Milano-Sanremo: Sagan super, ma Kwiatkowski lo beffa

Pubblicato il 18 marzo 2017 da ansa

Michal Kwiatkowsky, Peter Sagan e Julian Alaphilippe su traguardo della Sanremo. Photo Dario Belingheri

MILANO. – Astuzia, gamba e sangue freddo. Nella vittoria di Michal Kwiatkowski alla 108/a edizione della Milano-Sanremo sono racchiusi tutti gli ingredienti contenuti nel ricettario del perfetto ciclista.

C’è la furbizia di sfruttare il lavoro di Sagan dal Poggio al traguardo, dosando le energie e limitandosi a dare al campione del mondo un solo breve cambio in discesa; c’è la condizione, perché resistere, seppur a fatica e grazie alla ricucitura di Alaphilippe, al micidiale attacco dello slovacco dopo 285 km di corsa è roba per pochi eletti; c’è poi una sana dose di fegato nell’evitare di farsi risucchiare nella trappola della volata lunga a rischio di perdere senza nemmeno giocarsela ma avendo così il guizzo in extremis per bruciare al millimetro il ben più veloce Sagan.

È la vittoria della strategia. Sagan è il fuoriclasse, Kwiatkowski è il cinismo. Sagan è il corridore contro cui tutti si alleano ad ogni corsa per non partire battuti, Kwiatkowski è invece buono per tutte le stagioni. Fa il gregario quando deve ma sa anche vincere da capitano. Va forte a cronometro e nelle corse di un giorno, nei percorsi vallonati e quando la strada si trasforma in insidioso pavé.

Così il palmares diventa ricco: un campionato del mondo (2014), una Amstel Gold Race (2015), una E3 Harelbeke (2016, proprio davanti a Sagan), due Strade Bianche (2013 e 2017) e ora la Sanremo. Non piange nemmeno, non si commuove mentre realizza di aver vinto la sua prima Monumento, quella che apre la stagione del grande ciclismo di Primavera. Tira dritto verso la fidanzata Agata per stamparle un bel bacio.

“Vincere la Milano-Sanremo è una sensazione incredibile”, le sue prime parole con ancora il fiatone. Ringrazia tutti da prassi perché il ciclismo è uno sport di squadra in cui vince l’individuo: il ritmo costante del suo Team Sky sull’attacco del Poggio evita scatti che restano sulle gambe. Poi parte Sagan e lui non ci pensa due volte, liberato dai compiti di gregariato dal capitano designato Viviani.

“Non mi aspettavo il suo attacco – aggiunge il polacco -, è partito mantenendo una velocità elevatissima. Non posso credere di averlo battuto”. E’ una sfida che va avanti da tempo immemore, quando i due si sfidavano da juniores con i segni del campione scritti nel dna.

Sagan dal canto suo non si può rimproverare nulla: ha annichilito i velocisti quando le medie orarie basse e una Cipressa affrontata al rallentatore sembravano condurre ad un epilogo in tonnara. Paga forse la troppa generosità, di aver portato il gruppo a tre a testa bassa fino al traguardo. “Sono abituato ai secondi posti ormai – si rammarica – ma ora mi aspettano altri obiettivi. È andata come è andata, è un peccato. Potevo fare qualcosa di diverso nel finale? I risultati non contano, importante è fare spettacolo per la gente”. Proverà a smaltire la delusione tra due settimane al Giro delle Fiandre.

Ultima ora

21:32Minacce a sindaco Empoli: in 400 a presidio con Barnini

(ANSA) - EMPOLI (FIRENZE), 20 GEN - Circa 400 persone hanno preso parte questo pomeriggio al presidio indetto a Empoli (Firenze) dal presidente del consiglio comunale Roberto Bagnoli in solidarietà al sindaco Brenda Barnini, oggetto di una missiva contenente due proiettili e minacce corredate da una svastica dopo che la città è stata insignita nei giorni scorsi della Medaglia d'oro per la Resistenza. Per l'occasione il monumento dell'Athena Nike in piazza della Vittoria, luogo scelto per la manifestazione, è stato illuminato con luci di colore rosso. Durante il presidio hanno preso la parola, oltre alla stessa Barnini, anche alcuni sindaci dell'Empolese e delle zone limitrofe ed esponenti politici locali. "Non è stato un attacco alla mia persona ma a una comunità - ha spiegato Brenda Barnini - Questa solidarietà però mi fa pensare che ci siano ancora gli anticorpi per combattere queste azioni". Proseguono intanto le indagini dei carabinieri per risalire all'autore del gesto minatorio.(ANSA).

21:28Venezia: denuncia turisti, 4 bistecche e frittura 1100 euro

(ANSA) - VENEZIA, 20 GEN - Quattro bistecche, poi frittura mista di pesce, acqua e servizio: totale 1100 euro. E' il conto da infarto che si sarebbero visti presentare in un'osteria di Venezia quattro turisti giapponesi, che avevano pranzato nel locale in zona Mercerie, vicino a San Marco. La disavventura è stata raccontata dalla guida giapponese che accompagnava i quattro - e che aveva mangiato in un altro locale - al portavoce della piattaforma civica 'Gruppo 25 Aprile', Marco Gasparinetti, che l'ha resa pubblica sui social. I turisti orientali, un gruppo di giovani universitari, hanno già lasciato Venezia per raggiungere Bologna e qui, secondo quanto sostiene Gasparinetti, avrebbe presentato denuncia su quanto accaduto loro nella città lagunare. Il gestore della trattoria, un egiziano, ha detto di non ricordare "di avere avuto problemi con clienti giapponesi in questi giorni".

21:17Di Battista, farò comizi ad Arcore, Rignano e Laterina

(ANSA) - PESCARA, 20 GEN - "Io il 1 febbraio parto in tour, farò un comizio ad Arcore, uno a Rignano sull'Arno e uno a Laterina, l'ultimo che farò. L'obiettivo, da non candidato è fare arrivare il più possibile consensi al M5S". Lo annuncia Alessandro Di Battista a margine del Villaggio Rousseau di Pescara. Le tre località sono rispettivamente legate a Silvio Berlusconi, Matteo Renzi e Maria Elena Boschi.

21:09Kosovo: presidente serbo a Mitrovica

(ANSAmed) - BELGRADO, 20 GEN - A pochi giorni dall'assassinio in Kosovo di Oliver Ivanovic, uno dei più autorevoli leader politici della minoranza serba, il presidente serbo Aleksandar Vucic si è recato oggi sul luogo dell'agguato nel settore nord (serbo) di Kosovska Mitrovica dove ha deposto una corona di fiori. Ivanovic, su posizioni moderate e concilianti, guidava un partito diverso da Srpska lista, la maggiore formazione politica dei serbi del Kosovo, legata a doppio filo al partito Sns di Vucic. Il presidente ha poi raggiunto l'Università dove ha incontrato le autorità locali e i leader politici delle varie comunità della minoranza serba in Kosovo. 'Serbia, Serbia' ha scandito a lungo la folla. Il presidente ha effettuato la visita in Kosovo per mostrare vicinanza alla popolazione serba, fortemente disorientata dopo l'assassinio di Ivanovic, freddato martedì scorso da sei colpi di arma da fuoco mentre si recava al lavoro. In precedenza Vucic era stato al monastero ortodosso di Banjska, accolto dal vescovo Teodosije.

20:39Quarantenne accoltellato a Napoli, 30 giorni di prognosi

(ANSA) - NAPOLI, 20 GEN - Un uomo di 40 anni è stato accoltellato vicino allo stadio San Paolo di Napoli, in piazza Gabriele d'Annunzio, da una persona che lo ha sorpreso alle spalle nei pressi di un chiosco. Secondo quanto rende noto la Questura la vittima dell'aggressione - che non è in pericolo di vita - è stata colpita quattro volte: ha ricevuto tre fendenti al dorso e uno al viso. É stato immediatamente soccorso e trasportato nel vicino ospedale San Paolo dove i sanitari lo hanno medicato e giudicato guaribile in 30 giorni. Sull'accaduto sono in corso indagini da parte della Polizia di Stato.

20:33Afghanistan: Kabul, hotel Intercontinetal sotto attacco

(ANSA) - ROMA, 20 GEN - Almeno quattro uomini armati hanno attaccato a Kabul l'hotel Intercontinental. Lo scrive la Bbc online precisando che gli assalitori hanno sparato contro gli ospiti dell'albergo. Dalle immagini che circolano sui social si vedono fiamme dall'hotel. Alcuni media parlano di vittime e ostaggi.

20:29Incidenti sci: due bambini fuori pista al Corno alle Scale

(ANSA) - BOLOGNA, 20 GEN - Due bambini di 8 e 10 anni che stavano sciando al Corno alle Scale, sull'Appennino Bolognese, sono rimasti feriti dopo essere finiti fuori pista, in un canalone, nei pressi della seggiovia della direttissima a quattro posti. Uno ha riportato traumi ad una gamba e al bacino, l'altro traumi facciali e interni. I bambini sono stati soccorsi accanto alla pista e caricati in elicottero d'urgenza. Una volta arrivati all'ospedale Maggiore di Bologna i medici li hanno visitati e le loro condizioni sono state giudicate di "media gravità". I soccorsi sono scattati immediatamente e sul posto è arrivato il 118, con un'ambulanza e due elicotteri. All'intervento hanno partecipato anche gli uomini del soccorso alpino dell'Emilia-Romagna, stazione del Corno alle Scale. (ANSA).

Archivio Ultima ora