Unione Europea, sessant’anni e li dimostra tutti

Pubblicato il 18 marzo 2017 da ansa

BRUXELLES. – 60 anni. C’è chi non li dimostra e chi, come l’Unione Europea, mostra tutte le sue rughe e smagliature ed appare sull’orlo del precipizio. Nove mesi fa, il referendum del 23 giugno per la Brexit ha sancito che la costruzione dell’Europa sempre più grande, integrata e tendenzialmente federalista è finita. L’ elezione di Donald Trump ha dimostrato che nulla è eterno, neppure l’amicizia incondizionata degli Stati Uniti. Il sultano turco Erdogan annuncia “guerre di religione in Europa”.

E sabato prossimo a Roma i 27 leader europei restanti celebreranno il 60/o anniversario del primo Trattato europeo con una Dichiarazione che ribadirà la necessaria fiducia nel progetto europeo, pena l’irrilevanza dei singoli paesi nel contesto geopolitico futuro. Ma segnerà anche la nascita di una Ue diversa da quella che finora abbiamo conosciuto.

In una Roma sotto misure di massima protezione, la prossima settimana sono attesi una quarantina tra capi di stato e di governo. Che avranno anche un’udienza privata con Papa Francesco. Tra gli appuntamenti, della vigilia venerdì pure il summit straordinario ‘tripartito’ con le parti sociali europee per lo sviluppo del pilastro dell’Europa sociale, che la Germania ed altri paesi nordici però continuano a vedere foriero di spese comuni sgradite (ad esempio per un altrimenti plausibile ‘Fondo europeo per la disoccupazione’). Tutti i leader europei saranno quindi al Quirinale, ospiti del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella.

Tutte occasioni di approfondimento e riflessione per il rilancio della Ue. In cui la questione delle “diverse velocità” è cruciale, non tanto nelle parole quanto nei fatti visto che la Ue affronta contemporaneamente tre sfide gigantesche: la morsa Usa-Russia che ne vorrebbe il ridimensionamento soprattutto a causa del suo modello di “economia sociale di mercato”, la crisi di migranti e rifugiati da Medio Oriente ed Africa, il terrorismo ed il confronto con l’Islam e la Turchia sul punto di passare dallo status di candidato Ue a suo avversario.

Tre minacce che arrivano nell’anno delle tre sfide elettorali col populismo di destra, amico di Trump e foraggiato dal Cremlino. Dopo l’Austria che ha scelto il presidente Verde ed europeista, l’Olanda ha detto ‘no’ all’islamofobo Wilders, ma ha visto nascere un ‘partito antirazzista’ pro-Islam e pro-immigrati che potrebbe diventare l’opposta fazione del Pvv.

Il premier olandese Mark Rutte, che ha vinto le elezioni grazie anche all’attacco di Erdogan in cui si è saputo mostrare “statista” ed ha smantellato la retorica da social di Wilders, ha definito le elezioni olandesi come i quarti di finale del torneo europeista contro il populismo. Calcisticamente non corretto. Era la semifinale e l’andata della finale si giocherà in Francia tra il 23 aprile del primo turno ed il 7 maggio del ballottaggio. Il ritorno, in Germania a settembre.

Ma per sopravvivere la Ue deve vincere sempre. “L’Ue senza Francia o senza Germania è impossibile, non ha senso” ha detto a ‘La Stampa’ il primo vicepresidente della Commissione Ue, Frans Timmermans, olandese del Labour quasi azzerato mercoledì scorso.

Nella ‘Dichiarazione di Roma’, che lunedì avrà l’imprimatur degli sherpa dei 27, è stato limato il linguaggio per minimizzare la volontà espressa a Versailles da Francia, Germania, Italia e Spagna – ovvero i 4 grandi d’occidente – di andare avanti a “più velocità”. Il ‘wording’ della bozza è stato attenuato affinché sia digeribile anche per la Polonia (che ha beccato 27-1 nello scontro sulla conferma di Donald Tuska a presidente del Consiglio europeo) e per Romania e Bulgaria (che continuano a restare sulla porta chiusa di Schengen). Che temono di precipitare in una Ue di serie B.

Il testo sarà sufficientemente vago da permettere che sia firmato da tutti i 27 leader, all’insegna della “unità” che secondo Tusk è il principale messaggio da dare per ora. Il vero futuro sarà disegnato nel vertice di dicembre, una volta superati tutti gli ostacoli elettorali. Quello che è certo è che per ora i 27 sono davvero d’accordo su un solo punto: il progetto di rilanciare, integrare e sviluppare l’industria europea della difesa. “E’ l’unico che fa gola a tutti e sul quale si sono gettati tutti senza riserve” confida una fonte militare europea all’ANSA.

Poi c’è sufficiente accordo sulla politica esterna dell’immigrazione, sulla difesa del libero commercio. Ma sono profonde le divisioni sulla gestione interna dell’immigrazione, sulla solidarietà mancata dei paesi dell’est, sulla revisione dei principi di bilancio di cui l’Italia è capofila per inchiodare i ‘beneficiari netti’ all’obbligo di solidarietà.

(di Marco Galdi/ANSA)

Ultima ora

14:28Nuoto: Paltrinieri, record nei 1500 sl? Ci credo

(ANSA) - ROMA, 23 GIU - "Io il record me lo sento da anni, quindi è questione di tempo. Nei 1500 credo di avere ancora tante cose da migliorare, io ci credo anche se non ci penso così tanto. La priorità oggi è continuare a vincere ed essere più forte degli altri". Lo dice il campione olimpico dei 1500 sl Gregorio Paltrinieri, a margine della presentazione di Energy for Swim, una mission benefica a favore dei bambini che l'8 e 9 agosto porterà nella Capitale le nazionali di Usa, Australia e Italia e la selezione Energy Standard Team. La conferenza è avvenuta in concomitanza con la prima giornata del trofeo internazionale Settecolli in cui il nuotatore di Carpi competerà domani nei 1500: "Questo test del Settecolli è importante per provare la tensione di gara con a leti forti. Non sono al 100% ma voglio testarmi, sta andando tutto bene, non vedo l'ora di andare a Budapest", ha confessato l'azzurro che ai mondiali di farà 800 e 1500 per "difendere le medaglie che vinsi nel 2015 e riconfermarmi ai massimi livelli".

14:28Berlusconi, Grillo aveva vizio farsi pagare in nero

(ANSA) - ROMA, 23 GIU - "I Cinque Stelle non hanno né arte né parte. Un movimento che cambia idea su tutto. Beppe Grillo? Un buon comico, col vizio di farsi pagare in nero, circondato di persone che non hanno mai fatto niente, i veri professionisti della politica: gente che prima delle elezioni non faceva niente". E' quanto ha dichiarato Silvio Berlusconi a L'Aria che tira su La7. E sul sindaco di Roma Virginia Raggi ha aggiunto: "Se ne freghi delle inchieste, basta con le inchieste che buttano per aria le decisioni degli elettori. Semmai dovrebbe lasciare per incapacità".

14:26Berlusconi, in governo Salvini a Interni, Montezemolo Esteri

(ANSA) - ROMA, 23 GIU - "Montezemolo ministro. Salvini agli Interni farebbe certamente meglio di Alfano, ma può andare dove vuole lui. Uno che mi è sempre piaciuto è Montezemolo, agli Esteri sarebbe perfetto. E vorrei recuperare il nostro Frattini. Ma siamo pieni di ottime persone, leali, pronte a servire il Paese". E’ quanto ha dichiarato Silvio Berlusconi, immaginando un suo futuro governo di centrodestra, in un’intervista a L’Aria che tira. "Alfano? Difficile che chi è stato ministro tre volte con la sinistra torni con noi", ha aggiunto.

14:23Golf: watergolf a Milano, alla Darsena 5 postazioni tiro

(ANSA) - ROMA, 23 GIU - Golf in citta', alla Darsena di Milano. Al via la prima edizione del The Watergolf Challenge, ideato e organizzato da "Bel Vivere" e Parking Srl, in collaborazione con la Regione Lombardia, che vuole portare il golf in città. L'evento gratuito e aperto a tutti, giovani e famiglie, mira a coinvolgere circa 30.000 persone in 3 giorni di puro intrattenimento. Un pontile con 5 postazioni di tiro permetteranno a chiunque, assistito da un professionista della Pga Italiana, di cimentarsi nel raggiungere le 3 buche galleggianti (isole, delle dimensioni di 2,5 metri per 3 metri), realizzate direttamente sull'acqua della Darsena, rispettivamente a circa 20, 40 e 50 metri di lontananza. Un putting green di 8 metri per 4 metri e due gonfiabili di 20 metri quadrati saranno dedicati ad una vera e propria prova al golf aperta a tutti: in tutte le aree di gioco saranno presenti i professionisti della PGA Italiana, disponibili a dispensare consigli, indicazioni e magari a mostrare qualche "trucco del mestiere".

14:09Migranti: due fermati per sbarco Crotone, sarebbero scafisti

(ANSA) - CROTONE, 23 GIU - Due persone di nazionalità ucraina, Oleksandr Kushnir, di 24 anni, e Oleksii Furman, di 30, sono state fermate dalla Squadra mobile di Crotone con l'accusa di essere stati gli scafisti dell'imbarcazione a vela con a bordo 72 migranti intercettata e soccorsa ieri in acque internazionali da due motovedette della Guardia costiera. Dalle indagini é emerso che i due ucraini sarebbero stati coloro che avrebbero materialmente governato l'imbarcazione. Anche perchè i due sono stati notati, nel momento in cui il natante é stato intercettato, mentre si trovavano nella cabina di pilotaggio del natante. L'accusa a carico di Kushnir e Furman si basa anche sulle testimonianze di alcuni dei migranti che erano a bordo dell'imbarcazione, salpata cinque giorni prima da un porto della Turchia. Ciascun migrante avrebbe pagato per il viaggio ai componenti dell'organizzazione circa seimila dollari. (ANSA).

14:08Auto a fuoco in autostrada A4, traffico bloccato a Gonars

(ANSA) - TRIESTE, 23 GIU - Un'auto ha preso fuoco stamani sull'autostrada A4 Venezia-Trieste, in direzione Trieste, subito dopo l'area di servizio di Gonars (Udine). Sul posto sono intervenuti i Vigili del Fuoco e il personale di Autovie Venete, la società che gestisce l'autostrada, e la pattuglia della Polizia Stradale che ha bloccato il traffico. Si sono formati oltre cinque i chilometri di coda in direzione Trieste e si registrano rallentamenti, in direzione Venezia, per curiosi. Autovie Venete consiglia di uscire a Latisana (Udine) per procedere in direzione Trieste.

14:07Gb: sondaggio, Corbyn preferito a May come premier

(ANSA) - LONDRA, 23 GIU - Per la prima volta in un sondaggio il leader laburista Jeremy Corbyn è preferito come possibile premier al primo ministro conservatore, Theresa May. E' quanto emerge da una rilevazione di YouGov, che vede la popolarità del capo dell'opposizione al 35% contro il 34% di quella della leader Tory. La notizia è un altro brutto colpo per May che già deve affrontare i problemi seguiti all'insuccesso elettorale e le difficoltà a siglare un accordo di governo con gli unionisti nordirlandesi del Dup.

Archivio Ultima ora