Alfano: “Il G7 rilanci l’Europa e i rapporti con Mosca”

Pubblicato il 20 marzo 2017 da ansa

Il ministro Alfano negli Stati Uniti, tappa a New York (Foto dal sito della Farnesina)

NEW YORK. – “Taormina sarà l’occasione di una prima verifica in formato G7 del rapporto con la nuova amministrazione Trump”. Ma il summit deve essere anche “la base della ripartenza delle relazioni Europa-Russia” e per il rilancio della leadership dell’Europa, sia in campo economico sia in campo militare, guardando di più verso Sud, da dove vengono le nuove minacce.

Il ministro degli Esteri Angelino Alfano sintetizza così, in un’intervista all’ANSA, le aspettative del governo italiano in vista del vertice che si terrà in Sicilia il 26 e 27 maggio. Il titolare della Farnesina parla da New York, dove si trova per una serie di incontri al Palazzo di Vetro delle Nazioni Unite e alla vigilia di un importante vertice anti-Isis convocato a Washington dal presidente americano.

“Ci troviamo in un momento storico molto delicato – sottolinea Alfano – in cui le preoccupazioni non mancano”.

Anche sul fronte dei rapporti tra Stati Uniti e Europa: basti guardare al primo faccia a faccia tra Donald Trump e Angela Merkel alla Casa Bianca e ai contrasti già emersi al G20 di Baden Baden, con il governo americano che ha preteso di smorzare i toni di condanna del protezionismo.

“Ma dobbiamo dare tempo all’amministrazione Trump – spiega Alfano – non si può pretendere nei primi cento giorni di avere tutte le risposte”.

Piuttosto, per il ministro degli Esteri, è l’Europa che deve darsi da fare, che deve assumere una vera e propria leadership.

“Con il protagonismo di Putin e con la nuova amministrazione americana – è il monito di Alfano – l’Europa non può limitarsi a piangersi addosso, deve agire, deve rilanciarsi. Prima ancora del G7 abbiamo i Trattati di Roma, e quella dovrà essere l’occasione per rilanciare il progetto europeo. Perché l’Europa non può più stare ferma, e se non va avanti tornerà inevitabilmente indietro”.

Con lo spettro dei populismi che incombe sul futuro del Vecchio Continente. Per il ministro degli Esteri è fondamentale puntare “su un’Europa più sociale, ma anche più forte dal punto di vista militare”.

“Questi due elementi sono strategici per il futuro del nostro continente e li metteremo sul tavolo del G7. Perché – avverte Alfano – se si parla solo di economia e l’economia non va bene i popoli finiscono per disilludersi”.

E poi la Nato: “Per noi è indispensabile, non vi si può rinunciare. Ma l’Europa deve proiettarsi sempre più verso Sud, da dove arrivano le nuove minacce. Deve diventare protagonista della propria sicurezza”.

Si arriva così alla Libia. A Taormina l’Italia ribadirà di essere stata l’unica finora a pagare il conto della decisione della comunità internazionale di porre fine al regime Gheddafi, con la crisi dei rifugiati e con i costi della gestione di questa crisi.

“Questo è un punto di grande debolezza europea – ribadisce il ministro riferendosi ai mancati ricollocamenti – perché vuol dire che non ci si può fidare degli accordi siglati”. “L’obiettivo ora è terminare un lavoro che è rimasto incompiuto. Bisogna stabilizzare il Paese, rendere effettive le decisioni già assunte e organizzare sempre più efficacemente il presidio del mar Mediterraneo”.

E la soluzione va trovata in ambito Onu, dove è presente anche la Russia. Stesso discorso vale per la Siria, dove l’Europa può svolgere un ruolo ben definito nell’opera di ricostruzione. Ecco il capitolo che riguarda Mosca:

“Tra otto giorni sarò lì – spiega Alfano – il rapporto bilaterale prosegue. Ma è evidente che se non si sblocca l’adempimento del protocollo di Minsk è difficile immaginare un invito in ambito G7”. “L’obiettivo, magari non per questo G7, è di superare le sanzioni, perché lo consideriamo lo strumento per realizzare gli accordi di Minsk, non il fine a cui ambire”, ribadisce Alfano:

“Nessuna persona di buonsenso può ambire a escludere la Russia da un contesto internazionale nel quale è un alleato al terrorismo e per l’Italia anche un affidabile fornitore energetico”.

La lotta all’Isis sarà chiaramente centrale al G7. A parere del ministro, “non bisogna dare Daesh per sconfitto, perché ha una forte capacità di metamorfosi”.

“La sconfitta militare non è ancora definitiva, ma noi ci auguriamo che possa arrivare presto – spiega – tuttavia la comunità internazionale deve vigilare sulla capacità di trasformazione dell’Isis, sulla sua capacità di riciclarsi sotto forma di altre modalità di crimine organizzato in quei territori e non solo”.

(di Ugo Caltagirone e Valeria Robecco/ANSA)

Ultima ora

09:32Filippine: campane chiese contro uccisioni antidroga Duterte

(ANSA) - MANILA, 20 AGO - La Chiesa cattolica nelle Filippine risponde alla sanguinosa campagna antidroga del presidente Rodrigo Duterte: l'arcivescovo Socrates Villegas di una regione nel nord del Paese ha ordinato a tutte le chiese nel suo arcivescovado di suonare le campane ogni sera per tre mesi in segno di protesta contro il crescente numero di omicidi da parte della polizia nella lotta ai narcotrafficanti. Le campane delle chiese suoneranno per 15 minuti ogni sera a partire da martedì prossimo per svegliare una popolazione "codarda", incapace di "esprimere la propria rabbia contro il male", ha detto Villegas. L'iniziativa segue l'ondata di violenze della settimana scorsa, quando oltre 80 sospetti sono stati uccisi dalla polizia a Manila e nella vicina provincia di Bulacan in soli tre giorni.

09:05India: bilancio deragliamento treno, 24 morti e 156 feriti

(ANSA) - NEW DELHI, 20 AGO - Si sono concluse stamani in India le operazioni di soccorso a seguito del deragliamento di un treno nello Stato settentrionale di Uttar Pradesh che ha avuto un bilancio di 24 morti e 156 feriti. Lo scrive l'agenzia di stampa Ians. Nel pomeriggio di ieri 14 carrozze del Kalinga Utkal Express sono uscite violentemente dai binari a Khatauli, nel distretto di Muzaffaranagar, mentre da Puri era diretto a Haridwar in Uttarakhand. Fonti del governo locale hanno avvertito che le vittime potrebbero aumentare perché dieci dei feriti ricoverati in ospedale sono in condizioni molto gravi.

08:21Scontri per statue sudisti a Dallas

(ANSA) - DALLAS, 20 AGO - Scontri a Dallas durante una delle manifestazioni antirazziste svolte in varie città degli Stati Uniti. La polizia è intervenuta per sedare i tafferugli scoppiati tra un gruppo di persone che chiedeva l'abbattimento delle statue dei Confederati all'interno di un memoriale della Guerra civile e altre che presidiavano la zona in difesa dei monumenti. Alcuni sostenitori di entrambe le parti erano armati, ma non risulta che vi siano stati spari. Manifestazione nella notte anche ad Atlanta, dove un corteo pacifico ha raggiunto la casa di Martin Luther King gridando slogan antirazzisti.

05:55‘Spari a Nimes’, poi la prefettura smentisce

(ANSA) - ROMA, 20 AGO - Momenti di paura a Nimes, nel sud della Francia, dopo le notizie diffuse in serata e poi smentite di una "sparatoria alla stazione". A lanciare l'allarme intorno alle 21 sono stati alcuni media spagnoli e successivamente quelli britannici che avevano parlato di "una sparatoria, di un uomo arrestato e di due in fuga". Notizie che avevano fatto pensare ad un nuovo attentato e ad un possibile collegamento con quello di Barcellona, vista la vicinanza di Nimes con la frontiera spagnola. La stazione ferroviaria della città è stata immediatamente evacuata e transennata dalle forze dell'ordine, mentre sui social network si diffondevano un tam-tam di notizie, tra "jihadisti in fuga", e "paura" e "sparatorie", e "uomini armati asserragliati sul vagone di un treno". Poco dopo però la prefettura della regione della Gard ha smentito la notizia della sparatoria, confermando però che la stazione era stata chiusa perché "era in corso un'operazione di verifica dopo una segnalazione sospetta".

22:37Avaria: 500mila galline abbattute, focolai influenza estinti

(ANSA) - MILANO, 19 AGO - Sono terminate ieri tutte le operazioni di abbattimento, pulizia e disinfezione sia nei focolai di influenza aviaria sia negli allevamenti sottoposti ad abbattimento preventivo. Lo comunica l'Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie, spiegando che "tutti i focolai di influenza aviaria risultano quindi estinti". L'abbattimento più cospicuo si è registrato in un allevamento di galline ovaiole di Castiglione delle Stiviere, nel mantovano, dove sono state eliminate 460mila galline ovaiole contagiate. La Lombardia la scorsa settimana ha comunicato all'istituto zooprofilattico la conclusione delle operazioni di abbattimento degli ultimi focolai e l'abbattimento preventivo di un allevamento di tacchini considerato a rischio elevato. La mappa dei focolai comprende Veneto, Lombardia ed Emilia Romagna, ma alcuni casi sono stati segnalati anche in Piemonte e Friuli Venezia Giulia. A essere colpiti dal virus, da gennaio a oggi, sono state soprattutto galline ovaiole, tacchini e oche da carne.

22:00Calcio: Verona-Napoli, ancora Var conferma gol partenopei

(ANSA) - ROMA, 19 AGO - Napoli in vantaggio a Verona e gol confermato dalla Var, chiamata in causa dall'arbitro Fabbri. La formazione di Sarri è andata in vantaggio dopo 32' grazie a un'autorete di Souprayen. Il direttore di gara, prima di convalidare la rete, ha chiesto l'intervento della Var che ha confermato la regolarità del gol degli ospiti.

21:49Squalo volpe di 200 chili pescato nel crotonese

(ANSA) - STRONGOLI (CROTONE), 19 AGO - Un esemplare di squalo volpe di 200 kg, lungo oltre 3,5 metri, è stato pescato a Strongoli marina, nel crotonese, con una canna da pesca da altura. Lo squalo ha abboccato ad una profondità di 60 metri. La sorprendente cattura è stata fatta da Giuseppe Fiorita, giovane appassionato di pesca sportiva che era uscito in mare per una battuta di pesca in cerca di ricciole. Lo squalo volpe, con i suoi 6 metri di lunghezza, rappresenta la specie più grande fra le tre ascritte al genere Alopias. È molto diffuso nei mari tropicali. (ANSA).

Archivio Ultima ora