L’Ambasciatore Mignano con la Collettività di Valencia

Il saluto del nostro Ambasciatore, Silvio Mignano, alla nostra Collettività di Valencia

VALENCIA – Due giorni, con un’agenda fitta d’impegni. Tanto è durata la visita del nostro Ambasciatore, Silvio Mignano, alla collettività dello Stato Carabobo. Due giorni che hanno permesso al nostro Ambasciatore di conoscere meglio le necessità e le aspirazioni di una delle comunità più apprezzate della provincia; una comunità che ha lasciato una profonda traccia nell’ambito culturale, sociale, economico e politico della regione. Per l’occasione, il capo della nostra missione diplomatica è stato accompagnato dal Console Generale di Caracas, Mauro Lorenzini.

L’inaugurazione della esposizione allestita negli spazi del “Centro Cultural Eladio Alemán Sucre”

Il “Tour de Force” del nostro Ambasciatore è iniziato domenica 20 alle ore 11 negli spazi espositivi del “Centro Cultural Eladio Alemán Sucre” nei quali è stata inaugurata l’esposizione “De Giotto a Caravaggio: El nacimiento del mundo moderno a través de la pintura italiana”; un viaggio per la nostra cultura rinascimentale e barocca attraverso immagini e illustrazioni delle opere dei grandi artisti italiani. L’esposizione è stata organizzata dall’Ambasciata d’Italia con la collaborazione dell’Istituto Italiano di Cultura, Cavenit, Italicos, Fundavag e Oxicar. L’Ambasciatore d’Italia, nell’inaugurare la mostra, ha colto l’occasione per illustrare attraverso le manifestazioni artistiche il lungo cammino che ha portato alla nascita della modernità e al prestigio dell’Italia.

L’incontro con la nostra Collettività

Nel Centro Sociale Italo Venezolano di Valencia, l’incontro della nostra comunità con l’Ambasciatore Mignano e il Console Generale Lorenzini. La serata, organizzata da Cavenit e dalla Federazione dei Giovani Italo-Venezuelani che presiede Antonella Pinto, è stata l’occasione per chiarire dubbi in tema di assistenza consolare, pensioni, rinnovo dei passaporti, omologazione di titoli di studio, solo per nominare alcuni dei temi più algidi. Sono stati toccati anche altri argomenti come la mancanza di medicine e alimenti che colpisce in particolare i connazionali meno giovani e, purtroppo, soprattutto quelli meno abbienti. La diffusione e promozione della lingua italiana non è stato un tema periferico, a dimostrazione di come sta a cuore alla collettività la divulgazione della nostra cultura e delle nostre tradizioni. Certo, sebbene sia vero che la lingua non è un veicolo indispensabile alla diffusione della cultura, lo è anche che aiuta moltissimo. Nel corso dell’incontro non sono mancati inviti alla collettività a partecipare attivamente alla prossima “Feria Internacional del Libro” che organizzerà la “Universidad de Carabobo”, in cui l’Italia sarà uno dei paesi invitati, e alla “Expo VenItalia” che, com’è tradizione, organizzerà Cavenit.

La consegna dei “bottoni” all’Ambasciatore Mignano e al Console Generale Lorenzini

Nel corso della serata le autorità del sodalizio italo-venezuelano hanno consegnato al nostro Ambasciatore e al Console Generale un “bottone” a ricordo della visita. Quindi il brindisi di rito. Erano presenti i membri della Giunta Direttiva del Cisv, ex presidenti del sodalizio, membri del Comites, della Fegiv e del Comm.Ass.Emi, esponenti di tutte le associazioni regionali dello Stato Carabobo e il vice-console onorario di Valencia. Hanno assistito anche il Sindaco di San Diego, Rosa Brandoniscio Scarano; l’ex sindaco dello stesso Comune, Enzo Scarano; e la segretaria della Casa d’Italia di Maracay e membro del Comites di Caracas, Mirna Casinelli.

L’Ambasciatore Mignano e il Console Generale Lorenzini con il Sindaco di San Diego, Rosa Brandoniscio Scarano e il connazionale Enzo Scarano

La conferenza di Mariano Palazzo

Il giorno seguente, nell’auditorium della “Facultad de Ciencias de la Educación” dell’ Università di Carabobo, in scena Dante Allighieri. Mariano Palazzo, presidente dell’Associazione Dante Alighieri del Venezuela e membro del Comites di Caracas, infatti era il conferenziere incaricato di illustrare attraverso brevi pennellate la vita e l’opera del “sommo poeta”. La conferenza, dal titolo “Viaje Onirico al Mundo de Dante”, emozionava i giovani presenti che, alla fine, manifestavano il loro apprezzamento. Il gruppo di Teatro della Facoltà, quindi, sorprendevano con un monologo incentrato nella Divina Commedia.
Naturalmente i nostri rappresentanti diplomatici hanno colto l’occasione per incontrare, in questa “due-giorni” anche personalità del mondo politico, economico e culturale della regione.