Google tutela gli inserzionisti, mai più spot in video d’odio

Pubblicato il 23 marzo 2017 da ansa

ROMA. – Dall’odio che dilaga online bisogna proteggere non solo gli utenti ma anche gli inserzionisti, quelli che in ultima istanza alimentano le casse delle internet company. Ecco perché Google ha messo mano agli strumenti che regolano la pubblicità online, impegnandosi affinché gli spot non finiscano più accanto a video o articoli “non allineati ai valori” dell’azienda che si reclamizza.

L’intervento per contrastare l’odio online e per garantire “salvaguardie ampliate agli inserzionisti” è arrivato in fretta e furia dopo che nei giorni scorsi istituzioni e grandi aziende britanniche avevano ritirato i loro annunci su YouTube, come protesta contro i video estremisti cui erano stati casualmente associati gli spot.

Il cambio di rotta è stato annunciato sul blog di Google dal direttore commerciale Philipp Schindler: “A partire da ora stiamo assumendo una posizione più rigida nei confronti dei contenuti d’odio, offensivi e denigratori”.

In pratica la compagnia di Mountain View procederà alla “rimozione più efficace della pubblicità da contenuti che attaccano o molestano le persone in base alla loro razza, religione, sesso e categorie simili”. L’azienda non si limiterà a rimuovere gli spot, ma affronterà una revisione delle linee guida per “determinare quali contenuti sono consentiti sulla piattaforma, non solo quali sono monetizzabili”.

Tradotto: se un video è discriminatorio non solo non beneficerà delle entrate pubblicitarie, ma non avrà diritto di albergare su YouTube. Nella guerra all’odio online, a tutela degli internauti, Google la settimana scorsa ha schierato un esercito di 10mila ‘valutatori’, incaricati di segnalare i siti con contenuti offensivi che finiscono tra i risultati delle ricerche sul web.

L’obiettivo è togliere visibilità a chi usa la rete per spargere insulti e violenza, grazie a modifiche degli algoritmi che decidono cosa mostrare all’utente quando cerca informazioni. A dover essere tutelati sono però anche gli inserzionisti, che rappresentano l’anima del commercio: Alphabet, la casa madre di Google, nell’ultimo trimestre del 2016 ha registrato ricavi pubblicitari per 22 miliardi di dollari.

Un patrimonio che potrebbe essere messo a rischio da una collocazione sbagliata degli spot, come avvenuto con quelli di L’Oreal o dell’agenzia londinese dei trasporti: finiti accanto ai video dell’esponente dell’estrema destra Usa Daniel Duke, ex membro del Ku Klux Klan e negazionista della Shoah. Per questo, oltre a impegnarsi in prima persona, Google darà in mano agli inserzionisti una serie di strumenti attraverso cui poter decidere dove far apparire i propri spot.

(di Laura Giannoni/ANSA)

Ultima ora

12:48Migranti: assessore Turismo, no accoglienza in comuni Unesco

(ANSA) - CATANIA, 18 AGO - Una delle "emergenze che danneggia le nostre eccellenze è l'immigrazione. Non sono razzista e sono per l' accoglienza, ma con alcuni limiti di buon senso. Uno di questi: non distribuire i profughi nei comuni turistici. Non si possono fare Sprar con decine di migranti a Taormina, a Bronte o nel patrimonio Unesco. I migranti vanno distribuiti altrove. Perciò chiedo ai nostri solerti prefetti di esentare dall'obbligo di accoglienza i sindaci dei comuni turistici siciliani". Lo afferma l'assessore regionale al Turismo, Anthony Barbagallo, in un'intervista a La Sicilia. "La deroga - aggiunge - riguarderebbe circa una cinquantina di Comuni: tutti quelli sedi di siti Unesco, più quelli a evidente vocazione turistica. Non è difficile, secondo me si può fare. Sin da subito". Tra le altre emergenze che danneggiano il turismo nell'Isola, l'assessore ha citato "i pesantissimi danni d' immagine" causati dai "rifiuti, per i quali, oltre ai controlli, urge una rivoluzione culturale" e "quest'anno dagli incendi".

12:36Barcellona: arbitri e Figc, 1′ raccoglimento a Coverciano

(ANSA) - COVERCIANO (FIRENZE), 18 AGO - Un minuto di raccoglimento per l'attentato di Barcellona è stato osservato nel Centro tecnico federale di Coverciano, dove si svolge il tradizionale incontro organizzato dall'AIA in vista dell'inizio della Serie A. Di fronte agli arbitri impegnati nell'ultimo raduno precampionato, intervengono il Presidente federale Carlo Tavecchio, il Presidente dell'Associazione arbitri Marcello Nicchi ed i rappresentanti delle Leghe e delle componenti tecniche, i responsabili di CAN A e CAN B.

12:28Uno bianca: Occhipinti in vacanza-premio in Valle d’Aosta

(ANSA) - PADOVA, 18 AGO - Marino Occhipinti, condannato all'ergastolo per uno degli omicidi dei fratelli Savi della Uno bianca e attualmente sottoposto al regime della semilibertà dal 2012, ha ottenuto dal Tribunale di sorveglianza di Padova, dove è detenuto, la possibilità di trascorrere una settimana in un albergo a quattro stelle a Breuil. Secondo quanto riporta il Gazzettino, Occhipinti sarebbe stato invitato nella località valdostana in relazione ad una iniziativa promossa da Comunione e Liberazione e dalla Cooperativa Giotto, alle cui dipendenze lavora ormai da oltre 15 anni. Occhipinti sarebbe ospite dell'albergo dove viene organizzato l'evento.

12:27Barcellona: Farnesina, 2 italiani morti e 3 feriti

(ANSA) - ROMA, 18 AGO - "Ci sono due italiani tra le vittime e tre feriti". Lo afferma il capo dell'Unità di Crisi della Farnesina Stefano Verrecchia.

12:27Barcellona: sindaco Legnano conferma, Gulotta è morto

(ANSA) - MILANO, 18 AGO - "Nessuna conferma ufficiale dalla Farnesina, ma è sicuro che il nostro concittadino è morto": lo ha detto il sindaco di Legnano, Giambattista Fratus, in una conferenza stampa convocata a Legnano sulla scomparsa a Barcellona di Bruno Gulotta. Il sindaco ha parlato di una giovane vita spezzata in modo "assurdo". Intanto emerge che Gulotta, sulle Ramblas, ha appena fatto in tempo a mettere in salvo i figli prima di essere ucciso. A raccontarlo è stato il titolare della società di Legnano in cui Gulotta lavorava, Pino Bruno. Bruno ha parlato con la moglie di Gulotta, Martina, 28 anni, che gli ha raccontato l'accaduto: "Stavano passeggiando sulle Ramblas con i due figli, Aria, di 7 mesi, nel passeggino, e Alessandro, di 6 anni, che il padre teneva per mano. Il van è arrivato all'improvviso. Tutti d'istinto si sono chinati, come a proteggersi". Gulotta si è messo davanti ai figli, ed è stato travolto. (ANSA).

12:27Barcellona: sindaco Legnano conferma, Gulotta è morto

(ANSA) - MILANO, 18 AGO - "Nessuna conferma ufficiale dalla Farnesina, ma è sicuro che il nostro concittadino è morto": lo ha detto il sindaco di Legnano, Giambattista Fratus, in una conferenza stampa convocata a Legnano sulla scomparsa a Barcellona di Bruno Gulotta. Il sindaco ha parlato di una giovane vita spezzata in modo "assurdo". Intanto emerge che Gulotta, sulle Ramblas, ha appena fatto in tempo a mettere in salvo i figli prima di essere ucciso. A raccontarlo è stato il titolare della società di Legnano in cui Gulotta lavorava, Pino Bruno. Bruno ha parlato con la moglie di Gulotta, Martina, 28 anni, che gli ha raccontato l'accaduto: "Stavano passeggiando sulle Ramblas con i due figli, Aria, di 7 mesi, nel passeggino, e Alessandro, di 6 anni, che il padre teneva per mano. Il van è arrivato all'improvviso. Tutti d'istinto si sono chinati, come a proteggersi". Gulotta si è messo davanti ai figli, ed è stato travolto. (ANSA).

12:23Barcellona: sindaco Legnano conferma, Gulotta è morto

(ANSA) - LEGNANO (MILANO), 18 AGO - "Nessuna conferma ufficiale dalla Farnesina, ma è sicuro che il nostro concittadino è morto": lo ha detto il sindaco di Legnano, Giambattista Fratus, in una conferenza stampa convocata a Legnano sulla scomparsa a Barcellona di Bruno Gulotta.

Archivio Ultima ora