Washington e Berlino, mai così lontane dal 1945

Pubblicato il 17 marzo 2017 da ansa

Donald Trump e Angela Merkel
(ANSA/AP Photo/Evan Vucci)

NEW YORK. – Tra Stati Uniti e Germania non sarà più come prima. Almeno per un po’ di tempo. E’ apparso fin troppo chiaro durante la prima visita di Angela Merkel nella Casa Bianca di Donald Trump. Anche dai più piccoli gesti si capisce come l’aria sia cambiata. Come 70 anni di politica transatlantica stiano forse per andare definitivamente in soffitta.

Approcci diversi – sotto l’era Trump – su immigrazione e rifugiati, guerra commerciale e dei cambi: qualcuno si è spinto a ribattezzare quella in corso tra Washington e Berlino come la vera nuova Guerra Fredda. La Guerra Fredda del terzo millennio, altro che Mosca. Un confronto tra alleati costretti a stare assieme per motivi soprattutto di sicurezza ma sospettosi, divisi da troppi interessi.

Un rapporto che nei prossimi anni rischia di consumarsi a colpi di dazi, di tariffe, di degenerare in una conflitto commerciale che inevitabilmente coinvolgerebbe l’intera Europa.

Da una parte la Germania che punta ad andare avanti sulla strada della globalizzazione che tanti benefici ha prodotto (seppur rivista e corretta per renderla più sostenibile); dall’altra l’ ‘America first’ del tycoon, nemica dei grandi accordi di libero scambio e portatrice di un nuovo protezionismo che piace a molti anche nel Vecchio Continente, già scosso dalla Brexit e dai tanti movimenti populisti che proprio a Trump guardano con attenzione.

E dire che per decenni gli Stati Uniti sono stati la chiave della ripresa e dello sviluppo dell’Europa dopo la catastrofe della Seconda guerra mondiale, a partire dallo storico piano Marshall. E l’allora Germania occidentale è stata la prima a beneficiare delle politiche di Washington, dettate prima di tutto dalla necessità di contenere l’influenza sovietica. E poi, al disfacimento dell’Urss, dal promuovere un allargamento dell’Europa ad est.

Ma sembrano davvero lontani i tempi in cui un presidente come John Fitzgerald Kennedy (correva l’anno 1961) pronunciava quell’ ‘Ich bin ein Berliner’ (io sono un berlinese) davanti a una folla di cittadini tedeschi che speravano nella riunificazione del loro Paese.

Quella riunificazione sostenuta a gran voce da Washington che si tradusse anche nello storico appello di Ronald Reagan nel 1987 all’allora capo dell’Unione sovietica Michail Gorbaciov: “Presidente, tiri questo giù muro”.

Oggi Trump dice di non essere un isolazionista, ma in cuor suo sa di voler aprire una fase di disimpegno rispetto all’altra sponda dell’Atlantico. Dove solo Londra può forse avere le carte in regola per mantenere un rapporto privilegiato con Washington.

Ma nel mirino del tycoon c’è soprattutto quell’enorme avanzo commerciale della Germania che fa parlare al presidente americano di “grande ingiustizia” nei confronti degli Usa. Per questo per la nuova Casa Bianca quel surplus va eliminato al più presto. E con tutti i mezzi a disposizione.

(di Ugo Caltagirone/ANSA)

Ultima ora

00:02Champions: Guardiola “vittoria che vale”

(ANSA) - ROMA, 17 OTT - "Non posso giudicare le difficoltà del Napoli durante la prima mezz'ora, ma è stata la partita che mi aspettavo: è impossibile dominare una squadra come il Napoli per 90', quindi devo fare i complimenti ai 'miei' giocatori, perché so contro quale tipo squadra abbiamo vinto. Non abbiamo giocato contro dei ragazzini, ma contro una formazione che in Serie A ha vinto otto partite di fila". Così Pep Guardiola commenta la vittoria del Manchester City contro il Napoli, in Champions. "Questa è una una vittoria importantissima nell'economia del passaggio del turno", conclude l'allenatore spagnolo.

00:00Sarri: “25′ scadenti, poi messo City in difficoltà”

(ANSA) - ROMA, 17 OTT - "Non so cosa sia successo nei primi 30': abbiamo sbagliato pressioni e distanze, concesso troppi spazi a una squadra devastante. Prendere gol dopo 5' è stato pesante: nei primi 25' siamo stati scadenti, ma nei restanti 75' abbiamo reagito, imponendoci. Giocare alla pari contro questi avversari, ci lascia fiduciosi". Così, a Premium sport, Maurizio Sarri. "Il City è una squadra difficile da affrontare, ma l'abbiamo messa in difficoltà e questo è un grande segnale. Insigne aveva un dolore all'adduttore, non dovrebbe essere nulla di grave".

23:46Champions: i risultati della terza giornata

(ANSA) - ROMA, 17 OTT - I risultati delle partite valide per la terza giornata di Champions league, disputate stasera: Maribor-Liverpool 0-7, Real Madrid-Tottenham 1-1, Feyenoord-Shakhtar Donetsk 1-2, Monaco-Besiktas 1-2, Spartak Mosca-Siviglia 5-1, Lipsia-Porto 3-2, Apoel Nicosia-Borussia Dortmund 1-1.

23:17Champions: Manchester City-Napoli 2-1

(ANSA) - ROMA, 17 OTT - Il Manchester City ha battuto 2-1 (2-0) il Napoli, in una partita valida per il Gruppo F di Champions League. Inglesi in vantaggio al 9' con Sterling e bravi a raddoppiare con Gabriel Gesus al 13'. Dopo che al 38' Mertens si era fatto parare un rigore dal portiere Ederson, nella ripresa i partenopei hanno accorciato le distanze - sempre su rigore - con Diawara, al 28'. Manchester City a punteggio pieno nel raggruppamento, il Napoli fermo a tre, con lo Shakhtar salito a 6.

23:09Usa: giudice Hawaii blocca ultimo ‘travel ban’ Trump

(ANSA) - WASHINGTON, 17 OTT - Un giudice federale delle Hawaii ha bloccato l'ultima versione del 'travel ban' di Donald Trump poche ore prima che entrasse in vigore. Il provvedimento prevede restrizioni per l'arrivo in Usa da otto Paesi. Secondo il giudice, l'ordine esecutivo di Trump crea discriminazioni sulla base della nazionalità. Il provvedimento sarebbe dovuto entrare in vigore alla mezzanotte, ora di Washington (le 6 di domani mattina in Italia). La Casa Bianca ha subito definito la decisione del giudice "pericolosamente errata" E' stata così accolta la richiesta delle Hawaii, secondo cui il nuovo bando è la continuazione della "promessa di Donald Trump di escludere i musulmani dagli Usa". Il 'travel ban' prevede restrizioni per i cittadini di Ciad, Iran, Libia, Corea del Nord, Somalia, Siria, Yemen e per alcuni dirigenti di governo venezuelani.

21:57200mila manifestanti in piazza a Barcellona

(ANSA) - BARCELLONA, 17 OTT - Duecentomila persone partecipano alla concentrazione nel centro di Barcellona per chiedere la liberazione dei due dirigenti indipendentisti, Jordi Sanchez e Jordi Cuixart, accusati di 'sedizione' e arrestati ieri sera per ordine di un giudice spagnolo, secondo le stime della polizia urbana della capitale catalana. Manifestazioni pacifiche parallele si svolgono in altri centri della Catalogna.

21:43Appalti sanità Puglia, condannati Gianpi Tarantini e altri 5

(ANSA) - BARI, 17 OTT - Il Tribunale di Bari ha condannato a pene comprese fra i 4 anni e i 2 anni di reclusione sei delle otto persone, fra le quali l'imprenditore Gianpaolo Tarantini e l'ex dg della Asl di Bari Lea Cosentino, imputate in uno dei processi baresi su presunti appalti truccati nella sanità. Colpevoli, a vario titolo, di associazione per delinquere, peculato e truffa. Assolto "per non aver commesso il fatto" da tutte le accuse l'allora direttore amministrativo della Asl Bari Francesco Lippolis. Prosciolto per prescrizione Claudio Tarantini, fratello di Gianpi, che rispondeva unicamente di due episodi di corruzioni. I fatti risalgono agli anni 2008-2010 e riguardano la gestione delle gare e delle trattative per l'acquisto di attrezzature e protesi sanitarie alla Asl di Bari. Tarantini è stato condannato a 4 anni di reclusione per associazione per delinquere e peculato, Lea Cosentino a 2 anni e 6 mesi, l'allora capo area gestione patrimonio della Asl di Bari Antonio Colella e il funzionario Asl Michele Vaira a 3 anni.

Archivio Ultima ora