Draghi: “La politica Bce non cambia, fate salire i salari”

Pubblicato il 06 aprile 2017 da ansa

Mario Draghi (L), e Jens Weidmann (2nd R), Presidente della Bundesbank REUTERS/Alex Domanski

ROMA. – La politica monetaria della Banca centrale europea non cambia. Mario Draghi resiste: ai venti di inasprimento monetario che spirano da oltre Atlantico, e alle pressioni della Bundesbank, che ancora tiene il punto. E il presidente della Bce quasi invita governi e parti sociali a far salire i salari che rallentano la ripresa dell’inflazione: sono “ben al di sotto delle medie storiche”. Sarebbe essenziale “sostenere la domanda”, spiega Draghi.

Invece accade che fra contrattazioni salariali già chiuse per quest’anno, parti sociali che danno priorità al mantenimento dei posti piuttosto che ai salari, indicizzazioni falcidiate dalla crisi, le retribuzioni rimangono al palo. Una presa di posizione singolare per un’istituzione, la Bce, più nota per mettere l’accento sulla produttività.

Ma non è la prima volta: un mese fa Draghi aveva detto che “ancora non abbiamo visto sviluppi significativi sul fronte dei salari, che sono un aspetto fondamentale”.

“Da tempo infinito sosteniamo” che il livello dei salari è troppo basso, commenta il segretario generale della Cgil Susanna Camusso, mentre il presidente di Confindustria, Vincenzo Boccia, chiede di “aumentare i salari, aumentando la produttività”, perché “noi abbiamo un problema di costo del lavoro, ma ancor di più costo di lavoro-produttività”.

Un elemento in più che rafforza il quadro generale delineato da Draghi: “non vedo motivo per deviare dalle indicazioni che abbiamo dato” sui tassi d’interesse, sugli acquisti di titoli e sulla ‘forward guidance’, dice Draghi a Francoforte alla consueta conferenza intitolata alla ‘Bce e i suoi osservatori’.

Nonostante una ripresa che “guadagna forza”, trainata da un “circolo virtuoso” consumi-occupazione-redditi, l’inflazione è sostenuta ancora dal denaro facile offerto dalla Bce (una ricerca di Istat-Insee-Ifo prevede un 1,7-1,8% da qui all’autunno). E per poter cantare vittoria su questo fronte è ancora presto: ci vuol un’inflazione che non solo tocchi il 2%, come successo a febbraio prima del dietro-front all’1,5% a marzo, ma che si stabilizzi e resti sulle proprie gambe su quei livelli.

Invece, al netto della volatilità dei prezzi petroliferi e alimentari, non è così: l’inflazione di base “rimane debole”, spiega Draghi. A dispetto della Fed, che si prepara a due nuovi rialzi, e al costo di un gap fra i tassi in Usa e in Europa che rischia di diventare insostenibile,

Draghi mantiene dunque la barra dritta sulla ‘forward guidance’, la comunicazione che orienta le attese dei mercati. Quella comunicazione manterrà – ed è qui il vero scontro con i ‘falchi’ guidati dalla Bundesbank che avevano parlato di una stretta prima di fine anno – il messaggio secondo cui i tassi potrebbero persino scendere ancora.

Jens Weidmann della Bundesbank, tornato nel dibattito pubblico ieri a sottolineare che dal ‘quantitative easing’ si deve uscire presto, a Berlino oggi difende il proprio dissenso “legittimo” dall’orientamento ancora espansivo di Draghi.

Schermaglie che riflettono solo in parte il braccio di ferro nel consiglio della Bce dell’8 e 9 marzo. Allora i ‘falchi’ avevano avanzato l’ipotesi di togliere dalle comunicazioni ufficiali della Bce l’impegno ai “tassi ai livelli attuali o inferiori”.

Ma la maggioranza dei consiglieri – come emerge dai verbali della riunione – non si fidano della ripresa, e temono che “dei cambiamenti nella formulazione, in questo momento, potrebbero portare a un rialzo dei tassi di mercato e a un inasprimento delle condizioni finanziarie”.

(di Domenico Conti/ANSA)

  • sfracellone

    La Bce deve mantenere la stabilità dei prezzi e difendere il valore dell’Euro.
    Mi sembra che Draghi non miri affatto a questi obiettivi.
    Il livello attuale dei tassi non è mai esistito da che mondo è mondo.
    Il denaro è una merce il cui valore non si difende col regarlo a chichessia.
    Penso che Draghi abbia sin troppo tirato la corda.
    Un’inversione di rotta e il ritorno all’ortodossia non è più procrastinabile,
    altrimenti ne deriveranno fallimenti di dimensioni che avrebbero potuto e dovuto
    essere molto più contenute.
    Certe politiche monetarie dovrebbero essere introdotte nei reati finanziari del
    codice penale.

  • sfracellone

    Draghi non sa più che storie raccontare e comincia a cadere in contraddizioni evidenti.
    Penso abbia fatto molti più danni reali all’Italia e all’Europa dei favori che qualcuno
    ( in maniera acritica) sostiene abbia fatto all’Italia.

Ultima ora

20:37Distrutta a Milano la targa dedicata a Yizhak Rabin

(ANSA) - MILANO, 30 APR - Distrutta a Milano da vandali la targa dedicata a Yithazak Rabin. Lo ha denunciato l'Associazione Nazionale Partigiani d'Italia, esprimendo "profonda indignazione e ferma condanna per l'odioso oltraggio antisemita". L'episodio si sarebbe verificato la notte scorsa. La targa era stata collocata nei giardini di piazza Tripoli, intitolati lo scorso anno al primo Ministro israeliano, insignito nel 1994 del Premio Nobel per la pace. "Alla Comunità Ebraica di Milano esprimiamo tutta la nostra affettuosa solidarietà e vicinanza" ha detto il presidente dell'Anpi Provinciale di Milano, Roberto Cenati.

20:31Attacco a Parlamento Skopje, 15 incriminati

(ANSA) - SKOPJE, 30 APR - Il ministero dell'Interno della Macedonia ha incriminato 15 persone per l'attacco violento di manifestanti al Parlamento nazionale, avvenuto il 27 aprile dopo l'elezione di un nuovo presidente dell'Assemblea legislativa. Cinque incriminati sono stati già arrestati riferisce l'agenzia macedone Mia. Durante gli scontri, un centinaio di persone erano rimaste ferite: oltre agli assalitori, anche alcuni parlamentari, giornalisti e 25 poliziotti.

20:16Calcio: Novara-Brescia 2-3

(ANSA) - NOVARA, 30 APR - Terza sconfitta consecutiva per il Novara, superato in casa 3-2 dal Brescia che esce così dalla zona Play-out. E' Coly, difensore ospite, l'eroe di giornata, per la sua doppietta e, soprattutto, per il gol del 3-2 un attimo dopo che il Novara si era portato sul 2-2. Nel primo tempo la partita è stata molto equilibrata, con il Brescia avanti con un colpo di testa di Ferrante e il Novara a pareggiare con una identica azione conclusa da Galabinov. Nella ripresa i lombardi hanno accentuato la loro pressione e trovato il gol, sempre di testa, con Coly. Al 33' Chiosa ha riportato di testa il Novara sul 2-2 ma un minuto dopo ecco il definitivo 3-2 di Coly, con un gran destro a giro. All'ultimo istante Adorjan ha avuto la palla del 3-3, ma ha tirato letteralmente in faccia al portiere ospite Minelli.

20:15Auto: il Reventino incorona Scola su Osella

(ANSA) - ROMA, 30 APR - Domenico Scola su Osella FA 30 Zytek, la prototipo monoposto di gruppo E2SS con gomme Avon, con il miglior tempo di 2'51"10 ottenuto in grande rimonta in gara 2, ha vinto la 19/a Cronoscalata del Reventino, la competizione calabrese organizzata da Racing Team Lamezia e Lamezia Motorsport con il patrocinio dell'AC Catanzaro, che sul bagnato ha inaugurato il calendario del Campionato Italiano Velocità Montagna 2017. La pioggia è arrivata sul finire della prima salita di gara e da quel momento ha accompagnato ed allungato tutto lo svolgimento della corsa. Sul podio di una gara imprevedibile sono saliti il sardo di CST Sport Omar Magliona su Norma M20 Fc Zytek, biposto di gruppo E2SC, dotata di gomme Pirelli e Christian Merli, vincitore di gara 2 sulla ufficiale monoposto prototipo Osella FA 30 EVO Fortech equipaggiata con pneumatici Avon, ma sul trentino di Vimotorport ha pesato una penalità di 10 secondi per via di un ritardo allo start di gara 1.

20:06Lasciato agonizzante in auto dopo incidente,arrestato pirata

(ANSA) - MILANO, 30 APR - Un automobilista di 55 anni è stato lasciato agonizzante nella sua auto a Milano dopo essere stato investito frontalmente da un'altra auto, un suv nero, condotta da un automobilista che è poi fuggito a piedi. L'uomo intrappolato nell'auto è poi morto poco dopo essere giunto in ospedale. L'incidente è avvenuto all'alba in viale Monza. L'uomo è rimasto intrappolato a bordo della sua vettura e i vigili del fuoco hanno dovuto lavorare a lungo per estrarlo dall'abitacolo. In serata è stato arrestato un uomo, un italiano, con l'accusa di omicidio stradale.

20:06Calcio: forfait di Miranda, difensore Inter out col Napoli

(ANSA) - MILANO, 30 APR - Joao Miranda dà forfait. Il difensore dell'Inter non sarà a disposizione per la sfida contro il Napoli di stasera per un risentimento muscolare al retto anteriore della gamba destra. L'allenatore dell'Inter, Stefano Pioli, dovrebbe quindi sostituirlo con Murillo, che andrà a formare la coppia di centrali con Medel.

20:02Champions: inglese Atkinson arbitra derby Real-Atletico

(ANSA) - ROMA, 30 APR - Sarà l'inglese Martin Atkinson a dirigere la semifinale di andata di Champions tra Real Madrid e Atletico Madrid, in programma il 2 maggio al Bernabeu. Lo ha stabilito l'Uefa.

Archivio Ultima ora