Venezuela, rientrato il “Golpe” ma resta la repressione

Pubblicato il 04 aprile 2017 da Mauro Bafile

Rientrato, ma solo parzialmente, il colpo di Stato; resta la repressione. La pressione internazionale e l’intervento della Procuratrice Ortega Díaz hanno obbligato la Corte Costituzionale, che aveva usurpato il ruolo del Parlamento e concesso al presidente della Repubblica poteri illimitati, ad un parziale dietro front; solo parziale poiché il Parlamento resta prigioniero della sentenza che lo accusa di “ribellione”.

La mossa della Corte, che molti hanno definito “gattopardiana”, riporta di nuovo il Paese allo stallo esistente prima delle sentenze 155 e 156. E, cioè, al confronto tra Esecutivo e Legislativo; tra “Partido Socialista Unido de Venezuela” e “Tavolo dell’Unità Democratica”; tra filo-governativi e Opposizione. In altre parole, al Paese in cui il dibattito politico è pressoché inesistente.

La polemica sentenza della Corte, che ha fatto scattare l’allarme internazionale e permesso alla Procuratrice di prendere posizione, ha messo in luce le crepe esistenti in seno al “chavismo”. Questo, nonostante le tante frange dissidenti, nei momenti difficili aveva sempre mostrato una unità a tutta prova. Ora, pare, che qualcosa stia cambiando.

La decisione della Corte, d’altro canto, ha dato nuovo ossigeno all’Opposizione che ha ritrovato una coesione di fronte ad un pericolo comune. Messe in cantina le aspirazioni egemoniche, le gelosie, e i vari “caudillismos”, i leader dei movimenti che coesistono in seno al Tavolo dell’Unità, hanno di nuovo trovato una ragione per restare uniti, in mancanza di un programma comune che possa cementare le alleanze transitorie.

Se il “golpe” sembra rientrato, la repressione resta. Anzi… La manifestazione indetta dall’Opposizione non ha potuto raggiungere l’Assemblea Nazionale. Che non vi sarebbe riuscita era prevedibile. A bloccarla e a reprimerla con la consueta violenza ci hanno pensato la Polizia Bolivariana, la Guardia Nacional ed alcuni “colectivos”.

Il bilancio, circa una decina di feriti. Anche i membri del Parlamento, tra questi Julio Borges, Henry Ramos Allup, Richard Blanco – ricoverato in clinica ed immediatamente trasferito nel reparto di terapia intensiva -, Carlo Paparoni, non sono scappati alle conseguenze dell’azione della Polizia Bolivariana e dei “colectivos”. Ma non è tutto.

La repressione negli ultimi giorni è aumentata coinvolgendo addirittura Copei o quel che resta della vecchia Democrazia Cristiana venezuelana. Ed infatti, Roberto Enríquez, presidente di Copei, è stato arrestato con l’accusa di “tradimento alla Patria” e istigazione alla violenza. Arrestati, con la stessa accusa, anche il colonello Ricardo Somascal, il capitano Angel Heredia e Eduardo Vetancourt. Stando al Foro Penal Venezolano, autorevole Ong, i detenuti politici sono ora 117. Tra questi, anche i connazionali Ledezma, Grossi, Croato e il giovane Baduel.

La crisi politica che vive oggi il Paese è seguita attentamente dal Mercosur e dall’Osa. I due maggiori organismi dell’America Latina, il primo economico il secondo politico, preso atto della particolare congiuntura politica e dell’interruzione dell’ordine democratico hanno esortato il governo del presidente Maduro a cessare la repressione, a liberare i prigionieri politici, a restituire al Parlamento il ruolo che gli è stato conferito dalla Costituzione e a indire quanto prima elezioni. Richieste che vedremo se, nei prossimi giorni, saranno ascoltate dal governo.

Nel frattempo, nell’ambito economico, la crisi diventa sempre più profonda. Il Venezuela, nei prossimi giorni, dovrà pagare ai creditori ben 2 miliardi di dollari. Il governo, su questo non pare che ci siano dubbi, manterrà fede agli impegni. E lo farà perché cosciente che un “default” avrebbe come conseguenza una reazione a catena pericolosa.

Innanzitutto, chiuderebbe il rubinetto del credito. Nessuno più presterebbe al Venezuela. E poi correrebbe il rischio del sequestro dei beni di Pdvsa, quindi anche del blocco delle petroliere nei porti in cui sono ancorate. Un lusso che il Paese, dipendente in un 95 per cento dalle esportazioni petrolifere, non può certo permettersi.

Il pagamento dei due miliardi di dollari, però, inciderà sulle importazioni di alimenti e prodotti per l’igiene che già mancano nel Paese. Il governo, e questo non è un segreto, ha cercato in questi mesi di aver accesso al credito di organismi internazionali pubblici e privati. Ma, a quanto pare, questi non sembrano disposti a rischiare poiché considerano che ormai il “chavismo” mostra i suoi limiti e ha iniziato la parabola discendente. Crediti al Venezuela non approvati dal Parlamento, qualora dovesse cambiare governo, potrebbero non essere riconosciuti.

In parte, il Golpe, orchestrato dalla Corte, ma questa si muove in sintonia con altri poteri, aveva per oggetto dare una parvenza di legalità istituzionale a probabili accordi di credito pubblico o alla costituzione di imprese miste. Gli articoli 155 e 156, stando agli esperti, andavano in questa direzione. La palla è di nuovo al centro. Mentre i problemi del Paese si aggravano il braccio di ferro tra Governo e Parlamento continua senza che all’orizzonte si riesca ad intravvedere una via di uscita.

Mauro Bafile

Ultima ora

17:28Azzurri: Spalletti, Ancelotti è il meglio per la Nazionale

(ANSA) - APPIANO GENTILE (COMO), 18 NOV - ''Io ho la mia posizione ora. Mi piacerebbe allenare la Nazionale ma non ora. Voglio lavorare bene con l'Inter. Vedo bene però Ancelotti, ha il consenso degli allenatori, dei giocatori, di tutti. Per la nostra Nazionale bisogna mirare al meglio e lui è il meglio'': lo dice il tecnico dell'Inter Luciano Spalletti, alla vigilia della partita contro l'Atalanta, rispondendo ad una domanda sul miglior candidato alla panchina azzurra.

17:19Argentina:Macri,speriamo trovare sottomarino prima possibile

(ANSA) - ROMA, 18 NOV - "Ci impegniamo a utilizzare tutte le risorse nazionali e internazionali necessarie per trovare il sottomarino Ara San Juan il prima possibile". Lo ha detto il presidente argentino Mauricio Macri riferendosi al sottomarino di cui si sono persi i contatti la mattina di mercoledì. Lo scrive il quotidiano locale La Nacion. Il presidente ha parlato da Chapadmalal, vicino alla base navale di Mar del Plata, stazione abituale del sottomarino. Macri ha poi aggiunto che il governo è "in contatto con le famiglie dell'equipaggio" dell'Ara San Juan "per informarli e sostenerli". Attraverso i messaggi sul suo account Twitter, ha aggiunto: "Condividiamo la vostra preoccupazione e quella di tutti gli argentini". Il sommergibile, con 44 membri d'equipaggio a bordo, era partito mercoledì da Ushuaia ed era diretto alla base a Mar del Plata.

17:15Sicurezza stradale: premiata Nonna Lisa, 106 anni in Vespa

(ANSA) - CITTÀ DI CASTELLO (PERUGIA), 18 NOV - "Andate piano, rispettate il codice della strada, non bevete quando siete in moto o al volante e soprattutto indossate sempre il casco": Luisa Zappitelli, 106 anni compiuti l'8 novembre scorso, per tutti Nonna Lisa a Città di Castello, appassionata di Vespa, è stata prodiga di consigli per gli studenti intervenuti stamani nel ridotto del Teatro della sua città, dove ha ricevuto dalle mani di Silvia Frisina, dell'Associazione Familiari vittime della strada, il premio speciale assegnato nell'ambito del Premio "Basta sangue sulle strade". Nonna Lisa è stata premiata "per essere la più longeva testimonial di sicurezza stradale, attiva ancora oggi nel diffondere messaggi di sensibilizzazione all'uso del casco, raccomandando con affetto materno di dare sempre valore alla vita e soprattutto dimostrando con l'esempio personale un gran senso civico". Nell'occasione odierna, Città di Castello è stata la prima città italiana ad ospitare la campagna dal titolo "Chi guida non beve", promossa dall'associazione delle vittime della strada in collaborazione con Polizia, Confindustria Ancma ed Eicma. La campagna è destinata in particolar modo agli avventori dei locali dal ballo, discoteche, ristoranti, bar, pub e altri luoghi in cui il consumatore può entrare in contatto con l'alcol. (ANSA).

17:13Mo: Anp, non accetteremo pressioni o ricatti su Olp

(ANSAmed) - TEL AVIV, 18 NOV - I Palestinesi non accetteranno "pressioni o ricatti" sull'ambasciata dell'Olp a Washington. Lo ha detto, in un'intervista a 'Voice of Palestine' ripresa dall'agenzia Wafa, il ministro degli Esteri Riyad Malki rispondendo così ad una fonte del Dipartimento di Stato Usa che ha minacciato la chiusura della sede se i palestinesi non si impegneranno in serie trattative con Israele o se porteranno lo stato ebraico davanti al Tribunale Penale dell'Aja.

17:07Libano: Hariri, chiarirò mia posizione in Libano

(ANSA) - PARIGI, 18 NOV - Saad Hariri, lasciando l'Eliseo, ha confermato che tornerà in Libano dove chiarirà la sua decisione politica dopo aver incontrato il presidente Aoun. Hariri ha anche ringraziato il presidente francese Emmanuel Macron dell'accoglienza a Parigi. Dovrebbe rientrare in Libano mercoledì.

17:05Calcio: Spalletti, contro Atalanta Inter deve vincere

(ANSA) - APPIANO GENTILE (COMO), 18 NOV - ''Non stendiamo nessun tappeto alle giustificazioni. Se c'è qualche giocatore che è rimasto turbato dalla mancata qualificazione ai Mondiali, per noi sarebbe un danno. Non possiamo essere limitati da queste debolezze caratteriali. Dobbiamo portare assolutamente a casa questa partita'': lo dice il tecnico dell'Inter Luciano Spalletti rispondendo alle domande dei tifosi - in una diretta con Inter Tv - subito prima della conferenza stampa alla vigilia della partita contro l'Atalanta, domani a San Siro.

16:46Ex imprenditore trovato con 23 kg cocaina e 4 kg hascisc

(ANSA) - FERMO, 18 NOV - I carabinieri di Porto Sant'Elpidio e di Montegranaro hanno arrestato un 42enne insospettabile del posto, ex imprenditore, che viaggiava a bordo di una Maserati, del valore di circa 100mila euro, risultata immessa in Italia irregolarmente: nella sua abitazione, un appartamento con mansarda in pieno centro nella città rivierasca dove è stata estesa la perquisizione, sono stati rinvenuti 23 Kg di cocaina purissima suddivisa in panetti, oltre 2 Kg di sostanza da taglio, 4 Kg di hascisc e 25.000 euro in contanti, tutto sequestrato. Il valore di mercato dello stupefacente supera i tre milioni di euro. L'uomo, i cui movimenti venivano tenuti d'occhio già da giorni dai carabinieri, si trova ora nel carcere di Fermo.

Archivio Ultima ora