Meno smog e servizi migliori, il futuro delle città connesse

Pubblicato il 30 marzo 2017 da ansa

ROMA. – Cittadini più contenti dei servizi pubblici, dei risparmi in bolletta, della qualità dell’aria e di trasporti sostenibili. Per molti non è il presente ma servizi ‘on demand’ che migliorino la qualità della vita possono diventare il futuro prossimo sfruttando l’innovazione tecnologica e applicandola ai progetti di efficienza energetica.

Ruolo chiave nella svolta ce l’hanno le utilities (le imprese erogatrici di servizi pubblici) che, ascoltando le richieste dei cittadini, possono ‘tagliare su misura’ le forniture. Con la collaborazione fondamentale delle amministrazioni pubbliche.

Una soluzione proposta nella terza edizione dell'”Orange book-efficienza energetica e nuovi servizi per le città” messo a punto da Utilitalia, Fondazione Utilitatis, in collaborazione con EfficiencyKNow con l’obiettivo di rilanciare da un lato il ruolo e le attività delle utilities e dall’altro quello dei cittadini stimolandone la partecipazione, così aumentando la consapevolezza del proprio ruolo e responsabilizzandoli ad un uso razionale delle risorse.

Ad esempio, un sistema automatico che controlla il funzionamento dell’impianto idrico può far risparmiare il 10% di acqua, dal 12 al 30% di energia elettrica, ridurre fino al 30% i malfunzionamenti con un taglio dei costi di manutenzione dal 15 al 30%.

Nel teleriscaldamento, investimenti eseguiti hanno interessato 1.135.613 utenti per un risparmio di energia pari a 486.531 Tep (tonnellata equivalente di petrolio) e una riduzione della CO2 di 1.574.850 tonnellate all’anno.

Nel settore del biogas nell’ultimo triennio sono stati investiti 75 milioni e per una produzione pari a circa 20 milioni di metri cubi all’anno.

Quanto alle reti di illuminazione pubblica la sostituzione con circa 260 mila nuovi punti luce con tecnologia a led ha ridotto la CO2 di 38.000 tonnellate/anno.

Teleriscaldamento e mobilità sostenibile, sono gli altri due settori in cui fare efficienza con riduzione dell’inquinamento.

“Abbiamo bisogno di multiutilities forti e organizzate e non frammentate”, ha detto il ministro dell’Ambiente, Gian Luca Galletti, rilevando che “il settore ambientale è la vera sfida economica degli anni a venire”.

“La valorizzazione delle risorse esistenti e di quelle generabili è la principale finalità di un’agenda nazionale necessaria per le città in cui le multiutility possano essere protagoniste per lo sviluppo dell’efficienza energetica nel nostro Paese” ha detto il vice ministro allo Sviluppo economico Teresa Bellanova”.

“L’efficienza è la strada primaria da percorrere” e “tutti i Comuni sono nostri alleati – ha rilevato il presidente di Utilitalia Giovanni Valotti – Dobbiamo chiederci come costruire soggetti industriali efficienti, gli unici che potranno stare sul mercato, non perdendo di vista il radicamento sul territorio”.

Per il Sud “ci vuole un Piano speciale: non possiamo aspettarci che ci pensi il mercato perché il mercato li’ proprio non c’è”.

(di Stefania De Francesco/ANSA)

Ultima ora

12:26Migranti: occupano carrozze treno merci a Ventimiglia

(ANSA) - VENTIMIGLIA (IMPERIA), 24 AGO - Diversi migranti hanno danneggiato e occupato, la scorsa notte, alcune carrozze di un convoglio merci in sosta al binario 22 del Parco Roja, di Ventimiglia, nel tentativo di espatriare abusivamente in Francia. Il personale ferroviario si è accorto intorno alle 5 dell'occupazione, quando il treno avrebbe dovuto partire e, a quel punto, è stata allertata la polizia. Il personale della stazione ha sganciato le carrozze danneggiate (quest'ultime adibite al trasporto misto), mentre gli agenti hanno fatto scendere gli stranieri dal treno, molti dei quali hanno cercato di restare a bordo delle carrozze. Il convoglio è comunque riuscito a partire per la Francia. Analogo episodio era accaduto anche nei giorni scorsi, quando una donna, in servizio come "formatrice" di treni merci, era stata insultata da un gruppo di stranieri. Quest'ultima era scappata rifugiandosi in un ufficio. La recrudescenza di questi episodi è dovuta al fatto che il centro di accoglienza del Parco Roja sorge in un'area delle ferrovie, all'interno della quale fanno scalo i treni merci da e per la Francia. Ai migranti basta scavalcare una rete o passare attraverso una fenditura, per raggiungere i convogli. (ANSA).

12:13Yemen: tv, 35 uccisi in raid coalizione saudita

(ANSA) - BEIRUT, 23 AGO - Almeno 35 persone sono state uccise in un raid aereo della coalizione araba a guida saudita in Yemen, vicino alla capitale Sanaa. Lo riferisce la televisione panaraba Al Jazira, aggiungendo che secondo le prime notizie la maggior parte delle vittime sarebbero civili. Apparentemente il bombardamento aveva come obiettivo un campo militare dei ribelli sciiti Houthi vicino alla capitale.

12:08Marina Usa rimuoverà comandante 7/a Flotta dopo collisione

(ANSA) - WASHINGTON, 23 AGO - La marina militare americana intende rimuovere l'ammiraglio a capo della Settima flotta di base in Giappone dopo quattro episodi quest'anno - tra cui l'ultima collisione di una nave Usa con una petroliera - che hanno imbarazzato Washington e in cui militari hanno perso la vita. Lo scrive il Washington Post citando fonti ufficiali Usa. La comunicazione ufficiale per il vice ammiraglio Joseph P. Aucoin arriverà mercoledì, stando alle stesse fonti.

11:51Isis: capo Pentagono Mattis in Turchia, vedrà Erdogan

(ANSA) - ANKARA, 23 AGO - Il segretario alla Difesa Usa, James Mattis, sarà oggi in Turchia per colloqui centrati sulla lotta all'Isis. Il capo del Pentagono, in arrivo da Baghdad, vedrà il presidente turco, Recep Tayyip Erdogan, nel suo palazzo di Ankara. In agenda c'è anche il referendum del 25 settembre prossimo sull'indipendenza del Kurdistan iracheno, criticato sia dalla Turchia che dagli Stati Uniti. Sempre oggi, il ministro degli Esteri turco, Mevlut Cavusoglu, sarà in visita in Iraq, dove incontrerà a Baghdad il premier, Haider al Abadi, prima di recarsi a Erbil per un faccia a faccia con il presidente della regione autonoma del Kurdistan iracheno, Masoud Barzani.

11:41Usa: Charlottesville decide di coprire statue confederati

(ANSA) - CHARLOTTESVILLE (USA), 23 AGO - Il Consiglio comunale di Charlottesville, in Virginia, ha votato un provvedimento per coprire con teli neri le statue di due personaggi confederati, sull'onda di una protesta che è arrivata fin dentro all'assemblea, sul modo in cui il comune ha reagito alla manifestazione dell'estrema destra suprematista e agli scontri che ne sono seguiti. Una protesta che ha obbligato il Consiglio ha cambiare il suo ordine del giorno. I drappi neri intendono essere anche un segno di lutto per la morte della manifestante antifascista Heather Heyer, travolta dall'auto di un giovane simpatizzante neonazista. I manifestanti di estrema destra si erano riuniti nella cittadina della Virginia per l'iniziativa 'Unite the Right' (Uniamo la destra) con il pretesto di opporsi all'ipotizzata rimozione delle statue dei confederati, fra cui quella del generale Robert E. Lee.

11:37Barcellona: Belgio chiese a Spagna dati su Imam Satty

(ANSA) - ROMA, 23 AGO - All'inizio del 2016, la polizia belga e le autorità di Vilvoorde, cittadina a due passi da Bruxelles, chiesero alla Spagna informazioni riguardo a possibili collegamenti con il terrorismo su Abdelbaki es Satty, che voleva installarsi come Imam nel comune fiammingo, allora un focolaio dell'islamismo radicale. Mentre emerge anche sulla stampa belga che aveva un biglietto aereo per Bruxelles . Es Satty, l'imam di Ripoll morto ad Alcanar nell'esplosione che ha distrutto la casa in cui i terroristi della Rambla e di Cambrils avevano stoccato oltre 120 bombole a gas, ed era l'ideologo della cellula catalana vicina all'Isis ora smantellata. Il biglietto è stato trovato fra i ruderi della casa. Aveva soggiornato per 3 mesi a Volvoorde, alla periferia della capitale belga, tra gli attentati di Parigi e Bruxelles, da gennaio a marzo 2016. Ha frequentato la moschea Youssef di Diegem, dalla quale fu però allontanato in quanto non aveva il necessario certificato di buona condotta.

11:31Incendio divora Parco Ulivi di Venafro, forse doloso

(ANSA) - ISERNIA, 23 ago - Il Parco degli Ulivi di Venafro (Isernia) rischia di essere interamente distrutto da un grosso incendio che nella notte ha già divorato 50 ettari di colture secolari di olivo. "La situazione è drammatica - dichiara il sindaco Antonio Sorbo - l'area è quella protetta di Monte Corno e gli incendi sono due: uno in Località Le Noci, dove ci sono gli Ulivi, e l'altro a Valle Cupa, dove ci sono le abitazioni". Sul posto stanno operando da ore i Vigili del Fuoco, gli operai della Regione Molise e la Protezione Civile. Le fiamme hanno divorato anche un mezzo dei vigili del fuoco, mentre il canadair arrivato questa mattina ha avuto un guasto. Avvicinarsi da terra alla zona interessata dai roghi è molto difficile perché è disseminata di ordigni inesplosi della Seconda Guerra Mondiale. L'incendio potrebbe essere di natura dolosa.

Archivio Ultima ora