Venezuela, il Governo alle strette “ghettizza” la protesta

Pubblicato il 10 aprile 2017 da Mauro Bafile

 

La “ghettizzazione” della protesta. Un muro invalicabile per chi si oppone al governo e a ciò che esso rappresenta. Una “Linea Maginot” ipotetica divide l’Est della capitale dall’Ovest. E’ quanto salta alla vista dopo aver assistito alla protesta dei giorni scorsi. Le maggiori arterie della città, e non solo quelle, sono state bloccate dai mezzi blindati della Polizia Bolivariana e della Guardia Nazionale. Dietro ad essi, in prima fila gli agenti della Polizia Nazionale Bolivariana in tenuta antisommossa, per lo più giovani armati solo di scudo, manganello, gas lacrimogeno e bombolette di gas Oc (sostanza che è utilizzata principalmente negli spray per la difesa personale). Nei loro occhi, come in quelli dei manifestanti nelle prime file, si potevano leggere paura e nervosismo. Immediatamente dopo, i membri della Guardia Nazionale, anch’essi angosciati e inquieti e anch’essi molto giovani e armati solo di scudo, manganello, gas lacrimogeno e bombolette di gas Oc. Per concludere, i “colectivos”, quelli sì armati e impazienti di intervenire. Andavano e venivano con le loro moto come il pendolo di un orologio a cucù.

 

Il corteo di protesta, ancora una volta, non è riuscito a raggiungere la sede della “Defensoria del Pueblo”. Non è riuscito a superare la “Linea Maginot” creata dai “chavistas”. I manifestanti sono stati allontanati con la violenza di sempre. E, come sempre, alla fine della giornata il bilancio è stato assai pesante. Tanti i feriti, numerosi gli arresti. L’Ovest resta “off limit” per le proteste del Tavolo dell’Unità Democratica. Ma questa volta a soffrire le conseguenze delle misure preventive, adottate dalle forze dell’Ordine, sono stati tutti i cittadini. Per alcune ore è stato il caos. Dall’Ovest nessuno è potuto passare a Est e viceversa. Tutti ci siamo sentiti in un “ghetto”. Segregati, soffocati, repressi anche senza partecipare alle manifestazioni dell’Opposizione e dei sostenitori del governo.

Il paese politico, così, mostra in tutta la sua drammaticità il baratro che divide governo e Opposizione. Nessuno pare abbia interesse a costruire ponti. A rendere ancora più profondo l’abisso, la sentenza del Controllore che ha condannato all’interdizione dai pubblici uffici per 15 anni Henrique Capriles Radonski, uno dei leader con maggior carisma nell’Opposizione.

Henrique Capriles Radonski, leader del Tavolo dell’Unità Democratica e Governatore dello Stato Miranda

 

La proibizione imposta a Capriles Radonski rappresenta un duro colpo per l’Opposizione. E non si scarta che nei prossimi giorni possano esserci ordini di arresto per alcuni dei leader che hanno guidato la protesta. Non importa se protetti dall’immunità parlamentare. L’Obiettivo potrebbe essere quello di demoralizzare l’Opposizione e privarla dei suoi leader. La propaganda ufficiale, trasmessa attraverso i numerosi mass-media proprietà dello Stato o comunque acquistati dai simpatizzanti del governo, farebbe il resto. All’Opposizione, per difendersi dalle accuse, resterebbero solo i pochi giornali e radio ancora indipendenti, le reti sociali e la solidarietà internazionale.

Nonostante ciò, il Tavolo dell’Unità Democratica pare aver trovato nuovo ossigeno. Le sentenze 155 e 156, attraverso le quali l’Alta Corte consegnava al presidente Maduro poteri pressoché illimitati e usurpava il ruolo del Parlamento, hanno creato attorno all’Assemblea Nazionale una rete di solidarietà internazionale. L’Argentina di Macrì, L’Uruguay di Tabarez, il Chile della Bachelet, il Brasile di Temer, la Colombia di Santos, solo per nominarne alcuni, hanno condannato la decisione del Tribunale Supremo di Giustizia, esortato il governo a desistere dall’atteggiamento autoritario che tanto danno fa al sistema democratico e, dopo la decisione del Controllore, chiesto la sospensione dell’interdizione ai pubblici uffici imposta a Capriles Radonski.

Il presidente della Repubblica, Nicolás Maduro

 

Dopo la protesta di sabato, il presidente della Repubblica, nel suo programma “Domingo con Maduro” trasmesso dalla televisione di stato VTV, ha detto di desiderare ardentemente la realizzazione, quanto prima meglio, delle elezioni regionali. Ha assicurato categorico che l’Opposizione ne uscirà sconfitta. Insomma, come dice un motto locale, “con las tablas en la cabeza”. Gli esperti in materia, al contrario, stimano che la realizzazione di elezioni regionali sia poco probabile, almeno nel 2017. E che comunque porrebbe il Governo in situazione di estrema debolezza, poiché tutti i sondaggi gli sono avversi. Ritengono che proprio il timore a una sconfitta abbia consigliato Governo e Psuv a temporeggiare, in attesa di tempi migliori. A loro avviso, il processo di legalizzazione dei partiti politici che non hanno partecipato alle ultime elezioni, deciso dal Consiglio Nazionale Elettorale, non solo è un requisito imposto dalla Legge ma, soprattutto un escamotage per guadagnare tempo. E, nel caso fosse necessario, dichiarare che i partiti dell’Opposizione – leggasi Acción Democrática, Primero Justicia, Un Nuevo Tiempo y Voluntad Popular, tra gli altri – non hanno raggiunto il numero sufficiente di firme richieste per la loro legittimazione. Pende poi, sul Tavolo dell’Unità Democratica, la spada di Damocle rappresentata dalla denuncia di frode posta dal Psuv. La Corte non si è ancora pronunciata. Ma potrebbe farlo dando ragione ai querelanti. Senza partiti politici e con il Tavolo dell’Unità fuori gioco, il presidente Maduro avrebbe il cammino aperto verso un trionfo elettorale, emulando quanto fatto in Nicaragua.

Tribunale Supremo di Giustizia

 

Per il 19 aprile è stata indetta una grande manifestazione nazionale, l’Opposizione spera che questa possa indebolire ulteriormente il governo, almeno nell’ambito internazionale. E’ probabile che la repressione sia ancora più violenta. Nessuno può escludere che il governo, messo alle strette, decida di agire con maggior severità. Insomma, che prendendo come pretesto la pace e l’ordine pubblico, decreti la sospensione delle garanzie costituzionali o, addirittura, il coprifuoco, come fece l’estinto presidente Carlos Andrés Pérez all’indomani del Caracazo. Sarebbe senz’altro una mossa estrema, applaudita dall’ala radicale del Psuv ma non dalla crescente frangia dissidente. Una tale decisione, quindi, potrebbe approfondire ancor più le divisioni interne nel “chavismo”. Certo, in questo caso, come fanno notare gli analisti più seri, si entra nell’ambito della speculazione e dell’immaginario anche se non dell’impossibile.

Mauro Bafile

Ultima ora

02:41Manchester: esplosione a concerto, forse terrorismo

(ANSA) - LONDRA, 23 MAG - Paura e sangue in Gran Bretagna, nella Manchester Arena, dove una potente esplosione ha causato morti e feriti. L'episodio è trattato dagli inquirenti come un fatto di terrorismo. Alcune testimonianze fanno riferimento ad almeno "20-30 persone" viste a terra. L'episodio, descritto subito dagli investigatori come "un serio incidente", ha tutta l'aria di essere un attacco compiuto con un ordigno, anche se al momento non vi sono conferme. E' avvenuto ieri sera subito dopo la fine di un concerto di Ariana Grande - pop star americana 24enne, rimasta illesa secondo una sua portavoce - e ha scatenato il panico fra la gente. La struttura, la più grande arena indoor d'Europa, con una capienza di oltre 21.000 posti, era affollata soprattutto di giovani e giovanissimi. Immagini registrate da testimoni oculari hanno mostrato scene di terrore, con urla seguite dal fuggi fuggi generale. Mentre la polizia accorreva in forze e così pure i mezzi di soccorso.

01:47Wp, Trump sollecito’ aiuto due capi 007 contro Fbi

(ANSA) - WASHINGTON, 23 MAG - Donald Trump chiese invano lo scorso marzo ai capi di due agenzie di intelligence di negare pubblicamente l'esistenza di qualsiasi prova di collusione tra il suo entourage e i russi per smontare l'inchiesta dell'Fbi. Lo rivela il Wp citando due dirigenti americani attuali e due ex. La richiesta fu rivolta a Daniel Coats, capo della National Intelligence (Dia), e all'ammiraglio Michael S. Rogers, direttore della National Security Agency (Nsa).

01:44Manchester: morti e feriti a concerto

(ANSA) - LONDRA, 22 MAG - Ci sono alcuni morti e feriti a causa dell'incidente avvenuto in serata alla Manchester Arena, dove e' stata udita 'almeno una esplosione' che ha scatenato il panico fra migliaia di persone subito dopo la conclusione di un concerto della cantante americana Ariana Grande. Lo riferisce la polizia della città britannica. Stando alle prime informazioni l'esplosione sarebbe avvenuta nella zona delle biglietterie, subito fuori dall'arena, che può contenere circa 20.000 spettatori.

01:44Svezia: tracce esplosivo in borsa, evacuato scalo

(ANSA) - ROMA, 23 MAG - E' stato evacuato in Svezia l'aeroporto internazionale di Goteborg Landvetter, dopo che in un bagaglio lasciato incustodito sono state rilevate tracce di esplosivo. La borsa abbandonata era nell'area partenze, che è stata subito evacuata, transennata e raggiunta da polizia e artificieri. L'allarme è scattato verso le 21 di ieri. Il bagaglio sospetto è stato trovato vicino a un banco informazioni e dopo che la sicurezza non è riuscita a trovarne il proprietario sono scattati gli accertamenti, dai quali è risultata la presenza di tracce di esplosivo. La polizia svedese afferma che per ora non si può parlare di una situazione di "minaccia effettiva", ma le indagini sono ancora in corso.

23:47Calcio: Quagliarella, a Schick dico di restare alla Samp

(ANSA) - MILANO, 22 MAG - "Consiglio a Schick di restare un altro anno alla Sampdoria per confermare quanto di buono fatto e continuare a crescere. Non ho mai giocato con un calciatore simile". Fabio Quagliarella, vincitore del 22esimo 'Premio Gentleman', suggerisce al suo compagno di aspettare a lasciare Genova, ma concede un indizio sull'altro oggetto del desiderio del mercato, Muriel: "Muriel è nell'età giusta per poter partire se ci sono delle richieste che soddisfano il presidente. Contro l'Udinese non ha fatto una cosa bella, ma si è reso conto dell'errore. Non c'è stato alcuna rissa con Danilo e alla fine ha chiesto scusa". Quagliarella conferma il suo desiderio di restare alla Samp ("ho ancora due anni di contratto") e spende parole al miele per Francesco Totti: "E' una leggenda. Sono orgoglioso si averci giocato contro. Un ragazzo eccezionale, c'e solo da togliersi il cappello. Non mi permetto di dire nulla a Spalletti, ma Totti non va trattato così".

23:44Calcio: Montella, il Milan vuole tenere Donnarumma

(ANSA) - MILANO, 22 MAG - "Il rinnovo di Donnarumma? So che la società sta facendo degli sforzi enormi per riconoscere le grandi qualità di Gigio. Voglio bene come a un figlio a Donnarumma, ma ora deve fare una scelta e capire cosa vuole fare da grande perché é anche diventato maggiorenne. Ma con la massima serenità perché la società sta facendo di tutto per tenerlo". Così Vincenzo Montella a margine del 22esimo Premio Gentleman, parla delle trattative per il rinnovo di Donnarumma, ma non svela nulla su chi sarà il prossimo centravanti del Milan: "Chi sarà il prossimo numero 9 tra Keita, Kalinic e Morata? Forse nessuno dei tre. La maglia numero 9 è di Lapadula e per il momento se la tiene lui".

23:15Calcio: Pescara batte Palermo 2-0

(ANSA) - PESCARA, 22 MAG - Il Pescara ha battuto 2-0 il Palermo nel posticipo della 37/a giornata della serie A di calcio, partita che ha messo di fronte due formazioni già retrocesse. Gli abruzzesi sono passati in vantaggio al 15' con la prima rete in A del croato Robert Muric. Nel finale dell'incontro è giunto il raddoppio siglato dal suo sostituto, il romeno Mitrita. Il Pescara ha così vinto la terza partita in campionato.

Archivio Ultima ora