Trump-Merkel, teso faccia a faccia. Gelo sui migranti

Pubblicato il 17 marzo 2017 da ansa


EPA/JIM LO SCALZO

WASHINGTON. – Niente baci o abbracci, solo sorrisi tirati, una stretta di mano apparentemente negata nello studio Ovale e imbarazzo anche quando Trump cerca di scherzare: stando al body language – ma non solo a quello – non è scattato per ora alcun feeling tra il presidente Usa e la cancelliera tedesca Angela Merkel nel loro primo faccia a faccia, alla Casa Bianca.

Il contrasto più evidente è stato in materia di immigrazione: “Un privilegio, non un diritto”, ha sottolineato il tycoon, che in passato aveva già definito “catastrofica” la politica di ospitalità della cancelliera verso i rifugiati. “Dobbiamo proteggere i nostri confini ma dobbiamo anche guardare ai rifugiati che fuggono dalle guerre e dalla povertà”, gli ha replicato la Merkel, che precedentemente aveva criticato il suo primo bando anti musulmani.

E quando il tycoon ha chiuso la conferenza stampa congiunta con una battuta sostenendo che “forse” lui e la Merkel hanno anche “qualcosa in comune”, ossia essere stati intercettati da Obama, è sceso il gelo e la cancelliera è rimasta impassibile.

Tanto più che l’atmosfera era surreale, con Trump che aveva appena suggerito di chiedere lumi alla Fox sulla notizia che la tv aveva diffuso, secondo cui ci sarebbero i servizi segreti britannici dietro alle presunte intercettazioni della Trump Tower ordinate da Obama. Una notizia che il suo portavoce Sean Spicer aveva rilanciato e di cui non si è detto pentito, anche se i media inglesi hanno svelato le scuse della Casa Bianca.

Per il resto piccole concessioni reciproche, ma ognuno di fatto resta sulle sue posizioni. Trump che nega di essere un isolazionista (“fake news”) affermando però la necessità di rettificare certi squilibri, la Merkel che riconosce l’esigenza di un “commercio più equo” ma senza negare la globalizzazione, semmai correggendola.

Il presidente Usa che ribadisce il suo “forte supporto” alla Nato ma pretende che gli alleati paghino il loro giusto contributo, la cancelliera che annuisce e si fa garante dell’impegno di tutti i partner a lavorare per incrementare il loro contributo alla difesa comune. Il magnate ha riconosciuto gli sforzi della Germania e della Francia “per risolvere il conflitto in Ucraina, dove idealmente cerchiamo una soluzione pacifica”. E la Merkel ha raccolto subito: “Le relazioni con la Russia devono migliorare, ma prima deve essere risolta la crisi ucraina”.

Era difficile che tra due leader così diversi, per stile, idee e valori, scoppiasse subito una luna di miele, nonostante le mezze origini tedesche del presidente. Ma l’incontro, caricato forse di troppe aspettative, quasi dovesse dare il ‘la’ alle future relazioni con l’Europa, è servito comunque a rompere il ghiaccio.

“E’ meglio parlarsi l’uno con l’altro piuttosto che parlare l’uno dell’altro”, ha ribadito in conferenza stampa la cancelliera, confermando il suo approccio pragmatico. I due leader hanno discusso a 360 gradi: Russia, Ucraina, Siria, Medio Oriente, Corea del Nord, Isis. Ma tra i dossier che più stavano a cuore alla Merkel c’era quello commerciale, per il timore della ventilata tassa Usa del 35% sulle importazioni che metterebbe in ginocchio l’export tedesco, per il quale gli Stati Uniti sono il primo mercato.

Berlino ha usato il bastone e la carota. La ministra dell’Economia Brigitte Zypries ha minacciato poco prima della visita della cancelliera un ricorso al Wto, in base al quale i dazi sulle auto non possono superare il 2,5%. La Merkel invece è volata a Washington per far vedere gli aspetti positivi dei legami con la Germania, che in Usa garantisce 750 mila posti di lavoro, oltre a 1-2 milioni di posti legati al made in Germany, nonché 271 miliardi di euro di investimenti diretti tedeschi (dieci volte quelli americani in Germania).

Ma gli Usa restano preoccupati per il deficit commerciale di 65 miliardi di dollari con la Germania, che Peter Navarro, consigliere commerciale della Casa Bianca, vorrebbe ridurre eludendo i vincoli europei. E sono convinti che Berlino sfrutti l’euro debole per rafforzare il suo export.

Sono questi i nodi che Trump e Merkel hanno tentato di sciogliere, sullo sfondo di un G20 finanziario che sembra orientato ad un compromesso sul futuro del commercio e dove il segretario al Tesoro Usa Steven Mnuchin, secondo alcune fonti, ha fatto un “intervento costruttivo”, “conciliante”, senza parlare di ‘border tax’.

(di Claudio Salvalaggio/ANSA)

Ultima ora

11:07Terremoto: in arrivo a Norcia altre 63 casette per Pasqua

(ANSA) - NORCIA (PERUGIA), 30 MAR - "Le 63 nuove casette contiamo di consegnarle nei giorni della Pasqua": lo annuncia il sindaco di Norcia, Nicola Alemanno: cinque mesi dopo la grande scossa del 30 ottobre scorso, "si sta lavorando - dice - come il primo giorno dopo il terremoto. Le questioni da affrontare quotidianamente sono un'infinità e occorre dare risposte puntuali, a cominciare da quelle per l'emergenza abitativa". I lavori di urbanizzazione per consegnare il nuovo villaggio, realizzato a ridosso della zona industriale, procedono spediti, con i moduli abitativi già tutti installati. Finora sul territorio di Norcia sono state consegnate 38 casette di legno e acciaio: 20 in città, in via XX Settembre, e 18 nella frazione di San Pellegrino. I container collettivi installati a Norcia sono cinque, ognuno può ospitare 48 persone. "Le casette sono calde e accoglienti, dopo mesi trascorsi al freddo, adesso finalmente abbiamo una casa senza aver paura che crolli, anche se il mio obiettivo è quello di sistemare di nuovo il mio appartamento e tornarci a vivere il prima possibile", racconta Isabella Alemanno dal portico della sua casetta di Norcia. Sempre sul fronte edilizia, domani a Norcia sarà inaugurata la nuova scuola elementare, grazie al progetto della Fondazione Francesca Rava Nph Italia Onlus e finanziato da una raccolta fondi di Coop Centro Italia e Unicoop Firenze. (ANSA).

11:06Sigarette dall’Est in Italia in bobine carta e blocchi gesso

(ANSA) - NAPOLI, 30 MAR - Sigarette di contrabbando dall'Est europeo che a bordo di tir, nascoste in finte bobine di carta da imballaggio e in blocchi di gesso per uso edile, giungevano nel Nord Italia: la Guardia di Finanza di Napoli ha sequestrato 10 tonnellate di tabacchi illeciti e arrestato 3 persone (una romena e due italiane) nell'ambito di un'operazione anti contrabbando eseguita nell'area bolognese e in provincia di Parma. Le sigarette - con i marchi Regina, D&B e Diana - del valore di oltre 2 milioni di euro, sono state scoperte in 2 depositi. Lì venivano stoccate - lontano dalla piazza partenopea su cui si sta concentrando l'attenzione delle forze dell'ordine - e poi trasferite, in piccole quantità, nel Napoletano. La vendita delle "bionde" avrebbe provocato un danno all'Erario stimato in oltre 1,5 milioni di euro. Con questo blitz le fiamme gialle hanno bloccato una nuova rotta di approvvigionamento di sigarette di contrabbando. (ANSA).

11:04Processo rating: pm Trani in aula con cravatta tricolore

(ANSA) - TRANI, 30 MAR - Indossa una cravatta con il tricolore italiano il pm del Tribunale di Trani Michele Ruggiero in occasione delle sentenze, previste per oggi, ai processi per manipolazione del mercato a carico di analisti delle agenzie di rating Standard & Poor's e Fitch. In aula sono presenti alcuni cittadini che esibiscono una bandiera italiana.

10:58Camorra: sequestro beni da 10 milioni a boss Luigi Moccia

(ANSA) - NAPOLI, 30 MAR - Gli agenti della Questura di Napoli stanno dando esecuzione al decreto di sequestro beni, ai sensi della normativa antimafia, emesso dal Tribunale di Napoli - Sezione Misure di Prevenzione - nei confronti di Luigi Moccia 60enne napoletano, elemento apicale dell'omonimo clan, attivo nella zona territoriale della provincia di Napoli. Il valore dei beni sequestrati è di 10 milioni di euro. I dettagli dell'operazione saranno resi noti alle 11,30, nel corso di una conferenza stampa che si terrà nella Sala Ammaturo della Questura partenopea. (ANSA).

10:39Bulli fanno ballare nudo in strada compagno scuola

(ANSA) - RAGUSA, 30 MAR - Costringono un compagno di scuola a ballare e a denudarsi davanti ad una adolescente in attesa del pullman che lo riportasse a casa. Non contenti registrano la 'perfomance' e la postano su un social. Uno studente di un istituto superiore di Ragusa è stato vittima di bullismo da parte di alcuni suoi compagni d'istituto. Stanco di subire, ha raccontato tutto ad un docente che ha informato il dirigente scolastico che a sua volta ha allertato gli agenti della Squadra Mobile di Ragusa. Ascoltato il ragazzo, alla presenza del padre e di psicologi, i poliziotti poi hanno interrogato i 'bulli' che si sono contraddetti ma messi alle strette hanno confessato e alla fine sono pure scoppiati a piangere. I poliziotti hanno ottenuto che chiedessero scusa al loro compagno per confermare il loro pentimento. (ANSA).

10:37Corea Sud: ex presidente Park ad udienza su mandato arresto

(ANSA) - PECHINO, 30 MAR - L'ex presidente della Repubblica sudcoreana Park Geun-hye è giunta alla sede della Corte centrale distrettuale di Seul, che dovrà decidere se concedere il mandato d'arresto richiesto dalla procura che indaga sullo scandalo di corruzione che coinvolge anche la sua confidente Choi Soon-sil. Rimossa dalla carica il 10 marzo dalla Corte costituzionale con la convalida dell'impeachment parlamentare, Park è accusata di aver agito d'intento con la 'sciamana' Choi per estorcere donazioni alle società sudcoreane, tra cui il gruppo Samsung che avrebbe versato o promesso 39 milioni di dollari in gran parte a due fondazioni riconducibili alla sua confidente. La procura addebita all'ex presidente 13 capi d'accusa. La richiesta di arresto include anche il timore di inquinamento delle prove: se accolta (il responso sarà noto in nottata o domani mattina), Park sarà condotta nel carcere a sud di Seul che ospita i primari protagonisti della vicenda, Choi e l'erede e il leader de facto di Samsung, Lee Jae-yong.

10:35Basket: Nba, Belinelli verso playoff, Oklahoma piega Orlando

(ANSA) - ROMA, 30 MAR - Grande spettacolo nella notte Nba, dove domina ancora una volta Russell Westbrook con l'ennesima tripla doppia (record di 57 punti, con 13 rimbalzi e 11 assist), la 38ma della stagione, trascinando i Thunder alla vittoria contro Orlando Magic per 114-106 dopo un tempo supplementare. Si è conclusa con la vittoria dei Golden State Warriors la sfida al vertice della Western Conference con i San Antonio Spurs. La capolista vince 110-98 e consolida il proprio primato. Nella Eastern Conference tornano in vetta alla classifica i Cleveland Cavaliers, che hanno occupato quel ruolo per tutta la stagione, salvo perderlo nelle ultime settimane dopo una serie di battute d'arresto inattese. Stanotte i Cavs hanno approfittato dello stop casalingo dei Boston Celtics (110-103 a opera di Milwaukee) che li aveva sorpassati, e si sono ripresi il primato. In chiave italiana, vittoria degli Hornets di Marco Bellinelli (21 punti) in casa dei Raptors per 110-106, e strada ancora aperta per i playoff. (ANSA).

Archivio Ultima ora