Google tutela gli inserzionisti, mai più spot in video d’odio

Pubblicato il 23 marzo 2017 da ansa

ROMA. – Dall’odio che dilaga online bisogna proteggere non solo gli utenti ma anche gli inserzionisti, quelli che in ultima istanza alimentano le casse delle internet company. Ecco perché Google ha messo mano agli strumenti che regolano la pubblicità online, impegnandosi affinché gli spot non finiscano più accanto a video o articoli “non allineati ai valori” dell’azienda che si reclamizza.

L’intervento per contrastare l’odio online e per garantire “salvaguardie ampliate agli inserzionisti” è arrivato in fretta e furia dopo che nei giorni scorsi istituzioni e grandi aziende britanniche avevano ritirato i loro annunci su YouTube, come protesta contro i video estremisti cui erano stati casualmente associati gli spot.

Il cambio di rotta è stato annunciato sul blog di Google dal direttore commerciale Philipp Schindler: “A partire da ora stiamo assumendo una posizione più rigida nei confronti dei contenuti d’odio, offensivi e denigratori”.

In pratica la compagnia di Mountain View procederà alla “rimozione più efficace della pubblicità da contenuti che attaccano o molestano le persone in base alla loro razza, religione, sesso e categorie simili”. L’azienda non si limiterà a rimuovere gli spot, ma affronterà una revisione delle linee guida per “determinare quali contenuti sono consentiti sulla piattaforma, non solo quali sono monetizzabili”.

Tradotto: se un video è discriminatorio non solo non beneficerà delle entrate pubblicitarie, ma non avrà diritto di albergare su YouTube. Nella guerra all’odio online, a tutela degli internauti, Google la settimana scorsa ha schierato un esercito di 10mila ‘valutatori’, incaricati di segnalare i siti con contenuti offensivi che finiscono tra i risultati delle ricerche sul web.

L’obiettivo è togliere visibilità a chi usa la rete per spargere insulti e violenza, grazie a modifiche degli algoritmi che decidono cosa mostrare all’utente quando cerca informazioni. A dover essere tutelati sono però anche gli inserzionisti, che rappresentano l’anima del commercio: Alphabet, la casa madre di Google, nell’ultimo trimestre del 2016 ha registrato ricavi pubblicitari per 22 miliardi di dollari.

Un patrimonio che potrebbe essere messo a rischio da una collocazione sbagliata degli spot, come avvenuto con quelli di L’Oreal o dell’agenzia londinese dei trasporti: finiti accanto ai video dell’esponente dell’estrema destra Usa Daniel Duke, ex membro del Ku Klux Klan e negazionista della Shoah. Per questo, oltre a impegnarsi in prima persona, Google darà in mano agli inserzionisti una serie di strumenti attraverso cui poter decidere dove far apparire i propri spot.

(di Laura Giannoni/ANSA)

Ultima ora

11:00Seul, massima pressione contro provocazioni Pyongyang

(ANSA) - PECHINO, 25 APR - Usa, Corea del Sud e Giappone hanno concordato sulla necessità di "massimizzare la pressione" su Pyongyang per prevenire ulteriori provocazioni, nell'ambito delle ipotesi di un nuovo test nucleare o di un lancio di missile nel giorno dell'85/mo anniversario della fondazione delle Forze armate (Kpa). Lo ha annunciato Kim Hong-kyun, inviato speciale sudcoreano sulle vicende del Nord, dopo l'incontro avuto a Tokyo con le altre due controparti. Alla Cina, in quest'ambito, viene dato molto peso e capacità di manovra. "Abbiamo concordato di massimizzare la pressione sulla Corea del Nord con l'imposizione di misure punitive che siano insostenibili se Pyongyang continua con altre provocazioni nonostante i nostri avvertimenti", ha rilevato Kim, secondo cui il ruolo di Cina e Russia è cruciale per l'effettivo pressing nel percorso verso la denuclearizzazione della penisola.

10:57Sale su tetto treno, 18enne muore folgorato

(ANSA) - LIVORNO, 25 APR - Un diciottenne è morto la notte scorsa a Livorno dopo essere rimasto folgorato dalla linea elettrica sovrastante un locomotore, dopo essere salito sul tetto del treno in sosta. Tutto è accaduto intorno alle 2 nella zona della stazione della città toscana, in via Masi, sul retro dello scalo. Secondo quanto riferito dai vigili del fuoco, intervenuti sul posto, la vittima era in compagnia di un altro ragazzo, un 17enne, che si è salvato. Sul posto, insieme ai vigili del fuoco, intervenuti i sanitari inviati dal 118, carabinieri, polizia e medico legale. L'intervento dei vigili si è concluso intorno alle 6.30 di questa mattina.

10:51Ivanka Trump a Berlino dopo invito Merkel

(ANSA) - ROMA, 25 APR - Ivanka Trump è oggi a Berlino per partecipare a un forum sul ruolo delle donne nel mondo del lavoro, organizzato nell'ambito del G20 a presidenza tedesca. Ad invitarla era stata la stessa cancelliera Angela Merkel durante la sua visita a Washington. E' il primo viaggio internazionale da quando il padre ha assunto la carica di presidente e lei è diventata uno dei suoi consiglieri. Lo stesso Donald Trump non ha ancora effettuato viaggi all'estero. Fitta la sua agenda: in mattinata visiterà l'ambasciata usa a Berlino dove incontrerà lo staff e le famiglie. Quindi la tavola rotonda alla quale, oltre a lei e alla Merkel, partecipano anche la regina Maxima d'Olanda e il direttore del Fondo Monetario Internazionale, Christine Lagarde. Ivanka visiterà anche la Siemens Technik Akademie e renderà omaggio al memoriale dell'Olocausto. In serata, infine, la serata di gala con Merkel.

10:46Raid aerei turchi contro postazioni curde in Siria e Iraq

(ANSA) - ANKARA, 25 APR - Aerei da guerra turca hanno effettuato raid contro sospette postazioni curde nel nord-est dell'Iraq e nella parte nordorientale della Siria, allo scopo di impedire ai militanti di contrabbandare combattenti e armi in Turchia. E' quanto ha reso noto l'esercito di Ankara precisando che le incursioni aeree sono avvenute poco prima dell'alba sulla montagna di Sinjar (Iraq) e in una regione montagnosa della Siria. Le operazioni, secondo un portavoce, sono state condotte per evitare infiltrazioni di ribelli curdi, armi, munizioni ed esplosivi in aree della Turchia. Non si hanno notizie al momento di eventuali vittime nei raid.

10:3050 euro al giorno ‘per lavorare tranquilli’, fermato da Cc

(ANSA) - ERCOLANO (NAPOLI), 25 APR - Con l'accusa di aver chiesto 50 euro al giorno al titolare di una paninoteca 'per lavorare in tranquillità', i carabinieri hanno sottoposto a fermo Ciro Scognamiglio, 34 anni, già noto alle forze dell'ordine. L'episodio è avvenuto a Ercolano (Napoli). L'uomo - secondo l'accusa - ha avvicinato il titolare del locale e presentandosi come 'emissario' del clan camorristico Ascione, aveva cercato di imporgli il pagamento di cinquanta euro al giorno. I carabinieri hanno visionato i filmati di videosorveglianza e sono riusciti ad individuare il 34enne a pochi metri di distanza. L'uomo è stato fermato con l'accusa di tentata estorsione aggravata da finalità mafiose. Ad Ercolano, ancora una volta, è stata determinante la collaborazione tra vittime, carabinieri, direzione distrettuale antimafia e associazione antiracket. Una collaborazione nota come 'modello Ercolano' che negli anni scorsi ha permesso di assestare duri colpi alla camorra e agli esattori del racket. (ANSA).

10:18Basket: playoff Nba, Warriors volano al secondo turno

(ANSA) - ROMA, 25 APR - Tre le partite giocate la notte scorsa per il primo turno dei playoff Nba e una ha dato un verdetto, peraltro scontato, con la quarta vittoria di Golden State su Portland. I Warriors si sono imposti 128-103 sui Trail Blazers, chiudendo la serie con un netto 4-0. A referto spicca sempre Curry, con 37 punti, mentre è stato positivo il ritorno in campo di Durant dopo due partite. Resta invece fuori causa coach Steve Kerr, che secondo fonti vicine alla squadra potrebbe perdere tutti i playoff a causa dei suoi problemi di salute. Molto più equilibrate le altre due sfide, che vedono Atlanta e Washington sul 2-2 dopo il successo degli Hawks per 111-101 in gara 4 e Toronto che va sul 3-2 su Milwaukee essendosi imposti 118-93 nel quinto confronto.

10:06Kenya: scontro tra bus e camion, almeno 27 morti

(ANSA) - NAIROBI, 25 APR - Almeno 27 persone sono morte nello scontro tra un autobus di linea e un camion avvenuto lungo la strada che collega Nairobi e il porto di Mombasa, in Kenya. In base a quanto ha riferito Leornard Kimaiyo, capo della polizia di Kambu, nella contea di Maukeni, il bus era diretto a Mombasa e il camion si trovava nella direzione opposta quando è avvenuto lo schianto, per cause ancora da accertare. Gli incidenti stradali uccidono circa 3mila persone all'anno in Kenya. Le morti sono aumentate negli ultimi anni nonostante il giro di vite imposto sulla guida in stato di ebbrezza, incluso multe più severe e l'alcol test nei posti blocco della polizia.

Archivio Ultima ora