Lazio-Napoli, profumo d’Europa e grandi sfide

Pubblicato il 07 aprile 2017 da ansa

Napoli 1989-90: Ferrara e Maradona

ROMA. – Esaltata dalla finale di Coppa Italia conquistata con gusto e merito sulla Roma vendicando anni di amarezze, la Lazio alza il tiro e punta al terzo posto del Napoli che dista quattro punti: l’obiettivo Champions è un miraggio che può prendere forma superando domenica i partenopei in una sfida che ha 90 anni di storia, prodezze, emozioni e qualche ombra.

Il Napoli di Sarri gioca bene ma, come la Roma di Spalletti, è fuori da tutte le coppe con l’attenuante di avere incontrato top club come Real e Juve: un ko all’Olimpico renderebbe però lontano il secondo posto e metterebbe in dubbio anche il terzo.

La Lazio si difende bene, è compatta e ha un Immobile rigenerato che è in grado di sfidare il folletto Mertens e il suo amico Insigne, compagno di nidiata con Verratti nella ‘cantera’ di Zeman a Pescara. Stimolo in più i cinque anni dall’ultima vittoria in casa sul Napoli, un 3-1 con gioiello di Mauri.

In 90 anni di sfide il gap è minimo: 57-52 le vittorie partenopee, 216-208 i gol. Dal ritorno in A dei campani nel 2007 è sempre uno show: 62 gol in 22 partite, quasi 3 a gara. Si parte nel 1926 con un 3-1 esterno della Lazio poi Napoli nel dramma nel 1928: tornando a casa dopo il 2-0 a Roma l’attaccante Pirandello muore dopo un malore.

Partenopei vincitori 2-0 nella prima in serie A a Roma nel 1930, presente Mussolini. Sono gli anni di Piola e Sallustro e delle prime polemiche: Lazio infuriata dopo un 1-2 esterno per un gol fantasma di Filò. Napoli in crisi non vince dal 1937 (5-3 con poker di Busani e 4-0 con tris di Piola) al 1948.

Invasione di campo e 0-2 a tavolino per la Lazio nel 1941, poi in un Olimpico appena inaugurato 4-0 del Napoli nel 1953: Cinecittà è in auge e nel 1954 prima del 2-1 per la Lazio Ava Gardner scende in campo e saluta le squadre. E’ un derby già molto sentito, e nel 1957 al 4-1 per la Lazio assistono 85 mila spettatori.

Le due squadre precipitano in B e il 4 marzo 1963 avviene il fattaccio: 40 mila al Flaminio per la sfida promozione, una punizione di Seghedoni si insacca ma il pallone esce da un buco nella rete. Gol non convalidato, Napoli promosso, Lazio resta in B e viene beffata dal sorteggio in Coppa Italia nel 1964.

Coppa rocambolesca anche nel 1972: 5-1 per il Napoli con Chinaglia che finisce all’ospedale, ritorno 3-0 per la Lazio e qualificazione sfiorata ma e’ festa comunque per il ritorno in serie A. Altro psicodramma nel 1973: ultima di campionato e scudetto in volata con Milan, Juve e Lazio in un punto. Fatal Verona per il Milan,la Juve ribalta la gara con la Roma, la Lazio perde all’89’ a Napoli: accuse di premi a vincere e Chinaglia sfascia gli spogliatoi.

Sono gli anni di Giorgione: ad aprile 1974 tripletta in rimonta e 3-3 finale sulla strada dello scudetto, a novembre 1-1 a Napoli con tre rigori negati ai padroni di casa e Michelotti che scappa dallo stadio in autoambulanza. Tra il 1973 e il 1984 la Lazio vince solo a tavolino a Napoli nel 1979 per i petardi che stordiscono Pighin e Manfredonia.

Tra le gare da ricordare, 4-0 per il Napoli nel 1985 con tripletta di Maradona, 1-0 alla festa scudetto 1990, 5-1 per la Lazio di Zeman nel 1994 e la Coppa Italia 1997: andata 4-0 per la Lazio di Eriksson in 31′, inutile 3-0 per il Napoli al ritorno.

La sfida Lazio-Napoli diventa esaltante quando il club, dopo sei anni bui, torna in A nel 2007. Show e polemiche nel 2011: 4-3 in rimonta per il Napoli con tripletta di Cavani ma ospiti infuriati per un gol non concesso a Brocchi. Sei mesi dopo a protestare sono i partenopei per un gol annullato a Cavani.

Nel 2012 ultimo successo in casa della Lazio, 3-1 con prodezza di Mauri, nel ritorno nuovo tris di Cavani. Nel 2014 4-1 per il Napoli con tripletta Higuain ma l’anno dopo gode la Lazio che passa in finale di Coppa Italia al San Paolo con un gol dello specialista Lulic. A maggio sfida finale per l’accesso alla Champions: dopo una doppietta, sul 2-2 Higuain sbaglia un rigore, la Lazio vince 4-2, il Napoli del contestato Benitez viene scavalcato anche dalla Fiorentina.

Arriva Sarri e i partenopei si vendicano con un 5-0 fulminante. Poi c’è il successo esterno per 2-0 del Napoli con gara interrotta 4′ per cori a Koulibaly e l’equilibrato 1-1 dell’andata, risultato prezioso anche in chiave Champions: se la Lazio infatti batte il Napoli poi il terzo posto verra’ anche con arrivo a pari punti.

Ultima ora

16:34Erdogan lascia incontro Tusk-Juncker scuro in volto

(ANSA) - BRUXELLES, 25 MAG - Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan è stato ricevuto all'Europa Building dal presidente del Consiglio europeo, Donald Tusk, e dal presidente della Commissione, Jean Claude Juncker. Al termine dell'incontro, sullo sfondo delle tensioni tra Ue e Turchia, non è stata fatta alcuna dichiarazione, ma il turco ha lasciato l'edificio scuro in volto. Il portavoce della Commissione Margaritis Schinas ha scritto su Twitter che "Ue e Turchia devono lavorare insieme e lo faranno". Ieri Erdogan aveva chiesto all'Ue di prendere una decisione sull'adesione della Turchia all'Ue, che non va trattata come un "mendicante" tenuto sulla porta. Prima di partire per Bruxelles aveva affermato che "l'Ue aspetta che sia la Turchia a ritirarsi". Nell'accordo con la Ue sui migranti è prevista la liberalizzazione dei visti, che è tenuta bloccata perché Amkara non rispetta 7 dei 'benchmark' richiesti dall'Ue, e l'apertura di nuovi capitoli negoziali, che si è allontanata dopo la repressione seguita al fallito golpe luglio.

16:27Calcio: Gattuso, non è passo indietro

(ANSA) - MILANO, 25 MAG - In attesa di firmare il contratto che lo porterà sulla panchina della Primavera del Milan, Gennaro Gattuso parla già con entusiasmo dell'esperienza che gli permetterà di tornare a lavorare in un posto che considera casa sua: "La proposta di allenare la Primavera è arrivata tre settimane fa. Secondo me è la scelta giusta, nessun passo indietro: torno in una società gloriosa che vuole essere di nuovo grande. Allenerò i giovani: spero di trasmettere il senso di appartenenza e farli migliorare. Ascolterò i consigli di Montella: è un tecnico preparatissimo, c'è solo da imparare".

16:26Gentiloni, a G7 Taormina non sarà confronto semplice

(ANSA) - BRUXELLES, 25 MAG - "A Taormina ci sarà un confronto su temi che interessano tutta l'umanità, come i cambiamenti climatici, i commerci, le migrazioni, i rapporti con l'Africa. Non sarà un confronto semplice, ma l'Italia, che ospita il vertice, cercherà di renderlo un confronto utile e capace di far convergere le posizioni": lo ha detto il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni arrivando al vertice Nato a Bruxelles. Gantiloni ha quindi detto che "l'Italia è impegnatissima in Iraq", dove ha la seconda forza militare dopo quella americana, "ma è importante sottolineare che l'impostazione non è solo militare, ma anche politica, coinvolgendo tutte le forze possibili per trovare soluzioni" a sfide come quella del terrorismo. "Il terrorismo si vince sul piano militare ma anche sul paino della cultura", come l'Italia sostiene da sempre, ha detto Gentiloni, che ha sottolineato come a questo fine sia utile l'"unità fra le due sponde dell'Atlantico".

16:22Università: dg Stranieri Perugia nuovo presidente Codau

(ANSA) - PERUGIA, 25 MAG - Il direttore generale dell'Università per Stranieri di Perugia Cristiano Nicoletti è il nuovo presidente del Codau, l'associazione nazionale costituita dai dg di tutti gli atenei italiani. E' stato eletto a Roma, insieme alla giunta, dai direttori generali delle 87 Università chiamate a partecipare al rinnovo delle cariche per il triennio 2017-2020. Per Nicoletti le priorità sono "promuovere una più forte cultura della qualità della didattica e della ricerca, snellire le procedure, incrementare l'internazionalizzazione, instaurare solidi rapporti di collaborazione con organizzazioni nazionali e sovranazionali, per scambi di esperienze e conoscenza per il miglioramento ed il consolidamento dell'integrazione a livello europeo ed extraeurope". "Il Codau - ha aggiunto - punterà a creare le basi per rendere l'università italiana più competitiva sullo scenario internazionale e per accrescere in questo modo la competitività del Paese". "Ma punterà anche - ha sottolineato Nicoletti - a rafforzare gli obiettivi nei rapporti sistematici con Ministeri, enti di ricerca, comitati di settore e altri organismi istituzionali per la promozione di studi congiunti, ricerche e proposte di soluzioni su problematiche attinenti la gestione finanziaria, tecnica e amministrativa delle nostre università". (ANSA).

16:22F1: Gp Monaco, Vettel dominatore del venerdì

(ANSA) - ROMA, 25 MAG - E' Sebastian Vettel il dominatore delle prove libere del venerdì del Gp di Monaco. Il pilota della Ferrari nella seconda sessione ha fermato il cronometro sul tempo di 1'12''759, quasi mezzo secondo migliore di quello realizzato da Daniel Ricciardo con la Red Bull. A confermare le buone sensazioni per il team di Maranello, il terzo tempo realizzato da Kimi Raikkonen (1'13''283). Molto indietro le Mercedes, con Lewis Hamilton che, dopo aver fatto meglio di tutti la mattina, non è andato oltre l'ottavo tempo (1'13''873). Tra Raikkonen ed il campione inglese si sono piazzate le Toro Rosso di Daniil Kvyat (1'13''331) e Carlos Sainz (1'13''400), Max Verstappen (Red Bull, 1'13''486) e Sergio Perez (Force India, 1'13''799). Oltre un secondo di distacco dalla ferrari di Vettel anche per la Mercedes di Valtteri Bottas (1'13''902), solo decimo nel computo dei tempi.

16:18L. elettorale: Pd per breve slittamento voto in commissione

(ANSA) - ROMA, 25 MAG - Il capogruppo del Pd in commissione Affari costituzionali della Camera, Emanuele Fiano, ha chiesto durante l'ufficio di presidenza lo slittamento del voto sugli emendamenti alla legge elettorale da lunedì 29 maggio a mercoledì 31.

16:18L. elettorale: Orlando, contrario a sistema tedesco

(ANSA) - ROMA, 25 MAG - "Sono contrario al tedesco perché rischia di creare un paese nel quale non c'è la governabilità e poi rischia di portarci a una campagna elettorale nella quale la denuncia principale sarebbe quella di voler fare poi il giorno dopo l'accordo con Fi". Lo ha detto Andrea Orlando (Pd) a L'Aria che tira su la7. Bisogna tornare "a un sistema di coalizioni", "con una qualche forma di premialità. Io sono per un premio di maggioranza. Il cosiddetto Rosatellum è una traccia dalla quale si può partire".

Archivio Ultima ora