Renzo Piano a New York, via i muri dalle città

Pubblicato il 22 marzo 2017 da ansa

NEW YORK. – Un’università senza muri in continuo dialogo con la città. La Columbia University scommette su Harlem e si affida a Renzo Piano per la realizzazione del suo nuovo campus a Manhattanville. Un progetto audace che incarna l’università del XXI secolo e per il quale l’ateneo di New York ha visto nell’architetto italiano la capacità di realizzare un connubio tra strada e mondo accademico.

Dell’intero campus, che si estende per quasi dieci isolati, dalla 125/a alla 133/a strada sul versante ovest della città, e che sarà completato entro il 2030, sono stati completati due edifici, il ‘Lenfest Center for the Arts’ e il ‘Jerome L. Greene Science Center’, entrambi disegnati da Piano. Saranno aperti al pubblico questa primavera.

Il campus è un ulteriore passo avanti verso il superamento del tradizionale concetto di periferia, l’abbattimento di un muro simbolico che separava una zona periferica dalla città. Un concetto molto caro a Renzo Piano, la cui architettura è fatta di spazi a disposizione del pubblico.

“Le periferie vanno vissute e frequentate – ha detto Piano all’ANSA – in un continuo dialogo verso la città. Ho voluto realizzare questi due edifici tenendo presente il Dna di west Harlem, dove si vive di ‘street culture’, in una zona dove è importante che le strutture siano aperte al pubblico”.

“Ad Harlem – continua – tutto avviene per strada, quindi quest’area sembrava fatta apposta per la realizzazione di questo progetto”. Piano ha anche sottolineato che si sente fortunato per aver realizzato i due edifici, perché riflettono un cambiamento nella società, e che in fase di progettazione si sono posti due quesiti: come deve sembrare un’università del XXI secolo e come far relazionare un ateneo urbano con la città che lo ospita.

“Realizzare un campus dal niente – ha detto Piano – non è un compito semplice. Nel caso della Columbia abbiamo scelto di mettere assieme tutte le strutture, in modo che sia docenti che studenti delle diverse facoltà potessero mescolarsi e imparare gli uni dagli altri. In fin dei conti lo scopo ultimo di un campus è quello di dare vita ad uno spazio comune dove ci si ritrova e si condividono diversi approcci alla vita”.

Il campus di Manhattanville, non a caso, è ben diverso dal campus principale sulla 116/a strada. Mentre quest’ultimo appare come una piccola acropoli, realizzato secondo un vecchio concetto che voleva rinchiudere e proteggere, il campus di Harlem invece apre alla comunità.

“Apertura, trasparenza e accessibilità – spiega Piano – sono le caratteristiche del campus. Via i muri, spazio alla luce e ariosità. West Harlem, inoltre, con la sua diversità, la sua vibrate street art, darà all’ateneo un’energia straordinaria”.

(di Gina Di Meo/ANSA)

Ultima ora

12:48Migranti: assessore Turismo, no accoglienza in comuni Unesco

(ANSA) - CATANIA, 18 AGO - Una delle "emergenze che danneggia le nostre eccellenze è l'immigrazione. Non sono razzista e sono per l' accoglienza, ma con alcuni limiti di buon senso. Uno di questi: non distribuire i profughi nei comuni turistici. Non si possono fare Sprar con decine di migranti a Taormina, a Bronte o nel patrimonio Unesco. I migranti vanno distribuiti altrove. Perciò chiedo ai nostri solerti prefetti di esentare dall'obbligo di accoglienza i sindaci dei comuni turistici siciliani". Lo afferma l'assessore regionale al Turismo, Anthony Barbagallo, in un'intervista a La Sicilia. "La deroga - aggiunge - riguarderebbe circa una cinquantina di Comuni: tutti quelli sedi di siti Unesco, più quelli a evidente vocazione turistica. Non è difficile, secondo me si può fare. Sin da subito". Tra le altre emergenze che danneggiano il turismo nell'Isola, l'assessore ha citato "i pesantissimi danni d' immagine" causati dai "rifiuti, per i quali, oltre ai controlli, urge una rivoluzione culturale" e "quest'anno dagli incendi".

12:36Barcellona: arbitri e Figc, 1′ raccoglimento a Coverciano

(ANSA) - COVERCIANO (FIRENZE), 18 AGO - Un minuto di raccoglimento per l'attentato di Barcellona è stato osservato nel Centro tecnico federale di Coverciano, dove si svolge il tradizionale incontro organizzato dall'AIA in vista dell'inizio della Serie A. Di fronte agli arbitri impegnati nell'ultimo raduno precampionato, intervengono il Presidente federale Carlo Tavecchio, il Presidente dell'Associazione arbitri Marcello Nicchi ed i rappresentanti delle Leghe e delle componenti tecniche, i responsabili di CAN A e CAN B.

12:28Uno bianca: Occhipinti in vacanza-premio in Valle d’Aosta

(ANSA) - PADOVA, 18 AGO - Marino Occhipinti, condannato all'ergastolo per uno degli omicidi dei fratelli Savi della Uno bianca e attualmente sottoposto al regime della semilibertà dal 2012, ha ottenuto dal Tribunale di sorveglianza di Padova, dove è detenuto, la possibilità di trascorrere una settimana in un albergo a quattro stelle a Breuil. Secondo quanto riporta il Gazzettino, Occhipinti sarebbe stato invitato nella località valdostana in relazione ad una iniziativa promossa da Comunione e Liberazione e dalla Cooperativa Giotto, alle cui dipendenze lavora ormai da oltre 15 anni. Occhipinti sarebbe ospite dell'albergo dove viene organizzato l'evento.

12:27Barcellona: Farnesina, 2 italiani morti e 3 feriti

(ANSA) - ROMA, 18 AGO - "Ci sono due italiani tra le vittime e tre feriti". Lo afferma il capo dell'Unità di Crisi della Farnesina Stefano Verrecchia.

12:27Barcellona: sindaco Legnano conferma, Gulotta è morto

(ANSA) - MILANO, 18 AGO - "Nessuna conferma ufficiale dalla Farnesina, ma è sicuro che il nostro concittadino è morto": lo ha detto il sindaco di Legnano, Giambattista Fratus, in una conferenza stampa convocata a Legnano sulla scomparsa a Barcellona di Bruno Gulotta. Il sindaco ha parlato di una giovane vita spezzata in modo "assurdo". Intanto emerge che Gulotta, sulle Ramblas, ha appena fatto in tempo a mettere in salvo i figli prima di essere ucciso. A raccontarlo è stato il titolare della società di Legnano in cui Gulotta lavorava, Pino Bruno. Bruno ha parlato con la moglie di Gulotta, Martina, 28 anni, che gli ha raccontato l'accaduto: "Stavano passeggiando sulle Ramblas con i due figli, Aria, di 7 mesi, nel passeggino, e Alessandro, di 6 anni, che il padre teneva per mano. Il van è arrivato all'improvviso. Tutti d'istinto si sono chinati, come a proteggersi". Gulotta si è messo davanti ai figli, ed è stato travolto. (ANSA).

12:27Barcellona: sindaco Legnano conferma, Gulotta è morto

(ANSA) - MILANO, 18 AGO - "Nessuna conferma ufficiale dalla Farnesina, ma è sicuro che il nostro concittadino è morto": lo ha detto il sindaco di Legnano, Giambattista Fratus, in una conferenza stampa convocata a Legnano sulla scomparsa a Barcellona di Bruno Gulotta. Il sindaco ha parlato di una giovane vita spezzata in modo "assurdo". Intanto emerge che Gulotta, sulle Ramblas, ha appena fatto in tempo a mettere in salvo i figli prima di essere ucciso. A raccontarlo è stato il titolare della società di Legnano in cui Gulotta lavorava, Pino Bruno. Bruno ha parlato con la moglie di Gulotta, Martina, 28 anni, che gli ha raccontato l'accaduto: "Stavano passeggiando sulle Ramblas con i due figli, Aria, di 7 mesi, nel passeggino, e Alessandro, di 6 anni, che il padre teneva per mano. Il van è arrivato all'improvviso. Tutti d'istinto si sono chinati, come a proteggersi". Gulotta si è messo davanti ai figli, ed è stato travolto. (ANSA).

12:23Barcellona: sindaco Legnano conferma, Gulotta è morto

(ANSA) - LEGNANO (MILANO), 18 AGO - "Nessuna conferma ufficiale dalla Farnesina, ma è sicuro che il nostro concittadino è morto": lo ha detto il sindaco di Legnano, Giambattista Fratus, in una conferenza stampa convocata a Legnano sulla scomparsa a Barcellona di Bruno Gulotta.

Archivio Ultima ora