Calcio venezuelano: tre macth clou nell’ottava giornata

Pubblicato il 17 marzo 2017 da redazione

CARACAS – Questo fine settimana andrà in scena l’ottava giornata del Torneo Apertura, ma gli sguardi dei tifosi saranno puntati soprattutto su tre campi: lo stadio Olímpico della Ucv, Pueblo Nuevo di San Cristóbal e Pachencho Romero di Maracaibo.

Sul campo della Universidad Central de Venezuela, il Deportivo La Guaira dell’italo-venezuelano Eduardo Saragò ospiterà il Carabobo. Nell’ultimo turno di campionato, la corazzata arancione è stata bloccata sul campo del sempre ostico Trujillanos: ko per 2-1.

Dopo sette giornate, la squadra allenata dal tecnico di origine calabrese é al sesto posto in classifica con 11 punti frutto di 3 vittorie, 2 pareggi e 2 sconfitte. Dal canto suo, il Carabobo è reduce dalla vittoria per 1-0 contro l’Atlético Venezuela. I granata, sono al nono posto con otto punti, ma hanno ancora due gare da recuperare (vs Mineros in casa e JBL Zulia in trasferta).

I precedenti ci dicono che in 19 gare disputate, gli arancioni hanno vinto in sette occasioni, mentre i granata hanno avuto la meglio cinque volte. La parità si è fatta presente sette volte. Il fischio d’inizio all’Olímpico é in programma domenica alle 15.

A San Cristóbal, andrà in scena Deportivo Táchira-Deportivo Lara. I gialloneri sono al terzo posto con 14 punti in sei gare disputate, mentre la squadra allenata da Leo Gonzalez guarda tutti dall’alto con 17, ma hanno una gara in più rispetto alle inseguitrici.

Gli almanacchi ci dicono che andini e crepuscolari si sono sfidati 19 volte: 5 vittorie Táchira, 4 trionfi per il Lara e 10 pareggi. Nello stadio Pueblo Nuevo i risultati sono stati: tre vittorie per i padroni di casa e sette pareggi.

Come piccola curiosità possiamo aggiungere che i rossoneri non battono il Táchira da sei gare, l’ultima volta che il Lara ha avuto la meglio contro gli andini é stato durante la stagione 2013: allora vinse per 1-0 in una gara disputata nello Stadio Metropolitano di Cabudare.

Il terzo big match di questo turno di campionato metterá a confronto Zulia e Zamora. Sul campo dello stadio Pachencho Romero si affronteranno le protagonista dell’ultima finale scudetto.

I lagunari, motivati dalla vittoria ottenuta in Coppa Libertadores (0-1 contro gli uruguaiani del Nacional), cercheranno di allungare la scia positiva e di non uscire dalla zona octagonal, attualmente sono settimi con 10 punti. Dal canto suo, lo Zamora di Francesco Stifano nell’ultimo turno di campionato ha travolto con un pesante 6-1 il Portuguesa. Questo risultato ha permesso ai bianconeri di tenere il passo della capolista Lara.

I precedenti tra queste due squadre, che si sono affrontate in 19 scontri,si riassumono in un bottino di 9 affermazioni zuliane, 5 pareggi e 11 conquiste llanere.

L’ultima volte che i Stifano’s Boys hanno visitato Maracaibo si sono imposti per 1-2: vittoria che gli ha permesso di conquistare il terzo scudetto.

La gara che alzerá il sipario dell’ottava giornata sará Deportivo Anzoátegui-Metropolitanos in programma domani alle 15 a Puerto La Cruz. Il resto del programma di questo turno di campionato si completerá domenica con le seguenti gare: Atlético Venezuela-JBL Zulia (alle 11:00 nello stadio Brigido Iriarte), Estudiantes de Mérida-Caracas (alle 11:00 nello stadio Metropolitano), Atlético Socopó-Monagas (nel Rogelio Matos alle 15:30), Portuguesa-Trujillanos (nel José Antonio Páez alle 17:00) e Mineros-Aragua (a Cachamay a las 17:00).

(Fioravante De Simone)

Ultima ora

04:58Terremoto: scossa 3.2 nel Reatino, Amatrice trema ancora

(ANSA) - ROMA, 27 MAR - Una scossa di magnitudo 3.2 è stata registrata alle 4:08 dall'Ingv nella provincia di Rieti ad una profondità di 9 km. I comuni più vicini all'epicentro sono Amatrice, Campotosto, Accumoli e Capitignano. (ANSA).

00:24Mondiali 2018: Montenegro-Polonia 1-2

(ANSA) - ROMA, 26 MAR - Vittoria esterna delle Polonia che ha battuto 2-1 Montenegro in una partita giocata a Podgorica e valida per il gruppo E delle qualificazioni al Mondiale del 2018. Ha aperto le marcature Lewandowski al 40' per la Polonia, pari di Mugosa al 62'. La rete della vittoria porta la firma di Piszczek all'81'.

00:22Mondiali 2018: Scozia-Slovenia 1-0

(ANSA) - ROMA, 26 MAR - La Scozia ha battuto 1-0 la Slovenia in una partita giocata a Glasgow e valida per il gruppo F delle qualificazioni al Mondiale del 2018. La rete è stata segnata da Martin all'88'.

00:13Mondiali 2018: Irlanda del Nord-Norvegia 2-0

(ANSA) - ROMA, 26 MAR - A Belfast l'Irlanda del Nord ha battuto 2-0 la Norvegia in una partita valida per il gruppo C delle qualificazioni ai mondiali di Russia 2018. Le reti sono state segnate da Ward al 2' e Washington al 32'.

23:28Calcio: Bari-Novara 0-0, pugliesi rallentano ancora

(ANSA) - BARI, 26 MAR - Il Bari, dopo la debacle di Trapani, rallenta ancora la sua marcia verso l'alta classifica pareggiando 0-0 con il Novara al San Nicola. Nonostante il sostegno dei 21mila sugli spalti, Floro Flores e Brienza non sono riusciti a scardinare l'ordinata difesa disposta da Boscaglia. Nella ripresa Floro Flores ha avuto due buone occasioni non concretizzate, mentre il Novara si è difeso con ordine. Nel finale c'è stato lo sterile forcing pugliese, ma l'innesto di Maniero per un attacco a due punte non ha accresciuto il potenziale balistico biancorosso e soprattutto non ha dato i risultati sperati. Il Bari sale a quota 47, mentre il Novara resta in scia con 46 punti.

22:32Ventenne pestato da branco ad Alatri, è morto a Roma

(ANSA) - ROMA, 26 MAR - E' morto stasera all'Umberto I di Roma il ventenne di Alatri pestato a sangue in piazza nella città in provincia di Frosinone. Lo si è appreso da fonti investigative. Emanuele Morganti non ce l'ha fatta dopo ore di agonia ed un intervento chirurgico. Era stato aggredito due notti fa da un gruppo di persone dopo una lite in un locale nel centro storico del comune frusinate per difendere la fidanzata. Il pm della procura di Frosinone ed i carabinieri stanno interrogando alcuni sospettati.

21:49Marine Le Pen, ‘l’Ue morirà, la gente non la vuole più’

(ANSA) - ROMA, 26 MAR - "L'Unione europea morirà perche' la gente non la vuole più". Ne è convinta Marine Le Pen, la candidata euroscettica alle presidenziali in Francia. Durante un comizio elettorale a Lille la leader del Front National ha rassicurato i suoi sostenitori che lasciare l'eurozona, come da lei proposto, "non trascinerebbe il Paese nel caos". "E' arrivato il tempo di sconfiggere i 'globalisti'. Il mio è un messaggio di libertà, emancipazione e liberazione", ha aggiunto Le Pen invitando "tutti i patrioti a riunirsi sotto la nostra bandiera".

Archivio Ultima ora