Trump-Merkel, teso faccia a faccia. Gelo sui migranti

Pubblicato il 17 marzo 2017 da ansa


EPA/JIM LO SCALZO

WASHINGTON. – Niente baci o abbracci, solo sorrisi tirati, una stretta di mano apparentemente negata nello studio Ovale e imbarazzo anche quando Trump cerca di scherzare: stando al body language – ma non solo a quello – non è scattato per ora alcun feeling tra il presidente Usa e la cancelliera tedesca Angela Merkel nel loro primo faccia a faccia, alla Casa Bianca.

Il contrasto più evidente è stato in materia di immigrazione: “Un privilegio, non un diritto”, ha sottolineato il tycoon, che in passato aveva già definito “catastrofica” la politica di ospitalità della cancelliera verso i rifugiati. “Dobbiamo proteggere i nostri confini ma dobbiamo anche guardare ai rifugiati che fuggono dalle guerre e dalla povertà”, gli ha replicato la Merkel, che precedentemente aveva criticato il suo primo bando anti musulmani.

E quando il tycoon ha chiuso la conferenza stampa congiunta con una battuta sostenendo che “forse” lui e la Merkel hanno anche “qualcosa in comune”, ossia essere stati intercettati da Obama, è sceso il gelo e la cancelliera è rimasta impassibile.

Tanto più che l’atmosfera era surreale, con Trump che aveva appena suggerito di chiedere lumi alla Fox sulla notizia che la tv aveva diffuso, secondo cui ci sarebbero i servizi segreti britannici dietro alle presunte intercettazioni della Trump Tower ordinate da Obama. Una notizia che il suo portavoce Sean Spicer aveva rilanciato e di cui non si è detto pentito, anche se i media inglesi hanno svelato le scuse della Casa Bianca.

Per il resto piccole concessioni reciproche, ma ognuno di fatto resta sulle sue posizioni. Trump che nega di essere un isolazionista (“fake news”) affermando però la necessità di rettificare certi squilibri, la Merkel che riconosce l’esigenza di un “commercio più equo” ma senza negare la globalizzazione, semmai correggendola.

Il presidente Usa che ribadisce il suo “forte supporto” alla Nato ma pretende che gli alleati paghino il loro giusto contributo, la cancelliera che annuisce e si fa garante dell’impegno di tutti i partner a lavorare per incrementare il loro contributo alla difesa comune. Il magnate ha riconosciuto gli sforzi della Germania e della Francia “per risolvere il conflitto in Ucraina, dove idealmente cerchiamo una soluzione pacifica”. E la Merkel ha raccolto subito: “Le relazioni con la Russia devono migliorare, ma prima deve essere risolta la crisi ucraina”.

Era difficile che tra due leader così diversi, per stile, idee e valori, scoppiasse subito una luna di miele, nonostante le mezze origini tedesche del presidente. Ma l’incontro, caricato forse di troppe aspettative, quasi dovesse dare il ‘la’ alle future relazioni con l’Europa, è servito comunque a rompere il ghiaccio.

“E’ meglio parlarsi l’uno con l’altro piuttosto che parlare l’uno dell’altro”, ha ribadito in conferenza stampa la cancelliera, confermando il suo approccio pragmatico. I due leader hanno discusso a 360 gradi: Russia, Ucraina, Siria, Medio Oriente, Corea del Nord, Isis. Ma tra i dossier che più stavano a cuore alla Merkel c’era quello commerciale, per il timore della ventilata tassa Usa del 35% sulle importazioni che metterebbe in ginocchio l’export tedesco, per il quale gli Stati Uniti sono il primo mercato.

Berlino ha usato il bastone e la carota. La ministra dell’Economia Brigitte Zypries ha minacciato poco prima della visita della cancelliera un ricorso al Wto, in base al quale i dazi sulle auto non possono superare il 2,5%. La Merkel invece è volata a Washington per far vedere gli aspetti positivi dei legami con la Germania, che in Usa garantisce 750 mila posti di lavoro, oltre a 1-2 milioni di posti legati al made in Germany, nonché 271 miliardi di euro di investimenti diretti tedeschi (dieci volte quelli americani in Germania).

Ma gli Usa restano preoccupati per il deficit commerciale di 65 miliardi di dollari con la Germania, che Peter Navarro, consigliere commerciale della Casa Bianca, vorrebbe ridurre eludendo i vincoli europei. E sono convinti che Berlino sfrutti l’euro debole per rafforzare il suo export.

Sono questi i nodi che Trump e Merkel hanno tentato di sciogliere, sullo sfondo di un G20 finanziario che sembra orientato ad un compromesso sul futuro del commercio e dove il segretario al Tesoro Usa Steven Mnuchin, secondo alcune fonti, ha fatto un “intervento costruttivo”, “conciliante”, senza parlare di ‘border tax’.

(di Claudio Salvalaggio/ANSA)

Ultima ora

06:06Venezuela, altri due giovani uccisi nelle proteste

(ANSA) - CARACAS, 25 MAG - Altri due giovani venezuelani sono morti durante proteste antigovernative, uno a Maracaibo e l'altro a Ciudad Bolivar, ambedue raggiunti da spari di arma da fuoco. A Ciudad Bolivar, capitale dello stato di Bolivar, nel sudest del Venezuela, il deputato oppositore José Manuel Olivares ha informato dell'uccisione di Augusto Pugas, 22 anni, studente di infermeria, raggiunto da uno sparo alla testa. La stampa ha informato inoltre dell'uccisione di Adrian José Duque Bravo, 24 anni, colpito da uno sparo di arma da fuoco al ventre mentre partecipava a una manifestazione nella zona di Torres del Saladillo a Maracaibo, la seconda città più importante del Venezuela e capitale dello stato Zulia, nel nordest del Paese. Con questi ultimi due morti, sale a 63 il numero di vittime nelle proteste antigovernative che si susseguono in Venezuela da inizio aprile.

03:46Usa, sondaggio: Trump crolla al 40%

(ANSA) - WASHINGTON, 25 MAG - La bufera del Russiagate fa crollare Trump nell'ultimo sondaggio di Fox news (21-23 maggio): il 40% del campione approva il lavoro del presidente Usa, mentre il 53% lo boccia. Un mese fa il rapporto era 45% a 48%. Il 44% inoltre ritiene che gli hackeraggi russi abbiano aiutato il tycoon ad arrivare alla Casa Bianca. Il 68% approva la nomina di un procuratore speciale per indagare sulle interferenze di Mosca nelle elezioni (29% e' contro) e il 43% pensa che scoprirà un coordinamento della campagna di Trump con la Russia. Il 60% inoltre e' convinto che Trump abbia licenziato il capo dell'Fbi James Comey perche' l'indagine sul Russiagate stava danneggiando la presidenza (il 29% non lo pensa). Come se non bastasse, il 57% ritiene che la condivisione di informazioni segrete con i russi nello studio ovale sia frutto di cattivo giudizio.

03:42Manchester, settimo arresto in Inghilterra

(ANSA) - LONDRA, 25 MAG - La polizia britannica ha arrestato una settima persona in connessione all'attentato di Manchester. Un uomo è stato fermato ieri dopo che le forze dell'ordine hanno effettuato ricerche nella città inglese di Nuneaton, circa 160 chilometri a sud di Manchester. Si tratta del primo arresto in Inghilterra a svolgersi al di fuori di Manchester dal giorno dell'attentato. Sono quindi ora in tutto sei uomini e una donna le persone arrestate nel Regno Unito nell'ambito delle indagini sull'attacco suicida che lunedì ha ucciso 22 persone al concerto della pop star Ariana Grande all'Arena.

02:07Due ragazzi trovati morti in una cava dismessa

(ANSA) - LA SPEZIA, 25 MAG - Due ragazzi albanesi poco più che maggiorenni sono stati trovati morti questa notte in una cava dismessa in località Acquasanta nel comune della Spezia. Secondo i primi accertamenti del medico legale, la morte risalirebbe ad almeno tre giorni fa. Sui copri non sono state trovate ferite da arma da taglio o da fuoco. I due sarebbero precipitati in modo accidentale dalla soprastante strada litoranea che porta alle Cinque terre, dopo un volo di 40 metri. Uno dei due giovani aveva 19 anni, si chiamava Fabiol Kycyku. Su di lui c'era una denuncia di scomparsa. I familiari, che vivono alla Spezia, non avevano sue notizie da domenica scorsa. Sul caso sta indagando la Polizia.

00:31Calcio: Mourinho, completata l’opera di Ferguson

(ANSA) - ROMA, 24 MAG - "È una soddisfazione tipo Inter-Bayern, quando senti dal primo minuto di averla in tasca. Abbiamo iniziato benissimo, ho avuto subito la sensazione di pieno controllo della partita, che stavamo giocando come volevamo; sono stato sempre tranquillo, la squadra ha giocato bene, con tanta intelligenza tattica. Credo che tutti abbiano avuto da subito la sensazione che la coppa era nostra". José Mourinho esulta, intervistato da Sky Sport dopo la vittoria dell'Europa League nella finale di Stoccolma contro l'Ajax. "Mi fa certamente piacere vincere tre competizioni nella stessa stagione - continua il tecnico - Non è un grande triplete, ma è importante per un club come il nostro che in questo momento non è ancora in grado di pensare a quel livello. Con Ferguson scherzavamo dicendo che io ho fatto un piccolo lavoro per lui: Sir Alex ha vinto quasi tutte le coppe, io ho vinto questa che mancava".

00:29Calcio: Pogba, ora nessuno può più criticarci

(ANSA) - ROMA, 24 MAG - "Volevamo vincere questa coppa, siamo arrivati fino a qui e siamo molto orgogliosi: ora nessuno può più parlare. Forse non è stata una stagione positiva al 100%, ma abbiamo raggiunto questo risultato e non abbiamo rimpianti". È un Paul Pogba che non trattiene la voglia di zittire le critiche, a lui e al Manchester United, quello che solleva il trofeo dell'Europa League al termine della finale di Stoccolma contro l'Ajax. "Abbiamo iniziato bene e segnato presto - continua l'ex bianconero - Poi abbiamo retto bene, anche soffrendo un po', e segnato il secondo gol. La Juventus? Sono contento se vincerà la Champions e mi farà piacere sfidarla per la Supercoppa". Più contenuta la gioia di Zlatan Ibrahimovic, fuori per infortunio. "Certamente mi dispiace non aver giocato - ammette a Sky Sport - D'altronde, ora abbiamo vinto ed è quel che conta. Ogni trofeo è collettivo e quest'anno ne abbiamo vinti tre. Il mio futuro? Lavoro e vado avanti, torno fra qualche settimana. Dove? Vediamo, bella domanda...".

00:14Brasile:Temer mobilita militari contro proteste Brasilia

(ANSA) - RIO DE JANEIRO, 24 MAG - Il presidente del Brasile, Michel Temer, ha mobilitato le forze armate per difendere la sede della presidenza della Repubblica e dei ministeri a Brasilia contro le violenti proteste anti-governative scoppiate oggi nella capitale federale. La decisione del capo di Stato - formalizzata da un apposito decreto e comunicata dal ministro della Difesa, Raul Jungmann - è stata criticata tanto dalla maggioranza quanto dall' opposizione. "Spero che la notizia non sia vera", ha commentato il giudice della Corte suprema, Marco Aurelio.

Archivio Ultima ora