Venezuela, rientrato il “Golpe” ma resta la repressione

Pubblicato il 04 aprile 2017 da Mauro Bafile

Rientrato, ma solo parzialmente, il colpo di Stato; resta la repressione. La pressione internazionale e l’intervento della Procuratrice Ortega Díaz hanno obbligato la Corte Costituzionale, che aveva usurpato il ruolo del Parlamento e concesso al presidente della Repubblica poteri illimitati, ad un parziale dietro front; solo parziale poiché il Parlamento resta prigioniero della sentenza che lo accusa di “ribellione”.

La mossa della Corte, che molti hanno definito “gattopardiana”, riporta di nuovo il Paese allo stallo esistente prima delle sentenze 155 e 156. E, cioè, al confronto tra Esecutivo e Legislativo; tra “Partido Socialista Unido de Venezuela” e “Tavolo dell’Unità Democratica”; tra filo-governativi e Opposizione. In altre parole, al Paese in cui il dibattito politico è pressoché inesistente.

La polemica sentenza della Corte, che ha fatto scattare l’allarme internazionale e permesso alla Procuratrice di prendere posizione, ha messo in luce le crepe esistenti in seno al “chavismo”. Questo, nonostante le tante frange dissidenti, nei momenti difficili aveva sempre mostrato una unità a tutta prova. Ora, pare, che qualcosa stia cambiando.

La decisione della Corte, d’altro canto, ha dato nuovo ossigeno all’Opposizione che ha ritrovato una coesione di fronte ad un pericolo comune. Messe in cantina le aspirazioni egemoniche, le gelosie, e i vari “caudillismos”, i leader dei movimenti che coesistono in seno al Tavolo dell’Unità, hanno di nuovo trovato una ragione per restare uniti, in mancanza di un programma comune che possa cementare le alleanze transitorie.

Se il “golpe” sembra rientrato, la repressione resta. Anzi… La manifestazione indetta dall’Opposizione non ha potuto raggiungere l’Assemblea Nazionale. Che non vi sarebbe riuscita era prevedibile. A bloccarla e a reprimerla con la consueta violenza ci hanno pensato la Polizia Bolivariana, la Guardia Nacional ed alcuni “colectivos”.

Il bilancio, circa una decina di feriti. Anche i membri del Parlamento, tra questi Julio Borges, Henry Ramos Allup, Richard Blanco – ricoverato in clinica ed immediatamente trasferito nel reparto di terapia intensiva -, Carlo Paparoni, non sono scappati alle conseguenze dell’azione della Polizia Bolivariana e dei “colectivos”. Ma non è tutto.

La repressione negli ultimi giorni è aumentata coinvolgendo addirittura Copei o quel che resta della vecchia Democrazia Cristiana venezuelana. Ed infatti, Roberto Enríquez, presidente di Copei, è stato arrestato con l’accusa di “tradimento alla Patria” e istigazione alla violenza. Arrestati, con la stessa accusa, anche il colonello Ricardo Somascal, il capitano Angel Heredia e Eduardo Vetancourt. Stando al Foro Penal Venezolano, autorevole Ong, i detenuti politici sono ora 117. Tra questi, anche i connazionali Ledezma, Grossi, Croato e il giovane Baduel.

La crisi politica che vive oggi il Paese è seguita attentamente dal Mercosur e dall’Osa. I due maggiori organismi dell’America Latina, il primo economico il secondo politico, preso atto della particolare congiuntura politica e dell’interruzione dell’ordine democratico hanno esortato il governo del presidente Maduro a cessare la repressione, a liberare i prigionieri politici, a restituire al Parlamento il ruolo che gli è stato conferito dalla Costituzione e a indire quanto prima elezioni. Richieste che vedremo se, nei prossimi giorni, saranno ascoltate dal governo.

Nel frattempo, nell’ambito economico, la crisi diventa sempre più profonda. Il Venezuela, nei prossimi giorni, dovrà pagare ai creditori ben 2 miliardi di dollari. Il governo, su questo non pare che ci siano dubbi, manterrà fede agli impegni. E lo farà perché cosciente che un “default” avrebbe come conseguenza una reazione a catena pericolosa.

Innanzitutto, chiuderebbe il rubinetto del credito. Nessuno più presterebbe al Venezuela. E poi correrebbe il rischio del sequestro dei beni di Pdvsa, quindi anche del blocco delle petroliere nei porti in cui sono ancorate. Un lusso che il Paese, dipendente in un 95 per cento dalle esportazioni petrolifere, non può certo permettersi.

Il pagamento dei due miliardi di dollari, però, inciderà sulle importazioni di alimenti e prodotti per l’igiene che già mancano nel Paese. Il governo, e questo non è un segreto, ha cercato in questi mesi di aver accesso al credito di organismi internazionali pubblici e privati. Ma, a quanto pare, questi non sembrano disposti a rischiare poiché considerano che ormai il “chavismo” mostra i suoi limiti e ha iniziato la parabola discendente. Crediti al Venezuela non approvati dal Parlamento, qualora dovesse cambiare governo, potrebbero non essere riconosciuti.

In parte, il Golpe, orchestrato dalla Corte, ma questa si muove in sintonia con altri poteri, aveva per oggetto dare una parvenza di legalità istituzionale a probabili accordi di credito pubblico o alla costituzione di imprese miste. Gli articoli 155 e 156, stando agli esperti, andavano in questa direzione. La palla è di nuovo al centro. Mentre i problemi del Paese si aggravano il braccio di ferro tra Governo e Parlamento continua senza che all’orizzonte si riesca ad intravvedere una via di uscita.

Mauro Bafile

Ultima ora

00:30Roma ufficializza Kolarov dal City

(ANSA) - ROMA, 22 LUG - La Roma ha perfezionto l'ingaggio di Aleksandar Kolarov. La società, attraverso una nota, ha comunicato di aver sottoscritto con il Manchester City il contratto per l'acquisizione a titolo definitivo del calciatore serbo a fronte di un corrispettivo di 5 milioni. Il calciatore 31enne, ha firmato un contratto che lo legherà al club fino al 30 giugno 2020. "Sono molto contento di essere qui", ha dichiarato il serbo. "Darò più del 100% alla Roma, il mio obiettivo è sempre uno: vincere". "Aleksandar è un calciatore con grande esperienza e che può dare da subito il suo contributo per il club", ha dichiarato il direttore sportivo Monchi. "Penso che con lui cresceremo sia dentro sia fuori dal campo. Desidero ringraziarlo per il suo entusiasmo e per la volontà dimostrata di venire alla Roma".

23:55Consip: gen. Maruccia sentito da pm come testimone

(ANSA) - ROMA, 22 LUG - Il generale di Divisione Gaetano Maruccia, capo di Stato Maggiore dell'Arma dei Carabinieri, è stato ascoltato dai pm di Roma in qualità di persona informata sui fatti nell'inchiesta Consip. L'ufficiale, si apprende dallo stesso comando generale dei Carabinieri, si è detto "lieto di aver potuto contribuire alla ricerca della verità nella contorta vicenda".

23:46Calcio: amichevoli, Napoli-Chievo 1-1

(ANSA) - ROMA, 22 LUG - Il Napoli non è riuscito ad andare oltre l'1-1 con il Chievo, nell'ultima amichevole nel ritiro di Dimaro, in Trentino. I gialloblù di Maran si erano portati in vantaggio con un gol di Inglese, dopo 26' di gioco, ma sono stati raggiunti dal neoacquisto Ounas (13' st), giocatore di origine algerina, ma proveniente dal Bordeaux. Finora la squadra partenopea aveva sempre vinto: 17-0 contro la Bassa Anaunia, 70 contro il Trento e 4-1 contro il Carpi. Prima di lasciare il ritiro di Dimaro, domani sera la squadra allenata da Maurizio Sarri verrà presentata ufficialmente. L'allenatore stasera ha schierato Reina; Hysaj, Maksimovic, Koulibaly, Ghoulam; Rog, Jorginho, Hamsik; Callejón, Mertens, Insigne, come formazione di partenza. Nella ripresa cambio di formazione, sempre con il 4-3-3: Rafael; Maggio, Albiol, Koulibaly, Ghoulam; Allan, Jorginho, Zielinski; Ounas, Milik, Mertens.

23:26Terremoto Kos, in serata due forti scosse di assestamento

(ANSA) - KOS (GRECIA), 22 LUG - Questa sera due forti scosse di assestamento di magnitudo 4.4 e 4.6, alla distanza di 16 minuti l'una dall'altra, hanno colpito l'isola greca di Kos, costringendo residenti e turisti a lasciare le case e i ristoranti. Lo riporta l'Istituto di Geodinamica di Atene. La prima scossa, avvenuta più vicina all'isola, è stata ad una profondità di 10 km. L'aeroporto è stato fatto evacuare. Poco di 24 ore fa una potente scossa di terremoto con epicentro a Bodrum, in Turchia, ha colpito sempre l'isola di Kos causando la morte di due turisti ed il ferimento di 500 persone.

23:17Mafia Capitale:Camera penale Roma, da Bindi più senso Stato

(ANSA) - ROMA, 22 LUG - La Camera Penale di Roma auspica da parte della Presidente della Commissione antimafia, on.le Bindi, "un maggiore senso dello Stato. Riscontriamo con stupore le esternazioni dell'on. Bindi - informa un a nota - rispetto alla sentenza di primo grado del processo "mafia capitale", con cui si accusano i giudici del Tribunale di Roma di non essere idonei, perché non specializzati, a giudicare i reati contestati dalla Procura. Risulta palese, da parte del Presidente della Commissione Antimafia, la violazione del principio, costituzionalmente garantito, dell'indipendenza della magistratura dal potere politico. Lo stesso principio più volte invocato rispetto a sentenze gradite. Ecco perchè auspichiamo un maggiore senso dello Stato".

22:38Calcio: Genoa, slitta trattativa per acquisizione del club

(ANSA) - GENOVA, 22 LUG - Potrebbe slittare di oltre un mese la cessione del Genoa. Le trattative, infatti, si fermerebbero fino alla fine del calciomercato, prima di riprendere a settembre. Sarebbe questo l'orientamento emerso nelle ultime ore. La decisione sarebbe stata presa insieme da Enrico Preziosi, proprietario del Genoa, e Giulio Gallazzi, presidente di Sri group, che si dice disposta ad acquisire il club ligure attraverso fondi stranieri. Prima sembrava che il termine ultimo delle trattative fosse stato fissato per fine luglio, adesso la decisione di far slittare la chiusura dell'affare a inizio settembre, quando si sarà già concluso il mercato estivo.

22:33Venezuela: ferito giovane violinista simbolo delle proteste

(ANSA) - CARACAS, 21 LUG - Wuilly Arteaga, il 23/enne violinista venezuelano simbolo delle proteste anti-Maduro, è stato ferito oggi durante una marcia dell'opposizione a Caracas. Arteaga è stato raggiunto da un pallettone di gomma sparato dagli uomini della 'guardia nazionale bolivariana' e subito dopo, ha precisato la stampa locale, è stato portato in un ospedale. Stava suonando il violino durante una manifestazione di piazza nella capitale per raggiungere la sede del Tribunale supremo di giustizia. Il giovane è spesso al centro dell'interesse dei media venezuelani e internazionali perchè durante le manifestazioni suona l'inno nazionale e canzoni tradizionali con il suo violino. E' stato fotografato e filmato decine di volte durante le proteste contro il 'chavismo'. Lo scorso 15 giugno aveva incontrato quattro membri del congresso Usa ai quali aveva chiesto di far pressione contro i paesi che vendono gas lacrimogeni e blindati al governo del presidente Nicolas Maduro.

Archivio Ultima ora