Washington e Berlino, mai così lontane dal 1945

Pubblicato il 17 marzo 2017 da ansa

Donald Trump e Angela Merkel
(ANSA/AP Photo/Evan Vucci)

NEW YORK. – Tra Stati Uniti e Germania non sarà più come prima. Almeno per un po’ di tempo. E’ apparso fin troppo chiaro durante la prima visita di Angela Merkel nella Casa Bianca di Donald Trump. Anche dai più piccoli gesti si capisce come l’aria sia cambiata. Come 70 anni di politica transatlantica stiano forse per andare definitivamente in soffitta.

Approcci diversi – sotto l’era Trump – su immigrazione e rifugiati, guerra commerciale e dei cambi: qualcuno si è spinto a ribattezzare quella in corso tra Washington e Berlino come la vera nuova Guerra Fredda. La Guerra Fredda del terzo millennio, altro che Mosca. Un confronto tra alleati costretti a stare assieme per motivi soprattutto di sicurezza ma sospettosi, divisi da troppi interessi.

Un rapporto che nei prossimi anni rischia di consumarsi a colpi di dazi, di tariffe, di degenerare in una conflitto commerciale che inevitabilmente coinvolgerebbe l’intera Europa.

Da una parte la Germania che punta ad andare avanti sulla strada della globalizzazione che tanti benefici ha prodotto (seppur rivista e corretta per renderla più sostenibile); dall’altra l’ ‘America first’ del tycoon, nemica dei grandi accordi di libero scambio e portatrice di un nuovo protezionismo che piace a molti anche nel Vecchio Continente, già scosso dalla Brexit e dai tanti movimenti populisti che proprio a Trump guardano con attenzione.

E dire che per decenni gli Stati Uniti sono stati la chiave della ripresa e dello sviluppo dell’Europa dopo la catastrofe della Seconda guerra mondiale, a partire dallo storico piano Marshall. E l’allora Germania occidentale è stata la prima a beneficiare delle politiche di Washington, dettate prima di tutto dalla necessità di contenere l’influenza sovietica. E poi, al disfacimento dell’Urss, dal promuovere un allargamento dell’Europa ad est.

Ma sembrano davvero lontani i tempi in cui un presidente come John Fitzgerald Kennedy (correva l’anno 1961) pronunciava quell’ ‘Ich bin ein Berliner’ (io sono un berlinese) davanti a una folla di cittadini tedeschi che speravano nella riunificazione del loro Paese.

Quella riunificazione sostenuta a gran voce da Washington che si tradusse anche nello storico appello di Ronald Reagan nel 1987 all’allora capo dell’Unione sovietica Michail Gorbaciov: “Presidente, tiri questo giù muro”.

Oggi Trump dice di non essere un isolazionista, ma in cuor suo sa di voler aprire una fase di disimpegno rispetto all’altra sponda dell’Atlantico. Dove solo Londra può forse avere le carte in regola per mantenere un rapporto privilegiato con Washington.

Ma nel mirino del tycoon c’è soprattutto quell’enorme avanzo commerciale della Germania che fa parlare al presidente americano di “grande ingiustizia” nei confronti degli Usa. Per questo per la nuova Casa Bianca quel surplus va eliminato al più presto. E con tutti i mezzi a disposizione.

(di Ugo Caltagirone/ANSA)

Ultima ora

22:26Pugilato: arriva il Bar, potrà ribaltare verdetti Olimpiadi

(ANSA) - ROMA, 18 GEN - Dopo la Var nel calcio ecco il Bar nel pugilato. E' un ausilio video e tecnologico, la cui denominazione è "Bout Analisys Review" che servirà a riesaminare e analizzare, dopo ricorso di chi ritiene di essere stato danneggiato da arbitro o giudici, le fasi di un match il cui verdetto potrà perfino essere ribaltato. Finora dopo la protesta ufficiale, come fece l'Italia a Rio dopo il verdetto dell'incontro dei massimi fra Russo e Tischenko, si poteva arrivare (come successe in terra carioca) solo all'esclusione dal torneo di quei giudici le cui decisioni avevano suscitato a dir poco perplessità. Il risultato dell'incontro però non poteva essere modificato: ora si cambia. Il Bar verrà introdotto alle Olimpiadi, già a Tokyo 2020, e dovrebbe servire a risolvere il problema dei verdetti scandalosi che troppo spesso hanno danneggiato ai Giochi l'immagine della 'nobile arte', fino a spingere il Cio a minacciarne la cancellazione dal programma. Questa novità è stata ufficializzata oggi, dopo le riunioni dell'Aiba a Roma.

21:52Gentiloni, più partecipazione se non sarà fiera odio

(ANSA) - ROMA, 18 GEN - C'è il rischio astensionismo? "Un po' dipende anche da noi: partecipare è importante sempre, questa volta lo è particolarmente, perché si decide a chi affidare il governo mentre stiamo uscendo dalla crisi. Ma se facciamo una campagna elettorale che è una fiera dell'odio, delle proposte" non credibili "e delle paure è difficile avere partecipazione, facciamo una campagna elettorale credibile". Lo dice il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni al Tg5.

21:27Morto Michele Gesualdi, fece appello per legge biotestamento

(ANSA) - FIRENZE, 18 GEN - E' morto oggi Michele Gesualdi, 75 anni, l'ex presidente della Provincia di Firenze che fu anche uno degli allievi di don Milani, da tempo malato di Sla. Nei mesi scorsi aveva fatto un appello a favore del testamento biologico, scrivendo una lettera ai presidenti di Camera e Senato perché la legge fosse approvata rapidamente: "Sarebbe un atto di rispetto e di civiltà che non impone ma aiuta e non lascia sole tante persone e le loro famiglie", rilevava nella sua lettera. "Ricordo Michele Gesualdi con affetto e commozione. Ricordo l'esuberanza e la sua passione. Sono vicino alla sua famiglia", le parole di Matteo Renzi. "Era uno dei ragazzi di Don Milani. Come ultimo gesto ha lasciato al Paese un grande contributo di civiltà sul fine vita con la sua testimonianza personale. A lui va la gratitudine mia e della comunità per ciò che ha fatto per #Firenze e per le istituzioni. Addio #MicheleGedualdi" scrive il sindaco Dario Nardella su twitter.

21:24Figc: Carraro, società fanno male a disinteressarsi

(ANSA) - MILANO, 18 GEN - "Le società di serie A fanno malissimo a non occuparsi della Lega, non nominando i propri organi, e a non occuparsi della Federazione". Così Franco Carraro, ex presidente della Figc, ha parlato della situazione di stallo del calcio italiano, a margine della presentazione a Milano del suo libro, 'Mai dopo le 23. Le molte vite di un riformista'. "La tradizione dice che chi dirige il calcio italiano deve conoscere bene il calcio professionistico e avere esperienza", ha aggiunto. Ai giornalisti che gli hanno chiesto cosa pensa della candidatura di Damiano Tommasi alla presidenza della Figc ha risposto: "Io non mi esprimo sui candidati. Il calcio ha una serie di componenti e sono tutte importanti. Scelgano tra loro ma devono trovare un minimo comune denominatore - ha continuato -, ma mi sembra che da un po' di tempo a questa parte ci sia disinteresse verso l'interesse generale". "Poi - ha concluso - bisogna studiare come migliorare la situazione organizzativa e tecnica del calcio italiano".

21:21Gb: zoo di Londra ‘battezza’ okapi in omaggio a Meghan

(ANSA) - LONDRA, 18 GEN - Lo zoo di Londra rende omaggio a modo suo a Meghan Markle, l'attrice americana che il 19 maggio prossimo sposerà il principe Harry a Windsor: 'battezzando' con il suo nome, Meghan, un esemplare cucciolo di okapi nato di recente in cattività. "E' una grande opportunità anche per attirare l'attenzione sulle okapi, una specie in estremo pericolo di estinzione", ha sottolineato Gemma Metcalf, un'addetta dello zoo che ha seguito le fasi della nascita di 'Meghan' e che la sta ora assistendo assieme alla madre Oni. L'okapi è un animale africano che ha il suo habitat naturale nella martoriata Repubblica Democratica del Congo. Assomiglia a una zebra, ma é imparentata con le giraffe.

21:17Pena morte: il boia tornerà in azione in Texas dopo un anno

(ANSA) - NEW YORK, 18 GEN - La mano del boia torna in azione in Texas dopo un anno. A essere giustiziato oggi sarà Anthony Shore, 55 anni, detto 'Tourniquet Killer' (killer del laccio emostatico), serial killer e stupratore anche di minorenni reo confesso. L'uomo commise i suoi crimini tra gli anni '80 e '90 ma fu arrestato solo nel 2003, incastrato dal suo Dna trovato su una delle vittime. Shore stuprò e uccise ragazzine dai 9 ai 14 anni di età e una 21enne, in totale cinque persone. Shore è il primo a essere giustiziato da quando un anno fa si è insediato il nuovo procuratore della contea di Harris, la democratica Kim Ogg. Un precedente che non si verificava da oltre 30 anni. La Ogg non crede nella pena di morte come deterrente per i crimini, tuttavia nel caso di Shore ritiene sia la cosa giusta.

21:12Incidente Milano: morto anche il quarto operaio

(ANSA) - MILANO, 18 GEN - E' terminato il periodo di accertamento della morte cerebrale per Giancarlo Barbieri, 62 anni, uno degli operai coinvolti nell'incidente alla Lamina avvenuto martedì, che ha provocato la morte di altre tre persone, compreso suo fratello Arrigo. I medici dell'ospedale San Raffaele hanno quindi decretato la morte dell'uomo anche dal punto di vista legale.

Archivio Ultima ora