Alfano: “Il G7 rilanci l’Europa e i rapporti con Mosca”

Pubblicato il 20 marzo 2017 da ansa

Il ministro Alfano negli Stati Uniti, tappa a New York (Foto dal sito della Farnesina)

NEW YORK. – “Taormina sarà l’occasione di una prima verifica in formato G7 del rapporto con la nuova amministrazione Trump”. Ma il summit deve essere anche “la base della ripartenza delle relazioni Europa-Russia” e per il rilancio della leadership dell’Europa, sia in campo economico sia in campo militare, guardando di più verso Sud, da dove vengono le nuove minacce.

Il ministro degli Esteri Angelino Alfano sintetizza così, in un’intervista all’ANSA, le aspettative del governo italiano in vista del vertice che si terrà in Sicilia il 26 e 27 maggio. Il titolare della Farnesina parla da New York, dove si trova per una serie di incontri al Palazzo di Vetro delle Nazioni Unite e alla vigilia di un importante vertice anti-Isis convocato a Washington dal presidente americano.

“Ci troviamo in un momento storico molto delicato – sottolinea Alfano – in cui le preoccupazioni non mancano”.

Anche sul fronte dei rapporti tra Stati Uniti e Europa: basti guardare al primo faccia a faccia tra Donald Trump e Angela Merkel alla Casa Bianca e ai contrasti già emersi al G20 di Baden Baden, con il governo americano che ha preteso di smorzare i toni di condanna del protezionismo.

“Ma dobbiamo dare tempo all’amministrazione Trump – spiega Alfano – non si può pretendere nei primi cento giorni di avere tutte le risposte”.

Piuttosto, per il ministro degli Esteri, è l’Europa che deve darsi da fare, che deve assumere una vera e propria leadership.

“Con il protagonismo di Putin e con la nuova amministrazione americana – è il monito di Alfano – l’Europa non può limitarsi a piangersi addosso, deve agire, deve rilanciarsi. Prima ancora del G7 abbiamo i Trattati di Roma, e quella dovrà essere l’occasione per rilanciare il progetto europeo. Perché l’Europa non può più stare ferma, e se non va avanti tornerà inevitabilmente indietro”.

Con lo spettro dei populismi che incombe sul futuro del Vecchio Continente. Per il ministro degli Esteri è fondamentale puntare “su un’Europa più sociale, ma anche più forte dal punto di vista militare”.

“Questi due elementi sono strategici per il futuro del nostro continente e li metteremo sul tavolo del G7. Perché – avverte Alfano – se si parla solo di economia e l’economia non va bene i popoli finiscono per disilludersi”.

E poi la Nato: “Per noi è indispensabile, non vi si può rinunciare. Ma l’Europa deve proiettarsi sempre più verso Sud, da dove arrivano le nuove minacce. Deve diventare protagonista della propria sicurezza”.

Si arriva così alla Libia. A Taormina l’Italia ribadirà di essere stata l’unica finora a pagare il conto della decisione della comunità internazionale di porre fine al regime Gheddafi, con la crisi dei rifugiati e con i costi della gestione di questa crisi.

“Questo è un punto di grande debolezza europea – ribadisce il ministro riferendosi ai mancati ricollocamenti – perché vuol dire che non ci si può fidare degli accordi siglati”. “L’obiettivo ora è terminare un lavoro che è rimasto incompiuto. Bisogna stabilizzare il Paese, rendere effettive le decisioni già assunte e organizzare sempre più efficacemente il presidio del mar Mediterraneo”.

E la soluzione va trovata in ambito Onu, dove è presente anche la Russia. Stesso discorso vale per la Siria, dove l’Europa può svolgere un ruolo ben definito nell’opera di ricostruzione. Ecco il capitolo che riguarda Mosca:

“Tra otto giorni sarò lì – spiega Alfano – il rapporto bilaterale prosegue. Ma è evidente che se non si sblocca l’adempimento del protocollo di Minsk è difficile immaginare un invito in ambito G7”. “L’obiettivo, magari non per questo G7, è di superare le sanzioni, perché lo consideriamo lo strumento per realizzare gli accordi di Minsk, non il fine a cui ambire”, ribadisce Alfano:

“Nessuna persona di buonsenso può ambire a escludere la Russia da un contesto internazionale nel quale è un alleato al terrorismo e per l’Italia anche un affidabile fornitore energetico”.

La lotta all’Isis sarà chiaramente centrale al G7. A parere del ministro, “non bisogna dare Daesh per sconfitto, perché ha una forte capacità di metamorfosi”.

“La sconfitta militare non è ancora definitiva, ma noi ci auguriamo che possa arrivare presto – spiega – tuttavia la comunità internazionale deve vigilare sulla capacità di trasformazione dell’Isis, sulla sua capacità di riciclarsi sotto forma di altre modalità di crimine organizzato in quei territori e non solo”.

(di Ugo Caltagirone e Valeria Robecco/ANSA)

Ultima ora

23:38Calcio: Udinese in ritiro da lunedì

(ANSA) - UDINE, 23 SET - L'Udinese andrà in ritiro da lunedì. Lo ha deciso la società dopo la sconfitta di questo pomeriggio con la Roma, la quinta in sei gare da inizio campionato. Il ritiro, annunciato in serata dal club con una breve nota, è stato deciso "per preparare al meglio l'importante sfida di sabato prossimo con la Sampdoria". Una partita dal risultato che appare obbligato per i bianconeri, ancora fermi a 3 punti in classifica.

23:30Calcio: Baselli si scusa, ‘troppa voglia derby,ho sbagliato’

(ANSA) - TORINO, 23 SET - "Avevo troppo voglia di derby, tenevo troppo a questa partita. Ho sbagliato". Daniele Baselli commenta così, su Twitter, l'espulsione che ha condizionato la prestazione del Torino, battuto 4-0 dalla Juventus. "Chiedo scusa ai miei compagni, ai nostri tifosi, alla società", aggiunge il giocatore granata, che posta la foto in cui esce dal campo. "Superfluo aggiunge altro. Momento durissimo - scrive il centrocampista -. Mi assumo tutte le responsabilità. Sempre e comunque forza Toro".

23:18Serie A: Juve padrona, demolisce Toro 4-0 e fa suo il derby

(ANSA) - ROMA, 23 SET - Una Juve padrona all'Allianz Stadium fa suo il derby della Mole, cancellando il Torino 4-0. Primo tempo sontuoso degli uomini di Allegri che prima a passano in vantaggio grazie al 9/o gol stagionale di Dybala e poi approfittano di uno sciagurato fallo di Baselli che costa al centrocampista granata il doppio giallo e l'inevitabile espulsione. Era il 25' e da lì la partita è corsa su un unico binario: il raddoppio di Pjanic al 40', il tris firmato da Alex Sandro al 12' st e il sigillo ancora del n.10 argentino allo scadere. Il punteggio sarebbe addirittura potuto essere ancora più severo per i granata, ma i pali, le parate di Sirigu e l'imprecisione degli attaccanti bianconeri hanno limitato i danni. Higuain ha iniziato in panchina per poi entrare negli ultimi dieci minuti. La squadra di Mihajlovic paga caro l'errore di Baselli ma già l'approccio alla gara non era stato dei migliori, sentendo forse troppo il match a cui per la prima volta dopo anni erano arrivata senza i panni dell'eterna sconfitta.

23:04I campioni dell’ Nba non andranno alla Casa Bianca, ‘delusi’

(ANSA) - NEW YORK, 23 SET - L'intera squadra dei Golden State Warriors, campione in carica della Nba, la principale lega professionistica del basket americano, non andrà alla Casa Bianca. In una nota il team si dice "deluso" e difende la sua star Stephen Curry, attaccata dal presidente americano. "Non c'è niente di più americano della possibilità che ogni cittadino possa esprimere liberamente le sue opinioni", si legge. I Warriors annunciano comunque che saranno ugualmente a Washington in febbraio e, invece della programmata visita alla Casa Bianca, troveranno il modo per "celebrare l'uguaglianza, la diversità e l'inclusione. Tutti valori che la nostra organizzazione - si legge ancora - sostiene da sempre".

21:32Minniti a Atreju,applausi e fischi,’ma non sono Crozza’

(ANSA) - ROMA, 23 SET - Il timore lo confessa subito: "mentre venivo qui pensavo: se mi applaudono troppo, significa che mi hanno scambiato per Crozza". Il ministro dell'Interno Marco Minniti esordisce così al dibattito ad Atreju, la festa di Fratelli d'Italia. Alla fine di un vivace confronto durato oltre un'ora, avrà incassato molti applausi ma anche qualche fischio - soprattutto quando liquida il fascismo - da parte di una platea con diversi nostalgici del Ventennio. Minniti strizza l'occhio al pubblico di Atreju quando ricorda che da sottosegretario alla presidenza del Consiglio gli fu assegnata la stanza con la scrivania di Mussolini e, da sottosegretario alla Difesa, quella di Balbo. Rivendica i risultati ottenuti sul fronte dell'immigrazione illegale, la direttiva sugli sgomberi che "concilia il principio di legalità con quello di umanità" e l'eliminazione del grado di appello nei ricorsi contro il diniego dello status di rifugiato: "sono ministro da 9 mesi, perché queste cose non le hanno fatte i governi di centrodestra?".

21:26Calcio: Sarri “Non ci sentiamo l’antagonista della Juventus”

(ANSA) - ROMA, 23 SET - "La Spal ha fatto un'ottima partita e abbiamo giocato su un terreno indegno per questa categoria. E per una squadra come la nostra essere costretti a fare sempre un tocco in più il problema si accentua". E' l'unico neo che Maurizio Sarri vede nella vittoria del Napoli a Ferrara. Parlando a Premium, il tecnico azzurro innanzitutto "la grande partita degli avversari. Abbiamo dovuto fare un secondo tempo di buon livello per vincere. Se la Spal è giocherà così per tutto l'anno, questo sarà un campo difficile". Nessuna novità sulle condizioni di Milik: "Domani farà un controllo e avremo le idee più chiare. Non è comunque il ginocchio che si è infortunato l'anno scorso", chiarisce Sarri che non si sente l'antagonista principale della Juventus: "Non ci sentiamo l'anti-Juve, siamo una squadra che sta facendo tanti punti e siamo migliorati rispetto agli scorsi anni: siamo più capaci di sopportare gli eventi negativi delle gare. Abbiamo fatto un buon inizio, questo ci dà fiducia per continuare a lavorare".

21:12Premier: Liverpool corsaro a Leicester, vetta a -5

(ANSA) - ROMA, 23 SET - Vittoria sofferta e 'pesante' del Liverpool al Leicester Stadium. E' finita 3-2 per la squadra di Jurgen Klopp che deve ringraziare Jamie Vardy che ha sbagliato il rigore del possibile pari a 17' minuti dal termine. Reds avanti 2-0 grazie alle reti di Salah (15') e Coutinho (23') prima del risveglio della squadra di casa con Okazaki (48' pt). Nella ripresa Herserson (68') porta a tre le reti degli ospiti ma Vardy un minuto dopo (69') riporta sotto le Foxes. Decisivo, come detto, l'errore dal dischetto dell'attaccante che al 73' spara sui guantoni di Mignolet la palla del possibile pareggio. In classifica il Liverpool sale a 11 punti, cinque in meno delle capoliste City e United (16) e due in meno del Chelsea (13).

Archivio Ultima ora