Voucher, caos dopo la cancellazione. Sito Inps si ferma per adeguamento

Pubblicato il 20 marzo 2017 da ansa

ROMA. – Caos voucher. La cancellazione immediata ha provocato disagi. Ma a questo si è aggiunto il black out totale anche per chi, avendo prudentemente acquistato i ”buoni” in precedenza, non è riuscito ad attivarli. Impossibile farlo sul sito Inps. L’istituto ha spiegato le difficoltà con la necessità di adeguare il software: “E’ stato infatti necessario procedere a modifiche tecniche in modo da inibire l’acquisto e il pagamento e lasciare in essere solo il processo di attivazione”.

Tutto il giorno i centralini delle associazioni sono stati infuocati con molte mail di protesta di imprenditori furiosi. ”Ho comprato i voucher e ora non li riesco ad attivare”, dice una imprenditrice. ”Ho un cameriere in permesso e pensavo di poterlo sostituire chiamando una persona con un voucher, non l’ho potuto fare. Pensavo ci fosse una fase transitoria fino al 31 dicembre”, afferma un ristoratore incredulo degli effetti immediati del decreto.

L’arrivo immediato della tagliola ha certo provocato più che qualche disagio. E forse anche qualche pasticcio. Mentre dai tabaccai i ‘tagliandi’ scarseggiavano già venerdì mattina prima del Cdm, a causa dei massicci acquisti del giorno precedente, alle Poste ne sarebbero stati venduti anche sabato, il giorno dell’entrata in vigore dello stop per decreto. Questi non saranno attivabili e quindi bisognerà prevedere una procedura di rimborso.

Le lamentele arrivano soprattutto dalle categorie che più utilizzavano questa formula di pagamento del lavoro: agricoltori, esercenti di bar, organizzatori di eventi, ristoratori. ”Era uno strumento utilissimo per le imprese, ora non sappiamo come fare – protesta a sua volta il presidente della Fipe Lino Enrico Stoppani – In vista dell’estate, con i picchi del lavoro stagionale, con l’attività che cresce, altro che abusi, ne abbiamo un bisogno urgente”.

”Siamo tempestati di chiamate, non le sto a dire gli epiteti” racconta il direttore della Confesercenti della provincia di Bologna, Loreno Rossi – prima il caos del fine settimane per le notizie sull’annullamento dei voucher, poi l’arrabbiatura perchè non si potevano più comprare, infine l’impossibilità di attivarli per chi li aveva già. Sa, alcuni hanno fatto incetta, ne hanno comperati per mille, duemila euro”.

Per loro arrivano le rassicurazioni dell’Inps. ”In serata sarà possibile di nuovo attivare l’utilizzo dei buoni per il lavoro accessorio comprati entro venerdì 17”, assicurano dall’Istituto. I consulenti del lavoro, che per primi hanno denunciato il black out del sito, hanno messo in dito anche su un altro problema.

“L’improvvisa quanto drastica” abrogazione dell’intera normativa sul lavoro accessorio determina “l’incredibile conseguenza” che per i voucher già acquistati e utilizzabili fino al 31 dicembre del 2017, come previsto dallo stesso decreto legge approvato venerdì scorso 17 marzo dal Consiglio dei ministri e già entrato in vigore, “manca una qualsiasi norma di riferimento”. Una situazione, insomma, di ”vuoto normativo”.

Ultima ora

14:15Renzi, Lega-M5s allergici a democrazia interna

(ANSA) - BRUXELLES, 28 APR - "Forza Italia e Movimento 5 Stelle sono allergici alla democrazia interna". Lo dice Matteo Renzi parlando al pubblico in un evento organizzato a Bruxelles per la chiusura, assieme a Maurizio Martina, della campagna per le primarie del Pd. "Siamo gli unici che lunedì avranno un segretario legittimato da alcune centinaia di migliaia di voti, ma speriamo anche da qualche milione".

14:13Thailandia: mandato di arresto contro rampollo Red Bull

(ANSA) - BANGKOK, 28 APR - La Corte penale di Bangkok ha emesso oggi un mandato di arresto contro Vorayuth "Boss" Yoovidhya, il nipote del fondatore thailandese della bevanda Red Bull, accusato di aver ucciso un poliziotto alla guida della sua Ferrari il 3 settembre 2012 a Bangkok. La decisione è stata presa dopo che Vorayuth, 32 anni, non ha risposto all'ottava convocazione in cinque anni per vedersi notificate le accuse, in una saga che in Thailandia è diventata il simbolo dell'impunità dell'élite e dei doppi standard della giustizia nazionale. La famiglia Yoovidhya è una delle più ricche del Paese.

14:08Fake news: Boldrini, non sono goliardata ma grave minaccia

(ANSA) - ROMA, 28 APR - "Le fake news non sono una goliardia, una ragazzata, ma sono una minaccia alla collettività, chi le inventa ha un progetto in mente che è quello di creare caos e di fare soldi alterando l'opinione pubblica". Lo afferma la presidente della Camera Laura Boldrini presentando all'istituto Luigi Einaudi il suo libro "La comunità possibile. Una nuova rotta per il futuro dell'Europa". L'invito che la presidente rivolge ai ragazzi presenti è quello di "verificare sempre la fonte delle notizie. Non dovete dare per vero tutto quello che gira in rete". Boldrini fa sapere di aver istituito una commissione Internet e anche una sui fenomeni dell'odio "spero poi - aggiunge - che la legge sul cyber bullismo sia approvata quanto prima". La presidente di Montecitorio si rivolge poi alle ragazze presenti invitandole a fare attenzione: "Quello che oggi pensate possa essere divertente, domani può diventare un ricatto. Il web è la nuova frontiera della violenza contro le donne".

14:07Pd: Orlando, notabili tutti schierati a sostegno di Renzi

(ANSA) - FIRENZE, 28 APR - I notabili del Partito Democratico "sono tutti saldamente a sostegno di Matteo Renzi" in questa campagna per le primarie del 30 aprile. Lo ha detto Andrea Orlando, candidato alla segreteria del Pd, a margine di una iniziativa a Campi Bisenzio (Firenze). "In questi anni la rottamazione ha funzionato così - ha affermato - si sono tolte le prime file e le seconde hanno fatto un passo avanti, ma le dinamiche sono rimaste le stesse in molte realtà del Paese. Questo non l'ho detto io, lo ha detto Matteo Renzi quando all'indomani del referendum ha detto di aver sbagliato ad affidarsi ai notabili per costruire il consenso per il referendum: ecco, in questo momento i notabili sono tutti saldamente a sostegno di Matteo Renzi".

14:02Emiliano, io come Guevara, Renzi-Napoleone, Orlando-Pilato

(ANSA) - ROMA, 28 APR - "A questo punto il mio paragone con un personaggio storico che mi viene in mente più facilmente è Che Guevara, nel senso che ho amato questo personaggio tutta la vita, ho cercato di combattere, di non valutare quando dovevo scegliere la battaglia se era possibile vincere o perdere, ma solo se era giusta". Lo ha dichiarato Michele Emiliano, candidato alla segreteria del Pd ai microfoni di RTL 102.5, che dopo aver paragonato Matteo Renzi a Napoleone e alle Giovani Marmotte, ha così risposto alla domanda sul ruolo che assegnerebbe a Orlando. "In questo mi sembra un po' Ponzio Pilato - ha proseguito con i paralleli -, con un sussulto finale, è stato lì a guardare per tre anni, è stato un ministro della Giustizia di Renzi, bravo, un bravissimo ragazzo, ora ha capito che l'aria era cambiata e ha provato a sganciarsi. Meglio tardi che mai, brava persona, ma ha questo problema alla sua credibilità rispetto al progetto alternativo al renzismo".

14:01F1: a Imola ‘Ayrton Day’ l’1 maggio nel ricordo di Senna

(ANSA) - IMOLA (BOLOGNA), 28 APR - A 23 anni dal quel tragico primo maggio, con lo schianto contro il muretto di recinzione alla curva del Tamburello, l'Autodromo di Imola ricorderà Ayrton Senna aprendo la sua pista al pubblico e mettendo in mostra il leggendario Kart con il numero 17 che lanciò il pilota brasiliano sulla scena dell'automobilismo internazionale. Alle 16.30 di lunedì nella terrazza del museo Checco Costa, dove è possibile visitare la mostra sulla F1, Senna verrà raccontato da Gian Carlo Minardi, dall'ex pilota Gianluigi Martini e dal direttore di Autosprint, Andrea Cordovani, prendendo spunto dalle foto del fotoreporter Angelo Orsi il cui sodalizio con il campione durò 11 anni. (ANSA).

13:51Incidente probatorio Marco Gasparri l’8 maggio

(ANSA) - ROMA, 28 APR - 28 APR - Il gip di Roma ha fissato per l'8 maggio l'interrogatorio in incidente probatorio di Marco Gasparri, dirigente Consip, così come richiesto dalla Procura di Roma nell'ambito dell'inchiesta che il primo marzo scorso ha portato all'arresto dell'imprenditore Alfredo Romeo per corruzione. Obiettivo del procuratore aggiunto Paolo Ielo e del sostituto Mario Palazzi è cristallizzare le sue affermazioni che sono alla base delle accuse mosse a Romeo. Parlando sia con i magistrati romani che con quelli di Napoli, il dirigente della centrale acquisti ha affermato di avere ricevuto, nell'arco di tre anni, circa 100 mila euro da parte di Romeo per ottenere informazioni relative agli appalti banditi dalla Consip. L'atto istruttorio avverrà davanti al gip Gaspare Sturzo, lo stesso magistrato che deve decidere sulla richiesta di interdizione per la Romeo Gestione.

Archivio Ultima ora