“In Siria Trump cerca il caos, e l’Europa lo subisce”

Pubblicato il 14 aprile 2017 da ansa

(Ikhbaria TV, via AP)

ROMA. – In Siria Donald Trump “sembra seguire la logica del caos, dividere nemici ed amici, vendere armamenti e rafforzare la posizione egemonica degli Usa”, mentre gli europei non hanno trovato il coraggio di spiegare all’alleato americano “che decisioni così importanti andrebbero per lo meno discusse prima insieme. Anche perché le conseguenze dei suoi errori, come le ondate di rifugiati, ricadono più su di loro”.

Alberto Bradanini, ex ambasciatore d’Italia a Teheran e Pechino, guarda così alle prove muscolari del nuovo presidente Usa. Sulla crisi siriana Washington “più che assumere iniziative illegittime come il bombardamento di uno Stato sovrano violando le leggi internazionali e nazionali – osserva Bradanini parlando con l’ANSA – potrebbe favorire un ampio schieramento contro l’Isis e lavorare insieme a Mosca per una futura uscita di Assad con un salvacondotto, per lasciare il posto ad un governo di coalizione garantito da Russia e Stati Uniti”, soluzione che “salvaguarderebbe l’integrità della Siria”.

In Siria è in gioco anche l’Iran, riconosciuto come il grande rivale dell’Arabia Saudita. Ma è davvero così potente?

“L’Iran, direbbe Mao, è una ‘tigre di carta’, e la sua forza militare è soprattutto interna”, risponde l’ex ambasciatore, a Teheran dal 2008 al 2013. “Le forze di proiezione militare esterna sono invece piuttosto scarse: nella graduatoria delle spese militari dello Stockholm International Peace Research Institute del 2015 si situa al 22/o posto con poco più di 10 miliardi di dollari, contro gli 87,2 dell’Arabia Saudita, i 16 di Israele, i 22,2 degli Emirati Arabi Uniti”.

Inoltre le armi, causa le sanzioni americane, sono “generalmente antiquate”, e gli uomini migliori impegnati “contro l’Isis in Siria e Iraq”. C’è dunque da chiedersi, sottolinea, “per quale ragione è stata accreditata l’immagine di un Iran bellicoso, irrazionale e pericoloso per la pace in Medio Oriente, quando le ragioni e gli attori delle guerre degli ultimi due decenni vanno cercati altrove”.

E certe posture radicali contro Usa e Israele, rimarca, non necessariamente comportano “scelte irrazionali”.

“La costruzione dell’Iran, che pure viola pesantemente i diritti umani contro il suo popolo come emblema del nemico – aggiunge – è però servita agli americani per giustificare altro, a partire dalla vendita di armamenti” nella regione, “e ad Israele per non affrontare la questione palestinese”.

In questo quadro, come si deve considerare la candidatura a sorpresa dell’ex presidente Mahmoud Ahmadinejad, noto per le sue posizioni provocatorie e radicali?

“Il gioco delle candidature è sempre imprevedibile in Iran, dove il potere è piramidale e accentrato nelle mani della Guida Suprema” osserva Bradanini, ricordando che oltre alla ‘resurrezione’ di Ahmadinejad si registra anche la candidatura di Ebrahim Raisi, presidente della potente Bonyad (Fondazione) Astan Quds Razavi di Mashad e fidato amico della Guida Suprema.

“Va tenuto presente tuttavia che la dirigenza iraniana ha interesse a mostrare al mondo che nel Paese esiste una genuina dialettica politica, seppure nei limiti costituzionali della Repubblica Islamica. In realtà, la scelta del candidato vincente viene effettuata dall’alto, e più che di una elezione si tratta di una selezione, poi corroborata dal voto popolare, talvolta genuino e talvolta truccato.

E’ verosimile comunque che la scelta di Khamenei sia stata già presa, molti reputano a favore di Rohani, mentre la candidatura di Ahmadinejad servirebbe come spauracchio per i nemici esterni, ma non avrebbe futuro – anche alla luce dei forti dissapori con Khamenei durante la sua presidenza. A meno che non disponga di qualche informazione di ricatto nei riguardi della Guida. Chiunque sia eletto, comunque, il potere sarà sempre saldamente nelle mani del Clero radicale e dei Guardiani della Rivoluzione.

“Quanto al dossier nucleare – prevede infine Bradanini -, nonostante qualche tentazione contraria Teheran rispetterà alla lettera l’Accordo de luglio 2015 con i 5+1, per mostrare al mondo che sono gli Usa a non farlo. Ora le carte sono nelle mani di Trump, e l’Europa conferma anche qui la sua irrilevanza politica”, con “una cessione di sovranità” sostanziale.

(di Luciana Borsatti/ANSAmed)

Ultima ora

16:45Brasile: Temer revoca decreto uso esercito a Brasilia

(ANSA) - RIO DE JANEIRO, 25 MAG - Passo indietro del presidente del Brasile, Michel Temer, che ieri aveva deciso di mobilitare le forze armate per difendere gli edifici pubblici a Brasilia contro le violenti proteste anti-governative scoppiate nella capitale federale: il decreto con il quale veniva autorizzato l'uso dell'esercito - rende noto Agencia Brasil - è stato revocato oggi dal capo di Stato, dopo le roventi critiche ricevute sia dall'opposizione che dalla maggioranza per la polemica scelta, che ha fatto subito pensare ai tempi della dittatura militare (1964-1985).

16:34Erdogan lascia incontro Tusk-Juncker scuro in volto

(ANSA) - BRUXELLES, 25 MAG - Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan è stato ricevuto all'Europa Building dal presidente del Consiglio europeo, Donald Tusk, e dal presidente della Commissione, Jean Claude Juncker. Al termine dell'incontro, sullo sfondo delle tensioni tra Ue e Turchia, non è stata fatta alcuna dichiarazione, ma il turco ha lasciato l'edificio scuro in volto. Il portavoce della Commissione Margaritis Schinas ha scritto su Twitter che "Ue e Turchia devono lavorare insieme e lo faranno". Ieri Erdogan aveva chiesto all'Ue di prendere una decisione sull'adesione della Turchia all'Ue, che non va trattata come un "mendicante" tenuto sulla porta. Prima di partire per Bruxelles aveva affermato che "l'Ue aspetta che sia la Turchia a ritirarsi". Nell'accordo con la Ue sui migranti è prevista la liberalizzazione dei visti, che è tenuta bloccata perché Amkara non rispetta 7 dei 'benchmark' richiesti dall'Ue, e l'apertura di nuovi capitoli negoziali, che si è allontanata dopo la repressione seguita al fallito golpe luglio.

16:27Calcio: Gattuso, non è passo indietro

(ANSA) - MILANO, 25 MAG - In attesa di firmare il contratto che lo porterà sulla panchina della Primavera del Milan, Gennaro Gattuso parla già con entusiasmo dell'esperienza che gli permetterà di tornare a lavorare in un posto che considera casa sua: "La proposta di allenare la Primavera è arrivata tre settimane fa. Secondo me è la scelta giusta, nessun passo indietro: torno in una società gloriosa che vuole essere di nuovo grande. Allenerò i giovani: spero di trasmettere il senso di appartenenza e farli migliorare. Ascolterò i consigli di Montella: è un tecnico preparatissimo, c'è solo da imparare".

16:26Gentiloni, a G7 Taormina non sarà confronto semplice

(ANSA) - BRUXELLES, 25 MAG - "A Taormina ci sarà un confronto su temi che interessano tutta l'umanità, come i cambiamenti climatici, i commerci, le migrazioni, i rapporti con l'Africa. Non sarà un confronto semplice, ma l'Italia, che ospita il vertice, cercherà di renderlo un confronto utile e capace di far convergere le posizioni": lo ha detto il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni arrivando al vertice Nato a Bruxelles. Gantiloni ha quindi detto che "l'Italia è impegnatissima in Iraq", dove ha la seconda forza militare dopo quella americana, "ma è importante sottolineare che l'impostazione non è solo militare, ma anche politica, coinvolgendo tutte le forze possibili per trovare soluzioni" a sfide come quella del terrorismo. "Il terrorismo si vince sul piano militare ma anche sul paino della cultura", come l'Italia sostiene da sempre, ha detto Gentiloni, che ha sottolineato come a questo fine sia utile l'"unità fra le due sponde dell'Atlantico".

16:22Università: dg Stranieri Perugia nuovo presidente Codau

(ANSA) - PERUGIA, 25 MAG - Il direttore generale dell'Università per Stranieri di Perugia Cristiano Nicoletti è il nuovo presidente del Codau, l'associazione nazionale costituita dai dg di tutti gli atenei italiani. E' stato eletto a Roma, insieme alla giunta, dai direttori generali delle 87 Università chiamate a partecipare al rinnovo delle cariche per il triennio 2017-2020. Per Nicoletti le priorità sono "promuovere una più forte cultura della qualità della didattica e della ricerca, snellire le procedure, incrementare l'internazionalizzazione, instaurare solidi rapporti di collaborazione con organizzazioni nazionali e sovranazionali, per scambi di esperienze e conoscenza per il miglioramento ed il consolidamento dell'integrazione a livello europeo ed extraeurope". "Il Codau - ha aggiunto - punterà a creare le basi per rendere l'università italiana più competitiva sullo scenario internazionale e per accrescere in questo modo la competitività del Paese". "Ma punterà anche - ha sottolineato Nicoletti - a rafforzare gli obiettivi nei rapporti sistematici con Ministeri, enti di ricerca, comitati di settore e altri organismi istituzionali per la promozione di studi congiunti, ricerche e proposte di soluzioni su problematiche attinenti la gestione finanziaria, tecnica e amministrativa delle nostre università". (ANSA).

16:22F1: Gp Monaco, Vettel dominatore del venerdì

(ANSA) - ROMA, 25 MAG - E' Sebastian Vettel il dominatore delle prove libere del venerdì del Gp di Monaco. Il pilota della Ferrari nella seconda sessione ha fermato il cronometro sul tempo di 1'12''759, quasi mezzo secondo migliore di quello realizzato da Daniel Ricciardo con la Red Bull. A confermare le buone sensazioni per il team di Maranello, il terzo tempo realizzato da Kimi Raikkonen (1'13''283). Molto indietro le Mercedes, con Lewis Hamilton che, dopo aver fatto meglio di tutti la mattina, non è andato oltre l'ottavo tempo (1'13''873). Tra Raikkonen ed il campione inglese si sono piazzate le Toro Rosso di Daniil Kvyat (1'13''331) e Carlos Sainz (1'13''400), Max Verstappen (Red Bull, 1'13''486) e Sergio Perez (Force India, 1'13''799). Oltre un secondo di distacco dalla ferrari di Vettel anche per la Mercedes di Valtteri Bottas (1'13''902), solo decimo nel computo dei tempi.

16:18L. elettorale: Pd per breve slittamento voto in commissione

(ANSA) - ROMA, 25 MAG - Il capogruppo del Pd in commissione Affari costituzionali della Camera, Emanuele Fiano, ha chiesto durante l'ufficio di presidenza lo slittamento del voto sugli emendamenti alla legge elettorale da lunedì 29 maggio a mercoledì 31.

Archivio Ultima ora