Milano-Sanremo: Sagan super, ma Kwiatkowski lo beffa

Pubblicato il 18 marzo 2017 da ansa

Michal Kwiatkowsky, Peter Sagan e Julian Alaphilippe su traguardo della Sanremo. Photo Dario Belingheri

MILANO. – Astuzia, gamba e sangue freddo. Nella vittoria di Michal Kwiatkowski alla 108/a edizione della Milano-Sanremo sono racchiusi tutti gli ingredienti contenuti nel ricettario del perfetto ciclista.

C’è la furbizia di sfruttare il lavoro di Sagan dal Poggio al traguardo, dosando le energie e limitandosi a dare al campione del mondo un solo breve cambio in discesa; c’è la condizione, perché resistere, seppur a fatica e grazie alla ricucitura di Alaphilippe, al micidiale attacco dello slovacco dopo 285 km di corsa è roba per pochi eletti; c’è poi una sana dose di fegato nell’evitare di farsi risucchiare nella trappola della volata lunga a rischio di perdere senza nemmeno giocarsela ma avendo così il guizzo in extremis per bruciare al millimetro il ben più veloce Sagan.

È la vittoria della strategia. Sagan è il fuoriclasse, Kwiatkowski è il cinismo. Sagan è il corridore contro cui tutti si alleano ad ogni corsa per non partire battuti, Kwiatkowski è invece buono per tutte le stagioni. Fa il gregario quando deve ma sa anche vincere da capitano. Va forte a cronometro e nelle corse di un giorno, nei percorsi vallonati e quando la strada si trasforma in insidioso pavé.

Così il palmares diventa ricco: un campionato del mondo (2014), una Amstel Gold Race (2015), una E3 Harelbeke (2016, proprio davanti a Sagan), due Strade Bianche (2013 e 2017) e ora la Sanremo. Non piange nemmeno, non si commuove mentre realizza di aver vinto la sua prima Monumento, quella che apre la stagione del grande ciclismo di Primavera. Tira dritto verso la fidanzata Agata per stamparle un bel bacio.

“Vincere la Milano-Sanremo è una sensazione incredibile”, le sue prime parole con ancora il fiatone. Ringrazia tutti da prassi perché il ciclismo è uno sport di squadra in cui vince l’individuo: il ritmo costante del suo Team Sky sull’attacco del Poggio evita scatti che restano sulle gambe. Poi parte Sagan e lui non ci pensa due volte, liberato dai compiti di gregariato dal capitano designato Viviani.

“Non mi aspettavo il suo attacco – aggiunge il polacco -, è partito mantenendo una velocità elevatissima. Non posso credere di averlo battuto”. E’ una sfida che va avanti da tempo immemore, quando i due si sfidavano da juniores con i segni del campione scritti nel dna.

Sagan dal canto suo non si può rimproverare nulla: ha annichilito i velocisti quando le medie orarie basse e una Cipressa affrontata al rallentatore sembravano condurre ad un epilogo in tonnara. Paga forse la troppa generosità, di aver portato il gruppo a tre a testa bassa fino al traguardo. “Sono abituato ai secondi posti ormai – si rammarica – ma ora mi aspettano altri obiettivi. È andata come è andata, è un peccato. Potevo fare qualcosa di diverso nel finale? I risultati non contano, importante è fare spettacolo per la gente”. Proverà a smaltire la delusione tra due settimane al Giro delle Fiandre.

Ultima ora

14:28Nuoto: Paltrinieri, record nei 1500 sl? Ci credo

(ANSA) - ROMA, 23 GIU - "Io il record me lo sento da anni, quindi è questione di tempo. Nei 1500 credo di avere ancora tante cose da migliorare, io ci credo anche se non ci penso così tanto. La priorità oggi è continuare a vincere ed essere più forte degli altri". Lo dice il campione olimpico dei 1500 sl Gregorio Paltrinieri, a margine della presentazione di Energy for Swim, una mission benefica a favore dei bambini che l'8 e 9 agosto porterà nella Capitale le nazionali di Usa, Australia e Italia e la selezione Energy Standard Team. La conferenza è avvenuta in concomitanza con la prima giornata del trofeo internazionale Settecolli in cui il nuotatore di Carpi competerà domani nei 1500: "Questo test del Settecolli è importante per provare la tensione di gara con a leti forti. Non sono al 100% ma voglio testarmi, sta andando tutto bene, non vedo l'ora di andare a Budapest", ha confessato l'azzurro che ai mondiali di farà 800 e 1500 per "difendere le medaglie che vinsi nel 2015 e riconfermarmi ai massimi livelli".

14:28Berlusconi, Grillo aveva vizio farsi pagare in nero

(ANSA) - ROMA, 23 GIU - "I Cinque Stelle non hanno né arte né parte. Un movimento che cambia idea su tutto. Beppe Grillo? Un buon comico, col vizio di farsi pagare in nero, circondato di persone che non hanno mai fatto niente, i veri professionisti della politica: gente che prima delle elezioni non faceva niente". E' quanto ha dichiarato Silvio Berlusconi a L'Aria che tira su La7. E sul sindaco di Roma Virginia Raggi ha aggiunto: "Se ne freghi delle inchieste, basta con le inchieste che buttano per aria le decisioni degli elettori. Semmai dovrebbe lasciare per incapacità".

14:26Berlusconi, in governo Salvini a Interni, Montezemolo Esteri

(ANSA) - ROMA, 23 GIU - "Montezemolo ministro. Salvini agli Interni farebbe certamente meglio di Alfano, ma può andare dove vuole lui. Uno che mi è sempre piaciuto è Montezemolo, agli Esteri sarebbe perfetto. E vorrei recuperare il nostro Frattini. Ma siamo pieni di ottime persone, leali, pronte a servire il Paese". E’ quanto ha dichiarato Silvio Berlusconi, immaginando un suo futuro governo di centrodestra, in un’intervista a L’Aria che tira. "Alfano? Difficile che chi è stato ministro tre volte con la sinistra torni con noi", ha aggiunto.

14:23Golf: watergolf a Milano, alla Darsena 5 postazioni tiro

(ANSA) - ROMA, 23 GIU - Golf in citta', alla Darsena di Milano. Al via la prima edizione del The Watergolf Challenge, ideato e organizzato da "Bel Vivere" e Parking Srl, in collaborazione con la Regione Lombardia, che vuole portare il golf in città. L'evento gratuito e aperto a tutti, giovani e famiglie, mira a coinvolgere circa 30.000 persone in 3 giorni di puro intrattenimento. Un pontile con 5 postazioni di tiro permetteranno a chiunque, assistito da un professionista della Pga Italiana, di cimentarsi nel raggiungere le 3 buche galleggianti (isole, delle dimensioni di 2,5 metri per 3 metri), realizzate direttamente sull'acqua della Darsena, rispettivamente a circa 20, 40 e 50 metri di lontananza. Un putting green di 8 metri per 4 metri e due gonfiabili di 20 metri quadrati saranno dedicati ad una vera e propria prova al golf aperta a tutti: in tutte le aree di gioco saranno presenti i professionisti della PGA Italiana, disponibili a dispensare consigli, indicazioni e magari a mostrare qualche "trucco del mestiere".

14:09Migranti: due fermati per sbarco Crotone, sarebbero scafisti

(ANSA) - CROTONE, 23 GIU - Due persone di nazionalità ucraina, Oleksandr Kushnir, di 24 anni, e Oleksii Furman, di 30, sono state fermate dalla Squadra mobile di Crotone con l'accusa di essere stati gli scafisti dell'imbarcazione a vela con a bordo 72 migranti intercettata e soccorsa ieri in acque internazionali da due motovedette della Guardia costiera. Dalle indagini é emerso che i due ucraini sarebbero stati coloro che avrebbero materialmente governato l'imbarcazione. Anche perchè i due sono stati notati, nel momento in cui il natante é stato intercettato, mentre si trovavano nella cabina di pilotaggio del natante. L'accusa a carico di Kushnir e Furman si basa anche sulle testimonianze di alcuni dei migranti che erano a bordo dell'imbarcazione, salpata cinque giorni prima da un porto della Turchia. Ciascun migrante avrebbe pagato per il viaggio ai componenti dell'organizzazione circa seimila dollari. (ANSA).

14:08Auto a fuoco in autostrada A4, traffico bloccato a Gonars

(ANSA) - TRIESTE, 23 GIU - Un'auto ha preso fuoco stamani sull'autostrada A4 Venezia-Trieste, in direzione Trieste, subito dopo l'area di servizio di Gonars (Udine). Sul posto sono intervenuti i Vigili del Fuoco e il personale di Autovie Venete, la società che gestisce l'autostrada, e la pattuglia della Polizia Stradale che ha bloccato il traffico. Si sono formati oltre cinque i chilometri di coda in direzione Trieste e si registrano rallentamenti, in direzione Venezia, per curiosi. Autovie Venete consiglia di uscire a Latisana (Udine) per procedere in direzione Trieste.

14:07Gb: sondaggio, Corbyn preferito a May come premier

(ANSA) - LONDRA, 23 GIU - Per la prima volta in un sondaggio il leader laburista Jeremy Corbyn è preferito come possibile premier al primo ministro conservatore, Theresa May. E' quanto emerge da una rilevazione di YouGov, che vede la popolarità del capo dell'opposizione al 35% contro il 34% di quella della leader Tory. La notizia è un altro brutto colpo per May che già deve affrontare i problemi seguiti all'insuccesso elettorale e le difficoltà a siglare un accordo di governo con gli unionisti nordirlandesi del Dup.

Archivio Ultima ora