Gli Usa preparano raid contro la Corea del Nord. Cina, guerra possibile

Pubblicato il 14 aprile 2017 da ansa

Soldato nordcoreani.(ANSA/AP Photo/Wong Maye-E, File)

WASHINGTON. – Metà del globo è in allerta. In attesa di vedere quanto e come gli uomini che “guidano il mondo” siano pronti a dar seguito alle parole con le azioni e a trasformare i venti di guerra in un conflitto reale. Gli Usa fanno sapere di essere pronti ad un raid preventivo con armi convenzionali contro la Corea del Nord se e quando i responsabili politici saranno convinti che Pyongyang si stia preparando a un test nucleare.

La Corea del Nord risponde a tono: “Siamo pronti alla guerra, se gli Usa lo scelgono”. La Cina – che da lunedì sospenderà i collegamenti di Air China tra Pechino e Pyongyang – chiama alla responsabilità, ‘certificando’ che sì la guerra è adesso possibile in qualsiasi momento. Il Cremlino esprime preoccupazione e invita alla “moderazione”.

E’ questo il clima nell’attesa del preannunciato ‘grande evento’ a Pyongyang in occasione domani del ‘Giorno del Sole’, l’anniversario della nascita del ‘presidente eterno’ Kim il sung, fondatore dello Stato.

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump passa la giornata sul campo da golf a Mar-a-Lago ma segue e monitora gli sviluppi – dice la Casa Bianca – aggiornato da suoi collaboratori. E attende. Forte della sua decisione di aver dispiegato una “armada” in risposta alla minaccia nordcoreana.

Ovvero due cacciatorpedinieri in grado di lanciare missili Tomahawk verso il sito dove sono stati effettuati test nucleari nordcoreani. Bombardieri pesanti B-52 e B-2 Spirith (stealth, invisibili ai radar) nella base aerea di Guam, pronti ad attaccare se necessario. Quindi la portaerei Uss Carl Vinson in avvicinamento.

Un attacco americano potrebbe così comprendere missili e bombe, ma allo stesso tempo anche operazioni speciali e di cyber sul terreno. Trump ha sottolineato proprio in queste ore la sua assoluta fiducia verso i militari, fino ad affermare che hanno la “totale autorizzazione” del commander in chief, come a dire ‘carta bianca’.

A conferma di una svolta del presidente che, a meno di 100 giorni dal suo insediamento, ha virato di 180 gradi rispetto a quei commenti poco lusinghieri verso i generali che andava ripetendo nei comizi della campagna elettorale.

E la sua prima settimana da commander in chief risulta particolarmente intensa: l’attacco alla Siria prima, con il lancio di 59 missili Tomahawk come rappresaglia per il raid con armi chimiche sulla regione di Idlib di pochi giorni prima, attribuito ad Assad. Poi ieri la decisione di sganciare sull’Afghanistan orientale contro i tunnel utilizzati dai miliziani dell’Isis la ‘madre di tutte le bombe’, l’ordigno piu’ potente dopo l’atomica a disposizione degli Stati Uniti. Pensato come deterrente contro Saddam Hussein in Iraq, era rimasto inutilizzato dalla sua elaborazione nei primi anni 2000.

Così la tattica si fa strategia e l’azione si fa messaggio: Trump non intende tirarsi indietro là dove la sicurezza degli Stati Uniti è minacciata. Il messaggio è’ al mondo, a Pyongyang, ma soprattutto all’America che si trova di fronte adesso ad una presidenza che si va facendo più ‘leggibile’, più ‘convenzionale’.

Non manca il paragone, che qualcuno tra gli osservatori fa virare addirittura verso Hillary Clinton, con le aspettative in politica estera che erano più per la presidente mancata che per il tycoon anti establishment. E’ stato lui, Trump, a creare il “circolo vizioso” accusa Pyongyang: in una intervista all’Associated Press il viceministro degli Esteri nordcoreano Han Ryol ha scandito che che di fronte a un attacco preventivo americano Pyongyang “non terrà le braccia incrociate” e che il prossimo test nucleare sarà condotto quando il quartier generale supremo nordcoreano lo riterrà più opportuno.

La Corea del Nord andrà in guerra se gli Stati Uniti “lo sceglieranno”, ha aggiunto, puntando il dito contro le “manovre militari spericolate” degli Usa e avvertendo: la Corea del Nord “ha un potente deterrente nucleare”. “Trump provoca in continuazione con le sue frasi aggressive. Non è la Repubblica popolare democratica di Corea ma gli Usa e Trump che creano guai”.

Il presidente Trump aveva nei giorni scorsi twittato che la Corea del Nord “è in cerca di guai”, ricordando inoltre il ruolo centrale della Cina: se non ci aiutano, aveva intimato il presidente, “faremo da soli”.

Pechino risponde invitando ad essere vigili (o prudenti): “Sì, la sensazione è che il conflitto potrebbe scoppiare da un momento all’altro – ha detto il ministro degli Esteri cinese, Wang Yi, stando alla Bbc – Tutte le parti interessate mantengano alta la vigilanza”.

(di Anna Lisa Rapanà/ANSA) –

Ultima ora

16:45Brasile: Temer revoca decreto uso esercito a Brasilia

(ANSA) - RIO DE JANEIRO, 25 MAG - Passo indietro del presidente del Brasile, Michel Temer, che ieri aveva deciso di mobilitare le forze armate per difendere gli edifici pubblici a Brasilia contro le violenti proteste anti-governative scoppiate nella capitale federale: il decreto con il quale veniva autorizzato l'uso dell'esercito - rende noto Agencia Brasil - è stato revocato oggi dal capo di Stato, dopo le roventi critiche ricevute sia dall'opposizione che dalla maggioranza per la polemica scelta, che ha fatto subito pensare ai tempi della dittatura militare (1964-1985).

16:34Erdogan lascia incontro Tusk-Juncker scuro in volto

(ANSA) - BRUXELLES, 25 MAG - Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan è stato ricevuto all'Europa Building dal presidente del Consiglio europeo, Donald Tusk, e dal presidente della Commissione, Jean Claude Juncker. Al termine dell'incontro, sullo sfondo delle tensioni tra Ue e Turchia, non è stata fatta alcuna dichiarazione, ma il turco ha lasciato l'edificio scuro in volto. Il portavoce della Commissione Margaritis Schinas ha scritto su Twitter che "Ue e Turchia devono lavorare insieme e lo faranno". Ieri Erdogan aveva chiesto all'Ue di prendere una decisione sull'adesione della Turchia all'Ue, che non va trattata come un "mendicante" tenuto sulla porta. Prima di partire per Bruxelles aveva affermato che "l'Ue aspetta che sia la Turchia a ritirarsi". Nell'accordo con la Ue sui migranti è prevista la liberalizzazione dei visti, che è tenuta bloccata perché Amkara non rispetta 7 dei 'benchmark' richiesti dall'Ue, e l'apertura di nuovi capitoli negoziali, che si è allontanata dopo la repressione seguita al fallito golpe luglio.

16:27Calcio: Gattuso, non è passo indietro

(ANSA) - MILANO, 25 MAG - In attesa di firmare il contratto che lo porterà sulla panchina della Primavera del Milan, Gennaro Gattuso parla già con entusiasmo dell'esperienza che gli permetterà di tornare a lavorare in un posto che considera casa sua: "La proposta di allenare la Primavera è arrivata tre settimane fa. Secondo me è la scelta giusta, nessun passo indietro: torno in una società gloriosa che vuole essere di nuovo grande. Allenerò i giovani: spero di trasmettere il senso di appartenenza e farli migliorare. Ascolterò i consigli di Montella: è un tecnico preparatissimo, c'è solo da imparare".

16:26Gentiloni, a G7 Taormina non sarà confronto semplice

(ANSA) - BRUXELLES, 25 MAG - "A Taormina ci sarà un confronto su temi che interessano tutta l'umanità, come i cambiamenti climatici, i commerci, le migrazioni, i rapporti con l'Africa. Non sarà un confronto semplice, ma l'Italia, che ospita il vertice, cercherà di renderlo un confronto utile e capace di far convergere le posizioni": lo ha detto il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni arrivando al vertice Nato a Bruxelles. Gantiloni ha quindi detto che "l'Italia è impegnatissima in Iraq", dove ha la seconda forza militare dopo quella americana, "ma è importante sottolineare che l'impostazione non è solo militare, ma anche politica, coinvolgendo tutte le forze possibili per trovare soluzioni" a sfide come quella del terrorismo. "Il terrorismo si vince sul piano militare ma anche sul paino della cultura", come l'Italia sostiene da sempre, ha detto Gentiloni, che ha sottolineato come a questo fine sia utile l'"unità fra le due sponde dell'Atlantico".

16:22Università: dg Stranieri Perugia nuovo presidente Codau

(ANSA) - PERUGIA, 25 MAG - Il direttore generale dell'Università per Stranieri di Perugia Cristiano Nicoletti è il nuovo presidente del Codau, l'associazione nazionale costituita dai dg di tutti gli atenei italiani. E' stato eletto a Roma, insieme alla giunta, dai direttori generali delle 87 Università chiamate a partecipare al rinnovo delle cariche per il triennio 2017-2020. Per Nicoletti le priorità sono "promuovere una più forte cultura della qualità della didattica e della ricerca, snellire le procedure, incrementare l'internazionalizzazione, instaurare solidi rapporti di collaborazione con organizzazioni nazionali e sovranazionali, per scambi di esperienze e conoscenza per il miglioramento ed il consolidamento dell'integrazione a livello europeo ed extraeurope". "Il Codau - ha aggiunto - punterà a creare le basi per rendere l'università italiana più competitiva sullo scenario internazionale e per accrescere in questo modo la competitività del Paese". "Ma punterà anche - ha sottolineato Nicoletti - a rafforzare gli obiettivi nei rapporti sistematici con Ministeri, enti di ricerca, comitati di settore e altri organismi istituzionali per la promozione di studi congiunti, ricerche e proposte di soluzioni su problematiche attinenti la gestione finanziaria, tecnica e amministrativa delle nostre università". (ANSA).

16:22F1: Gp Monaco, Vettel dominatore del venerdì

(ANSA) - ROMA, 25 MAG - E' Sebastian Vettel il dominatore delle prove libere del venerdì del Gp di Monaco. Il pilota della Ferrari nella seconda sessione ha fermato il cronometro sul tempo di 1'12''759, quasi mezzo secondo migliore di quello realizzato da Daniel Ricciardo con la Red Bull. A confermare le buone sensazioni per il team di Maranello, il terzo tempo realizzato da Kimi Raikkonen (1'13''283). Molto indietro le Mercedes, con Lewis Hamilton che, dopo aver fatto meglio di tutti la mattina, non è andato oltre l'ottavo tempo (1'13''873). Tra Raikkonen ed il campione inglese si sono piazzate le Toro Rosso di Daniil Kvyat (1'13''331) e Carlos Sainz (1'13''400), Max Verstappen (Red Bull, 1'13''486) e Sergio Perez (Force India, 1'13''799). Oltre un secondo di distacco dalla ferrari di Vettel anche per la Mercedes di Valtteri Bottas (1'13''902), solo decimo nel computo dei tempi.

16:18L. elettorale: Pd per breve slittamento voto in commissione

(ANSA) - ROMA, 25 MAG - Il capogruppo del Pd in commissione Affari costituzionali della Camera, Emanuele Fiano, ha chiesto durante l'ufficio di presidenza lo slittamento del voto sugli emendamenti alla legge elettorale da lunedì 29 maggio a mercoledì 31.

Archivio Ultima ora