Da Roma a Potenza, Renzi vince nei circoli dei “grandi ex”

ROMA. – Dal piacentino di Pier Luigi Bersani alla Potenza di Roberto Speranza, fino al circolo del quartiere romano di Prati dove era iscritto Massimo D’Alema: Matteo Renzi trionfa, stando ai dati forniti dalla mozione del segretario uscente, anche nei circoli dei ‘grandi ex’ del Pd: quelli che, all’alba delle primarie, hanno deciso di lasciare un partito in cui non si riconoscevano più.

A Bettola, terra di Pier Luigi Bersani, il circolo Dem non esiste più dal 2013 ma nella provincia di Piacenza di cui il comune emiliano fa parte a trionfare è stato Renzi con il 74,75%, seguito da Andrea Orlando con il 22,41% e da Michele Emiliano fermo al 2,84%. Simile la vittoria dell’ex segretario nella sezione che fu dell’ex premier D’Alema: nel circolo Mazzini-Trionfale in 175 (74,8%) hanno scelto Renzi.

A diversi chilometri di distanza, nella Potenza dell’ex capogruppo Pd Speranza, Renzi incassa il 65,3% (secondo i dati, ancora non definitivi, pubblicati sul sito del Pd lucano), seguito da Emiliano (21,3%) e Orlando (13,4%). E il trend non cambia guardando i circoli dei ‘padri nobili’ del Pd.

A Bologna, al seggio Galvani di Romano Prodi (che non essendo iscritto non ha votato) Renzi ottiene 84 voti su 103 iscritti con esiti percentuali ‘bulgari’: 77,3% per l’ex segretario, 16,19% per Orlando, 3,56% per il governatore pugliese.

Nella Capitale, invece, al circolo Testaccio-San Saba al quale fa storicamente riferimento l’ex premier Enrico Letta Renzi viaggia sul 73,75%, seguito da Orlando al 25% e da un Emiliano che non supera l’1,25%. Non molto lontano, al circolo Roma-Parioli, al quale fa riferimento Walter Veltroni, la vittoria di Renzi è meno netta: 63,9% per il segretario uscente, 34,2% per il Guardasigilli, 1,8 per Emiliano.

(di Michele Esposito/ANSA)