Diktat Grillo, chi non concorda faccia un altro partito

Pubblicato il 20 marzo 2017 da ansa

Beppe Grillo in una foto d’archivio. ANSA/MAURIZIO BRAMBATTI

ROMA. – Nessun passo indietro, nessun pentimento: chi non concorda con le regole del Movimento 5 Stelle può anche farsi un altro partito. E’ un Beppe Grillo deciso e dalle parole categoriche quello che arriva a Roma per una sortita che si preannuncia piuttosto breve e che serve, tuttavia, a ribadire un concetto anche anche a chi, tra i pentastellati, sembra aver mal digerito la scelta presa su Marika Cassimatis: il garante del M5S “sono io, e il metodo è giustissimo”, sottolinea il leader pentastellato.

Poco altro, tuttavia, viene spiegato ai parlamentari: Grillo sceglie infatti di non incontrarli nonostante, proprio questa sera, fosse prevista un’assemblea congiunta sui lavori d’Aula. Il leader M5S arriva a Roma per seguire uno dei temi a lui più cari: l’acqua pubblica. Tema che sarà centrale anche nel programma pentatestellato al quale nel Movimento si lavora ormai alacremente. Come centrale sarà il tema bancario. Non è un caso che l’ex comico, in mattinata al Forum, veda Elio Lannutti, presidente Adusbef e ‘ospite fisso’ del blog ufficiale.

Poche parole, invece, sul caso che funestato l’ultimo weekend pentastellato, l’annullamento della candidatura di Cassimatis. Su di lei, assicurano i vertici del M5S, le segnalazioni ci sono e sono arrivate. E se ha vinto le Comunarie, osservano, è la prova che le votazioni non sono truccate. “Non c’è un problema di metodo”, sottolinea Grillo ai cronisti parlando, forse, anche ai parlamentari più malpancisti:

“Una democrazia senza regole non è una democrazia, noi abbiamo le nostre. Io sono il garante e le faccio rispettare, chi non è d’accordo si faccia un altro partito”, rimarca infatti l’ex comico (che al Forum vede anche Vito Crimi) prima di entrare al convegno M5S dove siede accanto a Luigi Di Maio. Alessandro Di Battista, indicato da diverse ricostruzioni giornalistiche come uno dei più irritati, arriva solo sul finire del convegno per salutare con un abbraccio Grillo. Mostrando così, anche alle telecamere, l’inesistenza di qualsiasi dissidio.

Eppure quello ligure è uno dei casi recenti più spigolosi per il M5S. Un caso che svela gli attriti che serpeggiano tra le fazioni interne del Movimento anche in altri Comuni e che, a Piacenza ad esempio, rischiano di mettere in difficoltà i vertici nazionali.

A Genova si è creata “una situazione imbarazzante” spiega il deputato ligure Matteo Mantero. E nel mirino finisce Alice Salvatore, osteggiata da tempo dai dissidenti liguri e vista, da chi ha ha lasciato il M5S, come ‘capo’ del “cerchio magico” genovano. “Salvatore è una dei responsabili”, sottolinea Mantero. Ma su un punto il M5S è unito: chi esce deve dimettersi.

Anche perché, con l’avvicinarsi delle politiche, le regole del M5S saranno sempre più ferree e le segnalazioni di eventuali ‘tradimenti’ più frequenti. “In molti territori arrembano personaggi strani che vogliono salire sul carro dei vincitori, dobbiamo stare molto attenti a selezionare la nostra classe dirigente”, avverte Di Maio prima di tornare a vedere Grillo al Forum. Il vicepresidente della Camera si sofferma sul vero nodo che, in vista delle Politiche, si affaccia sul M5S: la selezione della squadra per il governo. “Al momento un metodo non è stato individuato”, spiega Di Maio.

(di Michele Esposito/ANSA)

Ultima ora

06:52Venezuela, elicottero attacca sede ministero a Caracas

(ANSA) - CARACAS, 28 GIU - Un elicottero della polizia ha attaccato le sedi del Ministero dell'Interno della Corte suprema a Caracas, sparando e lanciando due granate. L'agente responsabile del gesto ha anche pubblicato sui social un video-manifesto in cui chiama all'unione tra militari e popolo contro Maduro. Secondo il presidente, il poliziotto sarebbe collegato all'ex governo Chavez. La capitale venezuelana è stata blindata con un massiccio dispiegamento di forze di sicurezza. Il governo parla di "attacco terrorista".

00:17Europei U21: Calabria, in partita fino all’espulsione

(ANSA) - ROMA, 27 GIU - "Tutti noi abbiamo disputato una grande partita, ma la Spagna è forte. Abbiamo gicoato alla pari fino all'espulsione di Gagliardini, in 10 contro 11 si è fatta sentire la fatica e loro hanno avuto il sopravvento. Tuttavia, usciamo a testa alta da questo torneo". Così Davide Calabria, in campo per la squalifica di Conti, parlando ai microfoni della Rai, commenta il ko contro gli spagnoli, nella semifinale dell'Europeo Under 21, a Cracovia. "Potevamo andare in finale, l'avremmo meritato - conclude - nella nostra squadra ci sono buoni giocatori. Il mercato? Nessuno di noi ci ha pensato". (ANSA).

23:54Cosentino: giudici in motivazioni Eco4, patto con il clan

(ANSA) - CASERTA, 27 GIU - "Convergenti elementi di prova indicano attendibilmente che Nicola Cosentino, sin dall'inizio della sua carriera politica, ha goduto del sostegno elettorale del clan dei Casalesi, segnatamente del gruppo Bidognetti sin dalle elezioni comunali del 1978 e anche del gruppo Schiavone a partire dalle elezioni regionali del 1995". Così i giudici del collegio del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere ricostruiscono la "carriera politica" dell'ex sottosegretario all'Economia del Governo Berlusconi, in uno dei passaggi chiave delle motivazioni (di 597 pagine) della sentenza di condanna a 9 anni di carcere emessa il 17 novembre scorso, e depositate qualche giorno fa. Si tratta del processo cosiddetto Eco4, in cui la Dda di Napoli ha contestato all'ex politico di Casal di Principe il ruolo di "referente politico nazionale del clan dei Casalesi"; un "teorema confermato" dalla condanna per concorso esterno in associazione camorristica. L'ex uomo forte del Pdl in Campania è agli arresti domiciliari a Caserta.

23:44Morto Luigi Pedrazzi, fu tra i fondatori del Mulino

(ANSA) - BOLOGNA, 27 GIU - E' morto Luigi Pedrazzi, politologo, tra i fondatori della rivista Il Mulino. Aveva 89 anni. Tra le voci più influenti del pensiero politico cattolico di centrosinistra, è stato anche protagonista della stagione dell'Ulivo. Ex vicesindaco a Bologna durante l'amministrazione di Walter Vitali, nel 2014 ricevette l'Archiginnasio d'oro conferito dal Comune come "personalità che si è distinta nel campo della cultura e della scienza". (ANSA).

23:35Europei U21: Di Biagio,dopo 4 anni di azzurro zero rimpianti

(ANSA) - ROMA, 27 GIU - "Abbiamo disputato un buonissimo primo tempo, certo che ha influito il cartellino rosso a Gagliardini, a quel punto è diventato tutto più complicato. Loro palleggiano bene in 11 contro 11, figuriamoci con l'uomo in più. E' stato tutto più semplice per loro, hanno avuto a quel punto il predominio del campo". Così Gigi Di Biagio ha commentato la sconfitta dell'Italia contro la Spagna, nella semifinale degli Europei Under 21, in Polonia. "I ragazzi sono stati fantastici - ha aggiunto - in me c'era la consapevolezza di poter arrivare in fondo. Il mio contratto? E' l'ultimo dei problemi. Vedremo. Non ho rimpianti, l'obiettivo era di rilanciare il calcio italiano, ci siamo riusciti, anche se è mancata la ciliegina sulla torta".

23:30Europei U21: Italia-Spagna 1-3, azzurrini eliminati

(ANSA) - ROMA, 27 GIU - La Spagna batte l'Italia 3-1 e si qualifica per la finale dell'Europeo Under 21, in Polonia. Ha deciso una tripletta di Saul Niguez, dopo che Bernardeschi aveva firmato il momentaneo 1-1. Ma ha deciso soprattutto l'espulsione di Gagliardini, per somma di ammonizioni. Gli spagnoli venerdì se la vedranno contro la Germania, per il titolo continentale di categoria.

22:59Calcio: Inter annuncia, accordo col Siviglia per Banega

(ANSA) - MILANO, 27 GIU - L'Inter ha annunciato sul proprio sito online di avere trovato l'accordo con il Siviglia per la cessione del centrocampista Ever Banega. "Inter e Sivigliaß- si legge - hanno raggiunto un accordo di massima per il trasferimento di Ever Banega in Spagna, che diventerà effettivo dopo la sottoscrizione del contratto del calciatore e il superamento delle visite mediche". Il club nerazzurro incasserà circa 9 milioni, generando una plusvalenza di circa 5 milioni.

Archivio Ultima ora