Gentiloni prepara il vertice di Roma: “Più Ue contro i populismi”

Pubblicato il 17 marzo 2017 da ansa

Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella durante la colazione offerta ai Presidenti dei Parlamenti dell’Unione Europea in occasione del 60° anniversario della firma dei Trattati di Roma.

ROMA. – Più Europa contro i populismi. Più integrazione, ma senza che questo comporti divisioni, per dimostrare che l’Ue, di fronte alle sfide delle diseguaglianze, dei flussi migratori, della sicurezza comune, non resta “in surplace”. E’ una voce unica quella che, in occasione della conferenza dei Presidenti dei Parlamenti Ue, si leva dall’Italia che si prepara al vertice del 25 marzo.

Una voce critica ma che, allo stesso tempo, ribadisce tuttavia l’ineluttabilità del ruolo dell’Ue nel mondo: “questo è il momento di difendere i nostri valori per evitare di dover rimpiangerli”, è il monito che arriva dal premier Paolo Gentiloni. Il presidente del Consiglio chiude una giornata tutta all’insegna dell’Europa: prima alla Camera e poi al Senato arrivano i presidenti dei Parlamenti nazionali dei Paesi membri. Con loro anche i vertici delle istituzioni europee: dal presidente del Consiglio Ue Donald Tusk, al presidente dell’Europarlamento Antonio Tajani fino al vice presidente della Commissione europea Frans Timmermans.

E’, di fatto, la giornata che apre le celebrazioni del 60/anniversario dei Trattati. Una giornata che prevede anche una colazione al Quirinale dove il presidente della Repubblica Sergio Mattarella sceglie di intervenire con un breve ma serrato discorso. “L’Europa non può rinunziare al suo ruolo nel mondo facendosi più piccola”, è il messaggio che arriva da Mattarella. E il capo dello Stato, se da un lato non nasconde “i limiti” di una costruzione europea “largamente migliorabile”, dall’altro sottolinea: “le critiche” all’Europa, “a volte sono ingenerose e infondate”.

Nel frattempo, da Bruxelles, arriva la notizia di un compromesso vicino sul punto più spigoloso del documento di Roma, quello delle “due velocità”. E Gentiloni, non a caso, sottolinea come l’Italia “non accetterà che si scelga una divisione tra Europa di serie A o di serie B”. Più semplicemente, ribadisce, “non vogliamo che la velocità di quest’Europa sia stabilita dai Paesi più riluttanti in questo percorso”.

Del resto, osserva Gentiloni, la possibilità di una cooperazione rafforzata è già prevista nel Trattato di Lisbona. Eppure, nonostante la necessità di un compromesso, da Roma arriva forte la spinta perché il vertice del 25 marzo dia delle risposte. “Non siamo indulgenti verso la riscoperta identitaria, i nazionalismi e la riscoperta delle ostilità tra Paesi”, scandisce Gentiloni mentre, in mattinata, è la presidente della Camera Laura Boldrini a utilizzare parole parimenti nette:

“E’ paradossale prospettare la disgregazione dell’Unione e il ritorno ad assetti istituzionali ottocenteschi! Occorre reagire, ponendo al centro il rinnovamento della nostra casa comune, ‘Europe first'”, è il messaggio che Boldrini consegna ai suoi omologhi europei.

“Alzare muri fisici, ideologici, morali è la negazione della nostra storia e non paga”, incalza il presidente del Senato Pietro Grasso auspicando la ricostruzione di un” clima di serenità e fiducia tra i governi dei Paesi membri”. Parole che arrivano all’indomani di un voto, quello olandese, celebrato da più voci a Roma.

Ma con un’ombra: quella dei populismi che avanzano in Francia e Germania, due ‘big’ dell’Ue dove, a breve si andrà alle urne. Tanto che l’ex presidente Giorgio Napolitano richiama la necessità di una chiarezza su punti chiave come “l’integrazione più stretta contro il pericolo dei nuovi nazionalismi, che fanno tutt’uno con la demagogia fuorviante e nullista dei movimenti e partiti populisti”.

Mentre un altro ‘grande ex’, Romano Prodi, nell’Aula Montecitorio rivolge all’Ue quasi un’ultima chiamata: “siamo entrati in un periodo di stanchezza, il senso comunitario si è affievolito. Abbiamo bisogno di altre umiliazioni, di essere emarginati ancor di più per poter reagire?”.

(di Michele Esposito/ANSA)

Ultima ora

05:09Terremoto Ischia: estratto vivo bimbo sette mesi

(ANSA) - ISCHIA (NAPOLI), 22 AGO - E' stato estratto vivo il neonato di sette mesi rimasto intrappolato sotto le macerie di una casa crollata a Casamicciola, ad Ischia, in seguito al terremoto. Lunghissimo applauso dei soccorritori che dicono 'sta benissimo'. La mamma è corsa sulle macerie per andargli incontro. Ora si scava per estrarre i suoi fratellini.

04:06Terremoto Ischia: ultimo bilancio, due donne le vittime

(ANSA) - ISCHIA (NAPOLI), 22 AGO - Al momento sale a due morti, quattro persone tratte in salvo e tre bimbi ancora sotto le macerie il bilancio del terremoto che ieri sera ha colpito il comune di Casamicciola, sull'isola di Ischia. Poco dopo mezzanotte un uomo ed una donna sono stati estratti vivi dalle macerie, poi è stata salvata un'anziana risultata ferita. Poco fa, tratto in salvo anche il papà dei bimbi che sono ancora sotto le macerie.

01:33Barcellona: a Ciampino bare italiani avvolte da tricolore

(ANSA) - CIAMPINO, 22 AGO - I feretri di Luca Russo e Bruno Gulotta, vittime dell'attentato di Barcellona, sono sbarcati all'aeroporto militare di Ciampino avvolti dal tricolore. dal Boeing dell'Aeronautica sono scesi prima 13 familiari che hanno viaggiato con le salme dei propri congiunti, accompagnati dal sottosegretario agli Esteri, Vincenzo Amendola, e dal Capo dell'Unità di crisi della Farnesina, Stefano Verrecchia, assieme ad alcuni funzionari del ministero degli Esteri che hanno seguito tutte le fasi del rientro delle due salme in Italia. I due carri funebri si sono poi stati benedetti dal cappellano militare, don Salvo Nicotra. Quindi si è avvicinato il capo dello Stato, Sergio Mattarella, rimanendo in piedi a qualche metro di distanza in raccoglimento. In un clima di profondo ma composto dolore, è stata la volta, a turno, dei familiari di Russo e Gulotta. Alcuni si sono avvicinati ai feretri e li hanno accarezzati. I carri funebri hanno poi lasciato lo scalo per il policlinico Gemelli per lo svolgimento dell'autopsia.

01:19Terremoto a Ischia: Ingv, 4.0 nuova stima magnitudo

(ANSA) - ROMA, 22 AGO - Al momento il valore di 4.0 è la stima più attendibile della magnitudo terremoto avvenuto a Ischia. Il valore è riportato sul sito dell'Ingv e si riferisce alla magnitudo calcolata sulla base della durata dell'evento (MD). Il precedente valore di 3.6 si riferiva invece alla magnitudo locale (ML). I sismologi del Centro Nazionale Terremoti dell'Ingv sono al lavoro per calcolare il valore definitivo. Il primo valore della magnitudo, pari a 3.6, è stato calcolato in modo automatico, come sempre quando si verifica un terremoto. Il nuovo valore di 4.0 si è basato sui dati rilevati dalla rete simica dell'Osservatorio Vesuviano dell'Ingv, che ha quattro stazioni a Ischia. Il valore definitivo della magnitudo, chiamato magnitudo momento, viene calcolato dai ricercatori e si basa sulla stima del momento sismico, ossia su una durata più ampia del sismogramma. Insieme alla nuova stima, la rete sismica dell'Osservatorio Vesuviano ha permesso di ricalcolare la profondità dell'evento da dieci a cinque chilometri.

01:09Terremoto Ischia: 25 feriti, tre dispersi, un morto

(ANSA) - NAPOLI, 22 AGO - Venticinque feriti (dei quali due in pericolo di vita), tre persone disperse, una donna deceduta: è l'ultimo bilancio delle conseguenze del terremoto registrato poco prima delle 21 nell'isola di Ischia secondo quanto riferiscono fonti del Comando provinciale dei carabinieri.

00:46Terremoto Ischia: Napoli ‘vicini a famiglie colpite’

(ANSA) - ROMA, 22 AGO - ''Vicini alle famiglie colpite dal terremoto: Ischia''. Con un breve tweet che termina con un cuore azzurro sul suo profilo social, il Napoli, impegnato domani nel ritorno del preliminare di Champions League a Nizza, dimostra la sua vicinanza alla popolazione di Ischia colpita dal terremoto.

00:21Trump e Melania ammirano eclissi, lui sbircia senza occhiali

(ANSA) - WASHINGTON, 21 AGO - Anche Donald Trump e Melania hanno osservato l'eclissi di sole in Usa: il presidente e la first lady l'hanno ammirata dal Truman Balcony della Casa Bianca. Ma il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha sbirciato per qualche secondo il sole durante l'eclissi senza occhiali protettivi, contravvenendo così ai consigli ripetuti da più parti di proteggere accuratamente gli occhi.

Archivio Ultima ora