Alfano: “Il G7 rilanci l’Europa e i rapporti con Mosca”

Pubblicato il 20 marzo 2017 da ansa

Il ministro Alfano negli Stati Uniti, tappa a New York (Foto dal sito della Farnesina)

NEW YORK. – “Taormina sarà l’occasione di una prima verifica in formato G7 del rapporto con la nuova amministrazione Trump”. Ma il summit deve essere anche “la base della ripartenza delle relazioni Europa-Russia” e per il rilancio della leadership dell’Europa, sia in campo economico sia in campo militare, guardando di più verso Sud, da dove vengono le nuove minacce.

Il ministro degli Esteri Angelino Alfano sintetizza così, in un’intervista all’ANSA, le aspettative del governo italiano in vista del vertice che si terrà in Sicilia il 26 e 27 maggio. Il titolare della Farnesina parla da New York, dove si trova per una serie di incontri al Palazzo di Vetro delle Nazioni Unite e alla vigilia di un importante vertice anti-Isis convocato a Washington dal presidente americano.

“Ci troviamo in un momento storico molto delicato – sottolinea Alfano – in cui le preoccupazioni non mancano”.

Anche sul fronte dei rapporti tra Stati Uniti e Europa: basti guardare al primo faccia a faccia tra Donald Trump e Angela Merkel alla Casa Bianca e ai contrasti già emersi al G20 di Baden Baden, con il governo americano che ha preteso di smorzare i toni di condanna del protezionismo.

“Ma dobbiamo dare tempo all’amministrazione Trump – spiega Alfano – non si può pretendere nei primi cento giorni di avere tutte le risposte”.

Piuttosto, per il ministro degli Esteri, è l’Europa che deve darsi da fare, che deve assumere una vera e propria leadership.

“Con il protagonismo di Putin e con la nuova amministrazione americana – è il monito di Alfano – l’Europa non può limitarsi a piangersi addosso, deve agire, deve rilanciarsi. Prima ancora del G7 abbiamo i Trattati di Roma, e quella dovrà essere l’occasione per rilanciare il progetto europeo. Perché l’Europa non può più stare ferma, e se non va avanti tornerà inevitabilmente indietro”.

Con lo spettro dei populismi che incombe sul futuro del Vecchio Continente. Per il ministro degli Esteri è fondamentale puntare “su un’Europa più sociale, ma anche più forte dal punto di vista militare”.

“Questi due elementi sono strategici per il futuro del nostro continente e li metteremo sul tavolo del G7. Perché – avverte Alfano – se si parla solo di economia e l’economia non va bene i popoli finiscono per disilludersi”.

E poi la Nato: “Per noi è indispensabile, non vi si può rinunciare. Ma l’Europa deve proiettarsi sempre più verso Sud, da dove arrivano le nuove minacce. Deve diventare protagonista della propria sicurezza”.

Si arriva così alla Libia. A Taormina l’Italia ribadirà di essere stata l’unica finora a pagare il conto della decisione della comunità internazionale di porre fine al regime Gheddafi, con la crisi dei rifugiati e con i costi della gestione di questa crisi.

“Questo è un punto di grande debolezza europea – ribadisce il ministro riferendosi ai mancati ricollocamenti – perché vuol dire che non ci si può fidare degli accordi siglati”. “L’obiettivo ora è terminare un lavoro che è rimasto incompiuto. Bisogna stabilizzare il Paese, rendere effettive le decisioni già assunte e organizzare sempre più efficacemente il presidio del mar Mediterraneo”.

E la soluzione va trovata in ambito Onu, dove è presente anche la Russia. Stesso discorso vale per la Siria, dove l’Europa può svolgere un ruolo ben definito nell’opera di ricostruzione. Ecco il capitolo che riguarda Mosca:

“Tra otto giorni sarò lì – spiega Alfano – il rapporto bilaterale prosegue. Ma è evidente che se non si sblocca l’adempimento del protocollo di Minsk è difficile immaginare un invito in ambito G7”. “L’obiettivo, magari non per questo G7, è di superare le sanzioni, perché lo consideriamo lo strumento per realizzare gli accordi di Minsk, non il fine a cui ambire”, ribadisce Alfano:

“Nessuna persona di buonsenso può ambire a escludere la Russia da un contesto internazionale nel quale è un alleato al terrorismo e per l’Italia anche un affidabile fornitore energetico”.

La lotta all’Isis sarà chiaramente centrale al G7. A parere del ministro, “non bisogna dare Daesh per sconfitto, perché ha una forte capacità di metamorfosi”.

“La sconfitta militare non è ancora definitiva, ma noi ci auguriamo che possa arrivare presto – spiega – tuttavia la comunità internazionale deve vigilare sulla capacità di trasformazione dell’Isis, sulla sua capacità di riciclarsi sotto forma di altre modalità di crimine organizzato in quei territori e non solo”.

(di Ugo Caltagirone e Valeria Robecco/ANSA)

Ultima ora

05:03Sparatoria San Diego, killer si e’ arreso dopo 8 ore

NEW YORK - E' di due morti e due feriti gravi il bilancio della sparatoria avvenuta in un complesso abitativo di National City, nei sobborghi di San Diego, in California. I poliziotti hanno catturato il killer che per 8 ore ha resistito barricato in un appartamento: sarebbe ferito.

03:55Filippine: assedio a Marawi, oggi tregua per fine Ramadan

MANILA - L'esercito filippino osservera' oggi una tregua di otto ore nella sua offensiva terrestre e navale contro i militati islamici affiliati all'Isis della citta' meridionale di Marawi, per consentire agli abitanti, molti dei quali residenti lungo le vie dei combattimenti, di celebrare la fine del Ramadan. Il portavoce dell'esercito, generale Restituto Padilla, ha detto che ''la pausa umanitaria'' negli attacchi militari comincera' alle 6 del mattino locali ma verra' revocata immediatamente se i militanti apriranno il fuoco o minacceranno le truppe o i civili.

01:13Attore Domenico Diele investe e uccide una donna in scooter

(ANSA) - SALERNO, 25 GIU - E' l'attore Domenico Diele l'uomo di 32 anni che la notte scorsa ha investito e ucciso una 48enne nei pressi dell'uscita autostradale di Montecorvino Pugliano, nel Salernitano. L'attore, senese di origini, ma trapiantato da tempo a Roma, si trovava in zona per le riprese del film 'Una vita spericolata' del regista Marco Ponti. Volto emergente del cinema e della fiction, ha recitato in diverse pellicole, tra cui 'Acab', e in numerose serie di successo della tv, come 'Don Matteo' e '1992'.Sembra che Diele stesse tornando da una festa che si era tenuta a Matera quando con la sua auto, intorno alle 2 del mattino, ha urtato lo scooter su cui viaggiava la 48 enne Ilaria Dilillo che è morta praticamente sul colpo a causa delle ferite riportate. Gli agenti della Polizia stradale di Eboli hanno arrestato il 32enne con l'accusa di omicidio stradale aggravato. L'udienza di convalida della misura è prevista per lunedì.

00:59Italia rovente, a Ferrara percepiti 49 gradi

(ANSA) - ROMA, 25 GIU - Chi ha potuto ha cercato refrigerio al mare. Ma non sempre chi si è rifugiato sulle spiagge è riuscito ad evitare l'afa, che ieri ha attanagliato gran parte dell'Italia, con temperature da capogiro, non solo nelle città. Complice l'elevata umidità, il caldo avvertito è stato largamente superiore ai gradi segnati dal termometro, con 10-12 tacche in più rispetto alle cifre reali. E i numeri sono stati da record: come a Ferrara, dove la temperatura percepita ha raggiunto all'ora di pranzo i 49 gradi, a fronte degli effettivi 37. E a Termoli, in Molise, dove il calore sentito è arrivato a 46 gradi, anche se la colonnina di mercurio si era fermata a 30. E pure a Capo Frasca, in Sardegna, con 37 gradi reali, ma la sensazione che ce ne fossero 44. Roventi anche le città che sono state segnalate dal Ministero della Salute con il bollino rosso. A Bologna la temperatura avvertita è stata di 42 gradi, a fronte dei 35 effettivi; 40 a Torino, Brescia e Bolzano.

23:42Europei U.21: Bernardeschi, che cuore questa Italia

(ANSA) - ROMA, 24 GIU - "L'emozione è tanta, io quando indosso questa maglia provo sempre qualcosa di speciale e particolare. Fare un gol così importante è veramente bellissimo". E' un Federico Bernardeschi felice quello che commenta il successo dell'under 21 azzurra sulla Germania, arrivato per il suo gol al 30'. "Credo ci sia da fare tanti complimenti a questa squadra - dice ancora il talento azzurro -: con il cuore si va avanti, e non c'è niente da fare e non ci si smentisce mai. Ma ce lo meritavamo, e abbiamo avuto anche un pizzico di fortuna, visto che la Danimarca ha vinto. La nostra è stata una grande partita". Poi parla della sua rete. "Ho capito subito che avrei potuto fare gol - dice -. Ho tirato di sinistro perché sono più sicuro". Sottolinea poi che "questa squadra è un gruppo unito e lo ripeterò sempre: siamo così. Ma sappiamo di non aver fatto ancora niente. Ora c'è la Spagna, che è la squadra che ha impressionato di più in questo Europeo. Ma se questa Italia gioca con il cuore è dura per tutti".

23:39Calcio: Di Biagio, ora pensiamo a fare miracolo con Spagna

(ANSA) - ROMA, 24 GIU - "Le critiche nei miei confronti? oggi abbiamo vinto, e non ci saranno. Comunque ci stanno, fanno parte del nostro lavoro. In questo caso bisogna capire dove migliorare". Questo il commento del ct dell'Under 21 Gigi Di Biagio dopo il successo sulla Germania che è valso l'accesso alle semifinali. "Oggi abbiamo fatto una buonissima gara contro un'avversaria forte - dice -. Il nostro obiettivo era di di vincere 1-0 e poi vedere cosa poteva succedere, e così è stato. Ora c'è da migliorare e arrivare in fondo, quindi ora subito con la testa alle semifinale". La mossa vincente è stata quella del 'falso nueve', con il trio Chiesa-Bernardeschi-Berardi che non ha dato punti di riferimento agli avversari. "La mossa è riuscita perchè abbiamo vinto - sorride Di Biagio -, altrimenti stavamo qui a parlare di scelta sbagliata. Abbiamo giocato bene perché abbiamo alzato il ritmo". Adesso c'è la semifinale di martedì a Cracovia contro la Spagna. "Cercheremo di fare il miracolo - dice Di Biagio - ma ora pensiamo a recuperare".

23:38Europei U.21: Italia-Germania 1-0

(ANSA) - ROMA, 24 GIU - Serviva l'impresa e gli Azzurrini l'hanno compiuta battendo 1-0 la quotatissima Germania. Un successo che permette alla formazione del tecnico Gigi Di Biagio di accedere alla semifinale dell'Europeo Under 21, in Polonia, dove martedì prossimo affronterà l'altrettanto temibile Spagna, che ha chiuso a punteggio pieno il proprio girone. Sul passaggio del turno ha influito e non poco la vittoria della Danimarca, che ha battuto 4-2 la Repubblica ceca, permettendo anche alla Germania di avanzare. In semifinale i tedeschi affronteranno l'Inghilterra. A Cracovia il gol partita l'ha siglato Bernardeschi al 30' del primo tempo. Unica nota negativa le ammonizioni di Berardi e Conti che, diffidati, sono stati ammoniti. Salteranno l'impegno con la Spagna.

Archivio Ultima ora