Unione Europea, sessant’anni e li dimostra tutti

Pubblicato il 18 marzo 2017 da ansa

BRUXELLES. – 60 anni. C’è chi non li dimostra e chi, come l’Unione Europea, mostra tutte le sue rughe e smagliature ed appare sull’orlo del precipizio. Nove mesi fa, il referendum del 23 giugno per la Brexit ha sancito che la costruzione dell’Europa sempre più grande, integrata e tendenzialmente federalista è finita. L’ elezione di Donald Trump ha dimostrato che nulla è eterno, neppure l’amicizia incondizionata degli Stati Uniti. Il sultano turco Erdogan annuncia “guerre di religione in Europa”.

E sabato prossimo a Roma i 27 leader europei restanti celebreranno il 60/o anniversario del primo Trattato europeo con una Dichiarazione che ribadirà la necessaria fiducia nel progetto europeo, pena l’irrilevanza dei singoli paesi nel contesto geopolitico futuro. Ma segnerà anche la nascita di una Ue diversa da quella che finora abbiamo conosciuto.

In una Roma sotto misure di massima protezione, la prossima settimana sono attesi una quarantina tra capi di stato e di governo. Che avranno anche un’udienza privata con Papa Francesco. Tra gli appuntamenti, della vigilia venerdì pure il summit straordinario ‘tripartito’ con le parti sociali europee per lo sviluppo del pilastro dell’Europa sociale, che la Germania ed altri paesi nordici però continuano a vedere foriero di spese comuni sgradite (ad esempio per un altrimenti plausibile ‘Fondo europeo per la disoccupazione’). Tutti i leader europei saranno quindi al Quirinale, ospiti del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella.

Tutte occasioni di approfondimento e riflessione per il rilancio della Ue. In cui la questione delle “diverse velocità” è cruciale, non tanto nelle parole quanto nei fatti visto che la Ue affronta contemporaneamente tre sfide gigantesche: la morsa Usa-Russia che ne vorrebbe il ridimensionamento soprattutto a causa del suo modello di “economia sociale di mercato”, la crisi di migranti e rifugiati da Medio Oriente ed Africa, il terrorismo ed il confronto con l’Islam e la Turchia sul punto di passare dallo status di candidato Ue a suo avversario.

Tre minacce che arrivano nell’anno delle tre sfide elettorali col populismo di destra, amico di Trump e foraggiato dal Cremlino. Dopo l’Austria che ha scelto il presidente Verde ed europeista, l’Olanda ha detto ‘no’ all’islamofobo Wilders, ma ha visto nascere un ‘partito antirazzista’ pro-Islam e pro-immigrati che potrebbe diventare l’opposta fazione del Pvv.

Il premier olandese Mark Rutte, che ha vinto le elezioni grazie anche all’attacco di Erdogan in cui si è saputo mostrare “statista” ed ha smantellato la retorica da social di Wilders, ha definito le elezioni olandesi come i quarti di finale del torneo europeista contro il populismo. Calcisticamente non corretto. Era la semifinale e l’andata della finale si giocherà in Francia tra il 23 aprile del primo turno ed il 7 maggio del ballottaggio. Il ritorno, in Germania a settembre.

Ma per sopravvivere la Ue deve vincere sempre. “L’Ue senza Francia o senza Germania è impossibile, non ha senso” ha detto a ‘La Stampa’ il primo vicepresidente della Commissione Ue, Frans Timmermans, olandese del Labour quasi azzerato mercoledì scorso.

Nella ‘Dichiarazione di Roma’, che lunedì avrà l’imprimatur degli sherpa dei 27, è stato limato il linguaggio per minimizzare la volontà espressa a Versailles da Francia, Germania, Italia e Spagna – ovvero i 4 grandi d’occidente – di andare avanti a “più velocità”. Il ‘wording’ della bozza è stato attenuato affinché sia digeribile anche per la Polonia (che ha beccato 27-1 nello scontro sulla conferma di Donald Tuska a presidente del Consiglio europeo) e per Romania e Bulgaria (che continuano a restare sulla porta chiusa di Schengen). Che temono di precipitare in una Ue di serie B.

Il testo sarà sufficientemente vago da permettere che sia firmato da tutti i 27 leader, all’insegna della “unità” che secondo Tusk è il principale messaggio da dare per ora. Il vero futuro sarà disegnato nel vertice di dicembre, una volta superati tutti gli ostacoli elettorali. Quello che è certo è che per ora i 27 sono davvero d’accordo su un solo punto: il progetto di rilanciare, integrare e sviluppare l’industria europea della difesa. “E’ l’unico che fa gola a tutti e sul quale si sono gettati tutti senza riserve” confida una fonte militare europea all’ANSA.

Poi c’è sufficiente accordo sulla politica esterna dell’immigrazione, sulla difesa del libero commercio. Ma sono profonde le divisioni sulla gestione interna dell’immigrazione, sulla solidarietà mancata dei paesi dell’est, sulla revisione dei principi di bilancio di cui l’Italia è capofila per inchiodare i ‘beneficiari netti’ all’obbligo di solidarietà.

(di Marco Galdi/ANSA)

Ultima ora

11:21Calcio: Juventus rientrata a Boston

(ANSA) - ROMA, 28 LUG - Dopo la vittoria contro il Paris Saint-Germain a Miami, la Juventus ha fatto ritorno nel ritiro di Boston. Ad attendere i bianconeri al Babson College c'era anche Federico Bernardeschi. L'attaccante ex Fiorentina ha effettuato il primo allenamento con i nuovi compagni in vista dell'amichevole di domenica con la Roma, ultima partita della tournée americana.

11:18F.1: motori, accordo tra Ferrari e Sauber

(ANSA) - ROMA, 28 LUG - La scuderia Ferrari ha raggiunto un accordo pluriennale con la Sauber Formula 1. In base a questo, spiega il Cavallino rampante in un comunicato, le power unit prodotte a Maranello saranno utilizzate sulle monoposto della squadra svizzera.

11:12Calcio: Mls, Sigi Schmid nuovo tecnico dei LA Galaxy

(ANSA) - ROMA, 28 LUG - Cambio di allenatore sulla panchina dei Los Angeles Galaxy: Curt Onalfo, infatti, è stato esonerato in seguito ai deludenti risultati conseguiti, non ultima una serie di 5 sconfitte consecutive. Il suo posto è stato assegnato al veterano della Mls Sigi Schmid, 64 anni, tedesco con passaporto Usa, tra il '99 e il 2004 già nella franchigia californiana che nel 2002 condusse anche al suo primo scudetto. Titolo che la scorsa stagione è andato ai Seattle Sounders, squadra allenata proprio da Schmid fino all'estate, quando fu a sua volta esonerato. Onalfo, promosso dai Galaxy B dopo la nomina di Bruce Arena a ct della Nazionale statunitense, lascia la squadra al 9/o posto della Western Conference, con 6 vittorie, 4 pareggi e 10 sconfitte. Dal prossimo campionato di Mls, intanto, la città avrà il suo derby con il debutto del Los Angeles Football Club (Lafc): la nuova franchigia sarà guidata dal 59enne ex ct degli Usa Bob Bradley. Nel gennaio dello scorso anno era stato esonerato dallo Swansea (Premier League).

10:59Migranti: naufragio Egeo, 7 vittime, anche 5 bambini

(ANSAmed) - ISTANBUL, 28 LUG - Almeno 7 persone, 2 donne e 5 bambini, sono morte nel naufragio di un barcone di migranti nel mar Egeo, avvenuto nella tarda serata di ieri. Lo riferisce la guardia costiera turca. Il natante, diretto verso le isole greche, è affondato al largo di Cesme, località costiera nella provincia di Smirne. Secondo le autorità marittime di Ankara, a bordo c'erano 18 persone, 9 delle quali - 4 iracheni, 3 somali e 2 siriani - soccorse in mare. Proseguono inoltre le ricerche di un altro migrante, che risulta disperso. Il presunto scafista avrebbe invece abbandonato il barcone mentre stava affondando ed è ora ricercato. Nelle operazioni di salvataggio sono stati impiegati 3 navi e un elicottero. Dall'accordo Ue-Turchia del marzo 2016, il flusso di migranti e rifugiati verso le isole greche si è ridotto a una media quotidiana di poche decine, facendo diminuire sensibilmente anche il numero degli incidenti in mare

10:51Pakistan: premier rimosso da Corte Suprema

(ANSA) - ROMA, 28 LUG - La corte suprema pachistana ha rimosso dal suo incarico il premier Nawaz Sharif perché accusato di corruzione. Non è la prima volta che un tribunale ha ordinato la rimozione di un premier eletto. Cinque anni fa era successo all'allora primo ministro Yusuf Raza Gilani per un caso di oltraggio alla giustizia. Sharif e i suoi figli sono invece accusati di possedere una serie di compagnie offshore, come è emerso un anno fa dai cosiddetti Panama Papers.

10:42Omicidio a Vieste: indagini, ascoltate 8 persone

(ANSA) - VIESTE, 28 LUG - Otto persone, tra amici, familiari e possibili testimoni, sono state ascoltate dai carabinieri nell'ambito delle indagini sull'omicidio di Omar Trotta, di 31 anni, con precedenti penali, ucciso ieri con colpi di pistola intorno alle 14.00 mentre era all'interno del suo ristorante, 'La bruschetta', nel centro storico di Vieste. E'stata ascoltata anche la moglie della vittima, che era presente con la figlioletta di 7 mesi. ''Ci ha confermato la dinamica. - ha detto un ufficiale dei Cc che segue le indagini - Un solo killer è entrato nel locale, col volto coperto da casco e armato di pistola calibro 9. Ha esploso 5 colpi che hanno raggiunto Trotta all'addome e alla testa, uccidendolo''. Poi è fuggito ed ha raggiunto il complice che lo attendeva su uno scooter. Il killer ha sparato senza preoccuparsi della gente che in quel momento si trovava nel locale. Al tavolo con Trotta e Tommaso Tomaiuolo, di 21 anni, rimasto leggermente ferito, sedeva anche la fidanzata di Tomaiuolo, sfuggita al fuoco del killer.

10:41Causò incendio che distrusse 10mila mq Parco Vesuvio, preso

(ANSA) - NAPOLI, 28 LUG - Identificato e arrestato dai Carabinieri l'autore dell'incendio che ha distrutto 10mila metri quadrati di Parco nazionale del Vesuvio. Sono stati i Carabinieri della Compagnia di Torre del Greco, in sinergia con i Carabinieri Forestali, ad aver eseguito nella notte un'ordinanza di custodia cautelare in carcere per incendio boschivo emessa dal Gip di Torre Annunziata su richiesta della locale Procura nei confronti di un 24enne del luogo già noto alle forze dell'ordine. L'uomo, identificato grazie a veloci indagini - esame di telecamere e attività di intercettazione - è ritenuto responsabile di aver appiccato, il 14 luglio scorso a Torre del Greco, l'incendio che ha distrutto 10mila metri quadrati di Parco. Il giovane ha utilizzato un semplice accendino, mettendo per altro a repentaglio con quel gesto la sua stessa abitazione, lambita dalle fiamme. Adesso si trova nel carcere di Poggioreale, in attesa del processo.

Archivio Ultima ora