A Milano primo derby cinese, in palio solo Europa League

Pubblicato il 13 aprile 2017 da ansa

ROMA. – Pasqua di resurrezione o appendice della via crucis? Il derby di Milano, in salsa cinese e in un inedito anticipo alle 12.30 di sabato assai gradito al mercato asiatico, è un crocevia delicato per la nuova stagione in apnea delle due duellanti meneghine. Battersi per un posto in palio in Europa League, se non subentrerà dalla retrovie la Fiorentina, alle spalle anche dell’Atalanta, è un pallido obiettivo da tempi grami che si prolungano in modo preoccupante.

Salvo miracoli, sarà il quarto anno per entrambe senza podio, evento nefasto che si è realizzato 15 volte dal Dopoguerra mentre nell’ultimo trentennio era accaduto solo negli anni di disgrazia 1995 e 2001. È Il Milan che si presenta in scia positiva: dopo mesi incerti e oscuri c’è il passaggio di consegne tra Berlusconi (che non sarà presidente onorario) e il gruppo cinese di mr. Li.

Montella finora è riuscito ad attutire le tensioni: con una politica di giovani e di prestiti la squadra sta galleggiando, anche se sarà dura tenere Pasalic (che sabato mancherà) e Deulofeu. L’asse Donnarumma-Romagnoli-Suso garantisce una base solida su cui ci vorranno però innesti sostanziosi per tornare in Champions. I rossoneri nelle ultime sette gare hanno perso di misura con la Juve e pareggiato a Pescara inanellando cinque vittorie per il sorpasso all’Inter che, dopo i 12 gol a Cagliari e Atalanta, è crollata con un punto in tre gare.

Il gruppo Suning, che ha speso molto per il rilancio, comincia ad avere dubbi su Pioli. Se perde il derby il tecnico manderà in fumo la conferma mentre fioccano polemiche anche per la presenza di Gagliardini martedì a Torino. A spingere la squadra dovrà essere Icardi, a secco da tre gare, che ha un inquietante limite nei derby: in nove gare non ha mai segnato e il Milan è l’unica squadra di A che ha graziato. Tra i due tecnici italiani il bilancio sorride a Pioli (5 vittorie a 3), ma l’Inter patisce il sesto anno senza podio.

Per il Milan sono solo tre gli anni di carestie, ma con un ottavo, un decimo e un settimo posto oltraggiosi per la storia del club. Ma il recente buco nero non può far dimenticare decenni di dominio: da Nordhal a Shevchenko, da Meazza a Ronaldo gli eroi di San Siro hanno regalato sogni ed emozioni in sfide equilibrate tanto che in 217 gare le vittorie dell’Inter sono state 77 contro 75 con differenza gol 294 a 292 e appena 16 zero a zero.

Si comincia il 10 gennaio 1909 con un 3-2 per il Milan, poi palla all’Inter: dai fratelli Cevenini I e III a Levratto fino al “Balilla” Meazza, 13 gol nei derby. Ma è dal secondo Dopoguerra che fioriscono campioni. Dal 1949 in un anno tre derby memorabili: 4-4 con doppiette dell’ungherese Nyers e di Nordhal, poi un rocambolesco 6-5 per l’Inter con tris di Amadei (in recupero da 1-4 al 19′ pt), e poi un 3-2 con protagonista lo svedese Skoglund.

Tempi duri per Gren-Nordhal-Liedholm, il Gre-No-Li milanista che ha poi modo di rifarsi. Il derby sale di tono negli anni 60 con le colorite sfide tra Herrera e Rocco, quelle sopraffine in campo tra Mazzola e Rivera e le due antagoniste si danno il cambio primeggiando in Europa. Preambolo il 5-3 per il Milan nel 1960 con poker di Altafini (record in Serie A visto che i 5 di Cevenini I nell’8-1 del 1918 erano nella Coppa Mauro), poi nel 1963 gol lampo di Mazzola dopo 13″ e pari di Dino Sani.

Con l’avvento di Berlusconi il Milan comincia un ciclo con Van Basten, Gullit e Rijkaard. Sacchi avvia la sua avventura battendo l’Inter del Trap 2-0 nel 1988, auspice Gullit. Rendono avvincenti le sfide anche i tre tedeschi Matthaeus, Klinsmann e Brehme. Le star si susseguono: Weah e Savicevic ma soprattutto Ronaldo. Il Fenomeno segna la fine degli anni 90 con gol e prodezze, poi tocca a Shevchenko che supera Meazza con 14 gol. È primattore nella disfatta di Tardelli del 2001, un 6-0 con una sua doppietta, score maggiore in Serie A.

È un altro periodo nero per l’Inter che soccombe dal 2002 al 2005, poi doppio pari nella semifinale Champions che promuove i rossoneri. Tocca a Ibra e a Crespo poi suonare la carica in un 4-3 del 2006. Agli albori del triplete (agosto 2009) Mourinho bastona Leonardo e al 4-0 partecipa Milito. Poi gli ultimi anni anonimi e sofferenti, ma ora la sfida tra Bacca e Icardi può riaccendere i motori: senza milanesi ai vertici il campionato è più povero.

Ultima ora

00:48Calcio: 4-1 al Cittadella, Lazio nei quarti di Coppa Italia

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - La Lazio ha battuto il Cittadella 4-1 negli ottavi di Coppa Italia. Nei quarti i biancocelesti affronteranno la Fiorentina, il 26 dicembre alla stadio Olimpico. Incontro indirizzato a favore dei padroni di casa già nel primo tempo grazie alle reti di Immobile (11'), Felipe Anderson (24', con il brasiliano a segno dopo 221 giorni) e l'autorete di Camigliano (36'). Il Cittadella però non si è rassegnato ed al 41' ha accorciato le distanze con una gran punizione da 25 metri di Bartolomei. Nella ripresa, piuttosto povera di emozioni, ha chiuso i conti ancora Immobile, al 42', superando Paleari con un preciso pallonetto.

23:45Raiola, Mirabelli usa Donnarumma per attaccare me

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Mirabelli ha un problema personale contro di me e usa Donnarumma per attaccarmi. Gli fanno comodo queste polemiche perché tolgono l'attenzione dal vero problema del Milan: il suo progetto tecnico". Così Mino Raiola in una nota a Gazzetta.it, ricordando che il portiere aveva "offerte che nessuno avrebbe mai rifiutato. Ma Gigio e la sua famiglia hanno fatto una scelta col cuore. E l'ho rispettata. Oggi mi interessa solo che Gigio venga lasciato tranquillo, solo così potrà fare il suo meglio. Dovrebbe essere anche la priorità del ds del Milan".

22:51Donnarumma, mai detto di aver subito violenza morale

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Non ho mai detto né scritto di aver subito violenza morale quando ho firmato il contratto". E' quanto afferma Gianluigi Donnarumma su Instagram, all'indomani della contestazione subita dai tifosi del Milan a San Siro. "E' stata una brutta serata e non me l'aspettavo! Nonostante tutto guardo avanti e testa alla prossima partita... forza Milan!", ha scritto a corredo di una foto che lo ritrae in mezzo al campo mentre saluta il pubblico, con Rino Gattuso che gli batte una mano sul petto.

22:20Calcio: Bonucci, vincere al Milan è pass per la storia

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Vincere al Milan ti consegna un pass per la storia. Vi auguro di riuscirci, io sono alle prima armi con questa maglia". Così Leonardo Bonucci si è rivolto ai ragazzi del settore giovanile del Milan durante la festa di Natale: "Perché ho lasciato la Juventus? Sono successe alcune cose che hanno portato sia la società che il sottoscritto a questa decisione. Poi è arrivato il Milan, un'occasione che ho colto al volo. Anche grazie al lavoro di Fassone e Mirabelli. Con la Juventus abbiamo scelto di separarci, nella vita capitano delle discussioni".

22:10Terremoto: procura Macerata apre inchiesta su Sae

(ANSA) - MACERATA, 14 DIC - Il procuratore della Repubblica di Macerata Giovanni Giorgio ha aperto un fascicolo di indagine sui cantieri delle casette del terremoto, e le presunte irregolarità nella gestione della manodopera, denunciate dalla Cgil e dalla Fillea provinciali. Lo reso noto lo stesso Giorgio, sottolineando che "la tutela dei diritti dei lavoratori, rispetto ad ogni forma di sfruttamento e di sopruso costituisce una delle essenziali finalità del mio Ufficio". I cantieri sono appaltati al Consorzio Arcale, che ha vinto una gara bandita dalla Protezione civile nazionale. Il sindacato ha segnalato la presenza di molti lavoratori romeni, in particolare a Ussita, che verrebbero impiegati senza godere delle norme contrattuali italiane, e addirittura rimpatriati in caso di infortunio. Oggi la Cgil maceratese è stata contattata da funzionari del Governo romeno che sta conducendo un monitoraggio in varie regioni italiane proprio sul fenomeno del 'caporalato' e sullo sfruttamento di propri connazionali.

21:55Hayden morto in bici, chiesto rinvio giudizio automobilista

(ANSA) - RIMINI, 14 DIC - Il sostituto procuratore Paolo Gengarelli ha depositato la richiesta di rinvio a giudizio per omicidio stradale a carico dell'automobilista coinvolto nell'incidente a Misano Adriatico che costò la vita, nel maggio scorso, all'ex campione statunitense di motoGp Nicky Hayden, in quel momento in sella a una bici. Il pilota, poi anche di Superbike, morì il 22 maggio a 36 anni all'Ospedale Bufalini di Cesena, cinque giorni dopo essere stato investito da una Peugeot 206. La Procura della Repubblica di Rimini contesta l'omicidio stradale al conducente dell'auto, un trentenne di Morciano di Romagna, perché - come da consulenza del pubblico ministero - "in concorso di cause indipendenti con la condotta colposa del ciclista ne cagionava la morte per colpa consistita in negligenza ed imprudenza". (ANSA).

21:51Francia: scontro treno-scuolabus, ‘almeno 4 bambini morti’

(ANSA) - PARIGI, 14 DIC - "E' di almeno quattro bambini morti" il bilancio delle vittime dello scontro avvenuto nel sud-ovest della Francia tra un treno regionale ed uno scuolabus. Lo riferisce il ministero dell'Interno. Ci sono anche "24 feriti molto gravi, di cui 21 alunni, e altri tre altri che erano a bordo del treno", dice il prefetto.

Archivio Ultima ora