F1: Ferrari sfida Mercedes, a Bahrain con qualche novità

ROMA. – In casa Ferrari si guarda avanti. Il Gp di Shangai è stato archiviato con il secondo posto di Sebastian Vettel e le polemiche sull’atteggiamento in gara di Kimi Raikkonen. Tenuto conto che, per entrambi i piloti si avvicina la data della scadenza del contratto, dalle parti di Maranello ci si comincia a interrogare sul da farsi.

Ma la Formula 1 non concede tregua e già si pensa al Gp del Bahrain, come conferma l’account Twitter della scuderia: “Goodbye, Cina. È il momento di pensare al Bahrain, per una nuova sfida”. L’impressione è che si voglia voltare pagina, con un po’ di rammarico per quello che poteva accadere a Shanghai. Con un po’ più di fortuna, Vettel avrebbe potuto realizzare una doppietta dopo il successo nella prima prova del Mondiale sul circuito di Melbourne. Invece, Hamilton è tornato a guardare tutti dall’alto, affiancando subito in classifica il tedesco.

Come prima, ma non più di prima. “E’ tempo di lavorare, di prepararsi, nel fine settimana c’è un altro Gran premio”. Il messaggio del team, sempre su Twitter, mentre scorrono le immagini di un video dei meccanici attorno a una delle due Rosse.

L’obiettivo nella gara del giorno di Pasqua, che permetterà al ‘circus’ di restare nel continente asiatico, in particolare sull’asfalto del Bahrain international circuit di Sakhir, è di introdurre novità sostanziali sulla Sf70H, secondo la rimodulazione di Mattia Binotto, responsabile tecnico del Cavallino rampante. Nuovi pezzi per essere più competitivi nel faccia a faccia con la Mercedes W08: la vettura che detiene il titolo iridato resta un punto di riferimento.

In casa Ferrari non aspetteranno il ritorno del Mondiale in Europa per le nuove evoluzioni della vettura che, conti alla mano, dovrebbero andare in scena già domenica: nell’uovo i tecnici faranno trovare un nuovo fondo sulla Sf70H. Gli aerodinamici diretti da Cardile, e che hanno in David Sanchez la punta di diamante, sembra abbiano sviluppato un concetto innovativo legato al fondo della Rossa. Non si sa molto, ma l’obiettivo è di colmare il divario sul giro secco con le vetture che hanno dominato nelle ultime stagioni.

Questo sì che sarebbe un gran bel regalo di Pasqua per contribuire al riscatto dei piloti.