Trump gioca duro al G20, pressing anche su Draghi

Pubblicato il 18 marzo 2017 da ansa

ROMA. – Se l’Europa è delusa perché scompare l’impegno del G20 contro il protezionismo, gli Usa di Trump tirano dritto: è ‘America First’ sul fronte commerciale, dei tassi di cambio e dell’ambiente. Resta poco chiaro se l’amministrazione Usa – alla sua prima uscita al G20 – sia davvero in grado di andare avanti con la sua ‘border tax’ e se i partner che Washington ha messo nel mirino, Cina e Germania, faranno resistenza al Wto con la possibilità di un contenzioso.

Ma visto che Trump deve portare a casa dei risultati “per i lavoratori americani”, come ripete continuamente, nei prossimi anni la posizione commerciale degli Usa rimarrà terreno di scontro: “la border tax ha il sostegno della Camera ma non del Senato e dunque non sono sicuro che passerà”, dice all’ANSA Patrick Mulloy, già membro della commissione Usa-China che si occupa di economia e sicurezza e professore alla George Mason University considerato un’autorità a Washington sul commercio estero.

Ma “Trump ha politicamente bisogno di ridurre i nostri deficit commerciali e dunque mi aspetto che non si torni indietro alle prassi precedenti la sua elezione: sarà un terreno di scontro”. Preparatevi al braccio di ferro, dunque, che passerà anche attraverso il cambio del dollaro. Con la Banca centrale europea che potrebbe finire sotto ulteriore pressione per una normalizzazione monetaria che pone un sacco di problemi, in Europa e in Italia.

“C’è la Germania che spinge per dare una stretta monetaria, c’è la Fed che alzerà i tassi altre due volte quest’anno creando un differenziale con l’Eurozona che non può superare un certo livello. E ora c’è la pressione dell’amministrazione Usa, che a Berlino torna utile per dire che i tassi vanno alzati e gli acquisti di debito devono rientrare” facendo così apprezzare l’euro, spiega Alberto Forchielli, partner fondatore del fondo Mandarin ed economista esperto di commercio internazionale.

Era dal 2005 che il comunicato finale del G20 non citava l’impegno almeno a “evitare” il protezionismo. Trump è riuscito a infrangere il tabù: a Baden Baden il documento, frutto di infinite limature e mercanteggiamenti, sul commercio mondiale si limita a uno striminzito “lavoriamo per rafforzare il ruolo del commercio nelle nostre economie”. Mnuchin, il suo segretario al Tesoro, ha ribadito che Washington vuole un commercio “libero” ma anche “equo” e “bilanciato”.

Al pari del commercio, una doccia fredda per l’Europa è anche il mancato riferimento del G20 al cambiamento climatico e al trattato di Parigi. Come spiega Forchielli, la stessa amministrazione Trump non è granitica sul tema: da una parte i ‘falchi’ di Trump, Steve Bannon e Peter Navarro, dall’altra quelli che invitano alla cautela e temono gli effetti disastrosi di una guerra commerciale: lo stesso Mnuchin e Gary Cohn, direttore del National Economic Council.

Nessuno sa esattamente come finirà la partita. Ma la freddezza del vertice Trump-Merkel e la quasi rottura al G20 sul commercio, evitata sostanzialmente glissando sul protezionismo, segnalano che Trump intende giocare duro. Lo farà anche sul deficit commerciale e sul dollaro, a suo dire sopravvalutato.

Per Forchielli, al telefono da Bangkok, la mossa al G20 (“hanno fatto molto più in fretta di quanto immaginassi”) può aprire un varco per far passare la border tax, ridimensionare l’Organizzazione mondiale del commercio e cercare di imperniare la politica commerciale sui trattati bilaterali. Non è una partita che si risolve in pochi mesi e l’amministrazione Trump fra due anni sarà di nuovo in campagna elettorale. Nel frattempo la pressione potrebbe scaricarsi sui tassi di cambio.

(di Domenico Conti/ANSA)

Ultima ora

14:28Nuoto: Paltrinieri, record nei 1500 sl? Ci credo

(ANSA) - ROMA, 23 GIU - "Io il record me lo sento da anni, quindi è questione di tempo. Nei 1500 credo di avere ancora tante cose da migliorare, io ci credo anche se non ci penso così tanto. La priorità oggi è continuare a vincere ed essere più forte degli altri". Lo dice il campione olimpico dei 1500 sl Gregorio Paltrinieri, a margine della presentazione di Energy for Swim, una mission benefica a favore dei bambini che l'8 e 9 agosto porterà nella Capitale le nazionali di Usa, Australia e Italia e la selezione Energy Standard Team. La conferenza è avvenuta in concomitanza con la prima giornata del trofeo internazionale Settecolli in cui il nuotatore di Carpi competerà domani nei 1500: "Questo test del Settecolli è importante per provare la tensione di gara con a leti forti. Non sono al 100% ma voglio testarmi, sta andando tutto bene, non vedo l'ora di andare a Budapest", ha confessato l'azzurro che ai mondiali di farà 800 e 1500 per "difendere le medaglie che vinsi nel 2015 e riconfermarmi ai massimi livelli".

14:28Berlusconi, Grillo aveva vizio farsi pagare in nero

(ANSA) - ROMA, 23 GIU - "I Cinque Stelle non hanno né arte né parte. Un movimento che cambia idea su tutto. Beppe Grillo? Un buon comico, col vizio di farsi pagare in nero, circondato di persone che non hanno mai fatto niente, i veri professionisti della politica: gente che prima delle elezioni non faceva niente". E' quanto ha dichiarato Silvio Berlusconi a L'Aria che tira su La7. E sul sindaco di Roma Virginia Raggi ha aggiunto: "Se ne freghi delle inchieste, basta con le inchieste che buttano per aria le decisioni degli elettori. Semmai dovrebbe lasciare per incapacità".

14:26Berlusconi, in governo Salvini a Interni, Montezemolo Esteri

(ANSA) - ROMA, 23 GIU - "Montezemolo ministro. Salvini agli Interni farebbe certamente meglio di Alfano, ma può andare dove vuole lui. Uno che mi è sempre piaciuto è Montezemolo, agli Esteri sarebbe perfetto. E vorrei recuperare il nostro Frattini. Ma siamo pieni di ottime persone, leali, pronte a servire il Paese". E’ quanto ha dichiarato Silvio Berlusconi, immaginando un suo futuro governo di centrodestra, in un’intervista a L’Aria che tira. "Alfano? Difficile che chi è stato ministro tre volte con la sinistra torni con noi", ha aggiunto.

14:23Golf: watergolf a Milano, alla Darsena 5 postazioni tiro

(ANSA) - ROMA, 23 GIU - Golf in citta', alla Darsena di Milano. Al via la prima edizione del The Watergolf Challenge, ideato e organizzato da "Bel Vivere" e Parking Srl, in collaborazione con la Regione Lombardia, che vuole portare il golf in città. L'evento gratuito e aperto a tutti, giovani e famiglie, mira a coinvolgere circa 30.000 persone in 3 giorni di puro intrattenimento. Un pontile con 5 postazioni di tiro permetteranno a chiunque, assistito da un professionista della Pga Italiana, di cimentarsi nel raggiungere le 3 buche galleggianti (isole, delle dimensioni di 2,5 metri per 3 metri), realizzate direttamente sull'acqua della Darsena, rispettivamente a circa 20, 40 e 50 metri di lontananza. Un putting green di 8 metri per 4 metri e due gonfiabili di 20 metri quadrati saranno dedicati ad una vera e propria prova al golf aperta a tutti: in tutte le aree di gioco saranno presenti i professionisti della PGA Italiana, disponibili a dispensare consigli, indicazioni e magari a mostrare qualche "trucco del mestiere".

14:09Migranti: due fermati per sbarco Crotone, sarebbero scafisti

(ANSA) - CROTONE, 23 GIU - Due persone di nazionalità ucraina, Oleksandr Kushnir, di 24 anni, e Oleksii Furman, di 30, sono state fermate dalla Squadra mobile di Crotone con l'accusa di essere stati gli scafisti dell'imbarcazione a vela con a bordo 72 migranti intercettata e soccorsa ieri in acque internazionali da due motovedette della Guardia costiera. Dalle indagini é emerso che i due ucraini sarebbero stati coloro che avrebbero materialmente governato l'imbarcazione. Anche perchè i due sono stati notati, nel momento in cui il natante é stato intercettato, mentre si trovavano nella cabina di pilotaggio del natante. L'accusa a carico di Kushnir e Furman si basa anche sulle testimonianze di alcuni dei migranti che erano a bordo dell'imbarcazione, salpata cinque giorni prima da un porto della Turchia. Ciascun migrante avrebbe pagato per il viaggio ai componenti dell'organizzazione circa seimila dollari. (ANSA).

14:08Auto a fuoco in autostrada A4, traffico bloccato a Gonars

(ANSA) - TRIESTE, 23 GIU - Un'auto ha preso fuoco stamani sull'autostrada A4 Venezia-Trieste, in direzione Trieste, subito dopo l'area di servizio di Gonars (Udine). Sul posto sono intervenuti i Vigili del Fuoco e il personale di Autovie Venete, la società che gestisce l'autostrada, e la pattuglia della Polizia Stradale che ha bloccato il traffico. Si sono formati oltre cinque i chilometri di coda in direzione Trieste e si registrano rallentamenti, in direzione Venezia, per curiosi. Autovie Venete consiglia di uscire a Latisana (Udine) per procedere in direzione Trieste.

14:07Gb: sondaggio, Corbyn preferito a May come premier

(ANSA) - LONDRA, 23 GIU - Per la prima volta in un sondaggio il leader laburista Jeremy Corbyn è preferito come possibile premier al primo ministro conservatore, Theresa May. E' quanto emerge da una rilevazione di YouGov, che vede la popolarità del capo dell'opposizione al 35% contro il 34% di quella della leader Tory. La notizia è un altro brutto colpo per May che già deve affrontare i problemi seguiti all'insuccesso elettorale e le difficoltà a siglare un accordo di governo con gli unionisti nordirlandesi del Dup.

Archivio Ultima ora