La legge elettorale in alto mare, esame in aula slitta ancora

4 marzo data voto

ROMA. – La legge elettorale è ancora in mare aperto, e l’approdo appare assai lontano. Ne ha preso atto la Commissione Affari costituzionali della Camera, che avrebbe dovuto concluderne l’esame questa settimana così da portarla in aula lunedì prossimo, 27 marzo: il presidente Andrea Mazziotti ha infatti scritto alla presidente della Camera Laura Boldrini per comunicarle l’impossibilità di concludere i lavoro in tempo. Al momento appare un azzardo fissare una nuova data per l’esame in aula, visto che il dibattito è ancora aperto nei partiti, a cominciare dal Pd.

Mazziotti, che è anche relatore alla legge elettorale, ha illustrato in Commissione le ultime cinque proposte delle 29 presentate. Il ventaglio delle proposte di legge è ampio: si va da quelle che tentano di armonizzare i due sistemi di Camera e Senato, come quella di Pino Pisichcio, l’ultima depositata, ad quelle che rilanciano il proporzionale puro, fino alle due targate Pd che insistono sul Mattarellum.

Mazziotti ha invitato i partiti a un dibattito “realistico” mettendo da parte le posizioni “di bandiera”. Un appello rivolto implicitamente al Pd la cui proposta ufficiale è sempre il Mattarellum, al quale però è già arrivato il “niet” di Fi e M5s.

L’appello di Mazziotti è stato fatto dopo che in queste settimane, a parte il M5s, nessun partito è intervenuto nella discussione generale. Alla fine la Commissione ha preso atto dell’impossibilità di concludere l’esame in settimana e al presidente non è rimasto altro da fare che scrivere alla presidente Boldrini per comunicare il fatto.

A questo punto appare difficile un’accelerazione del confronto finché è in corso in Congresso del Pd, dove il dibattito è più acceso che mai. I due contendenti di Renzi incalzano l’ex segretario: Dario Ginefra, della mozione Emiliano, oggi ha insistito sul premio alla coalizione e sull’eliminazione dei capilista bloccati. Daniele Borioli, della mozione Orlando, ha invitato Renzi ad uscire dalla “afasia” su questo tema.

L’ex segretario ha rilanciato il partito a vocazione maggioritaria e il renziano Roberto Giachetti ha insistito sulla bontà del Mattarellum. Ma Maurizio Gasparri ha ribadito il “no” di Fi: “il Pd non può imporre nulla, ma deve confrontarsi in Parlamento”.

(di Giovanni Innamorati/ANSA)

Condividi: