Gentiloni prepara il vertice di Roma: “Più Ue contro i populismi”

Pubblicato il 17 marzo 2017 da ansa

Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella durante la colazione offerta ai Presidenti dei Parlamenti dell’Unione Europea in occasione del 60° anniversario della firma dei Trattati di Roma.

ROMA. – Più Europa contro i populismi. Più integrazione, ma senza che questo comporti divisioni, per dimostrare che l’Ue, di fronte alle sfide delle diseguaglianze, dei flussi migratori, della sicurezza comune, non resta “in surplace”. E’ una voce unica quella che, in occasione della conferenza dei Presidenti dei Parlamenti Ue, si leva dall’Italia che si prepara al vertice del 25 marzo.

Una voce critica ma che, allo stesso tempo, ribadisce tuttavia l’ineluttabilità del ruolo dell’Ue nel mondo: “questo è il momento di difendere i nostri valori per evitare di dover rimpiangerli”, è il monito che arriva dal premier Paolo Gentiloni. Il presidente del Consiglio chiude una giornata tutta all’insegna dell’Europa: prima alla Camera e poi al Senato arrivano i presidenti dei Parlamenti nazionali dei Paesi membri. Con loro anche i vertici delle istituzioni europee: dal presidente del Consiglio Ue Donald Tusk, al presidente dell’Europarlamento Antonio Tajani fino al vice presidente della Commissione europea Frans Timmermans.

E’, di fatto, la giornata che apre le celebrazioni del 60/anniversario dei Trattati. Una giornata che prevede anche una colazione al Quirinale dove il presidente della Repubblica Sergio Mattarella sceglie di intervenire con un breve ma serrato discorso. “L’Europa non può rinunziare al suo ruolo nel mondo facendosi più piccola”, è il messaggio che arriva da Mattarella. E il capo dello Stato, se da un lato non nasconde “i limiti” di una costruzione europea “largamente migliorabile”, dall’altro sottolinea: “le critiche” all’Europa, “a volte sono ingenerose e infondate”.

Nel frattempo, da Bruxelles, arriva la notizia di un compromesso vicino sul punto più spigoloso del documento di Roma, quello delle “due velocità”. E Gentiloni, non a caso, sottolinea come l’Italia “non accetterà che si scelga una divisione tra Europa di serie A o di serie B”. Più semplicemente, ribadisce, “non vogliamo che la velocità di quest’Europa sia stabilita dai Paesi più riluttanti in questo percorso”.

Del resto, osserva Gentiloni, la possibilità di una cooperazione rafforzata è già prevista nel Trattato di Lisbona. Eppure, nonostante la necessità di un compromesso, da Roma arriva forte la spinta perché il vertice del 25 marzo dia delle risposte. “Non siamo indulgenti verso la riscoperta identitaria, i nazionalismi e la riscoperta delle ostilità tra Paesi”, scandisce Gentiloni mentre, in mattinata, è la presidente della Camera Laura Boldrini a utilizzare parole parimenti nette:

“E’ paradossale prospettare la disgregazione dell’Unione e il ritorno ad assetti istituzionali ottocenteschi! Occorre reagire, ponendo al centro il rinnovamento della nostra casa comune, ‘Europe first'”, è il messaggio che Boldrini consegna ai suoi omologhi europei.

“Alzare muri fisici, ideologici, morali è la negazione della nostra storia e non paga”, incalza il presidente del Senato Pietro Grasso auspicando la ricostruzione di un” clima di serenità e fiducia tra i governi dei Paesi membri”. Parole che arrivano all’indomani di un voto, quello olandese, celebrato da più voci a Roma.

Ma con un’ombra: quella dei populismi che avanzano in Francia e Germania, due ‘big’ dell’Ue dove, a breve si andrà alle urne. Tanto che l’ex presidente Giorgio Napolitano richiama la necessità di una chiarezza su punti chiave come “l’integrazione più stretta contro il pericolo dei nuovi nazionalismi, che fanno tutt’uno con la demagogia fuorviante e nullista dei movimenti e partiti populisti”.

Mentre un altro ‘grande ex’, Romano Prodi, nell’Aula Montecitorio rivolge all’Ue quasi un’ultima chiamata: “siamo entrati in un periodo di stanchezza, il senso comunitario si è affievolito. Abbiamo bisogno di altre umiliazioni, di essere emarginati ancor di più per poter reagire?”.

(di Michele Esposito/ANSA)

Ultima ora

13:17Bimbo di 26 mesi muore schiacciato da tv in Salento

(ANSA) - LEVERANO (LECCE), 20 OTT - Un bambino di 26 mesi é morto schiacciato dal televisore che gli è caduto addosso mentre tentava di accenderlo. La tragedia é avvenuta nell'abitazione della famiglia della vittima a Leverano, in Salento. Il piccolo, figlio unico, era in casa con la madre. Approfittando di un momento di disattenzione della donna, il piccolo si é diretto nel soggiorno, è salito sul carrello sul quale era posizionata la tv, un vecchio modello col tubo catodico e, nel tentativo di accenderla, l'ha fatta cadere. L'apparecchio l'ha schiacciato. Vano il disperato tentativo dei sanitari del 118 di rianimarlo. La mamma è sotto choc. Sul posto sono al lavoro i carabinieri della scientifica.

13:16Rogo nel forlivese scatenato da petardi, tre denunciati

(ANSA) - MODIGLIANA (FORLÌ-CESENA), 20 OTT - Due cacciatori di 47anni e il figlio 17enne di uno di loro sono stati denunciati dai carabinieri per incendio colposo. Il tutto ha preso il via nel tardo pomeriggio di ieri col divampare di un violento incendio in un podere di Modigliana, sull'Appennino forlivese. Sono stati distrutti oltre quattro ettari di macchia mediterranea e solo il faticoso lavoro dei vigili del fuoco ha impedito che il rogo raggiungesse un'abitazione. L'incendio, hanno verificato i militari intervenuti, è stato provocato dallo scoppio di alcuni petardi, e tre persone erano state viste allontanarsi velocemente a bordo di due auto subito dopo il divampare delle fiamme. I tre sono stati ben presto identificati e raggiunti nelle loro abitazioni. Si tratta di due cacciatori del posto e del minorenne. Secondo quanto emerso il 17enne avrebbe fatto scoppiare i petardi con l'intenzione di indirizzare i volatili impauriti verso i fucili del padre e dell'amico. (ANSA).

13:0713enne giù da finestra scuola a Roma, è morto

(ANSA) - ROMA, 20 OTT - Un ragazzino di 13 anni è morto dopo essere precipitato da una finestra della scuola Santa Maria, di via Tasso, nel centro di Roma. Secondo quanto si è appreso, il ragazzino, è stato soccorso in gravissime condizioni dal 118 ed è deceduto poco dopo. Ancora da chiarire le circostanze della caduta del ragazzo.

12:59L. Elettorale: 179 emendamenti in Commissione al Senato

(ANSA) - ROMA, 20 OTT - Sono solo 179 gli emendamenti al Rosatellum 2.0 presentati in Commissione Affari costituzionali del Senato. Lo riferisce il presidente della Commissione e relatore Salvatore Torrisi, contattato al telefono. "Ci sono emendamenti di M5s, di Mdp, del Misto, di Gal e Qualcuno anche da parte di deputati del Pd e della Lega. Lunedì alle 16 iniziamo e proseguiamo ad oltranza", ha concluso.

12:58Bankitalia: Cav, sinistra vuole posti, no asse con Renzi

(ANSA) - ROMA, 20 OTT - "Sul caso Bankitalia la mia posizione è stata di massima trasparenza e chiarezza: ho denunciato l'antico vizio della sinistra per l'occupazione dei posti e ribadito, allo stesso tempo, che è comprensibile la volontà di controllo su quello che è successo in questi anni. Tutto questo ho detto anche per invocare il rispetto delle regole, che qualcuno ha disinvoltamente dimenticato o addirittura violato. Nessun "asse con Renzi", come qualche giornale ha maliziosamente insinuato". Lo afferma il leader di FI Silvio Berlusconi.

12:52Solo e in pigiama, a 3 anni di notte in piazza Maggiore

(ANSA) - BOLOGNA, 20 OTT - Nel centro di Bologna non si perde neanche un bambino, cantava Lucio Dalla. Invece ben prima dell'alba di mercoledì un bimbo di tre anni, solo, scalzo e in pigiama, è stato soccorso dai carabinieri in piazza Maggiore. Verso le 4.30 la centrale operativa del 112 è stata informata della presenza del piccolo, che stava vagando per la piazza. Una pattuglia della stazione Bologna è intervenuta e i militari sono risaliti ai genitori del bimbo, una coppia d'italiani residenti in zona. La madre era assente per motivi di lavoro, il padre e la domestica stavano dormendo e non si erano accorti che era uscito di casa.(ANSA).

12:51Uomo accoltellato e ucciso durante lite a Roma, un arresto

(ANSA) - ROMA, 20 OTT - Un uomo è stato accoltellato e ucciso stamattina alla periferia di Roma. La vittima è un 50enne che è stato raggiunto da più coltellate durante una lite. Sul posto i carabinieri del Nucleo radiomobile di Roma che hanno bloccato il responsabile, un 32enne. Non si esclude che possa avere problemi psichici. Ancora da chiarire i motivi della lite.

Archivio Ultima ora