Washington e Berlino, mai così lontane dal 1945

Pubblicato il 17 marzo 2017 da ansa

Donald Trump e Angela Merkel
(ANSA/AP Photo/Evan Vucci)

NEW YORK. – Tra Stati Uniti e Germania non sarà più come prima. Almeno per un po’ di tempo. E’ apparso fin troppo chiaro durante la prima visita di Angela Merkel nella Casa Bianca di Donald Trump. Anche dai più piccoli gesti si capisce come l’aria sia cambiata. Come 70 anni di politica transatlantica stiano forse per andare definitivamente in soffitta.

Approcci diversi – sotto l’era Trump – su immigrazione e rifugiati, guerra commerciale e dei cambi: qualcuno si è spinto a ribattezzare quella in corso tra Washington e Berlino come la vera nuova Guerra Fredda. La Guerra Fredda del terzo millennio, altro che Mosca. Un confronto tra alleati costretti a stare assieme per motivi soprattutto di sicurezza ma sospettosi, divisi da troppi interessi.

Un rapporto che nei prossimi anni rischia di consumarsi a colpi di dazi, di tariffe, di degenerare in una conflitto commerciale che inevitabilmente coinvolgerebbe l’intera Europa.

Da una parte la Germania che punta ad andare avanti sulla strada della globalizzazione che tanti benefici ha prodotto (seppur rivista e corretta per renderla più sostenibile); dall’altra l’ ‘America first’ del tycoon, nemica dei grandi accordi di libero scambio e portatrice di un nuovo protezionismo che piace a molti anche nel Vecchio Continente, già scosso dalla Brexit e dai tanti movimenti populisti che proprio a Trump guardano con attenzione.

E dire che per decenni gli Stati Uniti sono stati la chiave della ripresa e dello sviluppo dell’Europa dopo la catastrofe della Seconda guerra mondiale, a partire dallo storico piano Marshall. E l’allora Germania occidentale è stata la prima a beneficiare delle politiche di Washington, dettate prima di tutto dalla necessità di contenere l’influenza sovietica. E poi, al disfacimento dell’Urss, dal promuovere un allargamento dell’Europa ad est.

Ma sembrano davvero lontani i tempi in cui un presidente come John Fitzgerald Kennedy (correva l’anno 1961) pronunciava quell’ ‘Ich bin ein Berliner’ (io sono un berlinese) davanti a una folla di cittadini tedeschi che speravano nella riunificazione del loro Paese.

Quella riunificazione sostenuta a gran voce da Washington che si tradusse anche nello storico appello di Ronald Reagan nel 1987 all’allora capo dell’Unione sovietica Michail Gorbaciov: “Presidente, tiri questo giù muro”.

Oggi Trump dice di non essere un isolazionista, ma in cuor suo sa di voler aprire una fase di disimpegno rispetto all’altra sponda dell’Atlantico. Dove solo Londra può forse avere le carte in regola per mantenere un rapporto privilegiato con Washington.

Ma nel mirino del tycoon c’è soprattutto quell’enorme avanzo commerciale della Germania che fa parlare al presidente americano di “grande ingiustizia” nei confronti degli Usa. Per questo per la nuova Casa Bianca quel surplus va eliminato al più presto. E con tutti i mezzi a disposizione.

(di Ugo Caltagirone/ANSA)

Ultima ora

01:33Barcellona: a Ciampino bare italiani avvolte da tricolore

(ANSA) - CIAMPINO, 22 AGO - I feretri di Luca Russo e Bruno Gulotta, vittime dell'attentato di Barcellona, sono sbarcati all'aeroporto militare di Ciampino avvolti dal tricolore. dal Boeing dell'Aeronautica sono scesi prima 13 familiari che hanno viaggiato con le salme dei propri congiunti, accompagnati dal sottosegretario agli Esteri, Vincenzo Amendola, e dal Capo dell'Unità di crisi della Farnesina, Stefano Verrecchia, assieme ad alcuni funzionari del ministero degli Esteri che hanno seguito tutte le fasi del rientro delle due salme in Italia. I due carri funebri si sono poi stati benedetti dal cappellano militare, don Salvo Nicotra. Quindi si è avvicinato il capo dello Stato, Sergio Mattarella, rimanendo in piedi a qualche metro di distanza in raccoglimento. In un clima di profondo ma composto dolore, è stata la volta, a turno, dei familiari di Russo e Gulotta. Alcuni si sono avvicinati ai feretri e li hanno accarezzati. I carri funebri hanno poi lasciato lo scalo per il policlinico Gemelli per lo svolgimento dell'autopsia.

01:19Terremoto a Ischia: Ingv, 4.0 nuova stima magnitudo

(ANSA) - ROMA, 22 AGO - Al momento il valore di 4.0 è la stima più attendibile della magnitudo terremoto avvenuto a Ischia. Il valore è riportato sul sito dell'Ingv e si riferisce alla magnitudo calcolata sulla base della durata dell'evento (MD). Il precedente valore di 3.6 si riferiva invece alla magnitudo locale (ML). I sismologi del Centro Nazionale Terremoti dell'Ingv sono al lavoro per calcolare il valore definitivo. Il primo valore della magnitudo, pari a 3.6, è stato calcolato in modo automatico, come sempre quando si verifica un terremoto. Il nuovo valore di 4.0 si è basato sui dati rilevati dalla rete simica dell'Osservatorio Vesuviano dell'Ingv, che ha quattro stazioni a Ischia. Il valore definitivo della magnitudo, chiamato magnitudo momento, viene calcolato dai ricercatori e si basa sulla stima del momento sismico, ossia su una durata più ampia del sismogramma. Insieme alla nuova stima, la rete sismica dell'Osservatorio Vesuviano ha permesso di ricalcolare la profondità dell'evento da dieci a cinque chilometri.

01:09Terremoto Ischia: 25 feriti, tre dispersi, un morto

(ANSA) - NAPOLI, 22 AGO - Venticinque feriti (dei quali due in pericolo di vita), tre persone disperse, una donna deceduta: è l'ultimo bilancio delle conseguenze del terremoto registrato poco prima delle 21 nell'isola di Ischia secondo quanto riferiscono fonti del Comando provinciale dei carabinieri.

00:46Terremoto Ischia: Napoli ‘vicini a famiglie colpite’

(ANSA) - ROMA, 22 AGO - ''Vicini alle famiglie colpite dal terremoto: Ischia''. Con un breve tweet che termina con un cuore azzurro sul suo profilo social, il Napoli, impegnato domani nel ritorno del preliminare di Champions League a Nizza, dimostra la sua vicinanza alla popolazione di Ischia colpita dal terremoto.

00:21Trump e Melania ammirano eclissi, lui sbircia senza occhiali

(ANSA) - WASHINGTON, 21 AGO - Anche Donald Trump e Melania hanno osservato l'eclissi di sole in Usa: il presidente e la first lady l'hanno ammirata dal Truman Balcony della Casa Bianca. Ma il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha sbirciato per qualche secondo il sole durante l'eclissi senza occhiali protettivi, contravvenendo così ai consigli ripetuti da più parti di proteggere accuratamente gli occhi.

00:13In America tutti pazzi per la ‘eclissi di sole del secolo’

(ANSA) - WASHINGTON, 21 AGO - Tutti pazzi per l'eclissi del secolo. Dal Pacifico all'Oceano Atlantico, l'America intera si è fermata per assistere a un evento definito dagli esperti 'storico', uno spettacolo che non accadeva da 99 anni: il 'sole nero', totalmente oscurato dalla luna e che è scomparso lungo un 'coast to coast' che ha tenuto oltre 200 milioni di persone col naso all'insù. Anche il presidente Donald Trump e la first lady Melania hanno assistito allo show dal balcone della Casa Bianca, mentre il mondo ha assistito all'eclissi più social di sempre in tv o sulla rete. 'The Great American Eclipse' - come è stata ribattezzata - è partita dagli scogli rocciosi di Yoquina Head, a sudovest di Portland, in Oregon, accolta dalle grida di entusiasmo di milioni di persone scese in strada. Erano le 10.20 ora locale (le 19.20 in Italia). In un'ora e mezza circa l'eclissi, sfrecciando da ovest a est, ha oscurato il cielo in 12 Stati, attraversando per 4 mila chilometri il cuore degli Usa fino alle coste della South Carolina.

00:06Terremoto Ischia: 7 persone sepolte a Casamicciola

(ANSA) - NAPOLI, 21 AGO - I soccorritori a Ischia cercano di recuperare sette persone rimaste sepolte per il crollo di un'abitazione determinato dal sisma in una strada di Casamicciola. Secondo un primo bilancio reso noto da fonti di polizia e carabinieri vi sono 25 feriti.

Archivio Ultima ora