F1: scatta il Mondiale targato Usa. La Ferrari vuole sognare

Pubblicato il 20 marzo 2017 da ansa

Vettel: Sogno di vincere con la Ferrari

ROMA. – Monoposto più veloci grazie all’aerodinamica spinta, gomme extralarge e tanta voglia di spodestare la Mercedes dal trono della Formula 1 per rilanciare il Circus dell’era a stelle e strisce. Ambizioni e sete di spettacolo del Mondiale 2017 che prenderà il via come al solito dall’Australia, all’Albert Park di Melbourne, dopo le due sessioni di test invernali sul circuito spagnolo di Montmelò vicino a Barcellona.

Otto giorni di precampionato tra sguardi al cronometro e strategie varie che hanno visto finire davanti a tutti le Ferrari con i migliori tempi registrati da Sebastian Vettel e Kimi Raikkonen e con una enorme quantità di giri effettuata dalle Rosse per testare l’affidabilità della nuova SF70-H.

A giocare a nascondino, almeno a sentire gli addetti ai lavori, ci hanno pensato sia Mercedes che Red Bull pronte a scoprire le loro vere carte solo il 26 marzo, il giorno del primo Gran Premio dell’anno che vedrà accendere i motori in contemporanea anche la MotoGp a Losail in Qatar.

Quello che sta per rivedere il semaforo verde sarà praticamente il primo campionato dell’era americana del Circus che ha cambiato padrone passando da Bernie Ecclestone al gruppo statunitense Liberty Media di Chase Carey che ha consegnato le chiavi del più grande giocattolo della velocità all’ex ferrarista dei bei tempi targati Schumacher, Ross Brawn: sarà lui l’uomo che dovrà dialogare con team e Fia per “disegnare” regole e concetti di una F1 all’avanguardia tecnica ma più spettacolare e con l’ambizione di volersi ispirare al SuperBowl.

Importanti novità quelle che vedremo in pista con gomme più grandi messe a disposizione dalla Pirelli e regole nuove in tema di aerodinamica per permettere alle nuove monoposto di superare ogni limite. Complessivamente le monoposto saranno più larghe, si passerà da 1800 mm a 2000 mm. Diversa sarà anche la larghezza all’altezza delle pance. Se oggi, infatti, il regolamento prescrive un valore massimo di 1400 mm, dal prossimo anno i progetti potranno presentare una larghezza del fondo tra i 1400 e i 1600 mm.

Gli pneumatici avranno un chiaro impatto visivo e contribuiranno a disegnare monoposto più accattivanti. Ovviamente, saranno anche garanzia di maggior aderenza vista l’impronta a terra superiore. La Pirelli ha sviluppato coperture del 25% più larghe.

Destinata a regalare maggior spettacolo è la decisione adottata dalla FIA sulle partenze da fermo in caso di pista bagnata. Se lo riterrà opportuno, il direttore di gara farà iniziare la corsa dietro Safety Car, come accaduto quest’anno (Silverstone e Interlagos), tuttavia, nel momento in cui riterrà che le condizioni dell’asfalto siano sufficienti per far rientrare la SC, le monoposto non proseguiranno con la partenza lanciata, bensì torneranno in griglia per uno start da fermo, chiaramente con le medesime gomme utilizzate nei giri dietro Safety Car.

”Le nuove regole hanno l’obiettivo di portare lo show in Formula 1 ma – ha spiegato l’esperto di tecnica della F1 e collaboratore della Gazzetta dello Sport, Paolo Filisetti – ci sarà vero spettacolo solo se vedremo lotta in pista tra le big, se continuerà ad esserci il dominio Mercedes non ci sarà lo show sperato. I questo senso fa ben sperare la Ferrari che è stata la vera rivelazione dei test invernali: pur non cercando i tempi a sensazione ha ottenuto ottimi crono testando le gomme più dure. Di sicuro è tornata al secondo posto davanti alla Red Bull che a sua volta sarà un punto interrogativo dopo i problemi accusati a Montmelò.

In sostanza – spiega Filisetti – mi aspetto per il 2017 più incertezza e lotta e quindi lo show sperato dovrebbe vedersi finalmente. Credo che ci sarà un gap minimo tra Mercedes e Ferrari e non mi aspetto che i tedeschi abbiano l’asso nella manica a Melbourne dando oltre un secondo a tutti. Anche se la prudenza è d’obbligo, visto quanto successo negli ultimi anni – conclude l’esperto di tecnica della Formula 1 – la Ferrari ha fatto una vettura senza compromessi con un cambio radicale rispetto al 2016. Era quello che doveva fare, la SF70H è una monoposto concreta e la squadra ora è più agile”.

(Di Vincenzo Piegari/ANSA)

Ultima ora

19:39Nuoto: Paltrinieri, bella gara ma quanta fatica

(ANSA) - ROMA, 24 GIU - "Sono contento di essere qui a Roma, mi diverto sempre a gareggiare al Foro Italico. È andata abbastanza bene, sono contento anche se pensavo di fare 14'48", ma ci sta. Ho fatto una fatica boia, ci stiamo allenando veramente tanto". Così Gregorio Paltrinieri dopo il successo nei 1500 stile libero agli Internazionali Settecolli col tempo di 14'49"06. "La scorsa settimana a Merano ho fatto 14'53", adesso 14'49", quindi la forma è quella, però è stata comunque una bella gara". Gara che resterà unica per l'azzurro visto che non tornerà in vasca per gli 800. "Ho finito qui al Settecolli, avrei avuto anche gli 800 ma preferisco non farli adesso - sottolinea -. Questa è stata la mia ultima gara prima dei Mondiali, adesso manca più o meno un mese e ancora tanto lavoro ma è la parte più belle perché cominci a sentirti sempre meglio e inizi ad andare sempre più forte. C'è da rimanere concentrati e cercare di fare tutto al massimo. Ci vediamo a Budapest".

19:36Basket: Italdonne ko, Petrucci, arbitro non dormirà bene

(ANSA) - ROMA, 24 GIU - Italia Ko agli Europei, battuta per un punto dalla Lettonia, sconfitta che significa l'esclusione dai primi sei posti del torneo continentale e quindi dai Mondiali. Ma questa volta, viste certe decisioni arbitrali, il presidente della Fip Gianni Petrucci non ce la fa a rimanere in silenzio. "Fino a questo momento - dice Petrucci - siamo stati composti e molto tranquilli, ma è chiaro che non siamo contenti. Quello di oggi è solo l'ultimo di una serie di episodi spiacevoli avvenuti nel corso dell'Europeo. Dalla mancata sanzione a Hollingsworth per la gomitata che è costata la frattura alla mandibola di Chicca Macchi, al fischio prima in nostro favore e poi invertito a pochi secondi dalla fine della partita con la Turchia". "Quello che è successo oggi poi è sotto gli occhi di tutti - dice ancora Petrucci -. Non so se stanotte l'arbitro che ha fischiato il fallo antisportivo a Cecilia Zandalasini nel finale di gara dormirà tranquillo. E' un Mondiale che meritavamo per quanto abbiamo fatto vedere in campo".

19:33Confederations: Messico-Russia 2-1, ‘Tri’ in semifinale

(ANSA) - ROMA, 24 GIU - Il Messico ha battuto la Russia per 2-1 in una partota del gruppo A della Confederations Cup, giocata a Kazan. Queste le reti: nel pt 25' Samedov, 30' Araujo, nel st 7' Lozano. Con questo successo il 'Tri' messicano si qualifica per le semifinali come seconda classificata del suo girone, e tornerà in campo giovedì prossimo a Sochi per affrontare la vincitrice del gruppo B.

19:32Confederations: Nuova Zelanda-Portogallo 0-4

(ANSA) - ROMA, 24 GIU - Il Portogallo ha battuto la Nuova Zelanda per 4-0 in una partita del gruppo A della Confederations Cup, giocata a San Pietroburgo. Queste le reti: 33' Cristiano Ronaldo (rigore), 37' Bernardo Silva; nel st 35' Andrè Silva, 46' Nani. I portoghesi vincono il loro girone e giocheranno in semifinale mercoledì prossimo, 28 giugno, a Kazan contro la seconda classificata del gruppo B. Questa la classifica finale del girone A della Confederations Cup. Portogallo 7 3 2 1 0 7 2 Messico 7 3 2 1 0 6 4 Russia 3 3 1 0 2 3 3 Nuova Zelanda 0 3 0 0 3 1 8

19:30Tennis: ad Halle la finale è Federer-Zverev

(ANSA) - ROMA, 24 GIU - Roger Federer sfiderà Alexander Zverev per il titolo ad Halle. E' il giovane talento tedesco il secondo finalista del torneo su erba che precede l'appuntamento con lo Slam a Wimbledon: Zverev ha battuto il francese Gasquet in tre set, con il punteggio di 4-6, 6-4, 6-3 e domani affronterà il campione svizzero, testa di serie numero uno al torneo di Halle. Sarà il terzo testa a testa fra Federer e ' Zverev, con bilancio fin qui in parità: lo svizzero si è imposto a Roma lo scorso anno, mentre il tedesco l'ha spuntata proprio nella passata semifinale di Halle.

19:22Moto: Aprilia in top ten con Sam Lowes

(ANSA) - ROMA, 24 GIU - Stavolta in Aprilia è Sam Lowes a sorridere avendo colto ad Assen il suo primo accesso in Q2. Il risultato è frutto della bella prestazione nel primo turno di qualifiche, nel quale Sam ha conquistato un ottimo secondo posto in 1'47.191 che lo ha proiettato nel secondo turno, a giocarsi le migliori 12 caselle dello schieramento. In Q2 l'inglese dell'Aprilia Racing Team Gresini si è fermato al tempo di 1'48.128 che gli ha fatto guadagnare una bella decima posizione in partenza, la migliore nel suo anno di esordio in MotoGP. Scatterà così dalla postazione più avanzata della quarta fila. "Già ieri sull'asciutto ero stato piuttosto veloce, ed oggi con il bagnato ho trovato subito un buon feeling - spiega Lowes - Non ho provato molto la RS-GP in queste condizioni ma tutto funziona bene, la qualifica poteva essere addirittura migliore. In ogni caso la decima posizione mostra i nostri progressi ed è una buona base da cui partire per costruire una gara solida''.

19:15Auto: La 56^ Coppa Paolino accende motori

(ANSA) - ROMA, 24 GIU - La 56^ Coppa Paolino Teodori, quinto round di Campionato Italiano Velocità Montagna con validità per la Coppa continentale International Hill Climb Cup e la serie tricolore cadetta Trofeo Italiano Velocità Montagna nord e sud ha acceso i motori con le due salite di ricognizione. Le due salite di gara scatteranno domani, domenica 25 giugno, a partire dalle 9.30 sui classici 5.031 Km che uniscono il pianoro di Colle San Marco a San Giacomo. Già durante le prove la competizione organizzata dal Gruppo Sportivo AC Ascoli in collaborazione con l'Automobile Club Ascoli Piceno e Fermo ha dato delle emozionanti anteprime di sfide accese ed appassionanti. Christian Merli sulla Osella FA 30 Fortech ufficiale ed equipaggiata con gomme Avon si è portato idealmente in pole position:il trentino della Vimotorsport ha immediatamente individuato le più efficaci regolazioni per la prototipo monoposto di gruppo E2SS e lo ha dimostrato con il miglior tempo in prova ottenuto in 2'11"05 nella 2^ salita.

Archivio Ultima ora