Studio Cerif, quasi quattro anni per passaggio generazionale nelle imprese

MILANO. – È di 3,5 anni la durata media di un passaggio generazionale per le pmi italiane, momento che vede il coinvolgimento di una media di 3,5 membri familiari e di 1,5 consulenti o ‘attori chiave’. Il dato emerge da uno studio condotto dal Cerif (Centro di ricerca sulle imprese di famiglia dell’Università Cattolica) su un campione di Pmi con fatturato compreso tra i 15 e i 150 milioni di euro che hanno affrontato il passaggio generazionale.

Il mondo imprenditoriale italiano, ricorda la nota, è costituito per il 90% da aziende a conduzione familiare e ogni anno sono oltre sessanta mila gli imprenditori coinvolti nel passaggio generazionale. L’analisi di Cerif ha preso in considerazione 34 passaggi generazionali. Da quello che emerge il 71% circa sono stati completati con successo, il 12% ha avuto esito negativo mentre il 17% sono ancora in atto.

La ricerca è collegata al premio “Di padre in figlio” promosso da Cerif con il contributo di Credit Suisse, Lca, Mazars Italia e Mandarin Capital Partners e la collaborazione della Camera di Commercio di Milano e di Monza.

Condividi: