Gli Usa preparano raid contro la Corea del Nord. Cina, guerra possibile

Pubblicato il 14 aprile 2017 da ansa

Soldato nordcoreani.(ANSA/AP Photo/Wong Maye-E, File)

WASHINGTON. – Metà del globo è in allerta. In attesa di vedere quanto e come gli uomini che “guidano il mondo” siano pronti a dar seguito alle parole con le azioni e a trasformare i venti di guerra in un conflitto reale. Gli Usa fanno sapere di essere pronti ad un raid preventivo con armi convenzionali contro la Corea del Nord se e quando i responsabili politici saranno convinti che Pyongyang si stia preparando a un test nucleare.

La Corea del Nord risponde a tono: “Siamo pronti alla guerra, se gli Usa lo scelgono”. La Cina – che da lunedì sospenderà i collegamenti di Air China tra Pechino e Pyongyang – chiama alla responsabilità, ‘certificando’ che sì la guerra è adesso possibile in qualsiasi momento. Il Cremlino esprime preoccupazione e invita alla “moderazione”.

E’ questo il clima nell’attesa del preannunciato ‘grande evento’ a Pyongyang in occasione domani del ‘Giorno del Sole’, l’anniversario della nascita del ‘presidente eterno’ Kim il sung, fondatore dello Stato.

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump passa la giornata sul campo da golf a Mar-a-Lago ma segue e monitora gli sviluppi – dice la Casa Bianca – aggiornato da suoi collaboratori. E attende. Forte della sua decisione di aver dispiegato una “armada” in risposta alla minaccia nordcoreana.

Ovvero due cacciatorpedinieri in grado di lanciare missili Tomahawk verso il sito dove sono stati effettuati test nucleari nordcoreani. Bombardieri pesanti B-52 e B-2 Spirith (stealth, invisibili ai radar) nella base aerea di Guam, pronti ad attaccare se necessario. Quindi la portaerei Uss Carl Vinson in avvicinamento.

Un attacco americano potrebbe così comprendere missili e bombe, ma allo stesso tempo anche operazioni speciali e di cyber sul terreno. Trump ha sottolineato proprio in queste ore la sua assoluta fiducia verso i militari, fino ad affermare che hanno la “totale autorizzazione” del commander in chief, come a dire ‘carta bianca’.

A conferma di una svolta del presidente che, a meno di 100 giorni dal suo insediamento, ha virato di 180 gradi rispetto a quei commenti poco lusinghieri verso i generali che andava ripetendo nei comizi della campagna elettorale.

E la sua prima settimana da commander in chief risulta particolarmente intensa: l’attacco alla Siria prima, con il lancio di 59 missili Tomahawk come rappresaglia per il raid con armi chimiche sulla regione di Idlib di pochi giorni prima, attribuito ad Assad. Poi ieri la decisione di sganciare sull’Afghanistan orientale contro i tunnel utilizzati dai miliziani dell’Isis la ‘madre di tutte le bombe’, l’ordigno piu’ potente dopo l’atomica a disposizione degli Stati Uniti. Pensato come deterrente contro Saddam Hussein in Iraq, era rimasto inutilizzato dalla sua elaborazione nei primi anni 2000.

Così la tattica si fa strategia e l’azione si fa messaggio: Trump non intende tirarsi indietro là dove la sicurezza degli Stati Uniti è minacciata. Il messaggio è’ al mondo, a Pyongyang, ma soprattutto all’America che si trova di fronte adesso ad una presidenza che si va facendo più ‘leggibile’, più ‘convenzionale’.

Non manca il paragone, che qualcuno tra gli osservatori fa virare addirittura verso Hillary Clinton, con le aspettative in politica estera che erano più per la presidente mancata che per il tycoon anti establishment. E’ stato lui, Trump, a creare il “circolo vizioso” accusa Pyongyang: in una intervista all’Associated Press il viceministro degli Esteri nordcoreano Han Ryol ha scandito che che di fronte a un attacco preventivo americano Pyongyang “non terrà le braccia incrociate” e che il prossimo test nucleare sarà condotto quando il quartier generale supremo nordcoreano lo riterrà più opportuno.

La Corea del Nord andrà in guerra se gli Stati Uniti “lo sceglieranno”, ha aggiunto, puntando il dito contro le “manovre militari spericolate” degli Usa e avvertendo: la Corea del Nord “ha un potente deterrente nucleare”. “Trump provoca in continuazione con le sue frasi aggressive. Non è la Repubblica popolare democratica di Corea ma gli Usa e Trump che creano guai”.

Il presidente Trump aveva nei giorni scorsi twittato che la Corea del Nord “è in cerca di guai”, ricordando inoltre il ruolo centrale della Cina: se non ci aiutano, aveva intimato il presidente, “faremo da soli”.

Pechino risponde invitando ad essere vigili (o prudenti): “Sì, la sensazione è che il conflitto potrebbe scoppiare da un momento all’altro – ha detto il ministro degli Esteri cinese, Wang Yi, stando alla Bbc – Tutte le parti interessate mantengano alta la vigilanza”.

(di Anna Lisa Rapanà/ANSA) –

Ultima ora

08:47India: camion carico di operai in una scarpata

(ANSA) - NEW DELHI, 21 OTT - Dieci operai indiani sono morti all'alba di oggi quando l'autocarro su cui viaggiavano insieme ad altri 20 compagni, che sono rimasti feriti, è uscito di strada finendo in una scarpata nello Stato centrale di Maharashtra. Lo riferisce l'agenzia di stampa Pti. La polizia, che ha coordinato i soccorsi, ha reso noto che l'autista ha perso il controllo dei veicolo, in viaggio fra Karad e Solapur, mentre affrontava una difficile curva vicino alla città di Tasgaon del distretto occidentale di Maha.

08:43Usa: G.W. Bush è stato il presidente più distruttivo

(ANSA) - ANAHEIM, 21 OTT - George W. Bush è stato il presidente più "distruttivo" nella storia degli Stati Uniti. Lo ha dichiarato Steve Bannon durante una convention del partito repubblicano in California. L'ex consigliere di Donald Trump ha utilizzato parole durissime contro Bush definendolo "inetto" e "imbranato". E in riferimento al recente attacco sferrato dall'ex presidente contro l'amministrazione Trump Bannon ha attaccato: "Non sa quello che dice ne' dove sta andando, esattamente come quando era presidente".

08:42Agguato in un bar a Catania, grave il titolare

(ANSA) - CATANIA, 21 OTT - Agguato la notte scorsa in un bar della zona alta di viale Mario Rapisardi a Catania dove almeno due uomini hanno fatto irruzione sparando diversi colpi di pistola contro il titolare. Angelo Torrisi, di 47 anni, proprietario dell'omonimo esercizio, che era seduto, è rimasto ferito in più parti del corpo. Soccorso è stato trasportato nell'ospedale Garibaldi dove è ricoverato con la prognosi riservata. Per i medici le sue condizioni sono molto gravi. Nonostante la modalità dell'agguato la squadra mobile della polizia di Stato, che indaga, pur non escludendo alcuna ipotesi, ritiene più probabile che il tentativo di omicidio possa essere maturato nella sfera personale della vittima, che non aveva precedenti penali. Per questo gli investigatori stanno cercando di ricostruire la sua personalità e le sue ultime frequentazioni, sentendo familiari e amici, per risalire a elementi utili alle indagini. La Procura di Catania ha aperto un'inchiesta.

08:38India: camion carico di operai in una scarpata

(ANSA) - NEW DELHI, 21 OTT - Dieci operai indiani sono morti all'alba di oggi quando l'autocarro su cui viaggiavano insieme ad altri 20 compagni, che sono rimasti feriti, è uscito di strada finendo in una scarpata nello Stato centrale di Maharashtra. Lo riferisce l'agenzia di stampa Pti. La polizia, che ha coordinato i soccorsi, ha reso noto che l'autista ha perso il controllo dei veicolo, in viaggio fra Karad e Solapur, mentre affrontava una difficile curva vicino alla città di Tasgaon del distretto occidentale di Maha.

07:39Afghanistan: talebani, sparati tre razzi in centro Kabul

(ANSA) - KABUL,21 OTT - I talebani afghani hanno sparato oggi all'alba tre razzi che si sono schiantati nella 'zona verde' al centro di Kabul. Secondo i primi rilievi i razzi hanno colpito le aree di Wazir Akbar Khan e Shash Darak. Uno di essi ha centrato un muro esterno dell'ambasciata dell'Arabia Saudita, mentre un altro è caduto non lontano dal quartier generale della Nato. L'operazione è stata rivendicata dai talebani che hanno parlato di "molte vittime" in un attacco per cui tuttavia non esiste un bilancio ufficiale. Secondo alcune fonti sono due i razzi atterrati vicino al quartier generale della Nato e della Missione 'Resolute Support', un'area che ospita anche edifici governativi afghani e numerose ambasciate. Il fragore delle esplosioni ha causato allarme e fatto scattare le sirene nei compound della Nato e delle rappresentanze diplomatiche straniere. L'operazione rivendicata dai talebani giunge poche ore dopo la strage compiuta ieri sera, e rivendicata dall'Isis, di decine di persone nella moschea sciita dell'Imam Zaman

05:54Argentina: Maldonado, fratello identifica cadavere

(ANSA) - BUENOS AIRES, 21 OTT - Sergio Maldonado, fratello maggiore di Santiago - il giovane artigiano sparito lo scorso 1 agosto durante la repressione di una protesta degli indigeni mapuche in Patagonia - ha detto oggi che il corpo ritrovato nel fiume Chubut è quello del fratello. "Abbiamo riconosciuto i suoi tatuaggi, siamo convinti che si tratti di Santiago", ha detto, parlando con la stampa davanti all'obitorio giudiziario di Buenos Aires, dove un gruppo di una ventina di esperti ha esaminato il cadavere scoperto martedì scorso a circa 300 metri dal posto dove suo fratello era stato visto per ultima volta.

23:52Calcio: Bari-Cittadella 4-2

(ANSA) - BARI, 20 OTT - Una vittoria che vale il (temporaneo) secondo posto in classifica: il Bari, nel secondo anticipo della decima giornata, davanti agli oltre quindicimila spettatori del San Nicola, ha battuto il Cittadella per 4-2, confermando il buon momento di forma con il terzo risultato utile di fila. La squadra di Fabio Grosso, dopo un avvio da incubo e un gol di svantaggio rimediato al 2' con una incornata di Salvi, è cresciuto arrivando a dilagare nel finale. Il pari dei pugliesi è arrivato al 20' con un colpo di testa di Basha; nella ripresa al 3' il vantaggio di Improta (settima realizzazione stagionale) al termine di una azione elaborata con ben cinque rapidi passaggi prima della conclusione che ha battuto il portiere Alfonso. Poi i veneti hanno avuto una occasionissima con Chiaretti al 9', ma Micai ha compiuto una prodezza. Il terzo centro è firmato da Galano (quinto gol) in contropiede, mentre il poker è siglato sempre Basha (doppietta). Al 37' Pasa ha accorciato le distanze per la squadra di Venturato.

Archivio Ultima ora