Draghi: “La politica Bce non cambia, fate salire i salari”

Pubblicato il 06 aprile 2017 da ansa

Mario Draghi (L), e Jens Weidmann (2nd R), Presidente della Bundesbank REUTERS/Alex Domanski

ROMA. – La politica monetaria della Banca centrale europea non cambia. Mario Draghi resiste: ai venti di inasprimento monetario che spirano da oltre Atlantico, e alle pressioni della Bundesbank, che ancora tiene il punto. E il presidente della Bce quasi invita governi e parti sociali a far salire i salari che rallentano la ripresa dell’inflazione: sono “ben al di sotto delle medie storiche”. Sarebbe essenziale “sostenere la domanda”, spiega Draghi.

Invece accade che fra contrattazioni salariali già chiuse per quest’anno, parti sociali che danno priorità al mantenimento dei posti piuttosto che ai salari, indicizzazioni falcidiate dalla crisi, le retribuzioni rimangono al palo. Una presa di posizione singolare per un’istituzione, la Bce, più nota per mettere l’accento sulla produttività.

Ma non è la prima volta: un mese fa Draghi aveva detto che “ancora non abbiamo visto sviluppi significativi sul fronte dei salari, che sono un aspetto fondamentale”.

“Da tempo infinito sosteniamo” che il livello dei salari è troppo basso, commenta il segretario generale della Cgil Susanna Camusso, mentre il presidente di Confindustria, Vincenzo Boccia, chiede di “aumentare i salari, aumentando la produttività”, perché “noi abbiamo un problema di costo del lavoro, ma ancor di più costo di lavoro-produttività”.

Un elemento in più che rafforza il quadro generale delineato da Draghi: “non vedo motivo per deviare dalle indicazioni che abbiamo dato” sui tassi d’interesse, sugli acquisti di titoli e sulla ‘forward guidance’, dice Draghi a Francoforte alla consueta conferenza intitolata alla ‘Bce e i suoi osservatori’.

Nonostante una ripresa che “guadagna forza”, trainata da un “circolo virtuoso” consumi-occupazione-redditi, l’inflazione è sostenuta ancora dal denaro facile offerto dalla Bce (una ricerca di Istat-Insee-Ifo prevede un 1,7-1,8% da qui all’autunno). E per poter cantare vittoria su questo fronte è ancora presto: ci vuol un’inflazione che non solo tocchi il 2%, come successo a febbraio prima del dietro-front all’1,5% a marzo, ma che si stabilizzi e resti sulle proprie gambe su quei livelli.

Invece, al netto della volatilità dei prezzi petroliferi e alimentari, non è così: l’inflazione di base “rimane debole”, spiega Draghi. A dispetto della Fed, che si prepara a due nuovi rialzi, e al costo di un gap fra i tassi in Usa e in Europa che rischia di diventare insostenibile,

Draghi mantiene dunque la barra dritta sulla ‘forward guidance’, la comunicazione che orienta le attese dei mercati. Quella comunicazione manterrà – ed è qui il vero scontro con i ‘falchi’ guidati dalla Bundesbank che avevano parlato di una stretta prima di fine anno – il messaggio secondo cui i tassi potrebbero persino scendere ancora.

Jens Weidmann della Bundesbank, tornato nel dibattito pubblico ieri a sottolineare che dal ‘quantitative easing’ si deve uscire presto, a Berlino oggi difende il proprio dissenso “legittimo” dall’orientamento ancora espansivo di Draghi.

Schermaglie che riflettono solo in parte il braccio di ferro nel consiglio della Bce dell’8 e 9 marzo. Allora i ‘falchi’ avevano avanzato l’ipotesi di togliere dalle comunicazioni ufficiali della Bce l’impegno ai “tassi ai livelli attuali o inferiori”.

Ma la maggioranza dei consiglieri – come emerge dai verbali della riunione – non si fidano della ripresa, e temono che “dei cambiamenti nella formulazione, in questo momento, potrebbero portare a un rialzo dei tassi di mercato e a un inasprimento delle condizioni finanziarie”.

(di Domenico Conti/ANSA)

  • sfracellone

    La Bce deve mantenere la stabilità dei prezzi e difendere il valore dell’Euro.
    Mi sembra che Draghi non miri affatto a questi obiettivi.
    Il livello attuale dei tassi non è mai esistito da che mondo è mondo.
    Il denaro è una merce il cui valore non si difende col regarlo a chichessia.
    Penso che Draghi abbia sin troppo tirato la corda.
    Un’inversione di rotta e il ritorno all’ortodossia non è più procrastinabile,
    altrimenti ne deriveranno fallimenti di dimensioni che avrebbero potuto e dovuto
    essere molto più contenute.
    Certe politiche monetarie dovrebbero essere introdotte nei reati finanziari del
    codice penale.

  • sfracellone

    Draghi non sa più che storie raccontare e comincia a cadere in contraddizioni evidenti.
    Penso abbia fatto molti più danni reali all’Italia e all’Europa dei favori che qualcuno
    ( in maniera acritica) sostiene abbia fatto all’Italia.

Ultima ora

23:57Iran: Djalali confessa in tv, sono una spia

(ANSA) - TEHERAN, 17 DIC - Ahmadreza Djalali, il medico arrestato in Iran nel 2016 con l'accusa di spionaggio e condannato a morte a ottobre, ha "confessato" in tv di aver spiato il programma nucleare di Teheran per conto di una nazione europea, senza nominare quale. Il presentatore tv, tuttavia, ha citato il Mossad, mentre scorrevano le immagini dei documenti svedesi dell'uomo e del Colosseo: Djalali, medico, ha infatti trascorso un periodo in Italia. In cambio della sua attività di spia, ha spiegato lui stesso, avrebbe ottenuto la cittadinanza di un Paese europeo.

22:57Savoia: Smuraglia (Anpi),solennità volo Stato urta coscienze

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Quello dei Savoia lo considero un problema chiuso da molto tempo. Una vicenda finita. Smettiamo di parlarne. Ritengo che portare la salma in Italia con solennità e volo di Stato è qualcosa che urta le coscienze di chi custodisce una memoria storica. Urta con la storia di questo dopoguerra. E non si parli più neanche di questa ipotesi di mettere le loro salme nel Pantheon. Basta". Così il presidente emerito dell'Anpi Carlo Smuraglia commenta il rientro in Italia delle spoglie di Vittorio Emanuele III con un volo dell'Aeronautica militare.

22:35Donna uccisa a coltellate in casa nel Milanese

(ANSA) - MILANO, 17 DIC - Una donna di 33 anni, con due figli piccoli, è stata trovata agonizzante, colpita da tre coltellate al torace nella sua abitazione di Parabiago, nel Milanese. E' stata la madre a trovarla, a terra, in bagno. La donna, un'italiana, è morta poco dopo. Indagano i carabinieri della Compagnia di Legnano.

22:26Calcio: Junior Tim Cup oggi al Ferraris

(ANSA) - GENOVA, 17 DIC - Le squadre della Parrocchia Caramagna di Imperia e dell'Oratorio Santa Dorotea di Genova si sono affrontate allo stadio Ferraris prima del match Sampdoria- Sassuolo in un'amichevole terminata con il risultato di 2-10, nel contesto della VI Edizione della Junior TIM Cup, il torneo di calcio a 7 Under 14 sostenuto da Lega Serie A, TIM e Centro Sportivo Italiano. A fine gara, i ragazzi hanno consegnato ai giocatori della Sampdoria e del Sassuolo la fascia da capitano della Junior TIM Cup per poi accompagnarli all'ingresso in campo. La VI edizione della Junior TIM Cup si disputa nelle 15 città le cui squadre militano nella Serie A TIM 2017-2018. Le squadre vincitrici dei concentramenti interregionali di qualificazione alla fase nazionale si contenderanno il titolo di campioni della Junior TIM Cup, il 9 maggio, in occasione della Finale di TIM Cup 2017-2018.

22:17Calcio: Peruzzi, Milinkovic Savic? Nella Lazio sta benissimo

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Qui ci sono molti osservatori per Milinkovic Savic? So che lui sta benissimo qui e vuole rimanerci a lungo. Poi che ci siano molti scout è normale, ma per il momento Sergej sta bene alla Lazio". Il dirigente della Lazio Angelo Peruzzi parla delle dinamiche di mercato e in particolare del 'gioiello' serbo che mezza Europa sta tenendo d'occhio.Ma in casa biancoceleste sono stati giorni pesanti, per le polemiche sul Var e sugli arbitraggi che avrebbero penalizzato la squadra di Inzaghi. "Se siamo preoccupati per gli errori del Var di questa giornata? - dice Peruzzi - No, non lo siamo. Poi ogni partita ha i suoi episodi, non voglio polemizzare". "Ma pare che gli episodi siano valutabili a seconda delle circostanze - aggiunge - e sembra che non siano tutti d'accordo. E' come la parabola di Kafka, di un contadino che vuole conoscere la legge ma trova il portone del guardiano sempre chiuso.Non lo fanno mai entrare e lui,nonostante tutti i suoi sforzi,non riesce a capire le dinamiche della legge perché sono confuse".

22:07Calcio: Pescara, Sebastiani, Zeman? devo parlarci poi decido

(ANSA) - PESCARA, 17 DIC - Dichiarazioni pesanti del presidente del Pescara, Daniele Sebastiani, che nel dopopartita di Pescara-Novara, in mixed zone, ha attaccato il tecnico Zeman che ieri aveva detto in conferenza stampa di avere una visione diversa del calcio rispetto al presidente. "Se oggi c'era questo clima allo stadio era per la conferenza stampa di m... dell'allenatore - ha detto Sebastiani -. Se Zeman resterà? Devo parlarci e poi deciderò". Il presidente del Pescara, nonostante la vittoria per 1-0 sul Novara, potrebbe esonerare il tecnico boemo.

22:05Pallavolo: Serie A/1 donne, risultati e classifica

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - Risultati dell'11/a giornata del campionato di serie A/1 donne di pallavolo, Samsung Galaxy Cup: Imoco Conegliano - Mycicero Pesaro 3-0 (ieri) Foppapedretti Bergamo - Saugella Monza 1-3 Liu Jo Modena - Pomì Casalmaggiore 3-1 Unet E-Work Busto Ar. - Savino Scandicci 2-3 (ieri) Il Bisonte Firenze - Lardini Filottrano 3-0 Sab Legnano - Igor Gorgonzola Novara 0-3 - Classifica: Conegliano 29; Novara 27; Scandicci e Busto Arsizio 24; Modena 18; Monza 16; Pesaro 15; Firenze 14; Legnano 11; Casalmaggiore 10; Bergamo 6; Filottrano 4.

Archivio Ultima ora