una forte avversione” al sacro.

“L’esorcismo – spiega il presidente dell’Aie, l’Associazione Internazionale Esorcisti, padre Francesco Bamonte sul sito dell’organizzazione – è una lotta, talora molto dura, contro il potere di Satana”. Per questo occorre una stretta unione con Dio e anche “una seria formazione permanente e la piena fedeltà alle norme liturgiche e pastorali disposte dalla Chiesa”.

E in effetti corsi dedicati all’esorcismo e alle preghiera di liberazione vengono costantemente organizzati. L’Ateneo Pontificio Regina Apostolorum ha aperto da anni questo tipo di corsi alla partecipazione anche dei laici. L’esorcista più famoso al mondo, padre Gabriele Amorth, è morto sei mesi fa all’età di 91 anni. Sacerdote paolino ha dedicato tutta la sua vita ministeriale a questo particolare compito.

Le sue ‘armi’ erano la stola viola, il crocifisso di San Benedetto, l’acqua benedetta, l’olio dei catecumeni. A chi gli chiedeva se avesse paura rispondeva sicuro: “No, è il diavolo che ha paura di me”.

(di Manuela Tulli/ANSA)

Ultima ora

23:07Calcio: Serie A, Inter-Napoli 0-1

(ANSA) - ROMA, 30 APR - Una rete dello spagnolo Callejon nel primo tempo, dopo un clamoroso svarione difensivo di Nagatomo su cross dalla sinistra di Insigne, regala la vittoria al Napoli sul campo di un'Inter sempre più in crisi di gioco e di risultati. Grazie a questo successo i partenopei si portano a un solo punto dalla Roma, seconda in classifica. Nerazzurri contestati prima e durante la partita.

20:37Distrutta a Milano la targa dedicata a Yizhak Rabin

(ANSA) - MILANO, 30 APR - Distrutta a Milano da vandali la targa dedicata a Yithazak Rabin. Lo ha denunciato l'Associazione Nazionale Partigiani d'Italia, esprimendo "profonda indignazione e ferma condanna per l'odioso oltraggio antisemita". L'episodio si sarebbe verificato la notte scorsa. La targa era stata collocata nei giardini di piazza Tripoli, intitolati lo scorso anno al primo Ministro israeliano, insignito nel 1994 del Premio Nobel per la pace. "Alla Comunità Ebraica di Milano esprimiamo tutta la nostra affettuosa solidarietà e vicinanza" ha detto il presidente dell'Anpi Provinciale di Milano, Roberto Cenati.

20:31Attacco a Parlamento Skopje, 15 incriminati

(ANSA) - SKOPJE, 30 APR - Il ministero dell'Interno della Macedonia ha incriminato 15 persone per l'attacco violento di manifestanti al Parlamento nazionale, avvenuto il 27 aprile dopo l'elezione di un nuovo presidente dell'Assemblea legislativa. Cinque incriminati sono stati già arrestati riferisce l'agenzia macedone Mia. Durante gli scontri, un centinaio di persone erano rimaste ferite: oltre agli assalitori, anche alcuni parlamentari, giornalisti e 25 poliziotti.

20:16Calcio: Novara-Brescia 2-3

(ANSA) - NOVARA, 30 APR - Terza sconfitta consecutiva per il Novara, superato in casa 3-2 dal Brescia che esce così dalla zona Play-out. E' Coly, difensore ospite, l'eroe di giornata, per la sua doppietta e, soprattutto, per il gol del 3-2 un attimo dopo che il Novara si era portato sul 2-2. Nel primo tempo la partita è stata molto equilibrata, con il Brescia avanti con un colpo di testa di Ferrante e il Novara a pareggiare con una identica azione conclusa da Galabinov. Nella ripresa i lombardi hanno accentuato la loro pressione e trovato il gol, sempre di testa, con Coly. Al 33' Chiosa ha riportato di testa il Novara sul 2-2 ma un minuto dopo ecco il definitivo 3-2 di Coly, con un gran destro a giro. All'ultimo istante Adorjan ha avuto la palla del 3-3, ma ha tirato letteralmente in faccia al portiere ospite Minelli.

20:15Auto: il Reventino incorona Scola su Osella

(ANSA) - ROMA, 30 APR - Domenico Scola su Osella FA 30 Zytek, la prototipo monoposto di gruppo E2SS con gomme Avon, con il miglior tempo di 2'51"10 ottenuto in grande rimonta in gara 2, ha vinto la 19/a Cronoscalata del Reventino, la competizione calabrese organizzata da Racing Team Lamezia e Lamezia Motorsport con il patrocinio dell'AC Catanzaro, che sul bagnato ha inaugurato il calendario del Campionato Italiano Velocità Montagna 2017. La pioggia è arrivata sul finire della prima salita di gara e da quel momento ha accompagnato ed allungato tutto lo svolgimento della corsa. Sul podio di una gara imprevedibile sono saliti il sardo di CST Sport Omar Magliona su Norma M20 Fc Zytek, biposto di gruppo E2SC, dotata di gomme Pirelli e Christian Merli, vincitore di gara 2 sulla ufficiale monoposto prototipo Osella FA 30 EVO Fortech equipaggiata con pneumatici Avon, ma sul trentino di Vimotorport ha pesato una penalità di 10 secondi per via di un ritardo allo start di gara 1.

20:06Lasciato agonizzante in auto dopo incidente,arrestato pirata

(ANSA) - MILANO, 30 APR - Un automobilista di 55 anni è stato lasciato agonizzante nella sua auto a Milano dopo essere stato investito frontalmente da un'altra auto, un suv nero, condotta da un automobilista che è poi fuggito a piedi. L'uomo intrappolato nell'auto è poi morto poco dopo essere giunto in ospedale. L'incidente è avvenuto all'alba in viale Monza. L'uomo è rimasto intrappolato a bordo della sua vettura e i vigili del fuoco hanno dovuto lavorare a lungo per estrarlo dall'abitacolo. In serata è stato arrestato un uomo, un italiano, con l'accusa di omicidio stradale.

20:06Calcio: forfait di Miranda, difensore Inter out col Napoli

(ANSA) - MILANO, 30 APR - Joao Miranda dà forfait. Il difensore dell'Inter non sarà a disposizione per la sfida contro il Napoli di stasera per un risentimento muscolare al retto anteriore della gamba destra. L'allenatore dell'Inter, Stefano Pioli, dovrebbe quindi sostituirlo con Murillo, che andrà a formare la coppia di centrali con Medel.

Archivio Ultima ora