Trump gioca duro al G20, pressing anche su Draghi

Pubblicato il 18 marzo 2017 da ansa

ROMA. – Se l’Europa è delusa perché scompare l’impegno del G20 contro il protezionismo, gli Usa di Trump tirano dritto: è ‘America First’ sul fronte commerciale, dei tassi di cambio e dell’ambiente. Resta poco chiaro se l’amministrazione Usa – alla sua prima uscita al G20 – sia davvero in grado di andare avanti con la sua ‘border tax’ e se i partner che Washington ha messo nel mirino, Cina e Germania, faranno resistenza al Wto con la possibilità di un contenzioso.

Ma visto che Trump deve portare a casa dei risultati “per i lavoratori americani”, come ripete continuamente, nei prossimi anni la posizione commerciale degli Usa rimarrà terreno di scontro: “la border tax ha il sostegno della Camera ma non del Senato e dunque non sono sicuro che passerà”, dice all’ANSA Patrick Mulloy, già membro della commissione Usa-China che si occupa di economia e sicurezza e professore alla George Mason University considerato un’autorità a Washington sul commercio estero.

Ma “Trump ha politicamente bisogno di ridurre i nostri deficit commerciali e dunque mi aspetto che non si torni indietro alle prassi precedenti la sua elezione: sarà un terreno di scontro”. Preparatevi al braccio di ferro, dunque, che passerà anche attraverso il cambio del dollaro. Con la Banca centrale europea che potrebbe finire sotto ulteriore pressione per una normalizzazione monetaria che pone un sacco di problemi, in Europa e in Italia.

“C’è la Germania che spinge per dare una stretta monetaria, c’è la Fed che alzerà i tassi altre due volte quest’anno creando un differenziale con l’Eurozona che non può superare un certo livello. E ora c’è la pressione dell’amministrazione Usa, che a Berlino torna utile per dire che i tassi vanno alzati e gli acquisti di debito devono rientrare” facendo così apprezzare l’euro, spiega Alberto Forchielli, partner fondatore del fondo Mandarin ed economista esperto di commercio internazionale.

Era dal 2005 che il comunicato finale del G20 non citava l’impegno almeno a “evitare” il protezionismo. Trump è riuscito a infrangere il tabù: a Baden Baden il documento, frutto di infinite limature e mercanteggiamenti, sul commercio mondiale si limita a uno striminzito “lavoriamo per rafforzare il ruolo del commercio nelle nostre economie”. Mnuchin, il suo segretario al Tesoro, ha ribadito che Washington vuole un commercio “libero” ma anche “equo” e “bilanciato”.

Al pari del commercio, una doccia fredda per l’Europa è anche il mancato riferimento del G20 al cambiamento climatico e al trattato di Parigi. Come spiega Forchielli, la stessa amministrazione Trump non è granitica sul tema: da una parte i ‘falchi’ di Trump, Steve Bannon e Peter Navarro, dall’altra quelli che invitano alla cautela e temono gli effetti disastrosi di una guerra commerciale: lo stesso Mnuchin e Gary Cohn, direttore del National Economic Council.

Nessuno sa esattamente come finirà la partita. Ma la freddezza del vertice Trump-Merkel e la quasi rottura al G20 sul commercio, evitata sostanzialmente glissando sul protezionismo, segnalano che Trump intende giocare duro. Lo farà anche sul deficit commerciale e sul dollaro, a suo dire sopravvalutato.

Per Forchielli, al telefono da Bangkok, la mossa al G20 (“hanno fatto molto più in fretta di quanto immaginassi”) può aprire un varco per far passare la border tax, ridimensionare l’Organizzazione mondiale del commercio e cercare di imperniare la politica commerciale sui trattati bilaterali. Non è una partita che si risolve in pochi mesi e l’amministrazione Trump fra due anni sarà di nuovo in campagna elettorale. Nel frattempo la pressione potrebbe scaricarsi sui tassi di cambio.

(di Domenico Conti/ANSA)

Ultima ora

01:09Venezuela annuncia la sua uscita dall’Osa

(ANSA) - CARACAS, 27 APR - La ministra degli Esteri del Venezuela Delcy Rodriguez ha annunciato oggi il ritiro dall'Organizzazione degli Stati Americani (Osa), dopo la convocazione di un vertice dei ministri degli esteri dell'organismo regionale per discutere la crisi a Caracas. "L'Osa ha insistito con le sue azioni intrusive contro la sovranità della nostra patria e dunque procederemo a ritirarci da questa organizzazione", ha detto Rodriguez, aggiungendo che "la nostra dottrina storica è segnata dalla diplomazia bolivariana della pace, e questo non c'entra niente con l'Osa". Sono salite a 28 le vittime delle proteste in corso nel paese.

00:20Calcio: Premier, Tottenham vince, rimane in scia Chelsea

(ANSA) - LONDRA, 26 APR - E' finito bene per il Tottenham di Mauricio Pochettino il derby londinese sul campo di un agguerrito Crystal Palace. Quando tutti gli attacchi degli Spurs si stavano rivelando inutili, al 32' è arrivato il colpo vincente di Eriksen, che con un bel destro da fuori area ha segnato il gol dell'1-0 che consente al Tottenham di rimanere in scia dei 'cugini' del Chelsea, primi nella Premier con +4 (78 punti contro 74) sui rivali. Negli altri posticipi di oggi del campionato inglese, successo di misura (1-0) dell'Arsenal sul Leicester e del Middlesbrough sul Sunderland.

00:12Calcio:Coppa Francia,Monaco schiera riserve,Psg lo surclassa

(ANSA) - PARIGI, 26 APR - Il Monaco semifinalista in Champions (tra una settimana c'è la sfida con la Juventus) e in piena corsa per il titolo della Ligue 1, preferisce lasciar perdere la Coppa nazionale. Così il tecnico Leonardo Jardim manda in campo nella semifinale contro il Paris SG una squadra imbottita di ragazzi delle giovanili e con i veterani italiani De Sanctis e Raggi. Il risultato è che i parigini travolgono i rivali con un 5-0 che li proietta in finale contro l'Angers. Di Draxler, Cavani, Matuidi e Marquinhos le reti del PSG, a cui va aggiunto l'autogol di Mbae.

00:04Calcio:Spagna,Barcellona e Real Madrid a valanga,13 gol in 2

(ANSA) - BARCELLONA, 26 APR - Dopo lo scontro diretto nel 'Clasico', targato Messi, il campionato spagnolo continua ad essere nel segno di Barcellona e Real Madrid e dei rispettivi, larghi, successi. Così è stato anche nelle partite di questo 34/o turno della Liga. Il Barcellona ha ricevuto al Camp Nou la visita dell'Osasuna, travolgendo per 7-1 il team basco, già indebolito dalle numerose assenze. Bellissima la coreografia del pubblico per i 500 gol di Messi, che ha ripagato il pubblico con una doppietta. A segno due volte anche Andrè Gomes e Paco Alcacer, mentre Mascherano ha segnato su rigore. Travolgente anche il Real Madrid, sul campo di un Deportivo La Coruna distratto in difesa e privo dei vari Kroos, Keylor Navas, Benzema, Carvajal, Cristiano Ronaldo e Modric per via del turn-over: è finita 6-2, con Morata in gol dopo 53 secondi. Al 14' ha raddoppiato James Rodriguez, poi sono arrivate le marcature di Lucas Vazquez, ancora James, Isco e Casemiro. Ora Real e Barcellona sono al comando, con 78 punti e +10 sull'Atletico Madrid.

23:41Ascoltare i suoni di Manhattan nel 17.o secolo

(ANSA) - NEW YORK, 26 APR - Prima della colonizzazione, la natura a Manhattan era così rigogliosa che l'isola di New York poteva diventare "la gloria dei parchi nazionali americani": parola di Eric W. Sanderson della Wildlife Conservation Society. Ora, grazie al progetto Calling Thunder, si può entrare nella Manhattan del 17/mo secolo sentendo i suoni della natura, disponibili sul sito Unsung.NYC, dove vengono contrapposti al frastuono del 21/mo secolo, dando vita ad un ponte uditivo che attraversa 400 anni. Il progetto è basato sul lavoro di Sanderson e Markley Boyer, che hanno creato visualizzazioni del paesaggio di Manhattan nel 1609, allora conosciuta come Mannahatta, "l'isola dalle molte colline". Immagini messe al fianco della metropoli di oggi, dove al posto di colline e ruscelli ci sono da grattacieli e tunnel della metropolitana, e invece degli aceri rossi i pannelli luminosi di Times Square.

23:33Aste: diario JFK venduto a 781mila dlr

(ANSA) - NEW YORK, 26 APR - Un diario scritto da John Fitzgerald Kennedy in Europa dopo la Seconda Guerra Mondiale durante la sua breve carriera da giornalista è stato venduto per 718mila dollari. Secondo la casa d'arte di Boston RR Auction era stimato 200mila dollari. Una vendita ben oltre le aspettative quindi. L'acquirente è un collezionista di Beverly Hills dell'ex presidente americano. Kennedy tenne il diario nel 1945, all'epoca aveva 28 anni e lavorava come corrisponde per il gruppo Hearst. All'interno sono contenuti suoi pensieri personali sui leader mondiali nonché sul futuro delle Nazioni Unite. Il diario di 61 pagine fu dato dallo stesso Kennedy a Deirdre Henderson, un'assistente del suo ufficio durante la campagna presidenziale alla fine degli anni '50.

23:32Calcio:Coppa Germania,Bayern eliminato,Borussia lo batte 2-3

(ANSA) - MONACO, 26 APR - E' il Borussia Dortmund la seconda finalista della Coppa di Germania. I gialloneri di Tuchel hanno compiuto l'impresa di vincere, per 3-2, in casa del Bayern Monaco, eliminando la squadra di Ancelotti. Ora, per il trofeo nazionale, giocheranno la finale contro l'Eintracht Francoforte il 27 maggio a Berlino. Il Borussia è andato in vantaggio al 19' con Reus, poi il Bayern ha capovolto la situazione segnando con Javi Martinez e Hummels. Nella ripresa è salito alla ribalta Dembelé, 20 anni il 15 maggio, inseguito a lungo dalla Roma in sede di mercato: il francese prima ha servito l'assist vincente per il colpo di testa con cui Aubameyang ha realizzato il 2-2, poi ha segnato la rete della vittoria del Borussia con un gran sinistro all'incrocio dei pali.

Archivio Ultima ora