Barquisimeto, ucciso giovane connazionale durante le proteste

Pubblicato il 14 aprile 2017 da redazione

BARQUISIMETO – Gli hanno sparato a bruciapelo. Era, quindi, inevitabile che la rosa delle pallottole di plastico arrecasse lacerazioni gravi. Quando il giovane italo-venezuelano Gruseny Antonio Canelòn Scirpatempo è arrivato all’Ospedale Universitario Antonio Maria Pineda i medici di turno si rendevano conto immediatamente della gravità delle ferite. Il loro disperato intervento è stato inutile. Dopo 30 ore di agonia e di lotta contro la morte, il connazionale di 32 anni si è arreso. Solo allora, dopo il decesso, gli agenti della Guardia Nazionale, pronti ad intervenire per condurre in carcere il giovane una volta dimesso, si dileguavano nel nulla.
Jesús Guarecuco, presidente della “Sociedad de Mèdicos y Residente del Hcuamp” ha affermato senza mezzi termini che al connazionale è stato sparato da cortissima distanza, tanto che sul corpo era visibile la bruciatura della polvere da sparo. Insomma, chi ha premuto il grilletto lo ha fatto consapevole che non avrebbe permesso ai pallottoloni di plastico di aprirsi a rosa e di perdere potenza.
Mariana Angulo, vicina del giovane connazionale nel quartiere “Tarabana Plaza de Palavecino” narra così quanto avvenuto:
– Quella sera c’era una manifestazione di protesta con molta gente. C’erano bambini, anziani, e donne in cinta. Eravamo in quattro accanto a Tony, seduti proprio di fronte alla casetta di vigilanza privata del quartiere. Dopo un po’ Tony si è alzato. Ed è proprio allora quando è intervenuta con furia la “Guardia”. La gente ha iniziato a correre cercando riparo ma Tony non c’è riuscito.
Non si sa quando tempo sia rimasto il giovane italo-venezolano sul posto prima di essere portato in ospedale, dove è arrivato ancora cosciente. Secondo i medici, comunque, aveva già perso molto sangue. Sottoposto a due interventi chirugici è morto, nonostante le cure dei responsabili dell’Unità di Terapia Intensiva.
“Tony”, come lo chiamavano gli amici, ha perso il padre durante una drammatica rapina avvenuta circa 6 anni fa e in cui i delinquenti sparavano a sangue fredda. Orfano, si era fatto carico della madre, del fratello minore e della sorella.
Nel nostro Club Italo-venezuelano la notizia della morte di “Tony” è stata accolta con grande dolore. Il giovane era noto specialmente nell’ambiente sportivo. Infatti, gli piaceva giocare a pallacanestro, a pallavolo, a pallanuoto ed era amante del nuoto. Tutti lo ricordano come un giovane dal sorriso facile, cortese ed ottimo sportivo. Insomma, un ragazzo in gamba.
Nello Stato Lara, la repressione, come denunciato dal Governatore Henry Falcòn, è stata particolarmente violenta; lo è stata tanto che oltre al giovane italo-venezuelano è morto, presumibilmente a mano delle forze dell’Ordine, un giovane di 14 anni. Questi sarebbe stato raggiunto allo stomaco da un colpo di arma da fuoco che, stando ad alcune testimonianze, sarebbe stato sparato da un agente della Guardia Nazionale. Un gruppo di motociclisti, invece, avrebe sparato su alcuni manifestanti e colpito Miguel Angel Colmenarez, di 36 anni. Secondo le testimonianze, estraneo alle proteste.
Il deputato Alfonso Marquina ha assicurato che i morti a Barquisimeto sarebbe quattro. L’ultimo, Yey Amaro, di 37 anni, agente della Polizia di Lara. Questi sarebbe stato raggiunto da un colpo di pistola sparato da un motociclista mentre cercava di calmare gli animi e di mediare tra polizia e manifestanti.

Ultima ora

12:49Corea Nord, pronti ad attacco contro Usa e Seul

(ANSA) - PECHINO, 25 APR - La Corea del Nord minaccia ancora un attacco senza preavvisi: un editoriale del Rodong Sinmun, in prima pagina, commemora gli 85 anni della nascita delle Forze armate quando "è finita l'era in cui gli Usa costituivano in via unilaterale una minaccia nucleare". Pyongyang possiede ora "la volontà e le capacità di rispondere a ogni tipo di guerra". Se Usa e Corea del Sud continuano "la preparazione incauta di un attacco preventivo", il Nord ne "lancerà uno senza preavvisi per punizione trasformando le loro terre in inferni ardenti".

12:38Sardegna: Doddore Meloni, “il 28 vado in carcere”

(ANSA) - ORISTANO, 25 APR - "Alle 11 di venerdì 28 aprile, giorno di Sa Die de sa Sardigna, mi presenterò davanti al carcere di Massama per cominciare la carcerazione delle condanne già passate in giudicato". E' l'annuncio del leader indipendentista sardo Salvatore "Doddore" Meloni, che spiegherà domani in una conferenza stampa le motivazioni che lo hanno spinto a questa decisione (alle 10,30 davanti al portone d'ingresso dell'ex Casa circondariale di Oristano, costruita sulle rovine di quella che fu la Reggia dei Giudici di Arborea in epoca medievale). Negli ultimi mesi Doddore Meloni, 74 anni di Terralba (Oristano), ha denunciato in diverse occasioni l'accanimento giudiziario che sarebbe stato scatenato nei suoi confronti da parte della magistratura e delle forze dell'ordine, con l'obiettivo di stroncare la sua battaglia politica per l'indipendenza della Sardegna. Il movimento indipendentista Meris in domu nosta (Padroni in casa nostra), di cui è fondatore e presidente, parteciperà alle elezioni comunali di Oristano presentando come candidato a sindaco l'avvocata Cristina Puddu, che è anche la sua legale.(ANSA).

12:35Quindicenne tenta rapina a Taranto, bloccato da passanti

(ANSA) - TARANTO, 25 APR - Un ragazzino di poco più di 15 anni, armato di pistola e con il volto coperto, ieri sera ha tentato di compiere una rapina in una tabaccheria di via Oberdan a Taranto. Il minore è stato però affrontato all'esterno da alcuni passanti che lo hanno circondato e disarmato, bloccandolo nonostante il suo vano tentativo di divincolarsi e darsi alla fuga. Poco dopo sono giunti sul posto i poliziotti della sezione Falchi, che hanno preso in consegna il baby-rapinatore e hanno recuperato e sequestrato l'arma, risultata essere una pistola-giocattolo priva del tappo rosso, e una calza di colore grigio. Il 15enne è stato condotto negli uffici della Questura e dopo le formalità di rito, su disposizione dell'autorità giudiziaria, accompagnato al suo domicilio e affidato ai genitori in regime cautelare della permanenza in casa.

12:19‘Ultimatum’ Netanyahu a ministro tedesco

(ANSA) - BERLINO, 25 APR - "Sarebbe deplorevole se si arrivasse a una disdetta dei colloqui". E' quanto detto il ministro degli Esteri tedesco Sigmar Gabriel, replicando con la ZDF alla richiesta del premier israeliano Benyamin Netanyahu di cancellare l'incontro con le ong pacifiste Breaking the silence' e 'B'Tselem' programmato oggi. Il premier, gli ha dato un ultimatum, "scelga fra me e loro". "Non me lo so quasi immaginare, perché sarebbe davvero deplorevole", ha insistito sostenendo che è "assolutamente normale che si incontrino anche dei rappresentanti della società civile" nelle visite all'estero. Se però davvero la bilaterale dovesse saltare, "non sarebbe una catastrofe", questo non altererebbe le relazioni fra i due paesi, ha assicurato Gabriel: "Il mio rapporto con Israele non cambia". L''ultimatum' è stato criticato dal capo dell'opposizione israeliana Isaac Herzog.

12:17Terremoto: mosaico polaroid per Basilica Tolentino

(ANSA) - MACERATA, 25 APR - Tempo di esposizione 1 minuto e mezzo, 2 minuti per lo sviluppo, qualche ora per l'asciugatura. Risultato finale, un'istantanea polaroid di grandi dimensioni che testimonia le ferite del sisma all'interno del complesso monumentale della Basilica di San Nicola di Tolentino. Firma la testimonianza il fotografo Maurizio Galimberti, che, su invito del mecenate Alberto Marcelletti, ha contribuito al progetto 'San Nicola reMade' utilizzando uno dei pochissimi esemplari di giant polaroid, capaci di scattare fotografie istantanee 50x60 cm. Galimberti dopo aver scattato oltre 9.000 istantanee per raccontare in un mosaico assolutamente unico lo splendore artistico e spirituale del Cappellone e del complesso monumentale della Basilica, ha utilizzato una polaroid di grandi dimensioni, già adoperata tra gli altri da Andy Warhol e Karl Lagerfield, per scattare alcune foto, praticamente pezzi unici, con l'intento di sensibilizzare l'opinione pubblica sui danni procurati dal terremoto e favorire l'inizio dei restauri.

12:05Terrorismo: Minniti, dare risposta all’imprevedibile

(ANSA) - PESCARA, 25 APR - La risposta alla minaccia del terrorismo "deve essere all'altezza di prevedere l' imprevedibile". Così il ministro dell'Interno, Marco Minniti, a Pescara, in un incontro organizzato con i sindaci abruzzesi. "Comprendiamo - afferma Minniti - che abbiamo una minaccia mortale come quella del terrorismo e che tuttavia ha via via sviluppato metodiche di attacco che prevedono una capacità di previsione che è molto vicina allo zero". Ma "una democrazia impaurita è una democrazia più debole e più esposta".

11:54Russia-Giappone: colloqui Putin-Abe il 27 aprile

(ANSA) - MOSCA, 25 APR - Il presidente russo Vladimir Putin avrà colloqui con il primo ministro giapponese Shinzo Abe il 27 aprile. Così il Cremlino in una nota. "Le parti discuteranno l'attuazione degli accordi raggiunti durante la visita del presidente russo in Giappone lo scorso dicembre", recita la nota ripresa dalla Tass. Inoltre i due leader scambiano opinioni sullo stato attuale delle relazioni bilaterali e sulle prospettive di cooperazione politica, economica e umanitaria.

Archivio Ultima ora