Alfano: “Il G7 rilanci l’Europa e i rapporti con Mosca”

Pubblicato il 20 marzo 2017 da ansa

Il ministro Alfano negli Stati Uniti, tappa a New York (Foto dal sito della Farnesina)

NEW YORK. – “Taormina sarà l’occasione di una prima verifica in formato G7 del rapporto con la nuova amministrazione Trump”. Ma il summit deve essere anche “la base della ripartenza delle relazioni Europa-Russia” e per il rilancio della leadership dell’Europa, sia in campo economico sia in campo militare, guardando di più verso Sud, da dove vengono le nuove minacce.

Il ministro degli Esteri Angelino Alfano sintetizza così, in un’intervista all’ANSA, le aspettative del governo italiano in vista del vertice che si terrà in Sicilia il 26 e 27 maggio. Il titolare della Farnesina parla da New York, dove si trova per una serie di incontri al Palazzo di Vetro delle Nazioni Unite e alla vigilia di un importante vertice anti-Isis convocato a Washington dal presidente americano.

“Ci troviamo in un momento storico molto delicato – sottolinea Alfano – in cui le preoccupazioni non mancano”.

Anche sul fronte dei rapporti tra Stati Uniti e Europa: basti guardare al primo faccia a faccia tra Donald Trump e Angela Merkel alla Casa Bianca e ai contrasti già emersi al G20 di Baden Baden, con il governo americano che ha preteso di smorzare i toni di condanna del protezionismo.

“Ma dobbiamo dare tempo all’amministrazione Trump – spiega Alfano – non si può pretendere nei primi cento giorni di avere tutte le risposte”.

Piuttosto, per il ministro degli Esteri, è l’Europa che deve darsi da fare, che deve assumere una vera e propria leadership.

“Con il protagonismo di Putin e con la nuova amministrazione americana – è il monito di Alfano – l’Europa non può limitarsi a piangersi addosso, deve agire, deve rilanciarsi. Prima ancora del G7 abbiamo i Trattati di Roma, e quella dovrà essere l’occasione per rilanciare il progetto europeo. Perché l’Europa non può più stare ferma, e se non va avanti tornerà inevitabilmente indietro”.

Con lo spettro dei populismi che incombe sul futuro del Vecchio Continente. Per il ministro degli Esteri è fondamentale puntare “su un’Europa più sociale, ma anche più forte dal punto di vista militare”.

“Questi due elementi sono strategici per il futuro del nostro continente e li metteremo sul tavolo del G7. Perché – avverte Alfano – se si parla solo di economia e l’economia non va bene i popoli finiscono per disilludersi”.

E poi la Nato: “Per noi è indispensabile, non vi si può rinunciare. Ma l’Europa deve proiettarsi sempre più verso Sud, da dove arrivano le nuove minacce. Deve diventare protagonista della propria sicurezza”.

Si arriva così alla Libia. A Taormina l’Italia ribadirà di essere stata l’unica finora a pagare il conto della decisione della comunità internazionale di porre fine al regime Gheddafi, con la crisi dei rifugiati e con i costi della gestione di questa crisi.

“Questo è un punto di grande debolezza europea – ribadisce il ministro riferendosi ai mancati ricollocamenti – perché vuol dire che non ci si può fidare degli accordi siglati”. “L’obiettivo ora è terminare un lavoro che è rimasto incompiuto. Bisogna stabilizzare il Paese, rendere effettive le decisioni già assunte e organizzare sempre più efficacemente il presidio del mar Mediterraneo”.

E la soluzione va trovata in ambito Onu, dove è presente anche la Russia. Stesso discorso vale per la Siria, dove l’Europa può svolgere un ruolo ben definito nell’opera di ricostruzione. Ecco il capitolo che riguarda Mosca:

“Tra otto giorni sarò lì – spiega Alfano – il rapporto bilaterale prosegue. Ma è evidente che se non si sblocca l’adempimento del protocollo di Minsk è difficile immaginare un invito in ambito G7”. “L’obiettivo, magari non per questo G7, è di superare le sanzioni, perché lo consideriamo lo strumento per realizzare gli accordi di Minsk, non il fine a cui ambire”, ribadisce Alfano:

“Nessuna persona di buonsenso può ambire a escludere la Russia da un contesto internazionale nel quale è un alleato al terrorismo e per l’Italia anche un affidabile fornitore energetico”.

La lotta all’Isis sarà chiaramente centrale al G7. A parere del ministro, “non bisogna dare Daesh per sconfitto, perché ha una forte capacità di metamorfosi”.

“La sconfitta militare non è ancora definitiva, ma noi ci auguriamo che possa arrivare presto – spiega – tuttavia la comunità internazionale deve vigilare sulla capacità di trasformazione dell’Isis, sulla sua capacità di riciclarsi sotto forma di altre modalità di crimine organizzato in quei territori e non solo”.

(di Ugo Caltagirone e Valeria Robecco/ANSA)

Ultima ora

00:50Calcio: Allegri, l’importante era restare in scia al Napoli

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - "L'importante era vincere. Alla fine c'è stata un po' di ansia perché ci mancavano un po' le gambe. Abbiamo alle spalle sei giorni di lavoro importante ed i ragazzi l'hanno sentito. Potevamo chiudere la partita già nel primo tempo ed ancora con un paio di occasioni nella ripresa. Non ci siamo riusciti e quindi complimenti al Genoa". Massimiliano Allegri sa che la Juventus non ha giocato una partita entusiasmante, ma si prende i 3 punti grazie all'1-0, rete di Douglas Costa. "E' importante che la squadra vinca anche se Higuain non segna" ha commentato. Lotta scudetto riservata a Napoli e Juventus? "Il campionato è ancora lungo tutti quelli che ci stanno dietro possono ancora rientrare - ammette Allegri - Ora davanti (di un punto, ndr) abbiamo il Napoli e quindi era importante restargli in scia".

00:23Calcio: Douglas Costa, vittoria difficile ma importante

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - "Sono contento del gol e di aver aiutato la squadra. Nel secondo tempo siamo un po' calati fisicamente, è stata difficile ma non abbiamo subito gol con grande sacrificio a parte di tutti: abbiamo portato a termine la partita in vantaggio e quello è l'importante". Le parole a caldo del giocatore juventino Douglas Costa dopo l'1-0 sul Genoa che ha riportato i bianconeri a -1 dal Napoli. "Mettere pressione al Napoli? Noi dobbiamo pensare solo a noi stessi e andare avanti senza guardare gli altri", ha aggiunto il centrocampista.

00:18Donna uccisa in agguato a Napoli, tre colpi al volto

(ANSA) - NAPOLI, 22 GEN - Una donna di 54 anni, Annamaria Palmieri, è stata uccisa in un agguato ed è stata trovata riversa in via del'Alveo Artificiale nel quartiere periferico di San Giovani a Teduccio a Napoli. Lo si apprende da fonti della Questura. Dai primi rilievi emerge che la donna è stata raggiunta da tre colpi di pistola al volto. La donna, rilevano le stesse fonti, aveva precedenti per reati contro il patrimonio, per droga e per associazione per delinquere. Agenti della Scientifica stanno operando nell'area del rinvenimento del corpo.

00:08Calcio: serie A, Juventus-Genoa 1-0

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - La Juventus con il minimo sforzo batte il Genoa nel posticipo della 21/a giornata si serie A e tiene il passo del Napoli, vittorioso ieri a Bergamo. Di Douglas Costa, al 16', l'unica rete della partita, alla quale il Genoa non ha saputo replicare. I bianconeri, alla quarta vittoria di fila, seguono ad una lunghezza il Napoli, che comanda a quota 54, e hanno 10 lunghezze di vantaggio sulla terza, la Lazio. Il Genoa, reduce da tre risultati utili consecutivi, è fermo a 21 punti, +5 dalla zona retrocessione.

22:32Calcio: Marotta, quella su Balotelli è una bufala

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - "Le voci su Balotelli? C'è affetto e stima per questo ragazzo, ma è una notizia da fantacalcio, una bufala. Quello di Balotelli è un profilo che non occorre alla Juventus". L'ad della Juventus, Giuseppe Marotta, prima di Juve-Genoa nega ogni interesse per l'attaccante del Nizza e anche per il giocatore della Lazio De Vrij: "non è un nostro obiettivo". Confermata invece la pista Emre Can. "L'interesse è chiaro - dice il dirigente a Premium Sport - vogliamo tentare di portarlo con noi, ma non è detto che ci riusciremo perché al momento ha un contratto con il Liverpool. Potrebbe rinnovarlo e oltretutto ci sono altre squadre su di lui".

22:21Calcio: Verona, presidente conferma la panchina a Pecchia

(ANSA) - VERONA, 22 GEN - Niente cambi sulla panchina del Verona. Fabio Pecchia resta in sella, e guiderà la squadra gialloblù anche nel prossimo impegno di campionato, in trasferta al Franchi, contro la Fiorentina. Lo ha deciso il presidente del club, Maurizio Setti. La squadra andrà intanto in ritiro. "Al termine di una giornata di riflessioni e confronti - spiega il Verona in una nota - il presidente dell'Hellas Verona, Maurizio Setti, ha deciso che la squadra andrà in ritiro fino a data da destinarsi. Il gruppo, in vista del match contro la Fiorentina, si allenerà ad Imola agli ordini di Fabio Pecchia e del suo staff, con il primo allenamento in programma per mercoledì 24 gennaio". La proprietà comunica inoltre di aver indetto il silenzio stampa, esteso "a tutti i propri tesserati".

22:15Calcio: Rafinha, voglio vincere dei titoli con l’Inter

(ANSA) - MILANO, 22 GEN - "Sono davvero molto felice, è una grande soddisfazione arrivare qui. E' una tappa importante della mia vita e ho tanta voglia di affrontare questa nuova fase della mia carriera. All'Inter sono passati tanti giocatori importanti, che hanno fatto la storia. Voglio fare del mio meglio e dare tutto per arrivare il più in alto possibile e vincere titoli con questi colori". Sono le prime parole di Rafinha da giocatore, rilasciate a Inter TV. "Cerco sempre di ottenere il massimo, voglio vincere più partite possibili e aiutare la squadra a raggiungere il nostro obiettivo, la Champions League", ha aggiunto. Rafinha, che vestirà la maglia numero 8, ritrova anche Mauro Icardi, compagno ai tempi della Cantera del Barcellona: "È sempre bello avere nel gruppo chi parla la tua lingua, conosco anche Mauro, ho giocato con lui. Mi ha dato subito una mano facendomi visitare il Centro Sportivo di Appiano Gentile".

Archivio Ultima ora