Milano-Sanremo: Sagan contro tutti, favorito senza pressione

Pubblicato il 17 marzo 2017 da ansa

Peter Sagan
Ansa/Dario Belingheri

MILANO. – Ha i piedi ben piantati per terra Peter Sagan, ma punta sempre dritto al cielo quando parla di ciclismo. Il suo motto è “nessun uomo può volare se non su un aeroplano” ma, quando si alza sui pedali, nessun traguardo gli è precluso. Il suo palmares, d’altronde, parla per lui. Dopo avere centrato uno storico bis mondiale, il suo nuovo obiettivo è portare quella maglia arcobaleno che indossa con grande orgoglio in trionfo anche su via Roma.

Bella sfida. È infatti dal guizzo di Saronni nel 1983 che un campione iridato in carica non riesce a vincere la Milano-Sanremo e Sagan si augura che questa maledizione non possa raggiungere il quarto di secolo. “Non sento alcuna pressione – ammette il fuoriclasse slovacco, due volte campione del mondo su strada -. Io sono sempre tra i favoriti a vincere e quindi sono abituato. Sono molto felice di essere in un momento di forma così speciale, spero che possa durare a lungo a partire da domani”.

Il percorso è quello classico: dopo la scalata del Turchino, dei tre Capi (Mele, Cervo e Berta), della Cipressa, ecco a 9 chilometri dalla fine l’asperità del Poggio (3,7 chilometri, punte fino all’8%). Qui la corsa entra nel vivo, tra gli attacchi degli outsider (Ulissi, Alaphilippe, Boasson Hagen) e dei finisseur (Kwiatkowski, Van Avermaet, Wellens).

Sagan non svela le proprie carte, ma ammette che qualcosa potrà succedere: “Attaccherò anche io lì? Dipende dal vento. Negli ultimi anni è sempre stato contrario ed è praticamente impossibile arrivare al traguardo in quelle condizioni climatiche”.

Più sicuro forse arrivare in gruppo, con i velocisti fiaccati dalle ultime rampe, e sparare le ultime cartucce in volata. L’antagonista principale di Sagan sarà Fernando Gaviria: il colombiano lo ha già battuto in una tappa della Tirreno-Adriatico e un anno fa i due si eliminarono con una caduta a pochi metri dal traguardo. Un duello che rischia, però, di essere ad armi impari: Gaviria sarà regolarmente al via della Milano-Sanremo numero 108, nonostante una brutta botta al polso destro rimediata durante l’allenamento di ieri, ma ovviamente non potrà essere al meglio.

Ma la lista dei pretendenti alla Classicissima di Primavera è lunga perché, dopo 291 chilometri, l’acido lattico blocca i muscoli: c’è il campione in carica Demare, il vincitore 2015 Degenkolb, Matthews, Kristoff, Cavendish ed Ewan, tutti clienti pericolosi allo sprint.

E gli italiani? L’acuto manca dal 2006 con Pippo Pozzato. Le speranze azzurre si nascondono tra il campione olimpico dell’Omnium, Elia Viviani, e soprattutto nella vena di Sonny Colbrelli, apparso in palla alla Parigi-Nizza. A pochi passi dal Casinò, sarà come un giro di roulette.

(di Luca Guazzoni/ANSA)

Ultima ora

12:48Migranti: assessore Turismo, no accoglienza in comuni Unesco

(ANSA) - CATANIA, 18 AGO - Una delle "emergenze che danneggia le nostre eccellenze è l'immigrazione. Non sono razzista e sono per l' accoglienza, ma con alcuni limiti di buon senso. Uno di questi: non distribuire i profughi nei comuni turistici. Non si possono fare Sprar con decine di migranti a Taormina, a Bronte o nel patrimonio Unesco. I migranti vanno distribuiti altrove. Perciò chiedo ai nostri solerti prefetti di esentare dall'obbligo di accoglienza i sindaci dei comuni turistici siciliani". Lo afferma l'assessore regionale al Turismo, Anthony Barbagallo, in un'intervista a La Sicilia. "La deroga - aggiunge - riguarderebbe circa una cinquantina di Comuni: tutti quelli sedi di siti Unesco, più quelli a evidente vocazione turistica. Non è difficile, secondo me si può fare. Sin da subito". Tra le altre emergenze che danneggiano il turismo nell'Isola, l'assessore ha citato "i pesantissimi danni d' immagine" causati dai "rifiuti, per i quali, oltre ai controlli, urge una rivoluzione culturale" e "quest'anno dagli incendi".

12:36Barcellona: arbitri e Figc, 1′ raccoglimento a Coverciano

(ANSA) - COVERCIANO (FIRENZE), 18 AGO - Un minuto di raccoglimento per l'attentato di Barcellona è stato osservato nel Centro tecnico federale di Coverciano, dove si svolge il tradizionale incontro organizzato dall'AIA in vista dell'inizio della Serie A. Di fronte agli arbitri impegnati nell'ultimo raduno precampionato, intervengono il Presidente federale Carlo Tavecchio, il Presidente dell'Associazione arbitri Marcello Nicchi ed i rappresentanti delle Leghe e delle componenti tecniche, i responsabili di CAN A e CAN B.

12:28Uno bianca: Occhipinti in vacanza-premio in Valle d’Aosta

(ANSA) - PADOVA, 18 AGO - Marino Occhipinti, condannato all'ergastolo per uno degli omicidi dei fratelli Savi della Uno bianca e attualmente sottoposto al regime della semilibertà dal 2012, ha ottenuto dal Tribunale di sorveglianza di Padova, dove è detenuto, la possibilità di trascorrere una settimana in un albergo a quattro stelle a Breuil. Secondo quanto riporta il Gazzettino, Occhipinti sarebbe stato invitato nella località valdostana in relazione ad una iniziativa promossa da Comunione e Liberazione e dalla Cooperativa Giotto, alle cui dipendenze lavora ormai da oltre 15 anni. Occhipinti sarebbe ospite dell'albergo dove viene organizzato l'evento.

12:27Barcellona: Farnesina, 2 italiani morti e 3 feriti

(ANSA) - ROMA, 18 AGO - "Ci sono due italiani tra le vittime e tre feriti". Lo afferma il capo dell'Unità di Crisi della Farnesina Stefano Verrecchia.

12:27Barcellona: sindaco Legnano conferma, Gulotta è morto

(ANSA) - MILANO, 18 AGO - "Nessuna conferma ufficiale dalla Farnesina, ma è sicuro che il nostro concittadino è morto": lo ha detto il sindaco di Legnano, Giambattista Fratus, in una conferenza stampa convocata a Legnano sulla scomparsa a Barcellona di Bruno Gulotta. Il sindaco ha parlato di una giovane vita spezzata in modo "assurdo". Intanto emerge che Gulotta, sulle Ramblas, ha appena fatto in tempo a mettere in salvo i figli prima di essere ucciso. A raccontarlo è stato il titolare della società di Legnano in cui Gulotta lavorava, Pino Bruno. Bruno ha parlato con la moglie di Gulotta, Martina, 28 anni, che gli ha raccontato l'accaduto: "Stavano passeggiando sulle Ramblas con i due figli, Aria, di 7 mesi, nel passeggino, e Alessandro, di 6 anni, che il padre teneva per mano. Il van è arrivato all'improvviso. Tutti d'istinto si sono chinati, come a proteggersi". Gulotta si è messo davanti ai figli, ed è stato travolto. (ANSA).

12:27Barcellona: sindaco Legnano conferma, Gulotta è morto

(ANSA) - MILANO, 18 AGO - "Nessuna conferma ufficiale dalla Farnesina, ma è sicuro che il nostro concittadino è morto": lo ha detto il sindaco di Legnano, Giambattista Fratus, in una conferenza stampa convocata a Legnano sulla scomparsa a Barcellona di Bruno Gulotta. Il sindaco ha parlato di una giovane vita spezzata in modo "assurdo". Intanto emerge che Gulotta, sulle Ramblas, ha appena fatto in tempo a mettere in salvo i figli prima di essere ucciso. A raccontarlo è stato il titolare della società di Legnano in cui Gulotta lavorava, Pino Bruno. Bruno ha parlato con la moglie di Gulotta, Martina, 28 anni, che gli ha raccontato l'accaduto: "Stavano passeggiando sulle Ramblas con i due figli, Aria, di 7 mesi, nel passeggino, e Alessandro, di 6 anni, che il padre teneva per mano. Il van è arrivato all'improvviso. Tutti d'istinto si sono chinati, come a proteggersi". Gulotta si è messo davanti ai figli, ed è stato travolto. (ANSA).

12:23Barcellona: sindaco Legnano conferma, Gulotta è morto

(ANSA) - LEGNANO (MILANO), 18 AGO - "Nessuna conferma ufficiale dalla Farnesina, ma è sicuro che il nostro concittadino è morto": lo ha detto il sindaco di Legnano, Giambattista Fratus, in una conferenza stampa convocata a Legnano sulla scomparsa a Barcellona di Bruno Gulotta.

Archivio Ultima ora