La legge elettorale in alto mare, esame in aula slitta ancora

Pubblicato il 21 marzo 2017 da ansa

ROMA. – La legge elettorale è ancora in mare aperto, e l’approdo appare assai lontano. Ne ha preso atto la Commissione Affari costituzionali della Camera, che avrebbe dovuto concluderne l’esame questa settimana così da portarla in aula lunedì prossimo, 27 marzo: il presidente Andrea Mazziotti ha infatti scritto alla presidente della Camera Laura Boldrini per comunicarle l’impossibilità di concludere i lavoro in tempo. Al momento appare un azzardo fissare una nuova data per l’esame in aula, visto che il dibattito è ancora aperto nei partiti, a cominciare dal Pd.

Mazziotti, che è anche relatore alla legge elettorale, ha illustrato in Commissione le ultime cinque proposte delle 29 presentate. Il ventaglio delle proposte di legge è ampio: si va da quelle che tentano di armonizzare i due sistemi di Camera e Senato, come quella di Pino Pisichcio, l’ultima depositata, ad quelle che rilanciano il proporzionale puro, fino alle due targate Pd che insistono sul Mattarellum.

Mazziotti ha invitato i partiti a un dibattito “realistico” mettendo da parte le posizioni “di bandiera”. Un appello rivolto implicitamente al Pd la cui proposta ufficiale è sempre il Mattarellum, al quale però è già arrivato il “niet” di Fi e M5s.

L’appello di Mazziotti è stato fatto dopo che in queste settimane, a parte il M5s, nessun partito è intervenuto nella discussione generale. Alla fine la Commissione ha preso atto dell’impossibilità di concludere l’esame in settimana e al presidente non è rimasto altro da fare che scrivere alla presidente Boldrini per comunicare il fatto.

A questo punto appare difficile un’accelerazione del confronto finché è in corso in Congresso del Pd, dove il dibattito è più acceso che mai. I due contendenti di Renzi incalzano l’ex segretario: Dario Ginefra, della mozione Emiliano, oggi ha insistito sul premio alla coalizione e sull’eliminazione dei capilista bloccati. Daniele Borioli, della mozione Orlando, ha invitato Renzi ad uscire dalla “afasia” su questo tema.

L’ex segretario ha rilanciato il partito a vocazione maggioritaria e il renziano Roberto Giachetti ha insistito sulla bontà del Mattarellum. Ma Maurizio Gasparri ha ribadito il “no” di Fi: “il Pd non può imporre nulla, ma deve confrontarsi in Parlamento”.

(di Giovanni Innamorati/ANSA)

Ultima ora

09:21‘Immigrazione illegale diffonde terrorismo’

(ANSA) - NAYPYITAW (BIRMANIA), 20 NOV - "Conflitti e instabilità nel mondo sono in parte dovuti all'immigrazione illegale che diffonde il terrorismo". Lo ha detto la leader della Birmania Aung San Suu Kyi accogliendo nella capitale ministri degli esteri asiatici ed europei, tra i quali l'alto rappresentante della politica estera europea Federica Mogherini.

08:51Usa: è morto Charles Manson

(ANSA) - ROMA, 20 NOV - Il serial killer americano Charles Manson è morto a 83 anni. Lo riportano i media americani. Era stato ricoverato in un ospedale in California per l'aggravarsi delle sue condizioni di salute. Leader di una setta conosciuta con il nome di 'Family', Manson è stato uno dei killer più sanguinari della storia degli Stati Uniti. Stava scontando l'ergastolo per l'omicidio di Sharon Tate, giovane moglie di Roman Polanski, e altre sei persone a Los Angeles nell'agosto del 1969.

07:50India: offerta ricompensa a chi ‘brucera’ viva’ attrice

NEW DELHI - Intense per lo stop imposto dalla censura al debutto nelle sale previsto per l'1 dicembre, le polemiche intorno al film storico 'Padmavati' del regista Sanjay Leela Bhansali si sono ulteriormente infiammate in India dopo che ieri un gruppo marginale di difesa della 'casta dei cavalieri' ha offerto una ricompensa di dieci milioni di rupie (oltre 130.000 euro) per "chi brucerà viva la protagonista, Deepika Padukone". Tratto da 'Padmavat', un poema epico del XVI secolo, il film racconta la storia di una regina indu' (Rani Padmini, nota anche come Padmavati) che, per non cadere nelle mani del sultano di Delhi, Alauddin Khalji, al termine di un lungo assedio del Chittor Fort nel 1303 preferi' immolarsi con il fuoco insieme a tutte le altre donne.

07:44Afghanistan: liberati 30 da prigione talebani in Helmand

KABUL - Forze speciali afghane hanno liberato ieri un gruppo di almeno 30 persone, fra cui anche bambini, da una prigione dei talebani nella provincia meridionale afghana di Helmand. Lo riferisce la tv Tolo di Kabul. Fonti dell'amministrazione locale hanno reso noto che l'operazione di salvataggio e' avvenuta nel distretto di Nawzad. I prigionieri, si e' appreso, erano accusati di aver collaborato con il governo, contro gli insorti.

07:40Uragani:migliaia in corteo a Washington per aiuti Porto Rico

WASHINGTON - Migliaia di persone hanno sfilato oggi nella capitale nella marcia dell'unita' a sostegno dei fondi per i danni degli uragani a Porto Rico, che versa ancora in condizioni di emergenza. La folla, sventolando bandiere dell'isola caraibica, ha invaso il Mall ed e' arrivata sino a Capitol Hill.

07:31Trump, prossima settimana decido su import trofei elefanti

WASHINGTON - Donald Trump ha reso noto via Twitter che annuncera' la prossima settimana la sua decisione sull'importazione di grandi trofei di caccia, la cui autorizzazione ha sospeso nei giorni scorsi sull'onda delle proteste. "Sara' molto difficile farmi cambiare idea che questo spettacolo dell'orrore in qualche modo aiuta la conservazione degli elefanti o di altri animali", ha spiegato.

02:15Germania: Lindner, salta il tavolo ‘Giamaica’

(ANSA) - BERLINO, 20 NOV - Salta il tavolo dei cosiddetti partiti "Giamaica" a Berlino, dove Cdu, Csu, liberali e verdi hanno condotto delle trattative preliminari nelle ultime due settimane, per arrivare alle consultazioni di un possibile governo a quattro. Lo ha reso noto il leader dei liberali Christian Lindner, che ha annunciato di lasciare il tavolo. "Manca la fiducia di base" fra i partiti, detto Lindner, affermando ai cronisti che i liberali non vogliono "piantare in asso" gli elettori, e che, in questa situazione, "è meglio non governare".

Archivio Ultima ora