Milano-Sanremo: Sagan contro tutti, favorito senza pressione

Pubblicato il 17 marzo 2017 da ansa

Peter Sagan
Ansa/Dario Belingheri

MILANO. – Ha i piedi ben piantati per terra Peter Sagan, ma punta sempre dritto al cielo quando parla di ciclismo. Il suo motto è “nessun uomo può volare se non su un aeroplano” ma, quando si alza sui pedali, nessun traguardo gli è precluso. Il suo palmares, d’altronde, parla per lui. Dopo avere centrato uno storico bis mondiale, il suo nuovo obiettivo è portare quella maglia arcobaleno che indossa con grande orgoglio in trionfo anche su via Roma.

Bella sfida. È infatti dal guizzo di Saronni nel 1983 che un campione iridato in carica non riesce a vincere la Milano-Sanremo e Sagan si augura che questa maledizione non possa raggiungere il quarto di secolo. “Non sento alcuna pressione – ammette il fuoriclasse slovacco, due volte campione del mondo su strada -. Io sono sempre tra i favoriti a vincere e quindi sono abituato. Sono molto felice di essere in un momento di forma così speciale, spero che possa durare a lungo a partire da domani”.

Il percorso è quello classico: dopo la scalata del Turchino, dei tre Capi (Mele, Cervo e Berta), della Cipressa, ecco a 9 chilometri dalla fine l’asperità del Poggio (3,7 chilometri, punte fino all’8%). Qui la corsa entra nel vivo, tra gli attacchi degli outsider (Ulissi, Alaphilippe, Boasson Hagen) e dei finisseur (Kwiatkowski, Van Avermaet, Wellens).

Sagan non svela le proprie carte, ma ammette che qualcosa potrà succedere: “Attaccherò anche io lì? Dipende dal vento. Negli ultimi anni è sempre stato contrario ed è praticamente impossibile arrivare al traguardo in quelle condizioni climatiche”.

Più sicuro forse arrivare in gruppo, con i velocisti fiaccati dalle ultime rampe, e sparare le ultime cartucce in volata. L’antagonista principale di Sagan sarà Fernando Gaviria: il colombiano lo ha già battuto in una tappa della Tirreno-Adriatico e un anno fa i due si eliminarono con una caduta a pochi metri dal traguardo. Un duello che rischia, però, di essere ad armi impari: Gaviria sarà regolarmente al via della Milano-Sanremo numero 108, nonostante una brutta botta al polso destro rimediata durante l’allenamento di ieri, ma ovviamente non potrà essere al meglio.

Ma la lista dei pretendenti alla Classicissima di Primavera è lunga perché, dopo 291 chilometri, l’acido lattico blocca i muscoli: c’è il campione in carica Demare, il vincitore 2015 Degenkolb, Matthews, Kristoff, Cavendish ed Ewan, tutti clienti pericolosi allo sprint.

E gli italiani? L’acuto manca dal 2006 con Pippo Pozzato. Le speranze azzurre si nascondono tra il campione olimpico dell’Omnium, Elia Viviani, e soprattutto nella vena di Sonny Colbrelli, apparso in palla alla Parigi-Nizza. A pochi passi dal Casinò, sarà come un giro di roulette.

(di Luca Guazzoni/ANSA)

Ultima ora

22:59Calcio: Inter annuncia, accordo col Siviglia per Banega

(ANSA) - MILANO, 27 GIU - L'Inter ha annunciato sul proprio sito online di avere trovato l'accordo con il Siviglia per la cessione del centrocampista Ever Banega. "Inter e Sivigliaß- si legge - hanno raggiunto un accordo di massima per il trasferimento di Ever Banega in Spagna, che diventerà effettivo dopo la sottoscrizione del contratto del calciatore e il superamento delle visite mediche". Il club nerazzurro incasserà circa 9 milioni, generando una plusvalenza di circa 5 milioni.

22:59Germania: evacuato grattacielo Wuppertal

(ANSA) - BERLINO, 27 GIU - Un grattacielo di Wuppertal, in Germania, deve essere evacuato perché ritenuto a rischio incendi, per la presenza di pannelli infiammabili sulla facciata. La misura precauzionale arriva dopo il disastro di Londra, dove le fiamme in un edificio di 24 piani hanno provocato la morte di 79 persone. In questo caso a provocare il rogo sarebbe stato un frigorifero difettoso, ma l'incendio è divampato velocemente, proprio a causa di pannelli simili. I residenti del grattacielo di Wuppertal potranno rientrare appena i pannelli saranno rimossi. Intanto alloggeranno in appartamenti messi a disposizione dal comune.

22:55Juve: Dani Alves ai saluti “grande anno, grazie”

(ANSA) - ROMA, 27 GIU - "Vorrei ringraziare tutti i tifosi della Juventus per l'anno vissuto, i miei compagni per l'accoglienza e per i professionisti che sono, per aver vinto e per aver fatto arrivare la Juventus in fondo a tutte le competizioni. Penso al mio rispetto, alla mia dedizione, al mio lavoro, alla mia passione e a tutti i miei sforzi per rendere questo club un club più grande ogni giorno". Così Dani Alves saluta il clan bianconero, preannunciando di fatto la risoluzione contrattuale. In un posto su Istagram, il brasiliano chiede scusa ai "tifosi della Juve se un certo punto hanno pensato che ho fatto qualcosa che potesse offenderli, ma non era mia intenzione". Poi aggiunge: "E' che ho una maniera tutta mia di vivere le cose in modo spontaneo". "Oggi - sottolinea - termina il nostro rapporto professionale, porterò con me tutti coloro i quali lavorano con il cuore per fare della Juventus un grande club. Io non gioco al calcio per soldi, gioco al calcio perché amo questa professione".

21:54Europei U21: Inghilterra ko ai rigori, la Germania in finale

(ANSA) - ROMA, 27 GIU - La Germania è la prima finalista dell'Europeo Under 21, in corso in Polonia. I tedeschi allenati dall'ex centravanti Horst Hrubesch hanno battuto ai rigori per 6-5 (tempi regolamentari e supplementari si erano conclusi sul 2-2) l'Inghilterra e adesso aspettano la vincente fra Italia e Spagna. A Tychy, la Germania era passata in vantaggio dopo 35', con Selke, ma gli inglesi hanno pareggiato quasi subito, al 41', con Gray, quindi sono passati in vantaggio al 5' della ripresa con Abraham, prima di essere raggiunti al 25' da Platte. Dal dischetto ha sbagliato Gerhardt per i tedeschi, imitato da Abraham e Redmond, che all'ultimo rigore si è fatto ipnotizzare dal portiere avversario Pollersbeck, che difende i pali del Kaiserslautern. La finale è in programma a Cracovia venerdì 30 giugno, con inizio alle 20,45.

21:16Malattia da uso cellulare, giudice Firenze riconosce danno

(ANSA) - FIRENZE, 27 GIU - L'uso intenso del telefono cellulare può causare l'insorgenza di malattie professionali, provocando invalidità permanente. E' quanto sottolinea il giudice del lavoro di Firenze, Vincenzo Nuvoli, nel motivare la sentenza con cui ha condannato l'Inail a corrispondere un indennizzo economico, per inabilità permanente del 16%, a un addetto alle vendite che per lavoro ha trascorso al cellulare molte ore al giorno dal 1994 al 2007 al punto da subire una patologia tumorale benigna (un neurinoma all'ottavo nervo cranico). Il giudice, anche appoggiandosi alle conclusioni di una consulenza medico-legale da lui incaricata, ritiene plausibile "la sussistenza del nesso causale tra l'uso del cellulare per motivi di lavoro e la patologia lamentata dal ricorrente". (ANSA).

21:07Sicurezza: Khezraji, Veneto fa tutto per rendersi antipatico

(ANSA) - TREVISO, 27 GIU - "Anziché cercare un'armonia con quanto accade nel resto d'Italia la Regione Veneto pare stia facendo sempre il possibile per distinguersi, spostando l'attenzione da questioni molto più serie come la Pedemontana o la disoccupazione giovanile". E' il commento di Abdallah Khezraji, storico portavoce delle comunità marocchine di Treviso e già vicepresidente della Consulta regionale per l'immigrazione, al nuovo regolamento in materia di sicurezza approvato dal Consiglio Regionale e che vieta, in particolare, di indossare burqa e niqab in uffici e sedi della sanità pubbliche. "Capisco che per convivere con l'arroganza del segretario della Lega, Matteo Salvini, il presidente veneto, Luca Zaia, abbia scarsi margini di autonomia di pensiero - riflette Khezraji - ma se il Veneto spesso appare una parte d'Italia 'antipatica' al resto del Paese, lo si deve anche a scelte di questo genere".

20:47Corea Nord attacca, ‘Trump è come Hitler’

(ANSA) - NEW YORK, 27 GIU - Donald Trump come Adolf Hitler, e la filosofia dell'America First "come il nazismo del ventunesimo secolo". A fare un paragone tra l'attuale amministrazione Usa e uno dei periodi più bui della storia - riporta il Wall Street Journal - è l'agenzia di stampa nordocoreana Korean Central. "La politica di Trump - afferma l'organo di informazione di Pyongyang - è la versione americana del nazismo per ferocia, brutalità e cultura sciovinista". Nelle ultime ore il presidente americano insieme al leader indiano Narendra Modi è tornato a sollecitare un intervento della comunità internazionale sulla Corea del Nord prima che possa dotarsi di un arma nucleare.

Archivio Ultima ora