Italiani in Venezuela, Amendola: “Impegno a tutto campo”

Pubblicato il 29 marzo 2017 da redazione

ROMA – Risorse assicurate per i prossimi tre anni, nessuna vendita o chiusura di beni demaniali all’estero in funzione, sostegno alle comunità maggiormente in difficoltà, in particolare in Gran Bretagna nella gestione del post Brexit e in Venezuela, su cui il governo è impegnato a tutto campo. Il governo italiano non abbandona i circa 4 milioni di italiani che vivono all’estero. E’ questo in sintesi il messaggio lanciato dal sottosegretario agli Affari Esteri con delega per gli Italiani all’estero, Vincenzo Amendola, aprendo i lavori dell’Assemblea Plenaria del Consiglio Generale degli Italiani all’Estero (CGIE), in corso fino a venerdì alla Farnesina.
Molti i punti all’ordine del giorno nell’incontro annuale dell’organo di consulenza di governo e Parlamento sui maggiori temi che interessano gli italiani che vivono al di fuori dei confini nazionali: dalla riforma del funzionamento dei tre livelli di rappresentanza degli italiani all’estero – Comites, Cgie e italiani eletti all’estero – al sistema di voto dei cittadini espatriati; dalla valorizzazione del patrimonio culturale e della lingua italiana, al sistema di welfare alla vendita dei beni demaniali in ottica di spending review. ‘
– La promozione della cultura e della lingua italiana all’estero – ha detto Amendola aprendo la relazione del governo – è un punto strategico della politica estera italiana.
Per il triennio 2017-2020, grazie al fondo per il potenziamento della promozione della cultura e della lingua italiana all’estero sul tavolo ci sono 150 milioni. Anche gli stanziamenti relativi ai Comites (Comitati eletti dai cittadini all’estero) previsti per questo esercizio finanziario è di circa 1,2 milioni e confermo l’impegno del governo per conseguire spese aggiuntive nel corso dell’anno”.
L’esecutivo tranquillizza anche sulla vendita dei beni demaniali: ‘
– Non venderemo nessun consolato, nessun Istituto di Cultura o immobili di proprietà demaniale con annessa cessazione di funzioni.
Altro nodo, è quello legato alla riforma degli organismi di rappresentanza degli italiani all’estero e del sistema di voto per i residenti all’estero, su cui il governo attende proposte da parte del Cgie da Comites da sottoporre al Parlamento. Molto critica la relazione del segretario generale del Comitato di Presidenza del Cgie, Michele Schiavone.
– Il registro nei confronti degli italiani all’estero e agli organi che li rappresentano deve cambiare o consegneremo le chiavi degli uffici – ha detto aprendo il suo intervento -. Nella finanziaria – fa sapere – ci sono stati tagli duri nei confronti degli italiani all’estero. Il futuro delle comunità all’estero è a rischio. Serve – conclude – un intervento e un sostegno del Parlamento del governo. Non ci sono alternative.

  • Patronato Acli

    Dopo il lungo e impervio cammino che i Pensionati Italiani in Convenzione hanno percorso dal 1 marzo 2015 guidati dai Patronati, con l’inestimabile supporto del Comitato Permanente sugli Italiani nel mondo e la promozione del Sistema Paese e dell’Ambasciatore MIgnano, e il risultato felice di dicembre 2016 con la decisione dell’INPS di accogliere la richiesta di un tipo di cambio ad hoc per le pensioni pagate in Venezuela , resta ancora molto da fare per concludere quella che si può chiamare una prima fase di appoggio e di giustizia.

Ultima ora

16:21Pence visita Muro Pianto, poggia le mani e infila biglietto

(ANSAmed) - TEL AVIV, 23 GEN - Il vicepresidente Usa Mike Pence ha appena finito la sua visita al Muro del Pianto a Gerusalemme. Copricapo rituale nero in testa, Pence ha letto una breve preghiera dal Libro dei Salmi e poi ha infilato, come vuole la tradizione, un biglietto nelle fessure del Muro appoggiando in raccoglimento le mani alle pietre sacre. Nella visita Pence era accompagnato dal rabbino capo del Muro Shmuel Rabinovicz. Alla moglie di Pence è stata mostrata invece la parte del Muro riservata alle donne.

16:19Hong Kong: nuovo arresto per Gui Minhai, uno dei ‘librai’

(ANSA) - PECHINO, 23 GEN - Gui Minhai, uno dei "librai" di Hong Kong rilasciato a ottobre dalle autorità cinesi dopo due anni di detenzione, è stato nuovamente fermato mentre era diretto sabato a Pechino per sottoporsi a importanti visite mediche, malgrado siano indefinite le ragioni della mossa. Lo ha riferito la figlia Angela parlando con Radio Sweden. Gui, in possesso di passaporto svedese, era tra i 5 "librai" dell'ex colonia britannica misteriosamente spariti a ottobre 2015 ed è stato arrestato mentre era in compagnia di due diplomatici di Stoccolma. L'uomo è affetto da una forma incurabile di sclerosi laterale amiotrofica, nota come morbo di Lou Gehrig. "Dato che è cittadino svedese, voleva trattamenti medici in Svezia o in altre parti d'Europa. Per questo ha coordinato con l'ambasciata svedese il viaggio in treno a Pechino per sabato al fine di poter incontrare un medico svedese fatto arrivare per poterlo visitare", ha aggiunto la figlia.

16:16Italia Team: Coni ufficializza primi 84 azzurri per i Giochi

(ANSA) - ROMA, 23 GEN - La Giunta Nazionale del Coni, che si è riunita oggi a Firenze, ha ufficilaizzato i primi 84 azzurri - sui 121 previsti come numero finale in base alle qualificazioni ottenute - in vista dei Giochi Olimpici Invernali, in programma a PyeongChang dal 9 al 25 febbraio. In particolare è stata definita la rosa degli atleti degli sport del ghiaccio (Fisg), mentre nei prossimi giorni verrà completata la squadra degli invernali (Fisi).

16:15Dramma Cassino, ‘voleva dimostrare innocenza’

(ANSA) - CASSINO (FROSINONE), 23 GEN - "L'avevo sentito l'ultima volta pochi giorni fa, avevamo parlato della eventuale nomina di un consulente di parte in vista dell'imminente incidente probatorio. C'era tutta la volontà di collaborare con la magistratura e di dimostrare la sua innocenza". Lo ha detto l'avvocato Domenico Di Tano, che assisteva il poliziotto della penitenziaria suicidatosi ieri mattina a Roccasecca (Frosinone) dopo le accuse di presunti abusi sessuali nei confronti della figlia 14enne.

16:14Filippine: sale a 56 mila numero persone in fuga da vulcano

(ANSA) - LEGAZPI (FILIPPINE) 23 GEN - Sale ancora, a oltre 56.000 persone, il numero degli evacuati, fuggiti dai villaggi vicino al vulcano Mayon, il più attivo delle Filippine. Quarantasei i campi allestiti per ospitarli. Le ceneri dell'eruzione si sono elevate fino a un'altezza di tre chilometri. Le autorità filippine temono che potrebbe verificarsi una violenta eruzione 'esplosiva' entro breve tempo, poche ore, qualche giorno al massimo.

16:13Calcio:cori a Koulibaly,stop con condizionale curva Atalanta

(ANSA) - ROMA, 23 GEN - Il giudice sportivo ha stabilito una giornata di chiusura con la condizionale per la curva nord 'Pisani' dell'Atalanta, per i cori razzisti indirizzati al difensore del Napoli, Koulibaly, nella partita vinta dai partenopei domenica a pranzo. Il club orobico "disputerà una partita con il settore privo di spettatori - si legge nel comunicato ufficiale della Lega di Serie A -, disponendo che l'esecuzione di tale sanzione sia sospesa per un periodo di un anno con l'avvertenza che, se durante tale periodo sarà commessa analoga violazione, la sospensione sarà revocata e la sanzione sarà aggiunta a quella inflitta per la nuova violazione".

16:12Terremoto nel golfo dell’Alaska, rientra rischio tsunami

(ANSA) - ROMA, 23 GEN - L'istituto geofisico americano Usgs ha rivisto la magnitudo del terremoto con epicentro nel golfo di Alaska, a circa 278 km a sudest dell'isola di Kodiak, a 10 km di profondità, abbassandone l'intensità a 7.9 da 8.2. Inoltre il centro d'allerta tsunami americano Pacific Tsunami Warning Center ha reso noto che non esiste un rischio tsunami.

Archivio Ultima ora