Stop referendum, Gentiloni evita spaccare il paese e il Pd

Pubblicato il 17 marzo 2017 da ansa

Il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni durante le comunicazioni al Senato in vista del Consiglio europeo del 9 e 10 marzo, Roma, 8 marzo 2017. ANSA/ALESSANDRO DI MEO

ROMA. – Una soluzione radicale per cancellare il referendum che avrebbe “diviso” ancora una volta, a meno di 5 mesi dalla consultazione precedente, in opposte fazioni il paese. Ma la decisione del governo sui voucher, fortemente voluta dal premier Paolo Gentiloni, è anche una mossa politica a vantaggio del Pd: la campagna referendaria si sarebbe sovrapposta prima al congresso dem, dando fiato ai rivali di Matteo Renzi, e poi alla sfida delle amministrative con gli ex democratici, ora in Mdp, pronti ad andare all’attacco del jobs act.

Se in Parlamento i centristi di Ap hanno minacciato ancora ieri di votare contro il decreto che cancella i ticket, oggi in consiglio dei ministri, a quanto si apprende, i ministri di Ncd non hanno alzato barricate. Hanno espresso perplessità su una decisione che ai centristi è apparsa un cedimento alle ragioni della Cgil ma davanti all’impegno del premier di mettersi al lavoro per individuare subito strumenti alternativi per autorizzare il lavoro occasionale, la pattuglia degli alfaniani si è adeguata al decreto.

D’altra parte, osserva un ministro dem, Ap non ha alcun interesse ad alimentare motivi di instabilità per il governo già alle prese con numeri ballerini al Senato dopo la scissione del Pd. La partita si è giocata quindi tutta in casa Pd. Nella doppia chiave della sfida per la leadership del partito e del primo appuntamento elettorale, le amministrative, in cui il Partito Democratico testerà la sua forza dopo la batosta del referendum di dicembre.

“Non potevamo permettere che gli scissionisti di Bersani e D’Alema si rafforzassero con una campagna contro di noi e contro le politiche del lavoro di Renzi”, spiegano al Nazareno. Un test, quello di giugno, cruciale in vista delle prossime elezioni politiche dove il Pd dovrà già guardarsi da M5S.

Ma Matteo Renzi, che rinnega i voucher come riforma del suo governo, “noi li abbiamo già trovati”, non era disposto neppure a offrire assist ai rivali al congresso. Sulla necessità di fare di più contro la precarizzazione del lavoro sia Michele Emiliano sia Andrea Orlando avrebbero dato battaglia ed i renziani non avevano intenzione di giocare sulla difensiva. Anche se, come ha ribadito anche nella riunione del consiglio dei ministri, il Guardasigilli è convinto che ora, dopo l’abolizione dei voucher, sia necessaria subito una proposta che colmi il vuoto normativo e eviti il ricorso al lavoro nero.

“Questo strappo repentino – avrebbe detto Orlando – porta a far sì che quelli che hanno promosso il referendum pensino che, scampato il pericolo, poi li freghiamo e noi dobbiamo evitarlo”.

Se i ticket sul lavoro sono stati messi fuori dal tavolo delle polemiche, un altro tema è destinato ad infiammare le opposte tifoserie dem: le nomine per le aziende partecipate. Francesco Boccia, braccio destro di Michele Emiliano, avverte Renzi a non mettere bocca nelle scelte del governo, critico sulle indiscrezioni che accrediterebbero l’ex presidente Mps Alessandro Profumo alla guida di Leonardo al posto di Mauro Moretti e Matteo Del Fante a Poste Italiane in sostituzione di Francesco Caio.

(di Cristina Ferrulli/ANSA)

Ultima ora

00:02Champions: Guardiola “vittoria che vale”

(ANSA) - ROMA, 17 OTT - "Non posso giudicare le difficoltà del Napoli durante la prima mezz'ora, ma è stata la partita che mi aspettavo: è impossibile dominare una squadra come il Napoli per 90', quindi devo fare i complimenti ai 'miei' giocatori, perché so contro quale tipo squadra abbiamo vinto. Non abbiamo giocato contro dei ragazzini, ma contro una formazione che in Serie A ha vinto otto partite di fila". Così Pep Guardiola commenta la vittoria del Manchester City contro il Napoli, in Champions. "Questa è una una vittoria importantissima nell'economia del passaggio del turno", conclude l'allenatore spagnolo.

00:00Sarri: “25′ scadenti, poi messo City in difficoltà”

(ANSA) - ROMA, 17 OTT - "Non so cosa sia successo nei primi 30': abbiamo sbagliato pressioni e distanze, concesso troppi spazi a una squadra devastante. Prendere gol dopo 5' è stato pesante: nei primi 25' siamo stati scadenti, ma nei restanti 75' abbiamo reagito, imponendoci. Giocare alla pari contro questi avversari, ci lascia fiduciosi". Così, a Premium sport, Maurizio Sarri. "Il City è una squadra difficile da affrontare, ma l'abbiamo messa in difficoltà e questo è un grande segnale. Insigne aveva un dolore all'adduttore, non dovrebbe essere nulla di grave".

23:46Champions: i risultati della terza giornata

(ANSA) - ROMA, 17 OTT - I risultati delle partite valide per la terza giornata di Champions league, disputate stasera: Maribor-Liverpool 0-7, Real Madrid-Tottenham 1-1, Feyenoord-Shakhtar Donetsk 1-2, Monaco-Besiktas 1-2, Spartak Mosca-Siviglia 5-1, Lipsia-Porto 3-2, Apoel Nicosia-Borussia Dortmund 1-1.

23:17Champions: Manchester City-Napoli 2-1

(ANSA) - ROMA, 17 OTT - Il Manchester City ha battuto 2-1 (2-0) il Napoli, in una partita valida per il Gruppo F di Champions League. Inglesi in vantaggio al 9' con Sterling e bravi a raddoppiare con Gabriel Gesus al 13'. Dopo che al 38' Mertens si era fatto parare un rigore dal portiere Ederson, nella ripresa i partenopei hanno accorciato le distanze - sempre su rigore - con Diawara, al 28'. Manchester City a punteggio pieno nel raggruppamento, il Napoli fermo a tre, con lo Shakhtar salito a 6.

23:09Usa: giudice Hawaii blocca ultimo ‘travel ban’ Trump

(ANSA) - WASHINGTON, 17 OTT - Un giudice federale delle Hawaii ha bloccato l'ultima versione del 'travel ban' di Donald Trump poche ore prima che entrasse in vigore. Il provvedimento prevede restrizioni per l'arrivo in Usa da otto Paesi. Secondo il giudice, l'ordine esecutivo di Trump crea discriminazioni sulla base della nazionalità. Il provvedimento sarebbe dovuto entrare in vigore alla mezzanotte, ora di Washington (le 6 di domani mattina in Italia). La Casa Bianca ha subito definito la decisione del giudice "pericolosamente errata" E' stata così accolta la richiesta delle Hawaii, secondo cui il nuovo bando è la continuazione della "promessa di Donald Trump di escludere i musulmani dagli Usa". Il 'travel ban' prevede restrizioni per i cittadini di Ciad, Iran, Libia, Corea del Nord, Somalia, Siria, Yemen e per alcuni dirigenti di governo venezuelani.

21:57200mila manifestanti in piazza a Barcellona

(ANSA) - BARCELLONA, 17 OTT - Duecentomila persone partecipano alla concentrazione nel centro di Barcellona per chiedere la liberazione dei due dirigenti indipendentisti, Jordi Sanchez e Jordi Cuixart, accusati di 'sedizione' e arrestati ieri sera per ordine di un giudice spagnolo, secondo le stime della polizia urbana della capitale catalana. Manifestazioni pacifiche parallele si svolgono in altri centri della Catalogna.

21:43Appalti sanità Puglia, condannati Gianpi Tarantini e altri 5

(ANSA) - BARI, 17 OTT - Il Tribunale di Bari ha condannato a pene comprese fra i 4 anni e i 2 anni di reclusione sei delle otto persone, fra le quali l'imprenditore Gianpaolo Tarantini e l'ex dg della Asl di Bari Lea Cosentino, imputate in uno dei processi baresi su presunti appalti truccati nella sanità. Colpevoli, a vario titolo, di associazione per delinquere, peculato e truffa. Assolto "per non aver commesso il fatto" da tutte le accuse l'allora direttore amministrativo della Asl Bari Francesco Lippolis. Prosciolto per prescrizione Claudio Tarantini, fratello di Gianpi, che rispondeva unicamente di due episodi di corruzioni. I fatti risalgono agli anni 2008-2010 e riguardano la gestione delle gare e delle trattative per l'acquisto di attrezzature e protesi sanitarie alla Asl di Bari. Tarantini è stato condannato a 4 anni di reclusione per associazione per delinquere e peculato, Lea Cosentino a 2 anni e 6 mesi, l'allora capo area gestione patrimonio della Asl di Bari Antonio Colella e il funzionario Asl Michele Vaira a 3 anni.

Archivio Ultima ora