Gli Usa preparano raid contro la Corea del Nord. Cina, guerra possibile

Pubblicato il 14 aprile 2017 da ansa

Soldato nordcoreani.(ANSA/AP Photo/Wong Maye-E, File)

WASHINGTON. – Metà del globo è in allerta. In attesa di vedere quanto e come gli uomini che “guidano il mondo” siano pronti a dar seguito alle parole con le azioni e a trasformare i venti di guerra in un conflitto reale. Gli Usa fanno sapere di essere pronti ad un raid preventivo con armi convenzionali contro la Corea del Nord se e quando i responsabili politici saranno convinti che Pyongyang si stia preparando a un test nucleare.

La Corea del Nord risponde a tono: “Siamo pronti alla guerra, se gli Usa lo scelgono”. La Cina – che da lunedì sospenderà i collegamenti di Air China tra Pechino e Pyongyang – chiama alla responsabilità, ‘certificando’ che sì la guerra è adesso possibile in qualsiasi momento. Il Cremlino esprime preoccupazione e invita alla “moderazione”.

E’ questo il clima nell’attesa del preannunciato ‘grande evento’ a Pyongyang in occasione domani del ‘Giorno del Sole’, l’anniversario della nascita del ‘presidente eterno’ Kim il sung, fondatore dello Stato.

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump passa la giornata sul campo da golf a Mar-a-Lago ma segue e monitora gli sviluppi – dice la Casa Bianca – aggiornato da suoi collaboratori. E attende. Forte della sua decisione di aver dispiegato una “armada” in risposta alla minaccia nordcoreana.

Ovvero due cacciatorpedinieri in grado di lanciare missili Tomahawk verso il sito dove sono stati effettuati test nucleari nordcoreani. Bombardieri pesanti B-52 e B-2 Spirith (stealth, invisibili ai radar) nella base aerea di Guam, pronti ad attaccare se necessario. Quindi la portaerei Uss Carl Vinson in avvicinamento.

Un attacco americano potrebbe così comprendere missili e bombe, ma allo stesso tempo anche operazioni speciali e di cyber sul terreno. Trump ha sottolineato proprio in queste ore la sua assoluta fiducia verso i militari, fino ad affermare che hanno la “totale autorizzazione” del commander in chief, come a dire ‘carta bianca’.

A conferma di una svolta del presidente che, a meno di 100 giorni dal suo insediamento, ha virato di 180 gradi rispetto a quei commenti poco lusinghieri verso i generali che andava ripetendo nei comizi della campagna elettorale.

E la sua prima settimana da commander in chief risulta particolarmente intensa: l’attacco alla Siria prima, con il lancio di 59 missili Tomahawk come rappresaglia per il raid con armi chimiche sulla regione di Idlib di pochi giorni prima, attribuito ad Assad. Poi ieri la decisione di sganciare sull’Afghanistan orientale contro i tunnel utilizzati dai miliziani dell’Isis la ‘madre di tutte le bombe’, l’ordigno piu’ potente dopo l’atomica a disposizione degli Stati Uniti. Pensato come deterrente contro Saddam Hussein in Iraq, era rimasto inutilizzato dalla sua elaborazione nei primi anni 2000.

Così la tattica si fa strategia e l’azione si fa messaggio: Trump non intende tirarsi indietro là dove la sicurezza degli Stati Uniti è minacciata. Il messaggio è’ al mondo, a Pyongyang, ma soprattutto all’America che si trova di fronte adesso ad una presidenza che si va facendo più ‘leggibile’, più ‘convenzionale’.

Non manca il paragone, che qualcuno tra gli osservatori fa virare addirittura verso Hillary Clinton, con le aspettative in politica estera che erano più per la presidente mancata che per il tycoon anti establishment. E’ stato lui, Trump, a creare il “circolo vizioso” accusa Pyongyang: in una intervista all’Associated Press il viceministro degli Esteri nordcoreano Han Ryol ha scandito che che di fronte a un attacco preventivo americano Pyongyang “non terrà le braccia incrociate” e che il prossimo test nucleare sarà condotto quando il quartier generale supremo nordcoreano lo riterrà più opportuno.

La Corea del Nord andrà in guerra se gli Stati Uniti “lo sceglieranno”, ha aggiunto, puntando il dito contro le “manovre militari spericolate” degli Usa e avvertendo: la Corea del Nord “ha un potente deterrente nucleare”. “Trump provoca in continuazione con le sue frasi aggressive. Non è la Repubblica popolare democratica di Corea ma gli Usa e Trump che creano guai”.

Il presidente Trump aveva nei giorni scorsi twittato che la Corea del Nord “è in cerca di guai”, ricordando inoltre il ruolo centrale della Cina: se non ci aiutano, aveva intimato il presidente, “faremo da soli”.

Pechino risponde invitando ad essere vigili (o prudenti): “Sì, la sensazione è che il conflitto potrebbe scoppiare da un momento all’altro – ha detto il ministro degli Esteri cinese, Wang Yi, stando alla Bbc – Tutte le parti interessate mantengano alta la vigilanza”.

(di Anna Lisa Rapanà/ANSA) –

Ultima ora

00:12Calcio: Spagna, Atletico Madrid ko con Villareal

(ANSA) - ROMA, 25 APR - Seconda sconfitta dell'anno per l'Atletico Madrid. Nell'anticipo del turno infrasettimanale della Liga, battuta d'arresto per la squadra di Simeone superata in casa 1-0 dal Villareal: decide la rete di Roberto Soriano che entra e gela così il Calderon. Un ko che complica la vita dell'Atletico che resta a quota 68 punti, terzo, ma con il Siviglia lontano solo tre lunghezze e con una gara in meno. Nelle altre gare disputate 1-1 tra Sporting e Espanyol, vittoria per 2-0 del Malaga in casa del Granada.

23:31Calcio: Chelsea vince e va a +7 su Tottenham

(ANSA) - ROMA, 25 APR - Gli applausi alla fine sono tutti per Antonio Conte. Il Chelsea torna a vincere dopo la battuta d'arresto col Manchester e allo Stamford Bridge batte il Southampton 4-2, compiendo così un altro passo verso la conquista del titolo in Premier League. La squadra allenata dall'ex ct azzurro sale infatti a 78 punti, con sette lunghezze di vantaggio sul Tottenham che scende in campo domani in casa del Crystal Palace. Nella serata trionfale dei Blues i riflettori sono per Diego Costa, autore di una doppietta, seguita alle reti di Hazard e Cahill. Di Romeu e Bertrand i gol del Southampton.

21:09Calcio: Baccaglini, lavoriamo in silenzio a futuro Palermo

(ANSA) - PALERMO, 25 APR - "Ci sono avvocati, banchieri e tecnici che stanno lavorando intensamente per finalizzare l'operazione entro i termini stabiliti. Lo fanno nel modo in cui si svolgono gli affari seri: in silenzio e con discrezione. Nel frattempo stiamo lavorando intensamente alla pianificazione del prossimo anno che deve vederci squadra forte, competitiva e all'altezza dei colori societari". E' quanto dice il presidente del Palermo calcio, Paul Baccaglini.

21:09Il paese raccolse 2 mln euro per cure, morto 14enne malato

(ANSA) - NUORO, 25 APR - E' morto questa mattina, nella sua casa di Gavoi (Nuoro), Roberto Sanna, il ragazzo di 14 anni affetto da leucodistrofia metacromatica, una malattia rara per le cui cure, undici anni fa, si era mobilitato il paese e l'intera Sardegna in una campagna di raccolta di fondi che doveva servire per i viaggi della speranza negli Stati Uniti. In quella campagna di solidarietà, da cui nacque il comitato "pro Roberto", furono raccolti oltre due milioni di euro. Molti di più di quelli che sono serviti per finanziare i due viaggi in America per sottoporre Robertino al trapianto di cellule staminali. Purtroppo, però, la sua malattia era già in stato avanzato e il piccolo che allora aveva tre anni, non è stato sottoposto all'intervento. Quei fondi, però, non sono rimasti inutilizzati. Grazie alla generosità del Comitato, presieduto da Dario Sanna, padre di Robertino, i soldi sono stati donati per la cura di altre malattie rare, per l'inserimento di ragazzi svantaggiati e per l'acquisto di apparecchiature mediche. (ANSA).

21:04Calcio: Baccaglini tagli al Palermo, ‘via molti giocatori’

(ANSA) - PALERMO, 25 APR - "Molti dei giocatori nella rosa attuale non faranno parte del futuro del Palermo che deve ai suoi tifosi e alla propria storia un impegno maggiore, migliore e più continuativo". Lo annuncia il presidente del Palermo, Paul Baccaglini, che critica senza giri di parole i giocatori soprattutto dopo la pessima figura rimediata a Roma, dove i rosanero, a un passo ormai dalla serie B, hanno lasciato l'Olimpico con un pesante 6-2.

21:03Pallavolo: gara-1 finali scudetto, Civitanova-Trentino 3-0

(ANSA) - CIVITANOVA MARCHE, 25 APR - Il primo acuto delle finali scudetto della Superlega di pallavolo è della Cucine Lube Civitanova. La formazione vincitrice della 'regular season' e della Coppa Italia si è assicurata gara 1 della serie, confermando il pronostico della vigilia e il fattore campo. 3-0 ((25-18, 25-20, 25-17) il risultato finale di un match che i padroni di casa hanno condotto fin dall'inizio nel punteggio dei singoli parziali ma anche per il volume di gioco espresso. Con un muro attento (11 block vincenti in tre set, quattro di Stankovic) e un attacco che ha viaggiato sempre su percentuali elevate (60% di squadra), la squadra di Blengini ha preso in mano le redini del gioco fin da primi scambi, non consentendo agli avversari di rispondere colpo su colpo. La Diatec Trentino ha faticato a contenere gli ex Sokolov (14 punti, con 3 muri e il 69%) e Juantorena (11 col 53%) e la potenza del servizio avversario. I cambi in corsa di Lorenzetti non hanno invertito la tendenza. Gara-2 è in programma il 4 maggio al PalaTrento.

20:40Bif&st: Avati, torno al Diavolo della mia infanzia

(ANSA) BARI, 25 APR - Pupi Avati torna ai demoni del passato con 'Il signor Diavolo'. Lo ha annunciato il regista in una master-class stamani al Bif&st divisa tra Amarcord e nostalgia. "Sto ai titoli di coda della mia vita e ho così voglia di tornare alla nostalgia del cinema con cui ho cominciato a misurarmi da bambino, con quel mondo fantastico. Torno alle cose che mi spaventavano, quando credevo ci fosse il male assoluto, in quell'atmosfera pre-conciliare dell'Italia anni Cinquanta dove i bambini erano immersi tra paura e sacralità". Nel film, che si girerà a Grado ed è tratto dal suo omonimo libro in pubblicazione per Guanda, siamo negli anni '50, a ridosso dell'alluvione del Polesine. I protagonisti sono due 14enni che vivono ancora un tipo di religiosità ancestrale. Uno dei due muore di malaria, ma la gente si convince che sia perché ha fatto cadere l'ostia e l'ha pestata. L'altro non si rassegna di aver perso l'amico del cuore e fa di tutto per contattare un essere deforme che si pensa abbia rapporti col demonio.

Archivio Ultima ora