Trump gioca duro al G20, pressing anche su Draghi

Pubblicato il 18 marzo 2017 da ansa

ROMA. – Se l’Europa è delusa perché scompare l’impegno del G20 contro il protezionismo, gli Usa di Trump tirano dritto: è ‘America First’ sul fronte commerciale, dei tassi di cambio e dell’ambiente. Resta poco chiaro se l’amministrazione Usa – alla sua prima uscita al G20 – sia davvero in grado di andare avanti con la sua ‘border tax’ e se i partner che Washington ha messo nel mirino, Cina e Germania, faranno resistenza al Wto con la possibilità di un contenzioso.

Ma visto che Trump deve portare a casa dei risultati “per i lavoratori americani”, come ripete continuamente, nei prossimi anni la posizione commerciale degli Usa rimarrà terreno di scontro: “la border tax ha il sostegno della Camera ma non del Senato e dunque non sono sicuro che passerà”, dice all’ANSA Patrick Mulloy, già membro della commissione Usa-China che si occupa di economia e sicurezza e professore alla George Mason University considerato un’autorità a Washington sul commercio estero.

Ma “Trump ha politicamente bisogno di ridurre i nostri deficit commerciali e dunque mi aspetto che non si torni indietro alle prassi precedenti la sua elezione: sarà un terreno di scontro”. Preparatevi al braccio di ferro, dunque, che passerà anche attraverso il cambio del dollaro. Con la Banca centrale europea che potrebbe finire sotto ulteriore pressione per una normalizzazione monetaria che pone un sacco di problemi, in Europa e in Italia.

“C’è la Germania che spinge per dare una stretta monetaria, c’è la Fed che alzerà i tassi altre due volte quest’anno creando un differenziale con l’Eurozona che non può superare un certo livello. E ora c’è la pressione dell’amministrazione Usa, che a Berlino torna utile per dire che i tassi vanno alzati e gli acquisti di debito devono rientrare” facendo così apprezzare l’euro, spiega Alberto Forchielli, partner fondatore del fondo Mandarin ed economista esperto di commercio internazionale.

Era dal 2005 che il comunicato finale del G20 non citava l’impegno almeno a “evitare” il protezionismo. Trump è riuscito a infrangere il tabù: a Baden Baden il documento, frutto di infinite limature e mercanteggiamenti, sul commercio mondiale si limita a uno striminzito “lavoriamo per rafforzare il ruolo del commercio nelle nostre economie”. Mnuchin, il suo segretario al Tesoro, ha ribadito che Washington vuole un commercio “libero” ma anche “equo” e “bilanciato”.

Al pari del commercio, una doccia fredda per l’Europa è anche il mancato riferimento del G20 al cambiamento climatico e al trattato di Parigi. Come spiega Forchielli, la stessa amministrazione Trump non è granitica sul tema: da una parte i ‘falchi’ di Trump, Steve Bannon e Peter Navarro, dall’altra quelli che invitano alla cautela e temono gli effetti disastrosi di una guerra commerciale: lo stesso Mnuchin e Gary Cohn, direttore del National Economic Council.

Nessuno sa esattamente come finirà la partita. Ma la freddezza del vertice Trump-Merkel e la quasi rottura al G20 sul commercio, evitata sostanzialmente glissando sul protezionismo, segnalano che Trump intende giocare duro. Lo farà anche sul deficit commerciale e sul dollaro, a suo dire sopravvalutato.

Per Forchielli, al telefono da Bangkok, la mossa al G20 (“hanno fatto molto più in fretta di quanto immaginassi”) può aprire un varco per far passare la border tax, ridimensionare l’Organizzazione mondiale del commercio e cercare di imperniare la politica commerciale sui trattati bilaterali. Non è una partita che si risolve in pochi mesi e l’amministrazione Trump fra due anni sarà di nuovo in campagna elettorale. Nel frattempo la pressione potrebbe scaricarsi sui tassi di cambio.

(di Domenico Conti/ANSA)

Ultima ora

21:28Venezia: denuncia turisti, 4 bistecche e frittura 1100 euro

(ANSA) - VENEZIA, 20 GEN - Quattro bistecche, poi frittura mista di pesce, acqua e servizio: totale 1100 euro. E' il conto da infarto che si sarebbero visti presentare in un'osteria di Venezia quattro turisti giapponesi, che avevano pranzato nel locale in zona Mercerie, vicino a San Marco. La disavventura è stata raccontata dalla guida giapponese che accompagnava i quattro - e che aveva mangiato in un altro locale - al portavoce della piattaforma civica 'Gruppo 25 Aprile', Marco Gasparinetti, che l'ha resa pubblica sui social. I turisti orientali, un gruppo di giovani universitari, hanno già lasciato Venezia per raggiungere Bologna e qui, secondo quanto sostiene Gasparinetti, avrebbe presentato denuncia su quanto accaduto loro nella città lagunare. Il gestore della trattoria, un egiziano, ha detto di non ricordare "di avere avuto problemi con clienti giapponesi in questi giorni".

21:17Di Battista, farò comizi ad Arcore, Rignano e Laterina

(ANSA) - PESCARA, 20 GEN - "Io il 1 febbraio parto in tour, farò un comizio ad Arcore, uno a Rignano sull'Arno e uno a Laterina, l'ultimo che farò. L'obiettivo, da non candidato è fare arrivare il più possibile consensi al M5S". Lo annuncia Alessandro Di Battista a margine del Villaggio Rousseau di Pescara. Le tre località sono rispettivamente legate a Silvio Berlusconi, Matteo Renzi e Maria Elena Boschi.

21:09Kosovo: presidente serbo a Mitrovica

(ANSAmed) - BELGRADO, 20 GEN - A pochi giorni dall'assassinio in Kosovo di Oliver Ivanovic, uno dei più autorevoli leader politici della minoranza serba, il presidente serbo Aleksandar Vucic si è recato oggi sul luogo dell'agguato nel settore nord (serbo) di Kosovska Mitrovica dove ha deposto una corona di fiori. Ivanovic, su posizioni moderate e concilianti, guidava un partito diverso da Srpska lista, la maggiore formazione politica dei serbi del Kosovo, legata a doppio filo al partito Sns di Vucic. Il presidente ha poi raggiunto l'Università dove ha incontrato le autorità locali e i leader politici delle varie comunità della minoranza serba in Kosovo. 'Serbia, Serbia' ha scandito a lungo la folla. Il presidente ha effettuato la visita in Kosovo per mostrare vicinanza alla popolazione serba, fortemente disorientata dopo l'assassinio di Ivanovic, freddato martedì scorso da sei colpi di arma da fuoco mentre si recava al lavoro. In precedenza Vucic era stato al monastero ortodosso di Banjska, accolto dal vescovo Teodosije.

20:39Quarantenne accoltellato a Napoli, 30 giorni di prognosi

(ANSA) - NAPOLI, 20 GEN - Un uomo di 40 anni è stato accoltellato vicino allo stadio San Paolo di Napoli, in piazza Gabriele d'Annunzio, da una persona che lo ha sorpreso alle spalle nei pressi di un chiosco. Secondo quanto rende noto la Questura la vittima dell'aggressione - che non è in pericolo di vita - è stata colpita quattro volte: ha ricevuto tre fendenti al dorso e uno al viso. É stato immediatamente soccorso e trasportato nel vicino ospedale San Paolo dove i sanitari lo hanno medicato e giudicato guaribile in 30 giorni. Sull'accaduto sono in corso indagini da parte della Polizia di Stato.

20:33Afghanistan: Kabul, hotel Intercontinetal sotto attacco

(ANSA) - ROMA, 20 GEN - Almeno quattro uomini armati hanno attaccato a Kabul l'hotel Intercontinental. Lo scrive la Bbc online precisando che gli assalitori hanno sparato contro gli ospiti dell'albergo. Dalle immagini che circolano sui social si vedono fiamme dall'hotel. Alcuni media parlano di vittime e ostaggi.

20:29Incidenti sci: due bambini fuori pista al Corno alle Scale

(ANSA) - BOLOGNA, 20 GEN - Due bambini di 8 e 10 anni che stavano sciando al Corno alle Scale, sull'Appennino Bolognese, sono rimasti feriti dopo essere finiti fuori pista, in un canalone, nei pressi della seggiovia della direttissima a quattro posti. Uno ha riportato traumi ad una gamba e al bacino, l'altro traumi facciali e interni. I bambini sono stati soccorsi accanto alla pista e caricati in elicottero d'urgenza. Una volta arrivati all'ospedale Maggiore di Bologna i medici li hanno visitati e le loro condizioni sono state giudicate di "media gravità". I soccorsi sono scattati immediatamente e sul posto è arrivato il 118, con un'ambulanza e due elicotteri. All'intervento hanno partecipato anche gli uomini del soccorso alpino dell'Emilia-Romagna, stazione del Corno alle Scale. (ANSA).

20:06Sudafrica: media, in Anc cresce spinta per dimissioni Zuma

(ANSA) - IL CAIRO, 20 GEN - All'interno dell'Anc, il partito di governo in Sudafrica, sta crescendo la pressione per spingere il presidente Jacob Zuma alle dimissioni al fine di evitare che gli scandali in cui è implicato possano danneggiare il nuovo leader Cyril Ramaphosa nelle elezioni dell'anno prossimo. "Fonti" hanno riferito che nel massimo organo del partito, il 'Comitato esecutivo nazionale' (Nec), c'è consenso per avviare le sue dimissioni, scrive il sito sudafricano dell'Huffington Post. Una fonte vicina a Ramaphosa ha riferito che è stato formato un comitato per agevolare una "rapida transizione" e che una nozione in tal senso è stata discussa in una riunione del Nec. Nella prima delle due giornate della riunione, ieri, è stata discussa anche una mozione per le dimissioni del presidente e ci sarebbe stato accordo affinchè Zuma non sia in carica durante la campagna per le presidenziali dell'anno prossimo, scrive ancora il sito riportando fonti di altri media sudafricani (News24 e TimesLive).

Archivio Ultima ora