Meno liti con il fisco, ultimi 3 mesi del 2016 -11%

Pubblicato il 20 marzo 2017 da ansa

ROMA. – Italiani sempre meno ‘litigiosi’ con il fisco: negli ultimi 3 mesi dello scorso anno le ‘liti’ si sono infatti ridotte di poco più dell’11%. Ma sono pur sempre circa 469 mila gli ‘atti’ da smaltire dinnanzi alle commissioni tributarie.

Il calcolo lo fornisce il Tesoro che spiega: “alla fine del periodo ottobre-dicembre 2016 le controversie tributarie pendenti (469.048) mostrano una riduzione dell’11,6% rispetto all’anno precedente, proseguendo il trend positivo già iniziato dal 2012.

Nel trimestre considerato, le controversie instaurate in entrambi i gradi di giudizio sono state 54.788, facendo registrare una riduzione dei nuovi contenziosi pari al 14,51% (-9.299 ricorsi) rispetto allo stesso periodo del 2015. Le controversie definite sono state 82.713, con una crescita delle decisioni del 2,99% (pari a 2.404 ricorsi).

Le nuove controversie presentate in primo grado presso le Commissioni tributarie provinciali (CTP) sono risultate 36.635 con un calo del 19,91%. I ricorsi definiti sono stati 62.397, con una riduzione del 3,28% rispetto all’analogo periodo del 2015.

Gli appelli pervenuti alle Commissioni tributarie regionali (CTR) nel periodo ottobre-dicembre 2016 sono stati 18.153, facendo registrare nel complesso un calo dell’1,03%. Il numero degli appelli definiti, pari a 20.316, è sensibilmente aumentato rispetto al volume prodotto nello stesso periodo del 2015 (+28,62%).

Il volume complessivo delle nuove controversie presentate nell’anno 2016 mostra una riduzione del 9,85% rispetto al 2015; nello stesso periodo le controversie definite diminuiscono dell’1,60%. Per le CTP la quota di giudizi completamente favorevoli all’Ente impositore, nel periodo ottobre-dicembre 2016, è stata di circa il 45%, per un valore complessivo di 3.116,74 milioni di euro; la quota dei giudizi completamente favorevoli al contribuente è stata invece di circa il 31%, per un valore di 1.242,26 mln di euro.

Per le CTR, invece, la quota di giudizi completamente favorevoli all’Ente impositore è stata di circa il 47%, per un valore complessivo di 1.511,00 mln di euro; la quota dei giudizi completamente favorevoli al contribuente è stata di circa il 37%, per un valore complessivo di 988,38 mln di euro.

(di Francesco Carbone) (ANSA) –

Ultima ora

21:51Le Pen, ‘io la grande alternativa. Macron erede Hollande’

(ANSA) - HENIN-BEAUMONT, 23 APR - "Io vi propongo l'alternanza fondamentale che fondi un'altra politica. Questo non accadrà con l'erede di François Hollande e del suo quinquennato catastrofico". Lo ha detto Marine Le Pen ai militanti nel suo quartier generale, senza tuttavia nominare il suo avversario al secondo turno, Emmanuel Macron. "Mi avete portato al secondo turno delle presidenziali. Ne sono onorata con umiltà e riconoscenza. Vorrei esprimere a voi elettori patrioti la mia più profonda gratitudine. E' un risultato storico, un atto di fierezza di un popolo che solleva la testa, che confida nel futuro", ha aggiunto.

21:40Francia: Fillon si schiera con Macron, ‘fermare Le Pen’

(ANSA) - PARIGI, 23 APR - Francois Fillon riconosce la sconfitta e invita gli elettori a votare per Emmanuel Macron contro Marine Le Pen. "L'estremismo porta solo disgrazie e divisioni", ha detto. "Non sono riuscito a convincervi - ha detto Fillon davanti ai suoi - al momento giusto la verità su queste elezioni sarà scritta. E' una mia sconfitta, io solo ne debbo portare il peso. Alle legislative potranno far sentire la voce del centro e della destra, per questo vi chiedo di restare uniti e determinati". "In attesa - ha continuato - dobbiamo scegliere chi è preferibile, l'astensione non fa parte dei miei geni, soprattutto quando c'è un partito estremista, conosciuto per la sua violenza e l'intolleranza. Il suo programma porterebbe il paese al fallimento, aggiungerebbe caos europeo. Non c'è altra scelta che votare per Emmanuel Macron".

21:18Francia, premier Cazeneuve invita a votare Macron

(ANSA) - PARIGI, 23 APR - Il primo ministro socialista, Bernard Cazeneuve, ha invitato questa sera - dopo i primi risultati del primo turno delle presidenziali - a votare al ballottaggio per il candidato di En Marche!, Emmanuel Macron.

21:15L. elettorale: Orlando, si può fare se Pd assume iniziativa

(ANSA) - ROMA, 23 APR - "Se il Pd assume l'iniziativa una legge elettorale si può fare", trattando su un premio di governo, collegi uninominali e la cancellazione dei capilista bloccati. Lo ha detto il candidato alla segreteria del Pd e ministro della Giustizia, Andrea Orlando a Che tempo che fa. "Una delle ragioni che mi ha convinto a candidarmi è l'aver visto persone che volevano solo andare a votare: di questo ho parlato anche con Prodi. E' importante anche andare a votare sapendo come scegliere gli eletti, evitare che si debba tornare al voto un'altra volta subito dopo le elezioni ed evitare un altro rischio, quello di dover fare un'alleanza tra centrosinistra e centrodestra. Ecco - conclude - questo non lo possiamo fare".

21:10Renzi, M5S proponga, disposti a tavolo su Legalicum

(ANSA) - ROMA, 23 APR - "Il Pd da solo non ha i numeri, aspettiamo che ci facciano proposte. Se il M5S ci chiede di sedersi al tavolo e dice "Vi diamo la nostra legge elettorale senza capilista bloccati" noi siamo disponibili... Sarà bellissimo batterli con la loro legge elettorale". Lo afferma Matteo Renzi nel corso del "#MatteoRisponde" in diretta Facebook. "Lavoreremo fino all'ultimo per una legge maggioritaria sennò voteremo le leggi degli altri", aggiunge. "Abbiamo chiesto il Mattarellum e ci hanno detto di no (e a naso credo sia difficile trovare i numeri sul Mattarellum) e la legge proporzionale ci riporta alla Prima Repubblica", prosegue Renzi invitando gli altri a fare proposte. Se il M5S si fa avanti "siamo pronti a ragionare... o su una proposta di FI, ma le facciano", sottolinea ancora l'ex premier che poi si rivolge ai Cinque Stelle: "Dicono "via i capilista bloccati" ma poi non sanno chi gli entra dentro, e finisce come a Genova con Grillo che dice che chi vince non va bene. Noi le preferenze le prendiamo".

21:04Francia: Macron esulta, ‘oggi si volta pagina’

(ANSA) - PARIGI, 23 APR - "Si volta oggi chiaramente pagina nella vita politica francese": è la prima dichiarazione di Emmanuel Macron, candidato di 'En Marche!', dopo la vittoria nel primo turno delle presidenziali. Dopo la sua prima dichiarazione, Macron, si è affacciato dal tetto del suo quartier generale a Parigi, esultando davanti ai militanti.

20:58++ Francia: Macron esulta, ‘oggi si volta pagina’ ++

(ANSA) - PARIGI, 23 APR - "Si volta oggi chiaramente pagina nella vita politica francese": è la prima dichiarazione di Emmanuel Macron, candidato di 'En Marche!', dopo la vittoria nel primo turno delle presidenziali.

Archivio Ultima ora