Venezuela, rientrato il “Golpe” ma resta la repressione

Pubblicato il 04 aprile 2017 da Mauro Bafile

Rientrato, ma solo parzialmente, il colpo di Stato; resta la repressione. La pressione internazionale e l’intervento della Procuratrice Ortega Díaz hanno obbligato la Corte Costituzionale, che aveva usurpato il ruolo del Parlamento e concesso al presidente della Repubblica poteri illimitati, ad un parziale dietro front; solo parziale poiché il Parlamento resta prigioniero della sentenza che lo accusa di “ribellione”.

La mossa della Corte, che molti hanno definito “gattopardiana”, riporta di nuovo il Paese allo stallo esistente prima delle sentenze 155 e 156. E, cioè, al confronto tra Esecutivo e Legislativo; tra “Partido Socialista Unido de Venezuela” e “Tavolo dell’Unità Democratica”; tra filo-governativi e Opposizione. In altre parole, al Paese in cui il dibattito politico è pressoché inesistente.

La polemica sentenza della Corte, che ha fatto scattare l’allarme internazionale e permesso alla Procuratrice di prendere posizione, ha messo in luce le crepe esistenti in seno al “chavismo”. Questo, nonostante le tante frange dissidenti, nei momenti difficili aveva sempre mostrato una unità a tutta prova. Ora, pare, che qualcosa stia cambiando.

La decisione della Corte, d’altro canto, ha dato nuovo ossigeno all’Opposizione che ha ritrovato una coesione di fronte ad un pericolo comune. Messe in cantina le aspirazioni egemoniche, le gelosie, e i vari “caudillismos”, i leader dei movimenti che coesistono in seno al Tavolo dell’Unità, hanno di nuovo trovato una ragione per restare uniti, in mancanza di un programma comune che possa cementare le alleanze transitorie.

Se il “golpe” sembra rientrato, la repressione resta. Anzi… La manifestazione indetta dall’Opposizione non ha potuto raggiungere l’Assemblea Nazionale. Che non vi sarebbe riuscita era prevedibile. A bloccarla e a reprimerla con la consueta violenza ci hanno pensato la Polizia Bolivariana, la Guardia Nacional ed alcuni “colectivos”.

Il bilancio, circa una decina di feriti. Anche i membri del Parlamento, tra questi Julio Borges, Henry Ramos Allup, Richard Blanco – ricoverato in clinica ed immediatamente trasferito nel reparto di terapia intensiva -, Carlo Paparoni, non sono scappati alle conseguenze dell’azione della Polizia Bolivariana e dei “colectivos”. Ma non è tutto.

La repressione negli ultimi giorni è aumentata coinvolgendo addirittura Copei o quel che resta della vecchia Democrazia Cristiana venezuelana. Ed infatti, Roberto Enríquez, presidente di Copei, è stato arrestato con l’accusa di “tradimento alla Patria” e istigazione alla violenza. Arrestati, con la stessa accusa, anche il colonello Ricardo Somascal, il capitano Angel Heredia e Eduardo Vetancourt. Stando al Foro Penal Venezolano, autorevole Ong, i detenuti politici sono ora 117. Tra questi, anche i connazionali Ledezma, Grossi, Croato e il giovane Baduel.

La crisi politica che vive oggi il Paese è seguita attentamente dal Mercosur e dall’Osa. I due maggiori organismi dell’America Latina, il primo economico il secondo politico, preso atto della particolare congiuntura politica e dell’interruzione dell’ordine democratico hanno esortato il governo del presidente Maduro a cessare la repressione, a liberare i prigionieri politici, a restituire al Parlamento il ruolo che gli è stato conferito dalla Costituzione e a indire quanto prima elezioni. Richieste che vedremo se, nei prossimi giorni, saranno ascoltate dal governo.

Nel frattempo, nell’ambito economico, la crisi diventa sempre più profonda. Il Venezuela, nei prossimi giorni, dovrà pagare ai creditori ben 2 miliardi di dollari. Il governo, su questo non pare che ci siano dubbi, manterrà fede agli impegni. E lo farà perché cosciente che un “default” avrebbe come conseguenza una reazione a catena pericolosa.

Innanzitutto, chiuderebbe il rubinetto del credito. Nessuno più presterebbe al Venezuela. E poi correrebbe il rischio del sequestro dei beni di Pdvsa, quindi anche del blocco delle petroliere nei porti in cui sono ancorate. Un lusso che il Paese, dipendente in un 95 per cento dalle esportazioni petrolifere, non può certo permettersi.

Il pagamento dei due miliardi di dollari, però, inciderà sulle importazioni di alimenti e prodotti per l’igiene che già mancano nel Paese. Il governo, e questo non è un segreto, ha cercato in questi mesi di aver accesso al credito di organismi internazionali pubblici e privati. Ma, a quanto pare, questi non sembrano disposti a rischiare poiché considerano che ormai il “chavismo” mostra i suoi limiti e ha iniziato la parabola discendente. Crediti al Venezuela non approvati dal Parlamento, qualora dovesse cambiare governo, potrebbero non essere riconosciuti.

In parte, il Golpe, orchestrato dalla Corte, ma questa si muove in sintonia con altri poteri, aveva per oggetto dare una parvenza di legalità istituzionale a probabili accordi di credito pubblico o alla costituzione di imprese miste. Gli articoli 155 e 156, stando agli esperti, andavano in questa direzione. La palla è di nuovo al centro. Mentre i problemi del Paese si aggravano il braccio di ferro tra Governo e Parlamento continua senza che all’orizzonte si riesca ad intravvedere una via di uscita.

Mauro Bafile

Ultima ora

01:34Calcio: Mkhitaryan dice sì all’Arsenal, Sanchez allo United

(ANSA) - ROMA, 21 GEN - Il centrocampista armeno del Manchester United Henrikh Mkhitaryan ha accettato la proposta di trasferirsi all'Arsenal, aprendo la strada allo scambio con il cileno Alexis Sanchez, molto atteso da Jose Mourino. Il 28enne centrocampista, 28 anni, si sottoporrà alle visite mediche tra domani e lunedì dopo aver trovato nella giornata di oggi l'accordo con il club londinese, di cui al momento non si conoscono i termini. Secondo i media inglesi, il trasferimento avverrà 'alla pari', avendo trovato i club un accordo su una valutazione di 35 milioni di sterline per entrambi i giocatori.

01:14Calcio: pari Atletico e Valencia ko, sabato pro-Barcellona

(ANSA) - ROMA, 20 GEN - Il Barcellona domina la Liga anche senza giocare, visto che le rivali fanno a gara per gettare punti e perdere ulteriore terreno sulla capolista. L'Atletico Madrid, impegnato col Girona, si è fatto bloccare sull'1-1 e praticamente può dire addio alle pur flebili speranze di contendere il titolo ai blaugrana. I punti di distacco tra prima e seconda sono ora otto, con il Barca che ha una partita in meno (domani col Betis). Il Valencia, terzo in graduatoria, ha addirittura perso a Las Palmas, sprecando l'occasione di affiancare la squadra di Simeone. Vince invece il Villarreal, 2-1 a Levante, e sale al quarto posto in attesa della partita domenicale del Real Madrid.

01:13Liberia: presidente Weah in campo per partita di beneficenza

(ANSA) - ROMA, 20 GEN - L'ex fuoriclasse George Weah torna al calcio per un giorno, in occasione degli eventi che precedono il suo insediamento come presidente della Liberia: l'ex milanista è sceso in campo per una partita di beneficenza con una squadra creata per l'occasione - la Weah All Stars Team, con molti ex colleghi calciatori - , sfidata in campo dai militari delle forze armate liberiane. Il match - finito 2 a 1 per la squadra del neo presidente - si è svolto al Barclay Training Center di Monrovia. Weah, 51 anni, giurerà da presidente il 22 gennaio.

00:35Calcio: serie B, Cesena-Bari 1-1

(ANSA) - CESENA, 20 GEN - Finisce in parità la sfida dell'"Orogel Stadium Manuzzi" tra Cesena e Bari, ultima sfida del sabato nella 22/a giornata di serie B. All'acuto di Laribi nel primo tempo risponde il Bari con un'autorete di Suagher. Pareggio alla fine giusto giunto al termine di una gara vivace in cui non sono mancate le occasioni da una parte e dall'altra, la più clamorosa la traversa colpita dal barese Cissè a 5' dal termine. Il Bari è sesto con 35 punti, il Cesena raggiunge l'Entella a quota 24.

22:33Calcio: Lipsia ko, raggiunto da Bayer e M.Gladbach

(ANSA) - ROMA, 20 GEN - Il Lipsia perde 2-1 a Friburgo e viene agganciato al secondo posto dal Bayer Leverkusen, vittorioso 4-1 sul campo dell'Hoffenheim, e dal Borussia Moenchengladbach, impostosi 2-0 sull'Augusta. Dopo 19 turni di Bundesliga, la capolista Bayern Monaco ha 13 punti di vantaggio con una partita in meno e domani riceve il Werder Brema. Molto affollata la zona Champions-Europa League. Alle spalle del terzetto a 31 punti, ci sono a quota 30 il Borussia Dortmund, oggi un pareggio 1-1 a Berlino in casa dell'Hertha, lo Schalke 04, che battendo domani l'Hannover scavalcherebbe tutti portandosi al secondo posto da solo, e l'Eintracht, vittorioso per 3-1 a Wolfsburg. In coda, il Magonza batte lo Stoccarda 3-2 e lo raggiunge al quart'ultimo posto. Nella sfida Amburgo-Colonia ha la meglio il fanalino di coda, che vince 2-0 in trasferta.

22:27Calcio: tripletta di Aguero, il City riprende a correre

(ANSA) - ROMA, 20 GEN - Niente cambia in vetta alla Premier League dopo il sabato di incontri della 24/a giornata. Vince 3-0 il Manchester City nell'impegno tardo pomeridiano col Newcastle e mantiene 12 punti di vantaggio sul Manchester United, che si impone 1-0 in casa del Burnley, e 15 sul Chelsea, vittorioso 4-0 a Brighton. Il Liverpool giocherà lunedì a Swansea per riagganciare, in caso di vittoria, la squadra di Conte al terzo posto. Il Tottenham gioca domani e nel frattempo l'Arsenal, con un liberatorio 4-1 al Crystal Palace dopo due pareggi e una sconfitta, gli si è avvicinato. All'Ethiad Stadium il primo gol dei Citizens è stato assegnato ad Aguero, che su cross di De Bruyne ha sfiorato di testa il pallone. Nella ripresa, El Kun ha segnato altre due reti, la prima su rigore. Ed il City riparte dopo il ko con il Liverpool. Lo United ha capitalizzato al massimo una rete di Martial al 9' della ripresa, mentre l'Arsenal ha dilagato sul Palace segnando con Monreal, Iwobi, Koscielny e Lacazette.

22:16Incidenti montagna: alpinista scivola e muore

(ANSA) - PANIA DELLA CROCE (LUCCA), 20 GEN - Un alpinista è morto a seguito delle ferite riportate per una caduta nel Vallone dell'Inferno sul versante occidente della Pania della Croce (Lucca). L'uomo, secondo quanto si appreso, sarebbe finito nella Buca della neve. A dare l'allarme al 118, intorno alle 17, gli altri componenti del gruppo che si trovavano con l'uomo. L'elicottero Pegaso 3 a causa delle condizioni atmosferiche e dell'approssimarsi del buio non ha potuto raggiungere l'alpinista ma è riuscito a trasportare gli uomini della stazione di Lucca, insieme con il medico, a circa 1 ora e 20 minuti di distanza, lungo il sentiero del pastore che sale al Rifugio Rossi. Sul posto si è diretta anche la squadra di Querceta(Lucca). L'uomo era in condizioni disperate. In corso le operazioni di recupero della salma. Il Sast (Soccorso alpino e speleologico Toscano) ricorda che in quota le condizioni della neve non sono buone: vento e pioggia hanno fatto affiorare strati di neve molto ghiacciata.

Archivio Ultima ora