Continua la corsa della Juve, Roma e Napoli. La Lazio frena

Pubblicato il 19 marzo 2017 da ansa

Edin Dzeko (c) e Radja Nainggolan (l) dopo il gol del 3-1.
ANSA/ CLAUDIO PERI

ROMA. – C’è tempo per pensare al Barça. La Juve gioca a Marassi col dente avvelenato, sblocca con Cuadrado poi lentamente cede terreno, la Samp sfiora il pari senza raggiungerlo. Allegri (alla fine adirato per il cedimento alla distanza) mette un altro mattoncino per il sesto scudetto, resta a +8 sulla Roma che batte il Sassuolo nel posticipo e a +10 sul Napoli che si impone per la prima volta a Empoli con super Insigne. Ma i partenopei rischiano alla fine di farsi rimontare tre gol dai toscani.

Si ferma a Cagliari invece la Lazio che perde terreno nella corsa Champions patendo la giornata incolore di Immobile, mentre nella volata per l’Europa League torna competitiva l’Atalanta che ha facile gioco di un dimesso Pescara con doppietta di Papu Gomez, agguanta l’Inter e si porta a due punti due punti dalla Lazio. Kalinic all’ultimo respiro porta alla vittoria la Fiorentina a Crotone mentre il Bologna strapazza il Chievo in rimonta con super Dzemaili.

La Juve non conosce distrazioni, entra in campo con devastante concentrazione e mette sotto la Sampdoria nonostante una difesa nuova di zecca. Higuain tira da tutte le posizioni ma il vantaggio lo confeziona subito Cuadrado con un colpo di testa da consumato centravanti.

La Samp è annichilita ma riesce a non subire il raddoppio e nella ripresa alza la testa, crea qualche occasione con un positivo Quagliarella. Giampaolo prova la carta Schick e la Samp si trasforma mettendo in difficoltà i campioni che si salvano con mestiere e con un po’ di affanno.

La Roma rischia di sentire la pressione delle vittorie di bianconeri e azzurri e della eliminazione dall’Europa League ma, dopo aver subito la rete in apertura di Defrel, non si perde d’animo e anzi rimonta il Sassuolo fino al 3-1 finale, con le reti di Paredes, Salah e Dzeko. Un segnale chiaro alle avversarie.

Sarri non ama gli anticipi della domenica ma il Napoli rischia di stravincere per poi temere la rimonta di tre gol. Emozioni a raffica a Empoli dove i partenopei non avevano mai vinto e invece nei primi 45′ danno spettacolo con due rigori (uno sbagliato e uno segnato) e tre gol con Insigne protagonista e Mertens autore del gol n. 20. Poi verso la fine toscani trasformati che mettono pressione agli ospiti sfiorando un clamoroso pareggio. Ma fin quando non si distrae il Napoli è la solita squadra spumeggiante con Insigne mattatore.

La Lazio gioca nella solita maniera autoritaria in trasferta ma il Cagliari non si fa incantare dalle giocate armoniche dei talenti di Inzaghi: i sardi si difendono con calma e al resto pensa Rafael con alcuni interventi decisivi. Stavolta è abulico e impreciso Immobile e i sardi alla fine si fanno intraprendenti per cui il pari non fa una grinza.

L’Atalanta esce dal trauma di San Siro e riprende lena grazie a un Pescara che Zeman non riesce a scuotere. Bergamaschi un po’ imballati all’inizio ma basta il gol di Gomez per dare sicurezza alla squadra di Gasperini che dilaga nella ripresa con Grassi e ancora Gomez e riparte con l’obiettivo Europa League a portata di mano.

Fiorentina sprecona a Crotone fino al 90′: i viola prendono le misure agli avversari che non possono che subire la migliore qualità degli avversari. Ma un palo di Ilicic e le parate di Cordaz su uno sfortunato Kalinic costringono i viola a soffrire fino alla fine. La gara la sbloccano con un assist al bacio di Saponara e un cucchiaio di Kalinic per una vittoria meritata visto che il Crotone non riesce mai a impensierire i toscani.

Dopo quattro ko consecutivi il Bologna si riscatta rimontando il Chievo che era andato in vantaggio con un gol di Castro in mischia. Ma gli emiliani giocano bene, creano occasioni e ribaltano la gara prima con una prodezza di Simone Verdi, una doppietta di Dzemaili migliore in campo e il sigillo di Di Francesco.

Ora la serie A si riprende una settimana di break per le nazionali prima della volata finale che dovrà soprattutto indicare le qualificate a Champions e Europa League.

Ultima ora

01:09Venezuela annuncia la sua uscita dall’Osa

(ANSA) - CARACAS, 27 APR - La ministra degli Esteri del Venezuela Delcy Rodriguez ha annunciato oggi il ritiro dall'Organizzazione degli Stati Americani (Osa), dopo la convocazione di un vertice dei ministri degli esteri dell'organismo regionale per discutere la crisi a Caracas. "L'Osa ha insistito con le sue azioni intrusive contro la sovranità della nostra patria e dunque procederemo a ritirarci da questa organizzazione", ha detto Rodriguez, aggiungendo che "la nostra dottrina storica è segnata dalla diplomazia bolivariana della pace, e questo non c'entra niente con l'Osa". Sono salite a 28 le vittime delle proteste in corso nel paese.

00:20Calcio: Premier, Tottenham vince, rimane in scia Chelsea

(ANSA) - LONDRA, 26 APR - E' finito bene per il Tottenham di Mauricio Pochettino il derby londinese sul campo di un agguerrito Crystal Palace. Quando tutti gli attacchi degli Spurs si stavano rivelando inutili, al 32' è arrivato il colpo vincente di Eriksen, che con un bel destro da fuori area ha segnato il gol dell'1-0 che consente al Tottenham di rimanere in scia dei 'cugini' del Chelsea, primi nella Premier con +4 (78 punti contro 74) sui rivali. Negli altri posticipi di oggi del campionato inglese, successo di misura (1-0) dell'Arsenal sul Leicester e del Middlesbrough sul Sunderland.

00:12Calcio:Coppa Francia,Monaco schiera riserve,Psg lo surclassa

(ANSA) - PARIGI, 26 APR - Il Monaco semifinalista in Champions (tra una settimana c'è la sfida con la Juventus) e in piena corsa per il titolo della Ligue 1, preferisce lasciar perdere la Coppa nazionale. Così il tecnico Leonardo Jardim manda in campo nella semifinale contro il Paris SG una squadra imbottita di ragazzi delle giovanili e con i veterani italiani De Sanctis e Raggi. Il risultato è che i parigini travolgono i rivali con un 5-0 che li proietta in finale contro l'Angers. Di Draxler, Cavani, Matuidi e Marquinhos le reti del PSG, a cui va aggiunto l'autogol di Mbae.

00:04Calcio:Spagna,Barcellona e Real Madrid a valanga,13 gol in 2

(ANSA) - BARCELLONA, 26 APR - Dopo lo scontro diretto nel 'Clasico', targato Messi, il campionato spagnolo continua ad essere nel segno di Barcellona e Real Madrid e dei rispettivi, larghi, successi. Così è stato anche nelle partite di questo 34/o turno della Liga. Il Barcellona ha ricevuto al Camp Nou la visita dell'Osasuna, travolgendo per 7-1 il team basco, già indebolito dalle numerose assenze. Bellissima la coreografia del pubblico per i 500 gol di Messi, che ha ripagato il pubblico con una doppietta. A segno due volte anche Andrè Gomes e Paco Alcacer, mentre Mascherano ha segnato su rigore. Travolgente anche il Real Madrid, sul campo di un Deportivo La Coruna distratto in difesa e privo dei vari Kroos, Keylor Navas, Benzema, Carvajal, Cristiano Ronaldo e Modric per via del turn-over: è finita 6-2, con Morata in gol dopo 53 secondi. Al 14' ha raddoppiato James Rodriguez, poi sono arrivate le marcature di Lucas Vazquez, ancora James, Isco e Casemiro. Ora Real e Barcellona sono al comando, con 78 punti e +10 sull'Atletico Madrid.

23:41Ascoltare i suoni di Manhattan nel 17.o secolo

(ANSA) - NEW YORK, 26 APR - Prima della colonizzazione, la natura a Manhattan era così rigogliosa che l'isola di New York poteva diventare "la gloria dei parchi nazionali americani": parola di Eric W. Sanderson della Wildlife Conservation Society. Ora, grazie al progetto Calling Thunder, si può entrare nella Manhattan del 17/mo secolo sentendo i suoni della natura, disponibili sul sito Unsung.NYC, dove vengono contrapposti al frastuono del 21/mo secolo, dando vita ad un ponte uditivo che attraversa 400 anni. Il progetto è basato sul lavoro di Sanderson e Markley Boyer, che hanno creato visualizzazioni del paesaggio di Manhattan nel 1609, allora conosciuta come Mannahatta, "l'isola dalle molte colline". Immagini messe al fianco della metropoli di oggi, dove al posto di colline e ruscelli ci sono da grattacieli e tunnel della metropolitana, e invece degli aceri rossi i pannelli luminosi di Times Square.

23:33Aste: diario JFK venduto a 781mila dlr

(ANSA) - NEW YORK, 26 APR - Un diario scritto da John Fitzgerald Kennedy in Europa dopo la Seconda Guerra Mondiale durante la sua breve carriera da giornalista è stato venduto per 718mila dollari. Secondo la casa d'arte di Boston RR Auction era stimato 200mila dollari. Una vendita ben oltre le aspettative quindi. L'acquirente è un collezionista di Beverly Hills dell'ex presidente americano. Kennedy tenne il diario nel 1945, all'epoca aveva 28 anni e lavorava come corrisponde per il gruppo Hearst. All'interno sono contenuti suoi pensieri personali sui leader mondiali nonché sul futuro delle Nazioni Unite. Il diario di 61 pagine fu dato dallo stesso Kennedy a Deirdre Henderson, un'assistente del suo ufficio durante la campagna presidenziale alla fine degli anni '50.

23:32Calcio:Coppa Germania,Bayern eliminato,Borussia lo batte 2-3

(ANSA) - MONACO, 26 APR - E' il Borussia Dortmund la seconda finalista della Coppa di Germania. I gialloneri di Tuchel hanno compiuto l'impresa di vincere, per 3-2, in casa del Bayern Monaco, eliminando la squadra di Ancelotti. Ora, per il trofeo nazionale, giocheranno la finale contro l'Eintracht Francoforte il 27 maggio a Berlino. Il Borussia è andato in vantaggio al 19' con Reus, poi il Bayern ha capovolto la situazione segnando con Javi Martinez e Hummels. Nella ripresa è salito alla ribalta Dembelé, 20 anni il 15 maggio, inseguito a lungo dalla Roma in sede di mercato: il francese prima ha servito l'assist vincente per il colpo di testa con cui Aubameyang ha realizzato il 2-2, poi ha segnato la rete della vittoria del Borussia con un gran sinistro all'incrocio dei pali.

Archivio Ultima ora