Venezuela, ancora proteste e repressione

Pubblicato il 13 aprile 2017 da redazione

CARACAS – Doveva essere una manifestazione pacifica. E così è stato fino a quando, conclusa la protesta, alcuni giovani insoddisfatti si sono recati alla super-strada Francisco Fajardo e hanno interrotto il transito gridando slogan contro il governo del presidente della Repubblica, Nicolás Maduro. Come da copione, l’intervento massiccio e violento delle forze dell’Ordine – leggasi, Polizia Nazionale Bolivariana e Guardia Nazionale – ha sedato la protesta. Contro i manifestanti sono stati lanciati gas lacrimogeno e sparate pallottole di plastica.

La manifestazione organizzata dal Tavolo dell’Unità Democratica, per protestare contro il silenzio del “Defensor del Pueblo”, William Tareck Saab, la violenza delle forze dell’Ordine nel reprimere le proteste, ed esigere la liberazione dei giovani arrestati in questi giorni si è svolta senza violenza. Due grandi cortei, uno partito dall’Est della capitale e l’altro dall’Ovest, si sono incontrati nelle adiacenze del Parque Cristal. Quindi, una volta conclusa la protesta pacifica, alcuni giovani hanno deciso di recarsi alla super- strada.
Altre manifestazioni, represse con brutalità dalla “Polizia” e dalla “Guardia”, si sono svolte in altre città del Paese. Particolarmente violenti gli scontri a Cumaná, dove sono stati arrestati anche alcuni giornalisti e fotografi, e nello Stato Vargas.
Mentre il ministro della Difesa, Padrino López, ha assicurato che in Venezuela si può protestare pacificamente e che i manifestanti non si toccano “neanche con un petalo di rose”, il presidente del Parlamento, Julio Borges, ha denunciato che a causa della “violenza di Stato” sono morti in questi giorni circa 7 cittadini. Ha smentito, quindi, il ministro della Difesa che ha accusato alcuni settori dell’Opposizione di voler diffondere un’immagine deleteria delle Forze Armate, l’immagine del “gorilla”.
Borges ha anche denunciato la presenza di gruppi di motociclisti armati che sparano contro le manifestazioni e ha sollecitato l’intervento delle Forze dell’ordine.
– I “colectivos” armati di tutto punto – ha detto – vanno contro lo spirito delle Forze Armate. Queste non possono permettere l’esistenza di gruppi di civili armati; gruppi di civili che un domani potrebbero trasformarsi in assassini di soldati. Solo le Forze Armate – ha sottolineato – devono avere il monopolio delle armi.
Particolarmente preoccupante è la realtà che si vive nello Stato Falcòn dove nel corso delle manifestazioni sono morti un giovane di 36 anni e un adolescente di 14. A sparare, stando alle segnalazioni del Governatore Henry Falcòn, gruppi di motociclisti armati.
All’estero, gli echi delle proteste in Venezuela causano allarme e preoccupazione. Il il governo del presidente argentino, Maurizio Macri, ha esortato a rispettare i diritti umani e e le libertà democratiche nel Paese. Attraverso un comunicato, il ministero degli Esteri, ha esortato i protagonisti della politica al dialogo. Dal canto suo, Luis Almagro, Segretario Generale dell’Osa, ha accusato il governo del presidente Maduro di reprimere con estrema violenza ogni manifestazione di dissenso.
Per il momento, stando al Foro Penal Venezolano, gli arresti registrati negli ultimi giorni sono stati 445: 212 cittadini sono ancora detenuti mentre il resto è di nuovo in libertà. Arrestati anche tre giovani italo-venezuelani: Franco Beccalossi e Stefano Ruggiero, a Caracas, e Carlo Enrique Cutarelli a Barquisimeto.

Ultima ora

00:12Calcio: Spagna, Atletico Madrid ko con Villareal

(ANSA) - ROMA, 25 APR - Seconda sconfitta dell'anno per l'Atletico Madrid. Nell'anticipo del turno infrasettimanale della Liga, battuta d'arresto per la squadra di Simeone superata in casa 1-0 dal Villareal: decide la rete di Roberto Soriano che entra e gela così il Calderon. Un ko che complica la vita dell'Atletico che resta a quota 68 punti, terzo, ma con il Siviglia lontano solo tre lunghezze e con una gara in meno. Nelle altre gare disputate 1-1 tra Sporting e Espanyol, vittoria per 2-0 del Malaga in casa del Granada.

23:31Calcio: Chelsea vince e va a +7 su Tottenham

(ANSA) - ROMA, 25 APR - Gli applausi alla fine sono tutti per Antonio Conte. Il Chelsea torna a vincere dopo la battuta d'arresto col Manchester e allo Stamford Bridge batte il Southampton 4-2, compiendo così un altro passo verso la conquista del titolo in Premier League. La squadra allenata dall'ex ct azzurro sale infatti a 78 punti, con sette lunghezze di vantaggio sul Tottenham che scende in campo domani in casa del Crystal Palace. Nella serata trionfale dei Blues i riflettori sono per Diego Costa, autore di una doppietta, seguita alle reti di Hazard e Cahill. Di Romeu e Bertrand i gol del Southampton.

21:09Calcio: Baccaglini, lavoriamo in silenzio a futuro Palermo

(ANSA) - PALERMO, 25 APR - "Ci sono avvocati, banchieri e tecnici che stanno lavorando intensamente per finalizzare l'operazione entro i termini stabiliti. Lo fanno nel modo in cui si svolgono gli affari seri: in silenzio e con discrezione. Nel frattempo stiamo lavorando intensamente alla pianificazione del prossimo anno che deve vederci squadra forte, competitiva e all'altezza dei colori societari". E' quanto dice il presidente del Palermo calcio, Paul Baccaglini.

21:09Il paese raccolse 2 mln euro per cure, morto 14enne malato

(ANSA) - NUORO, 25 APR - E' morto questa mattina, nella sua casa di Gavoi (Nuoro), Roberto Sanna, il ragazzo di 14 anni affetto da leucodistrofia metacromatica, una malattia rara per le cui cure, undici anni fa, si era mobilitato il paese e l'intera Sardegna in una campagna di raccolta di fondi che doveva servire per i viaggi della speranza negli Stati Uniti. In quella campagna di solidarietà, da cui nacque il comitato "pro Roberto", furono raccolti oltre due milioni di euro. Molti di più di quelli che sono serviti per finanziare i due viaggi in America per sottoporre Robertino al trapianto di cellule staminali. Purtroppo, però, la sua malattia era già in stato avanzato e il piccolo che allora aveva tre anni, non è stato sottoposto all'intervento. Quei fondi, però, non sono rimasti inutilizzati. Grazie alla generosità del Comitato, presieduto da Dario Sanna, padre di Robertino, i soldi sono stati donati per la cura di altre malattie rare, per l'inserimento di ragazzi svantaggiati e per l'acquisto di apparecchiature mediche. (ANSA).

21:04Calcio: Baccaglini tagli al Palermo, ‘via molti giocatori’

(ANSA) - PALERMO, 25 APR - "Molti dei giocatori nella rosa attuale non faranno parte del futuro del Palermo che deve ai suoi tifosi e alla propria storia un impegno maggiore, migliore e più continuativo". Lo annuncia il presidente del Palermo, Paul Baccaglini, che critica senza giri di parole i giocatori soprattutto dopo la pessima figura rimediata a Roma, dove i rosanero, a un passo ormai dalla serie B, hanno lasciato l'Olimpico con un pesante 6-2.

21:03Pallavolo: gara-1 finali scudetto, Civitanova-Trentino 3-0

(ANSA) - CIVITANOVA MARCHE, 25 APR - Il primo acuto delle finali scudetto della Superlega di pallavolo è della Cucine Lube Civitanova. La formazione vincitrice della 'regular season' e della Coppa Italia si è assicurata gara 1 della serie, confermando il pronostico della vigilia e il fattore campo. 3-0 ((25-18, 25-20, 25-17) il risultato finale di un match che i padroni di casa hanno condotto fin dall'inizio nel punteggio dei singoli parziali ma anche per il volume di gioco espresso. Con un muro attento (11 block vincenti in tre set, quattro di Stankovic) e un attacco che ha viaggiato sempre su percentuali elevate (60% di squadra), la squadra di Blengini ha preso in mano le redini del gioco fin da primi scambi, non consentendo agli avversari di rispondere colpo su colpo. La Diatec Trentino ha faticato a contenere gli ex Sokolov (14 punti, con 3 muri e il 69%) e Juantorena (11 col 53%) e la potenza del servizio avversario. I cambi in corsa di Lorenzetti non hanno invertito la tendenza. Gara-2 è in programma il 4 maggio al PalaTrento.

20:40Bif&st: Avati, torno al Diavolo della mia infanzia

(ANSA) BARI, 25 APR - Pupi Avati torna ai demoni del passato con 'Il signor Diavolo'. Lo ha annunciato il regista in una master-class stamani al Bif&st divisa tra Amarcord e nostalgia. "Sto ai titoli di coda della mia vita e ho così voglia di tornare alla nostalgia del cinema con cui ho cominciato a misurarmi da bambino, con quel mondo fantastico. Torno alle cose che mi spaventavano, quando credevo ci fosse il male assoluto, in quell'atmosfera pre-conciliare dell'Italia anni Cinquanta dove i bambini erano immersi tra paura e sacralità". Nel film, che si girerà a Grado ed è tratto dal suo omonimo libro in pubblicazione per Guanda, siamo negli anni '50, a ridosso dell'alluvione del Polesine. I protagonisti sono due 14enni che vivono ancora un tipo di religiosità ancestrale. Uno dei due muore di malaria, ma la gente si convince che sia perché ha fatto cadere l'ostia e l'ha pestata. L'altro non si rassegna di aver perso l'amico del cuore e fa di tutto per contattare un essere deforme che si pensa abbia rapporti col demonio.

Archivio Ultima ora