Draghi: “La politica Bce non cambia, fate salire i salari”

Pubblicato il 06 aprile 2017 da ansa

Mario Draghi (L), e Jens Weidmann (2nd R), Presidente della Bundesbank REUTERS/Alex Domanski

ROMA. – La politica monetaria della Banca centrale europea non cambia. Mario Draghi resiste: ai venti di inasprimento monetario che spirano da oltre Atlantico, e alle pressioni della Bundesbank, che ancora tiene il punto. E il presidente della Bce quasi invita governi e parti sociali a far salire i salari che rallentano la ripresa dell’inflazione: sono “ben al di sotto delle medie storiche”. Sarebbe essenziale “sostenere la domanda”, spiega Draghi.

Invece accade che fra contrattazioni salariali già chiuse per quest’anno, parti sociali che danno priorità al mantenimento dei posti piuttosto che ai salari, indicizzazioni falcidiate dalla crisi, le retribuzioni rimangono al palo. Una presa di posizione singolare per un’istituzione, la Bce, più nota per mettere l’accento sulla produttività.

Ma non è la prima volta: un mese fa Draghi aveva detto che “ancora non abbiamo visto sviluppi significativi sul fronte dei salari, che sono un aspetto fondamentale”.

“Da tempo infinito sosteniamo” che il livello dei salari è troppo basso, commenta il segretario generale della Cgil Susanna Camusso, mentre il presidente di Confindustria, Vincenzo Boccia, chiede di “aumentare i salari, aumentando la produttività”, perché “noi abbiamo un problema di costo del lavoro, ma ancor di più costo di lavoro-produttività”.

Un elemento in più che rafforza il quadro generale delineato da Draghi: “non vedo motivo per deviare dalle indicazioni che abbiamo dato” sui tassi d’interesse, sugli acquisti di titoli e sulla ‘forward guidance’, dice Draghi a Francoforte alla consueta conferenza intitolata alla ‘Bce e i suoi osservatori’.

Nonostante una ripresa che “guadagna forza”, trainata da un “circolo virtuoso” consumi-occupazione-redditi, l’inflazione è sostenuta ancora dal denaro facile offerto dalla Bce (una ricerca di Istat-Insee-Ifo prevede un 1,7-1,8% da qui all’autunno). E per poter cantare vittoria su questo fronte è ancora presto: ci vuol un’inflazione che non solo tocchi il 2%, come successo a febbraio prima del dietro-front all’1,5% a marzo, ma che si stabilizzi e resti sulle proprie gambe su quei livelli.

Invece, al netto della volatilità dei prezzi petroliferi e alimentari, non è così: l’inflazione di base “rimane debole”, spiega Draghi. A dispetto della Fed, che si prepara a due nuovi rialzi, e al costo di un gap fra i tassi in Usa e in Europa che rischia di diventare insostenibile,

Draghi mantiene dunque la barra dritta sulla ‘forward guidance’, la comunicazione che orienta le attese dei mercati. Quella comunicazione manterrà – ed è qui il vero scontro con i ‘falchi’ guidati dalla Bundesbank che avevano parlato di una stretta prima di fine anno – il messaggio secondo cui i tassi potrebbero persino scendere ancora.

Jens Weidmann della Bundesbank, tornato nel dibattito pubblico ieri a sottolineare che dal ‘quantitative easing’ si deve uscire presto, a Berlino oggi difende il proprio dissenso “legittimo” dall’orientamento ancora espansivo di Draghi.

Schermaglie che riflettono solo in parte il braccio di ferro nel consiglio della Bce dell’8 e 9 marzo. Allora i ‘falchi’ avevano avanzato l’ipotesi di togliere dalle comunicazioni ufficiali della Bce l’impegno ai “tassi ai livelli attuali o inferiori”.

Ma la maggioranza dei consiglieri – come emerge dai verbali della riunione – non si fidano della ripresa, e temono che “dei cambiamenti nella formulazione, in questo momento, potrebbero portare a un rialzo dei tassi di mercato e a un inasprimento delle condizioni finanziarie”.

(di Domenico Conti/ANSA)

  • sfracellone

    La Bce deve mantenere la stabilità dei prezzi e difendere il valore dell’Euro.
    Mi sembra che Draghi non miri affatto a questi obiettivi.
    Il livello attuale dei tassi non è mai esistito da che mondo è mondo.
    Il denaro è una merce il cui valore non si difende col regarlo a chichessia.
    Penso che Draghi abbia sin troppo tirato la corda.
    Un’inversione di rotta e il ritorno all’ortodossia non è più procrastinabile,
    altrimenti ne deriveranno fallimenti di dimensioni che avrebbero potuto e dovuto
    essere molto più contenute.
    Certe politiche monetarie dovrebbero essere introdotte nei reati finanziari del
    codice penale.

  • sfracellone

    Draghi non sa più che storie raccontare e comincia a cadere in contraddizioni evidenti.
    Penso abbia fatto molti più danni reali all’Italia e all’Europa dei favori che qualcuno
    ( in maniera acritica) sostiene abbia fatto all’Italia.

Ultima ora

12:31Giappone: pioggia su Tokyo per 21 giorni di fila, è record

(ANSA) - TOKYO, 23 AGO - Chi troppo e chi troppo poco. Si è interrotta solo oggi a Tokyo la sequenza di 21 giorni consecutivi di precipitazioni: è stata la progressione più lunga dall'estate del 1977, quando piovve per 22 giorni. "La stagione estiva è tornata", titolano i giornali della capitale giapponese, ricordando che da oggi la colonnina del mercurio raggiungerà nuovamente i 35 gradi a causa di un fronte di alta pressione proveniente dall'oceano Pacifico su tutta la regione del Kanto. Dal primo giorno del mese fino al 21 agosto un totale di 131,5 millimetri di pioggia si sono abbattuti sulla capitale nipponica, equivalenti al 122% della media stagionale.

12:26Migranti: occupano carrozze treno merci a Ventimiglia

(ANSA) - VENTIMIGLIA (IMPERIA), 24 AGO - Diversi migranti hanno danneggiato e occupato, la scorsa notte, alcune carrozze di un convoglio merci in sosta al binario 22 del Parco Roja, di Ventimiglia, nel tentativo di espatriare abusivamente in Francia. Il personale ferroviario si è accorto intorno alle 5 dell'occupazione, quando il treno avrebbe dovuto partire e, a quel punto, è stata allertata la polizia. Il personale della stazione ha sganciato le carrozze danneggiate (quest'ultime adibite al trasporto misto), mentre gli agenti hanno fatto scendere gli stranieri dal treno, molti dei quali hanno cercato di restare a bordo delle carrozze. Il convoglio è comunque riuscito a partire per la Francia. Analogo episodio era accaduto anche nei giorni scorsi, quando una donna, in servizio come "formatrice" di treni merci, era stata insultata da un gruppo di stranieri. Quest'ultima era scappata rifugiandosi in un ufficio. La recrudescenza di questi episodi è dovuta al fatto che il centro di accoglienza del Parco Roja sorge in un'area delle ferrovie, all'interno della quale fanno scalo i treni merci da e per la Francia. Ai migranti basta scavalcare una rete o passare attraverso una fenditura, per raggiungere i convogli. (ANSA).

12:13Yemen: tv, 35 uccisi in raid coalizione saudita

(ANSA) - BEIRUT, 23 AGO - Almeno 35 persone sono state uccise in un raid aereo della coalizione araba a guida saudita in Yemen, vicino alla capitale Sanaa. Lo riferisce la televisione panaraba Al Jazira, aggiungendo che secondo le prime notizie la maggior parte delle vittime sarebbero civili. Apparentemente il bombardamento aveva come obiettivo un campo militare dei ribelli sciiti Houthi vicino alla capitale.

12:08Marina Usa rimuoverà comandante 7/a Flotta dopo collisione

(ANSA) - WASHINGTON, 23 AGO - La marina militare americana intende rimuovere l'ammiraglio a capo della Settima flotta di base in Giappone dopo quattro episodi quest'anno - tra cui l'ultima collisione di una nave Usa con una petroliera - che hanno imbarazzato Washington e in cui militari hanno perso la vita. Lo scrive il Washington Post citando fonti ufficiali Usa. La comunicazione ufficiale per il vice ammiraglio Joseph P. Aucoin arriverà mercoledì, stando alle stesse fonti.

11:51Isis: capo Pentagono Mattis in Turchia, vedrà Erdogan

(ANSA) - ANKARA, 23 AGO - Il segretario alla Difesa Usa, James Mattis, sarà oggi in Turchia per colloqui centrati sulla lotta all'Isis. Il capo del Pentagono, in arrivo da Baghdad, vedrà il presidente turco, Recep Tayyip Erdogan, nel suo palazzo di Ankara. In agenda c'è anche il referendum del 25 settembre prossimo sull'indipendenza del Kurdistan iracheno, criticato sia dalla Turchia che dagli Stati Uniti. Sempre oggi, il ministro degli Esteri turco, Mevlut Cavusoglu, sarà in visita in Iraq, dove incontrerà a Baghdad il premier, Haider al Abadi, prima di recarsi a Erbil per un faccia a faccia con il presidente della regione autonoma del Kurdistan iracheno, Masoud Barzani.

11:41Usa: Charlottesville decide di coprire statue confederati

(ANSA) - CHARLOTTESVILLE (USA), 23 AGO - Il Consiglio comunale di Charlottesville, in Virginia, ha votato un provvedimento per coprire con teli neri le statue di due personaggi confederati, sull'onda di una protesta che è arrivata fin dentro all'assemblea, sul modo in cui il comune ha reagito alla manifestazione dell'estrema destra suprematista e agli scontri che ne sono seguiti. Una protesta che ha obbligato il Consiglio ha cambiare il suo ordine del giorno. I drappi neri intendono essere anche un segno di lutto per la morte della manifestante antifascista Heather Heyer, travolta dall'auto di un giovane simpatizzante neonazista. I manifestanti di estrema destra si erano riuniti nella cittadina della Virginia per l'iniziativa 'Unite the Right' (Uniamo la destra) con il pretesto di opporsi all'ipotizzata rimozione delle statue dei confederati, fra cui quella del generale Robert E. Lee.

11:37Barcellona: Belgio chiese a Spagna dati su Imam Satty

(ANSA) - ROMA, 23 AGO - All'inizio del 2016, la polizia belga e le autorità di Vilvoorde, cittadina a due passi da Bruxelles, chiesero alla Spagna informazioni riguardo a possibili collegamenti con il terrorismo su Abdelbaki es Satty, che voleva installarsi come Imam nel comune fiammingo, allora un focolaio dell'islamismo radicale. Mentre emerge anche sulla stampa belga che aveva un biglietto aereo per Bruxelles . Es Satty, l'imam di Ripoll morto ad Alcanar nell'esplosione che ha distrutto la casa in cui i terroristi della Rambla e di Cambrils avevano stoccato oltre 120 bombole a gas, ed era l'ideologo della cellula catalana vicina all'Isis ora smantellata. Il biglietto è stato trovato fra i ruderi della casa. Aveva soggiornato per 3 mesi a Volvoorde, alla periferia della capitale belga, tra gli attentati di Parigi e Bruxelles, da gennaio a marzo 2016. Ha frequentato la moschea Youssef di Diegem, dalla quale fu però allontanato in quanto non aveva il necessario certificato di buona condotta.

Archivio Ultima ora