“In Siria Trump cerca il caos, e l’Europa lo subisce”

Pubblicato il 14 aprile 2017 da ansa

(Ikhbaria TV, via AP)

ROMA. – In Siria Donald Trump “sembra seguire la logica del caos, dividere nemici ed amici, vendere armamenti e rafforzare la posizione egemonica degli Usa”, mentre gli europei non hanno trovato il coraggio di spiegare all’alleato americano “che decisioni così importanti andrebbero per lo meno discusse prima insieme. Anche perché le conseguenze dei suoi errori, come le ondate di rifugiati, ricadono più su di loro”.

Alberto Bradanini, ex ambasciatore d’Italia a Teheran e Pechino, guarda così alle prove muscolari del nuovo presidente Usa. Sulla crisi siriana Washington “più che assumere iniziative illegittime come il bombardamento di uno Stato sovrano violando le leggi internazionali e nazionali – osserva Bradanini parlando con l’ANSA – potrebbe favorire un ampio schieramento contro l’Isis e lavorare insieme a Mosca per una futura uscita di Assad con un salvacondotto, per lasciare il posto ad un governo di coalizione garantito da Russia e Stati Uniti”, soluzione che “salvaguarderebbe l’integrità della Siria”.

In Siria è in gioco anche l’Iran, riconosciuto come il grande rivale dell’Arabia Saudita. Ma è davvero così potente?

“L’Iran, direbbe Mao, è una ‘tigre di carta’, e la sua forza militare è soprattutto interna”, risponde l’ex ambasciatore, a Teheran dal 2008 al 2013. “Le forze di proiezione militare esterna sono invece piuttosto scarse: nella graduatoria delle spese militari dello Stockholm International Peace Research Institute del 2015 si situa al 22/o posto con poco più di 10 miliardi di dollari, contro gli 87,2 dell’Arabia Saudita, i 16 di Israele, i 22,2 degli Emirati Arabi Uniti”.

Inoltre le armi, causa le sanzioni americane, sono “generalmente antiquate”, e gli uomini migliori impegnati “contro l’Isis in Siria e Iraq”. C’è dunque da chiedersi, sottolinea, “per quale ragione è stata accreditata l’immagine di un Iran bellicoso, irrazionale e pericoloso per la pace in Medio Oriente, quando le ragioni e gli attori delle guerre degli ultimi due decenni vanno cercati altrove”.

E certe posture radicali contro Usa e Israele, rimarca, non necessariamente comportano “scelte irrazionali”.

“La costruzione dell’Iran, che pure viola pesantemente i diritti umani contro il suo popolo come emblema del nemico – aggiunge – è però servita agli americani per giustificare altro, a partire dalla vendita di armamenti” nella regione, “e ad Israele per non affrontare la questione palestinese”.

In questo quadro, come si deve considerare la candidatura a sorpresa dell’ex presidente Mahmoud Ahmadinejad, noto per le sue posizioni provocatorie e radicali?

“Il gioco delle candidature è sempre imprevedibile in Iran, dove il potere è piramidale e accentrato nelle mani della Guida Suprema” osserva Bradanini, ricordando che oltre alla ‘resurrezione’ di Ahmadinejad si registra anche la candidatura di Ebrahim Raisi, presidente della potente Bonyad (Fondazione) Astan Quds Razavi di Mashad e fidato amico della Guida Suprema.

“Va tenuto presente tuttavia che la dirigenza iraniana ha interesse a mostrare al mondo che nel Paese esiste una genuina dialettica politica, seppure nei limiti costituzionali della Repubblica Islamica. In realtà, la scelta del candidato vincente viene effettuata dall’alto, e più che di una elezione si tratta di una selezione, poi corroborata dal voto popolare, talvolta genuino e talvolta truccato.

E’ verosimile comunque che la scelta di Khamenei sia stata già presa, molti reputano a favore di Rohani, mentre la candidatura di Ahmadinejad servirebbe come spauracchio per i nemici esterni, ma non avrebbe futuro – anche alla luce dei forti dissapori con Khamenei durante la sua presidenza. A meno che non disponga di qualche informazione di ricatto nei riguardi della Guida. Chiunque sia eletto, comunque, il potere sarà sempre saldamente nelle mani del Clero radicale e dei Guardiani della Rivoluzione.

“Quanto al dossier nucleare – prevede infine Bradanini -, nonostante qualche tentazione contraria Teheran rispetterà alla lettera l’Accordo de luglio 2015 con i 5+1, per mostrare al mondo che sono gli Usa a non farlo. Ora le carte sono nelle mani di Trump, e l’Europa conferma anche qui la sua irrilevanza politica”, con “una cessione di sovranità” sostanziale.

(di Luciana Borsatti/ANSAmed)

Ultima ora

12:13Yemen: tv, 35 uccisi in raid coalizione saudita

(ANSA) - BEIRUT, 23 AGO - Almeno 35 persone sono state uccise in un raid aereo della coalizione araba a guida saudita in Yemen, vicino alla capitale Sanaa. Lo riferisce la televisione panaraba Al Jazira, aggiungendo che secondo le prime notizie la maggior parte delle vittime sarebbero civili. Apparentemente il bombardamento aveva come obiettivo un campo militare dei ribelli sciiti Houthi vicino alla capitale.

12:08Marina Usa rimuoverà comandante 7/a Flotta dopo collisione

(ANSA) - WASHINGTON, 23 AGO - La marina militare americana intende rimuovere l'ammiraglio a capo della Settima flotta di base in Giappone dopo quattro episodi quest'anno - tra cui l'ultima collisione di una nave Usa con una petroliera - che hanno imbarazzato Washington e in cui militari hanno perso la vita. Lo scrive il Washington Post citando fonti ufficiali Usa. La comunicazione ufficiale per il vice ammiraglio Joseph P. Aucoin arriverà mercoledì, stando alle stesse fonti.

11:51Isis: capo Pentagono Mattis in Turchia, vedrà Erdogan

(ANSA) - ANKARA, 23 AGO - Il segretario alla Difesa Usa, James Mattis, sarà oggi in Turchia per colloqui centrati sulla lotta all'Isis. Il capo del Pentagono, in arrivo da Baghdad, vedrà il presidente turco, Recep Tayyip Erdogan, nel suo palazzo di Ankara. In agenda c'è anche il referendum del 25 settembre prossimo sull'indipendenza del Kurdistan iracheno, criticato sia dalla Turchia che dagli Stati Uniti. Sempre oggi, il ministro degli Esteri turco, Mevlut Cavusoglu, sarà in visita in Iraq, dove incontrerà a Baghdad il premier, Haider al Abadi, prima di recarsi a Erbil per un faccia a faccia con il presidente della regione autonoma del Kurdistan iracheno, Masoud Barzani.

11:41Usa: Charlottesville decide di coprire statue confederati

(ANSA) - CHARLOTTESVILLE (USA), 23 AGO - Il Consiglio comunale di Charlottesville, in Virginia, ha votato un provvedimento per coprire con teli neri le statue di due personaggi confederati, sull'onda di una protesta che è arrivata fin dentro all'assemblea, sul modo in cui il comune ha reagito alla manifestazione dell'estrema destra suprematista e agli scontri che ne sono seguiti. Una protesta che ha obbligato il Consiglio ha cambiare il suo ordine del giorno. I drappi neri intendono essere anche un segno di lutto per la morte della manifestante antifascista Heather Heyer, travolta dall'auto di un giovane simpatizzante neonazista. I manifestanti di estrema destra si erano riuniti nella cittadina della Virginia per l'iniziativa 'Unite the Right' (Uniamo la destra) con il pretesto di opporsi all'ipotizzata rimozione delle statue dei confederati, fra cui quella del generale Robert E. Lee.

11:37Barcellona: Belgio chiese a Spagna dati su Imam Satty

(ANSA) - ROMA, 23 AGO - All'inizio del 2016, la polizia belga e le autorità di Vilvoorde, cittadina a due passi da Bruxelles, chiesero alla Spagna informazioni riguardo a possibili collegamenti con il terrorismo su Abdelbaki es Satty, che voleva installarsi come Imam nel comune fiammingo, allora un focolaio dell'islamismo radicale. Mentre emerge anche sulla stampa belga che aveva un biglietto aereo per Bruxelles . Es Satty, l'imam di Ripoll morto ad Alcanar nell'esplosione che ha distrutto la casa in cui i terroristi della Rambla e di Cambrils avevano stoccato oltre 120 bombole a gas, ed era l'ideologo della cellula catalana vicina all'Isis ora smantellata. Il biglietto è stato trovato fra i ruderi della casa. Aveva soggiornato per 3 mesi a Volvoorde, alla periferia della capitale belga, tra gli attentati di Parigi e Bruxelles, da gennaio a marzo 2016. Ha frequentato la moschea Youssef di Diegem, dalla quale fu però allontanato in quanto non aveva il necessario certificato di buona condotta.

11:31Incendio divora Parco Ulivi di Venafro, forse doloso

(ANSA) - ISERNIA, 23 ago - Il Parco degli Ulivi di Venafro (Isernia) rischia di essere interamente distrutto da un grosso incendio che nella notte ha già divorato 50 ettari di colture secolari di olivo. "La situazione è drammatica - dichiara il sindaco Antonio Sorbo - l'area è quella protetta di Monte Corno e gli incendi sono due: uno in Località Le Noci, dove ci sono gli Ulivi, e l'altro a Valle Cupa, dove ci sono le abitazioni". Sul posto stanno operando da ore i Vigili del Fuoco, gli operai della Regione Molise e la Protezione Civile. Le fiamme hanno divorato anche un mezzo dei vigili del fuoco, mentre il canadair arrivato questa mattina ha avuto un guasto. Avvicinarsi da terra alla zona interessata dai roghi è molto difficile perché è disseminata di ordigni inesplosi della Seconda Guerra Mondiale. L'incendio potrebbe essere di natura dolosa.

11:30Bomba Grande Guerra recuperata su Marmolada e neutralizzata

(ANSA) - TRENTO, 23 AGO - Gli artificieri del 2/o reggimento genio guastatori alpini di Trento hanno neutralizzato sulla Marmolada un proiettile d'artiglieria da 210 mm, risalente alla prima guerra mondiale, trovato a Ferragosto a seguito dello scioglimento del ghiacciaio. La massiccia presenza di turisti in questo periodo ha indotto le autorità all'immediata attivazione delle procedure di bonifica, per ripristinare ed assicurare l'incolumità pubblica nei pressi del Rifugio Capanna, nel comprensorio della Marmolada che fa parte del comune di Canazei. Il delicato intervento - coordinato dal Commissariato del governo di Trento, con il controllo del Comando Forze operative nord di Padova e con l'ausilio degli elicotteri dell'Aviazione dell'Esercito appartenenti al 4/o reggimento "Altair" di Bolzano, si è concluso con successo ieri con il trasporto della bomba a valle per la successiva neutralizzazione.

Archivio Ultima ora