L’Ambasciatore Mignano con la Collettività di Valencia

Pubblicato il 21 marzo 2017 da redazione

Il saluto del nostro Ambasciatore, Silvio Mignano, alla nostra Collettività di Valencia

VALENCIA – Due giorni, con un’agenda fitta d’impegni. Tanto è durata la visita del nostro Ambasciatore, Silvio Mignano, alla collettività dello Stato Carabobo. Due giorni che hanno permesso al nostro Ambasciatore di conoscere meglio le necessità e le aspirazioni di una delle comunità più apprezzate della provincia; una comunità che ha lasciato una profonda traccia nell’ambito culturale, sociale, economico e politico della regione. Per l’occasione, il capo della nostra missione diplomatica è stato accompagnato dal Console Generale di Caracas, Mauro Lorenzini.

L’inaugurazione della esposizione allestita negli spazi del “Centro Cultural Eladio Alemán Sucre”

Il “Tour de Force” del nostro Ambasciatore è iniziato domenica 20 alle ore 11 negli spazi espositivi del “Centro Cultural Eladio Alemán Sucre” nei quali è stata inaugurata l’esposizione “De Giotto a Caravaggio: El nacimiento del mundo moderno a través de la pintura italiana”; un viaggio per la nostra cultura rinascimentale e barocca attraverso immagini e illustrazioni delle opere dei grandi artisti italiani. L’esposizione è stata organizzata dall’Ambasciata d’Italia con la collaborazione dell’Istituto Italiano di Cultura, Cavenit, Italicos, Fundavag e Oxicar. L’Ambasciatore d’Italia, nell’inaugurare la mostra, ha colto l’occasione per illustrare attraverso le manifestazioni artistiche il lungo cammino che ha portato alla nascita della modernità e al prestigio dell’Italia.

L’incontro con la nostra Collettività

Nel Centro Sociale Italo Venezolano di Valencia, l’incontro della nostra comunità con l’Ambasciatore Mignano e il Console Generale Lorenzini. La serata, organizzata da Cavenit e dalla Federazione dei Giovani Italo-Venezuelani che presiede Antonella Pinto, è stata l’occasione per chiarire dubbi in tema di assistenza consolare, pensioni, rinnovo dei passaporti, omologazione di titoli di studio, solo per nominare alcuni dei temi più algidi. Sono stati toccati anche altri argomenti come la mancanza di medicine e alimenti che colpisce in particolare i connazionali meno giovani e, purtroppo, soprattutto quelli meno abbienti. La diffusione e promozione della lingua italiana non è stato un tema periferico, a dimostrazione di come sta a cuore alla collettività la divulgazione della nostra cultura e delle nostre tradizioni. Certo, sebbene sia vero che la lingua non è un veicolo indispensabile alla diffusione della cultura, lo è anche che aiuta moltissimo. Nel corso dell’incontro non sono mancati inviti alla collettività a partecipare attivamente alla prossima “Feria Internacional del Libro” che organizzerà la “Universidad de Carabobo”, in cui l’Italia sarà uno dei paesi invitati, e alla “Expo VenItalia” che, com’è tradizione, organizzerà Cavenit.

La consegna dei “bottoni” all’Ambasciatore Mignano e al Console Generale Lorenzini

Nel corso della serata le autorità del sodalizio italo-venezuelano hanno consegnato al nostro Ambasciatore e al Console Generale un “bottone” a ricordo della visita. Quindi il brindisi di rito. Erano presenti i membri della Giunta Direttiva del Cisv, ex presidenti del sodalizio, membri del Comites, della Fegiv e del Comm.Ass.Emi, esponenti di tutte le associazioni regionali dello Stato Carabobo e il vice-console onorario di Valencia. Hanno assistito anche il Sindaco di San Diego, Rosa Brandoniscio Scarano; l’ex sindaco dello stesso Comune, Enzo Scarano; e la segretaria della Casa d’Italia di Maracay e membro del Comites di Caracas, Mirna Casinelli.

L’Ambasciatore Mignano e il Console Generale Lorenzini con il Sindaco di San Diego, Rosa Brandoniscio Scarano e il connazionale Enzo Scarano

La conferenza di Mariano Palazzo

Il giorno seguente, nell’auditorium della “Facultad de Ciencias de la Educación” dell’ Università di Carabobo, in scena Dante Allighieri. Mariano Palazzo, presidente dell’Associazione Dante Alighieri del Venezuela e membro del Comites di Caracas, infatti era il conferenziere incaricato di illustrare attraverso brevi pennellate la vita e l’opera del “sommo poeta”. La conferenza, dal titolo “Viaje Onirico al Mundo de Dante”, emozionava i giovani presenti che, alla fine, manifestavano il loro apprezzamento. Il gruppo di Teatro della Facoltà, quindi, sorprendevano con un monologo incentrato nella Divina Commedia.
Naturalmente i nostri rappresentanti diplomatici hanno colto l’occasione per incontrare, in questa “due-giorni” anche personalità del mondo politico, economico e culturale della regione.

Ultima ora

12:56Secessionisti: tutti e 48 rinviati a giudizio

(ANSA) - BRESCIA, 26 GIU - Tutti i 48 secessionisti lombardo veneti sono stati rinviati a giudizio dal gup di Brescia Alessandra Sabatucci per aver organizzato l'occupazione di Piazza San Marco a Venezia a bordo di un Tanko. Il pm Carlo Nocerino aveva chiesto 34 rinvii a giudizio e 13 assoluzioni. Il processo comincerà il 31 ottobre davanti alla Corte d'Assise di Brescia.

12:49Diritti tv: Tim-Eurosport, esclusiva anche per tennis

(ANSA) - MILANO, 26 GIU - Non solo Olimpiadi, Tim avrà l'esclusiva per la banda larga, ultra larga e mobile anche per tre delle quattro prove del Grande Slam di tennis (Australian Open, Roland Garros, Us Open), i tre grandi giri di ciclismo (Giro d'Italia, Tour de France e Vuelta de Espana). E poi il nuoto e l'atletica con i rispettivi mondiali, l'EuroCup di basket e tutte le discipline invernali. La partnership siglata con Eurosport e Discovery Communications riguarda infatti tutti i principali eventi sportivi italiani e internazionali fino a tutto il 2020. Dal telefonino ma anche dalla tv con il decoder TimVision, che inaugura così la sezione sport. L'accordo, si legge in una nota, permette di accedere dal decoder TimVision ai due canali tematici Eurosport 1 e Eurosport 2 e alla programmazione completa di tutte le dirette degli eventi sportivi proposti da Eurosport Player, gratuitamente per il primo anno.

12:45Aereo turismo precipita tra Piemonte e Valle d’Aosta

(ANSA) - AOSTA, 26 GIU - Un aereo da turismo è precipitato nella zona del Mont Mars, tra Valle d'Aosta e Piemonte. A bordo - secondo quanto comunicato dalla Centrale Unica del soccorso della Valle d'Aosta - c'erano due persone. Sul posto stanno operando elicotteri della protezione civile valdostana e dei vigili del fuoco del Piemonte. (ANSA).

12:45Comunali: Speranza, fine renzismo unica strada per ripartire

(ANSA) - ROMA, 26 GIU - "Siamo dinanzi alla più clamorosa sconfitta degli ultimi anni alle elezioni amministrative per il centrosinistra". Lo scrive su Facebook il coordinatore di Articolo 1 Roberto Speranza. "È inutile - prosegue Speranza - far finta di non vedere. La destra avanza anche perché in sintonia con le paure di questo tempo. Ma sono state le politiche sbagliate dell'ultima stagione a far restare a casa una larga parte degli elettori di sinistra e di centrosinistra, demotivati e spesso umiliati da scelte incomprensibili su lavoro, scuola, ambiente e fisco. Occorre essere chiari e netti: l'unica strada per ripartire è archiviare definitivamente le politiche errate del renzismo e rimettere al centro i nostri valori fondamentali a partire dalla giustizia sociale e dalla lotta contro le diseguaglianze". "Non ci rassegniamo alla vittoria della destra. Tocca a tutti noi ricostruire. A partire dalla manifestazione del primo luglio a Roma", conclude Speranza.

12:33Salvini, ora modello Comunali a livello nazionale

(ANSA) - MILANO, 26 GIU - "Non vedo l'ora di esportare il modello di queste amministrative a livello nazionale": lo ha detto il segretario della Lega, Matteo Salvini. "Abbiamo fatto 30 - ha sostenuto -, facciamo 31. Se dopo decenni ci chiedono di governare Genova, Pistoia o Sesto San Giovanni, vuol dire che possiamo governare anche il Paese. Con idee chiare, senza tentennamenti fra stare o no con Renzi". "Non capisco - ha spiegato - come il segretario del primo partito italiano possa aver festeggiato, il caldo fa brutti scherzi. E non capisco neanche come Gentiloni non sia salito al Quirinale a rassegnare le dimissioni, questa è la terza sfiducia". "Renzi sarà probabilmente il conduttore di 'Chi l'ha visto' l'anno prossimo", ha aggiunto, mentre "con Silvio Berlusconi, "ci vedremo, ci sentiremo, ragioneremo", ma "la leadership è l'ultima delle mie preoccupazioni". "Invitiamo il Pd a portare la legge elettorale subito al Senato, con tre righe che premino le coalizioni, penso che si possa portare a casa in una settimana".

12:28Torino: presidente Ui, spostare il G7 sarebbe un errore

(ANSA) - TORINO, 26 GIU - "È un atteggiamento sbagliato spostare il G7. Torino è e deve essere città dell'accoglienza". Lo ha affermato il presidente degli industriali di Torino Dario Gallina a proposito dell'ipotesi di trovare un'altra sede per gli appuntamenti di fine settembre come proposto da alcuni dopo le tensioni delle ultime settimane nel capoluogo piemontese, dai fatti di piazza San Carlo agli scontri con i centri sociali. "C'è tutto il tempo per assicurare la riuscita dell'evento come è già avvenuto in passato. La polemica politica non deve andare a scapito della collettività", ha detto Gallina aprendo l'assemblea annuale dell'Unione Industriale.(ANSA).

12:16Comunali: sinistra perde Sesto San Giovanni dopo 70 anni

(ANSA) - MILANO, 26 GIU - Per la prima volta dal dopoguerra Sesto San Giovanni, l'ormai definitivamente ex Stalingrado d'Italia, sarà amministrata da un sindaco del centrodestra. Dopo 70 anni, la sinistra perde quindi una delle sue roccaforti nel nord Italia al termine di un ballottaggio senza storia: Roberto Di Stefano ha vinto con il 58,6% contro la sindaca uscente Monica Chittò del Pd che si è fermata al 41,4%, mentre nel 2012 al ballottaggio era stata eletta con il 70%. Appoggiato da Forza Italia, Lega Nord, Fratelli d'Italia e dalla lista civica Sesto nel Cuore, Di Stefano ha potuto contare sul sostegno di Gianpaolo Caponi, candidato di tre liste civiche vicine al centrodestra arrivato terzo con il 24% al primo turno. Non è bastato a Chittò il sostegno di tutto il centrosinistra, con la presenza in campagna elettorale di big come Giuliano Pisapia o Walter Veltroni: soprattutto il Pd ha subito una dura sconfitta passando da 10 a 4 consiglieri e la bassa affluenza (45.6%) ha punito sopratutto il centrosinistra.

Archivio Ultima ora