Gaza: il clown che diverte i bimbi malati di cancro

Pubblicato il 20 marzo 2017 da ansa

GAZA/TEL AVIV. – Nella disastrata Gaza, dove la povertà è di casa e dove negli ospedali si respira sconforto, c’è un giovane che malgrado tutto crede fermamente nella terapia del sorriso. Si chiama Abdallah Abushaban, ha 23 anni, si è appena laureato in giornalismo, ma a causa della disoccupazione dilagante si adatta a svolgere lavori occasionali. Lo si può dunque incontrare nelle corsie dell’ospedale Rantisi, ‘armato’ di una fisarmonica, di un ombrello, di palloncini colorati e di fischietti. Tutto per strappare un sorriso ai bambini più malati.

Il suo obiettivo è diventare clown professionista: ma nella Striscia nessuno gli sa insegnare quel mestiere così insolito. Allora Abdallah si è messo in spalla lo zainetto (dove conserva i trucchi del mestiere) e – senza troppo spargere la voce – è passato in Israele per incontrare i colleghi che, come lui, si danno da fare per far ridere i bambini gravemente ammalati, anche se tutto avviene in condizioni che non possono neanche essere paragonate a quelle di Gaza.

“Solo i miei familiari sapevano della mia missione in Israele” ha detto ieri alla televisione commerciale Canale 10. “Tutti gli altri pensavano che fossi andato per controlli medici periodici”. Perchè anche Abdallah, da bambino, era stato ricoverato in Israele per un tumore al petto che gli impediva di respirare. Quel tumore fu rimosso e lui riacquistò il gusto della vita.

Cosa ricorda di quel ricovero?

“Un giorno entrò nella mia stanza un signore che si comportava in modo bizzarro, che diceva cose incomprensibili. La prima sensazione – ha spiegato – fu di timore. Ero sicuro che fosse un matto che si era allontanato dal suo reparto”.

Invece era un clown del centro medico Tel ha-Shomer, con cui poi Abdallah avrebbe fraternizzato. Da quel momento comprese che avrebbe voluto emularlo: ma come fare? Nei mesi scorsi Abushaban ha imparato che indossare abiti sgargianti, applicarsi un naso rosso posticcio e fare chiasso con la fisarmonica non basta.

Occorre sapere improvvisare, far galoppare la fantasia dei piccoli malati, spesso molto deboli: proprio come era lui all’età di 11 anni. E così, per due settimane è stato ospite dell’ospedale Hadassah di Gerusalemme, dove ha potuto seguire il lavoro di un collega. Per garantirgli il permesso di soggiorno in Israele si è mobilitato anche l’ufficio di coordinamento fra Israele e i palestinesi.

Al suo ritorno è stato interrogato dai servizi di sicurezza di Hamas, che hanno voluto approfondire la natura dei suoi rapporti con i pagliacci israeliani. A questo punto Abushaban sembra più determinato che mai ad intraprendere la strada del professionismo, magari seguendo corsi specializzati all’estero. Ma al tempo stesso è scettico sul fatto che al suo ritorno a Gaza ci potrà mai essere uno stipendio per chi nel biglietto da visita si presenterà come: ‘terapista del sorriso’.

(di Sami al-Ajrami e Aldo Baquis/ANSAmed)

Ultima ora

08:14Sud Sudan: Unhcr, un milione di profughi in Uganda

KAMPALA (UGANDA) - Ha raggiunto il milione il numero dei rifugiati del Sudan meridionale in Uganda, secondo un rapporto delle Nazioni Unite diffuso oggi, una pietra miliare per quella che e' divenuta la crisi di rifugiati a crescita piu' veloce. L'UNHCR, l'agenzia dell'Onu per i rifugiati, ha comunicato che una media di 1.800 cittadini provenienti dal Sud Sudan sono arrivati ogni giorno in Uganda negli ultimi 12 mesi. Un altro milione o piu' di persone del Sudan meridionale hanno trovato riparo in Sudan, Etiopia, Kenya, Congo e Repubblica Centrafricana.

05:42Coree: Seul, inviato a Pyongyang se stop provocazioni

PECHINO - Il presidente sudcoreano Moon Jae-in prendera' in considerazione l'invio di un inviato speciale a Pyongyang se il Nord mettera' fine alle sue provocazioni: in un messaggio trasmesso dalle tv di Seul, in occasione dei primi 100 giorni di insediamento alla presidenza, Moon ha spiegato che il dialogo intercoreano puo' esserci solo se finiscono test nucleari e missilistici. ''Nessuna guerra ci sara' sulla penisola'', ha poi ribadito il presidente, ricordando l'impegno Usa a non prendere alcuna azione militare senza il consenso di Seul.

05:38Charlottesville: Carson, ingigantite reazioni a parole Trump

WASHINGTON - Il segretario Usa all'urbanistica Ben Carson ha descritto le polemiche scaturite dalla reazione del presidente Donald Trump ai fatti di Charlottesville come ''piccoli bisticci'' che vengono ''ingigantiti''. Lo stesso Carson -l'unico afroamericano nel governo Trump- in un post su Facebook aveva parlato di ''odio e intolleranza su tutti i fronti'' in reazione a quanto accaduto nella citta' della Virginia.

05:18Gaza: Hamas, kamikaze Isis morto in scontro con sicurezza

GAZA - Hamas ha rivelato che un kamikaze si e' fatto esplodere mentre le forze di sicurezza stavano cercando di impedirgli di infiltrarsi in Egitto, e nell'attentato diverse persone sono rimaste ferite. Il Ministero degli Interni di Hamas ha reso noto che l'attentatore e' morto e un suo complice e' rimasto ferito. Una delle persone coinvolte nell'attacco e' in condizioni definite 'serie'. L'attentato e' il primo portato da un palestinese con una bomba suicida contro le forze di Hamas. Dirigenti di Hamas hanno detto che l'assalitore e' ritenuto un militante dell'Isis.

05:11Charlottseville: Cnn, Trump non rammaricato di sue parole

WASHINGTON - Secondo la Cnn che cita fonti il presidente degli Stati Uniti Donald Trump non si e' pentito di quanto affermato circa i fatti di Charlottesville nel sottolineare che vi sono responsabilita' in entrambe le parti coinvolte. Secondo quanto riferito da una fonte alla Cnn il presidente va avanti ''senza rammarico'', fermamente convinto che i media e le elite della costa orientale stiano iperventilando.

05:06Corea Nord: Bannon, non c’e’ nessuna soluzione militare

WASHINGTON - Non c'e' soluzione militare in risposta alla minaccia della Corea del Nord. Ne e' convinto Steve Bannon, consigliere del presidente Usa Donald Trump e stratega della Casa Bianca, intervistato da The American Prospect. 'Fino a quando non si dimostra che 10 milioni di persone a Seul non muoiono nei primi 30 minuti da armi convenzionali non so di che si parla. Non c'e' nessuna soluzione militare'', ha detto Bannon.

05:01Venezuela: Parlamento chiede tutela internazionale

CARACAS - Julio Borges, presidente del Parlamento venezuelano, in mano all'opposizione, ha chiesto oggi l'aiuto degli organismi internazionali per i diritti umani per ''proteggere i singoli deputati e proteggere il Parlamento stesso'' dalle persecuzioni messe in atto dal governo di Nicolas Maduro. Borges si e' riferito alle accuse mosse dal Procuratore Tarek William Saab contro German Ferrer -deputato del partito di governo e marito di Luisa Ortega Diaz, l'ex Procuratrice ribelle- per le quali ha chiesto all'Assemblea Costituente che sospenda la sua immunita' parlamentare e ne ordini l'arresto.

Archivio Ultima ora