Gli Usa preparano raid contro la Corea del Nord. Cina, guerra possibile

Pubblicato il 14 aprile 2017 da ansa

Soldato nordcoreani.(ANSA/AP Photo/Wong Maye-E, File)

WASHINGTON. – Metà del globo è in allerta. In attesa di vedere quanto e come gli uomini che “guidano il mondo” siano pronti a dar seguito alle parole con le azioni e a trasformare i venti di guerra in un conflitto reale. Gli Usa fanno sapere di essere pronti ad un raid preventivo con armi convenzionali contro la Corea del Nord se e quando i responsabili politici saranno convinti che Pyongyang si stia preparando a un test nucleare.

La Corea del Nord risponde a tono: “Siamo pronti alla guerra, se gli Usa lo scelgono”. La Cina – che da lunedì sospenderà i collegamenti di Air China tra Pechino e Pyongyang – chiama alla responsabilità, ‘certificando’ che sì la guerra è adesso possibile in qualsiasi momento. Il Cremlino esprime preoccupazione e invita alla “moderazione”.

E’ questo il clima nell’attesa del preannunciato ‘grande evento’ a Pyongyang in occasione domani del ‘Giorno del Sole’, l’anniversario della nascita del ‘presidente eterno’ Kim il sung, fondatore dello Stato.

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump passa la giornata sul campo da golf a Mar-a-Lago ma segue e monitora gli sviluppi – dice la Casa Bianca – aggiornato da suoi collaboratori. E attende. Forte della sua decisione di aver dispiegato una “armada” in risposta alla minaccia nordcoreana.

Ovvero due cacciatorpedinieri in grado di lanciare missili Tomahawk verso il sito dove sono stati effettuati test nucleari nordcoreani. Bombardieri pesanti B-52 e B-2 Spirith (stealth, invisibili ai radar) nella base aerea di Guam, pronti ad attaccare se necessario. Quindi la portaerei Uss Carl Vinson in avvicinamento.

Un attacco americano potrebbe così comprendere missili e bombe, ma allo stesso tempo anche operazioni speciali e di cyber sul terreno. Trump ha sottolineato proprio in queste ore la sua assoluta fiducia verso i militari, fino ad affermare che hanno la “totale autorizzazione” del commander in chief, come a dire ‘carta bianca’.

A conferma di una svolta del presidente che, a meno di 100 giorni dal suo insediamento, ha virato di 180 gradi rispetto a quei commenti poco lusinghieri verso i generali che andava ripetendo nei comizi della campagna elettorale.

E la sua prima settimana da commander in chief risulta particolarmente intensa: l’attacco alla Siria prima, con il lancio di 59 missili Tomahawk come rappresaglia per il raid con armi chimiche sulla regione di Idlib di pochi giorni prima, attribuito ad Assad. Poi ieri la decisione di sganciare sull’Afghanistan orientale contro i tunnel utilizzati dai miliziani dell’Isis la ‘madre di tutte le bombe’, l’ordigno piu’ potente dopo l’atomica a disposizione degli Stati Uniti. Pensato come deterrente contro Saddam Hussein in Iraq, era rimasto inutilizzato dalla sua elaborazione nei primi anni 2000.

Così la tattica si fa strategia e l’azione si fa messaggio: Trump non intende tirarsi indietro là dove la sicurezza degli Stati Uniti è minacciata. Il messaggio è’ al mondo, a Pyongyang, ma soprattutto all’America che si trova di fronte adesso ad una presidenza che si va facendo più ‘leggibile’, più ‘convenzionale’.

Non manca il paragone, che qualcuno tra gli osservatori fa virare addirittura verso Hillary Clinton, con le aspettative in politica estera che erano più per la presidente mancata che per il tycoon anti establishment. E’ stato lui, Trump, a creare il “circolo vizioso” accusa Pyongyang: in una intervista all’Associated Press il viceministro degli Esteri nordcoreano Han Ryol ha scandito che che di fronte a un attacco preventivo americano Pyongyang “non terrà le braccia incrociate” e che il prossimo test nucleare sarà condotto quando il quartier generale supremo nordcoreano lo riterrà più opportuno.

La Corea del Nord andrà in guerra se gli Stati Uniti “lo sceglieranno”, ha aggiunto, puntando il dito contro le “manovre militari spericolate” degli Usa e avvertendo: la Corea del Nord “ha un potente deterrente nucleare”. “Trump provoca in continuazione con le sue frasi aggressive. Non è la Repubblica popolare democratica di Corea ma gli Usa e Trump che creano guai”.

Il presidente Trump aveva nei giorni scorsi twittato che la Corea del Nord “è in cerca di guai”, ricordando inoltre il ruolo centrale della Cina: se non ci aiutano, aveva intimato il presidente, “faremo da soli”.

Pechino risponde invitando ad essere vigili (o prudenti): “Sì, la sensazione è che il conflitto potrebbe scoppiare da un momento all’altro – ha detto il ministro degli Esteri cinese, Wang Yi, stando alla Bbc – Tutte le parti interessate mantengano alta la vigilanza”.

(di Anna Lisa Rapanà/ANSA) –

Ultima ora

12:13Yemen: tv, 35 uccisi in raid coalizione saudita

(ANSA) - BEIRUT, 23 AGO - Almeno 35 persone sono state uccise in un raid aereo della coalizione araba a guida saudita in Yemen, vicino alla capitale Sanaa. Lo riferisce la televisione panaraba Al Jazira, aggiungendo che secondo le prime notizie la maggior parte delle vittime sarebbero civili. Apparentemente il bombardamento aveva come obiettivo un campo militare dei ribelli sciiti Houthi vicino alla capitale.

12:08Marina Usa rimuoverà comandante 7/a Flotta dopo collisione

(ANSA) - WASHINGTON, 23 AGO - La marina militare americana intende rimuovere l'ammiraglio a capo della Settima flotta di base in Giappone dopo quattro episodi quest'anno - tra cui l'ultima collisione di una nave Usa con una petroliera - che hanno imbarazzato Washington e in cui militari hanno perso la vita. Lo scrive il Washington Post citando fonti ufficiali Usa. La comunicazione ufficiale per il vice ammiraglio Joseph P. Aucoin arriverà mercoledì, stando alle stesse fonti.

11:51Isis: capo Pentagono Mattis in Turchia, vedrà Erdogan

(ANSA) - ANKARA, 23 AGO - Il segretario alla Difesa Usa, James Mattis, sarà oggi in Turchia per colloqui centrati sulla lotta all'Isis. Il capo del Pentagono, in arrivo da Baghdad, vedrà il presidente turco, Recep Tayyip Erdogan, nel suo palazzo di Ankara. In agenda c'è anche il referendum del 25 settembre prossimo sull'indipendenza del Kurdistan iracheno, criticato sia dalla Turchia che dagli Stati Uniti. Sempre oggi, il ministro degli Esteri turco, Mevlut Cavusoglu, sarà in visita in Iraq, dove incontrerà a Baghdad il premier, Haider al Abadi, prima di recarsi a Erbil per un faccia a faccia con il presidente della regione autonoma del Kurdistan iracheno, Masoud Barzani.

11:41Usa: Charlottesville decide di coprire statue confederati

(ANSA) - CHARLOTTESVILLE (USA), 23 AGO - Il Consiglio comunale di Charlottesville, in Virginia, ha votato un provvedimento per coprire con teli neri le statue di due personaggi confederati, sull'onda di una protesta che è arrivata fin dentro all'assemblea, sul modo in cui il comune ha reagito alla manifestazione dell'estrema destra suprematista e agli scontri che ne sono seguiti. Una protesta che ha obbligato il Consiglio ha cambiare il suo ordine del giorno. I drappi neri intendono essere anche un segno di lutto per la morte della manifestante antifascista Heather Heyer, travolta dall'auto di un giovane simpatizzante neonazista. I manifestanti di estrema destra si erano riuniti nella cittadina della Virginia per l'iniziativa 'Unite the Right' (Uniamo la destra) con il pretesto di opporsi all'ipotizzata rimozione delle statue dei confederati, fra cui quella del generale Robert E. Lee.

11:37Barcellona: Belgio chiese a Spagna dati su Imam Satty

(ANSA) - ROMA, 23 AGO - All'inizio del 2016, la polizia belga e le autorità di Vilvoorde, cittadina a due passi da Bruxelles, chiesero alla Spagna informazioni riguardo a possibili collegamenti con il terrorismo su Abdelbaki es Satty, che voleva installarsi come Imam nel comune fiammingo, allora un focolaio dell'islamismo radicale. Mentre emerge anche sulla stampa belga che aveva un biglietto aereo per Bruxelles . Es Satty, l'imam di Ripoll morto ad Alcanar nell'esplosione che ha distrutto la casa in cui i terroristi della Rambla e di Cambrils avevano stoccato oltre 120 bombole a gas, ed era l'ideologo della cellula catalana vicina all'Isis ora smantellata. Il biglietto è stato trovato fra i ruderi della casa. Aveva soggiornato per 3 mesi a Volvoorde, alla periferia della capitale belga, tra gli attentati di Parigi e Bruxelles, da gennaio a marzo 2016. Ha frequentato la moschea Youssef di Diegem, dalla quale fu però allontanato in quanto non aveva il necessario certificato di buona condotta.

11:31Incendio divora Parco Ulivi di Venafro, forse doloso

(ANSA) - ISERNIA, 23 ago - Il Parco degli Ulivi di Venafro (Isernia) rischia di essere interamente distrutto da un grosso incendio che nella notte ha già divorato 50 ettari di colture secolari di olivo. "La situazione è drammatica - dichiara il sindaco Antonio Sorbo - l'area è quella protetta di Monte Corno e gli incendi sono due: uno in Località Le Noci, dove ci sono gli Ulivi, e l'altro a Valle Cupa, dove ci sono le abitazioni". Sul posto stanno operando da ore i Vigili del Fuoco, gli operai della Regione Molise e la Protezione Civile. Le fiamme hanno divorato anche un mezzo dei vigili del fuoco, mentre il canadair arrivato questa mattina ha avuto un guasto. Avvicinarsi da terra alla zona interessata dai roghi è molto difficile perché è disseminata di ordigni inesplosi della Seconda Guerra Mondiale. L'incendio potrebbe essere di natura dolosa.

11:30Bomba Grande Guerra recuperata su Marmolada e neutralizzata

(ANSA) - TRENTO, 23 AGO - Gli artificieri del 2/o reggimento genio guastatori alpini di Trento hanno neutralizzato sulla Marmolada un proiettile d'artiglieria da 210 mm, risalente alla prima guerra mondiale, trovato a Ferragosto a seguito dello scioglimento del ghiacciaio. La massiccia presenza di turisti in questo periodo ha indotto le autorità all'immediata attivazione delle procedure di bonifica, per ripristinare ed assicurare l'incolumità pubblica nei pressi del Rifugio Capanna, nel comprensorio della Marmolada che fa parte del comune di Canazei. Il delicato intervento - coordinato dal Commissariato del governo di Trento, con il controllo del Comando Forze operative nord di Padova e con l'ausilio degli elicotteri dell'Aviazione dell'Esercito appartenenti al 4/o reggimento "Altair" di Bolzano, si è concluso con successo ieri con il trasporto della bomba a valle per la successiva neutralizzazione.

Archivio Ultima ora