Gentiloni prepara il vertice di Roma: “Più Ue contro i populismi”

Pubblicato il 17 marzo 2017 da ansa

Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella durante la colazione offerta ai Presidenti dei Parlamenti dell’Unione Europea in occasione del 60° anniversario della firma dei Trattati di Roma.

ROMA. – Più Europa contro i populismi. Più integrazione, ma senza che questo comporti divisioni, per dimostrare che l’Ue, di fronte alle sfide delle diseguaglianze, dei flussi migratori, della sicurezza comune, non resta “in surplace”. E’ una voce unica quella che, in occasione della conferenza dei Presidenti dei Parlamenti Ue, si leva dall’Italia che si prepara al vertice del 25 marzo.

Una voce critica ma che, allo stesso tempo, ribadisce tuttavia l’ineluttabilità del ruolo dell’Ue nel mondo: “questo è il momento di difendere i nostri valori per evitare di dover rimpiangerli”, è il monito che arriva dal premier Paolo Gentiloni. Il presidente del Consiglio chiude una giornata tutta all’insegna dell’Europa: prima alla Camera e poi al Senato arrivano i presidenti dei Parlamenti nazionali dei Paesi membri. Con loro anche i vertici delle istituzioni europee: dal presidente del Consiglio Ue Donald Tusk, al presidente dell’Europarlamento Antonio Tajani fino al vice presidente della Commissione europea Frans Timmermans.

E’, di fatto, la giornata che apre le celebrazioni del 60/anniversario dei Trattati. Una giornata che prevede anche una colazione al Quirinale dove il presidente della Repubblica Sergio Mattarella sceglie di intervenire con un breve ma serrato discorso. “L’Europa non può rinunziare al suo ruolo nel mondo facendosi più piccola”, è il messaggio che arriva da Mattarella. E il capo dello Stato, se da un lato non nasconde “i limiti” di una costruzione europea “largamente migliorabile”, dall’altro sottolinea: “le critiche” all’Europa, “a volte sono ingenerose e infondate”.

Nel frattempo, da Bruxelles, arriva la notizia di un compromesso vicino sul punto più spigoloso del documento di Roma, quello delle “due velocità”. E Gentiloni, non a caso, sottolinea come l’Italia “non accetterà che si scelga una divisione tra Europa di serie A o di serie B”. Più semplicemente, ribadisce, “non vogliamo che la velocità di quest’Europa sia stabilita dai Paesi più riluttanti in questo percorso”.

Del resto, osserva Gentiloni, la possibilità di una cooperazione rafforzata è già prevista nel Trattato di Lisbona. Eppure, nonostante la necessità di un compromesso, da Roma arriva forte la spinta perché il vertice del 25 marzo dia delle risposte. “Non siamo indulgenti verso la riscoperta identitaria, i nazionalismi e la riscoperta delle ostilità tra Paesi”, scandisce Gentiloni mentre, in mattinata, è la presidente della Camera Laura Boldrini a utilizzare parole parimenti nette:

“E’ paradossale prospettare la disgregazione dell’Unione e il ritorno ad assetti istituzionali ottocenteschi! Occorre reagire, ponendo al centro il rinnovamento della nostra casa comune, ‘Europe first'”, è il messaggio che Boldrini consegna ai suoi omologhi europei.

“Alzare muri fisici, ideologici, morali è la negazione della nostra storia e non paga”, incalza il presidente del Senato Pietro Grasso auspicando la ricostruzione di un” clima di serenità e fiducia tra i governi dei Paesi membri”. Parole che arrivano all’indomani di un voto, quello olandese, celebrato da più voci a Roma.

Ma con un’ombra: quella dei populismi che avanzano in Francia e Germania, due ‘big’ dell’Ue dove, a breve si andrà alle urne. Tanto che l’ex presidente Giorgio Napolitano richiama la necessità di una chiarezza su punti chiave come “l’integrazione più stretta contro il pericolo dei nuovi nazionalismi, che fanno tutt’uno con la demagogia fuorviante e nullista dei movimenti e partiti populisti”.

Mentre un altro ‘grande ex’, Romano Prodi, nell’Aula Montecitorio rivolge all’Ue quasi un’ultima chiamata: “siamo entrati in un periodo di stanchezza, il senso comunitario si è affievolito. Abbiamo bisogno di altre umiliazioni, di essere emarginati ancor di più per poter reagire?”.

(di Michele Esposito/ANSA)

Ultima ora

22:40Calcio: Premier, il City senza freni, 16 vittorie di fila

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - Sedicesima vittoria di fila in Premier League per il Manchester City, che ha dato una lezione al Tottenham battendolo 4-1 con un crescendo nel finale che solo la rete nel recupero di Eriksen ha reso meno umiliante. Di Gundogan, De Bruyne e Sterling le reti dei Citizens, con l'inglese autore di una doppietta e ora terzo nella classifica marcatori. Alla 17/a giornata, la squadra di Guardiola vanta 14 punti di vantaggio sui cugini dello United, ospite domani del West Bromwich penultimo in classifica, e sul Chelsea, che ha battuto 1-0 il Southampton grazie ad una punizione di Marcos Alonso allo scadere del primo tempo. Vittoria con lo stesso punteggio minimo anche per l'Arsenal sul Newcastle, firmata dal tedesco Ozil. I Gunners occupano ora il quarto posto, a -19 dalla capolista, avendo sorpassato il sorprendente Burnley, che ha pareggiato 0-0 a Brighton. Negli altri incontro del sabato, il Leicester è stato sconfitto 3-0 in casa dal Crystal Palace

22:37Pirati strada: donna 75 anni travolta e uccisa nel Bolognese

(ANSA) - ZOLA PREDOSA (BOLOGNA), 16 DIC - Una signora di 75 anni è stata travolta e uccisa in via Risorgimento a Zola Predosa, comune della cintura di Bologna, da un'auto il cui conducente è fuggito senza prestare soccorso. Sono intervenuti i carabinieri e il 118, ma per la donna non c'è stato nulla da fare. Il sindaco di Zola Predosa, Stefano Fiorini, ha postato su facebook un "Avviso ai cittadini": alle 16.50, scrive, "è stata investita da un auto una signora in prossimità delle strisce pedonali di via Risorgimento davanti alla Farmacia Legnani. Chiunque abbia informazioni in merito a questo fatto è pregato di segnalarlo alla nostra stazione dei Carabinieri che sta ricostruendo quando avvenuto ricercando l'investitore che è fuggito senza prestare alcun soccorso alla vittima". (ANSA).

22:20Calcio: Totino, Mihajlovic “quando il Napoli gioca così…”

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - "Se il Napoli gioca così è difficile contenerlo. Sono più forti di noi e non c'è nulla da dire. Dopo 30 minuti erano in vantaggio di tre gol ma della mia squadra mi è piaciuta la voglia di lottare". Così l'allenatore del Torino, Sinisa Mihajlovic, dopo la sconfitta all'Olimpico. "Rispetto all'anno scorso, la squadra non ha mollato ha sempre cercato di giocare, abbiamo avuto l'occasione per fare il secondo gol, poteva starci un rigore per noi. Poi loro hanno vinto meritatamente e purtroppo con noi si scatenano sempre: hanno fatto 4 tiri in porta e tre gol". "Per noi adesso è passato un ciclo di gare difficile, ora arriveranno partite più alla nostra portata e vogliamo conquistare più punti possibili, speriamo ora che Belotti non si fermi più.

22:19Calcio: Sarri “il Napoli non era stanco, forse mentalmente”

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - "Non eravamo stanchi, forse eravamo stanchi dal punto di vista mentale perché la stagione è lunghissima. Ho rivisto la gara con la Fiorentina e la ripresa è stata di livello. Lì non abbiamo concretizzato, oggi abbiamo segnato subito e la partita è stata in discesa. I ragazzi sono stati bravi, prendendo in positivo la sconfitta dell'Inter". L'allenatore del Napoli, Maurizio Sarri, commenta soddisfatto il ritorno alla vittoria e al primato in classifica. Ai microfoni di Premium Sport, il tecnico toscano ha parlato anche di Marek Hamsik, diventato miglior marcatore del Napoli come Maradona: "E' un giocatore di un livello straordinario e quando fa alcune gare al di sotto delle sue qualità bisogna aspettarlo perché si ha la certezza che prima o poi farà bene. Ha fatto gol ma erano già alcune partite che era in crescita".

22:17Calcio: Napoli, Hamsik “gol importante, vincere lo è di più”

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - "Fa molto piacere dal punto di vista individuale ma era più importante tornare a vincere dopo tre giornate senza vittoria. Ora siamo di nuovo in cima e questa era la cosa più importante. Finalmente poi è arrivato questo gol e sono contento". Il centrocampista del Napoli Marek Hamsik commenta così la vittoria a Torino e la sua 115/a rete con la maglia azzurra, che gli fa eguagliare il record di Maradona. "Abbiamo sbloccato subito la gara e questo ci ha aiutato a liberare la mente - ha detto ancora ai microfoni di Premium Sport - Poi abbiamo potuto fare il nostro calcio. E' importante aver ritrovato il primato, la sconfitta dell'Inter ci ha dato ancora più forza: avevamo voglia di tornare in testa".

22:17Calcio: Inter, Icardi “è andata male,tanti saranno contenti”

(ANSA) - MILANO, 16 DIC - "Anche se oggi è andata male, io dico a tutti i miei compagni bravi. Sono orgoglioso di fare parte di questo gruppo. Oggi abbiamo provato quello che dà una sconfitta e tanti saranno contenti, altri tanti un po' dispiaciuti come noi... ma comunque si continua ad andare avanti come abbiamo fatto finora". Il capitano dell'Inter, Mauro Icardi, sprona i compagni su Instagram dopo la prima sconfitta stagionale dell'Inter, battuta dall'Udinese a San Siro per 3-1. Un ko che secondo Icardi, come ha detto anche Spalletti nei giorni scorsi, qualcuno era dispiaciuto non fosse ancora arrivato.

21:37Usa: media, Pentagono ammette programma su Ufo

(ANSA) - WASHINGTON, 16 DIC - Il Pentagono ha riconosciuto per la prima volta l'esistenza di un programma (non classificato ma noto a pochi) per indagare sugli Ufo. Lo scrivono alcuni media Usa. Il programma, lanciato nel 2007, e' stato interrotto nel 2012 ma i suoi sostenitori affermano che, mentre il dipartimento alla Difesa ha messo fine ai fondi, esso rimane in vita. Negli ultimi cinque anni dirigenti legati al programma hanno continuato a indagare su episodi riportati da militari.

Archivio Ultima ora