Barquisimeto, ucciso giovane connazionale durante le proteste

Pubblicato il 14 aprile 2017 da redazione

BARQUISIMETO – Gli hanno sparato a bruciapelo. Era, quindi, inevitabile che la rosa delle pallottole di plastico arrecasse lacerazioni gravi. Quando il giovane italo-venezuelano Gruseny Antonio Canelòn Scirpatempo è arrivato all’Ospedale Universitario Antonio Maria Pineda i medici di turno si rendevano conto immediatamente della gravità delle ferite. Il loro disperato intervento è stato inutile. Dopo 30 ore di agonia e di lotta contro la morte, il connazionale di 32 anni si è arreso. Solo allora, dopo il decesso, gli agenti della Guardia Nazionale, pronti ad intervenire per condurre in carcere il giovane una volta dimesso, si dileguavano nel nulla.
Jesús Guarecuco, presidente della “Sociedad de Mèdicos y Residente del Hcuamp” ha affermato senza mezzi termini che al connazionale è stato sparato da cortissima distanza, tanto che sul corpo era visibile la bruciatura della polvere da sparo. Insomma, chi ha premuto il grilletto lo ha fatto consapevole che non avrebbe permesso ai pallottoloni di plastico di aprirsi a rosa e di perdere potenza.
Mariana Angulo, vicina del giovane connazionale nel quartiere “Tarabana Plaza de Palavecino” narra così quanto avvenuto:
– Quella sera c’era una manifestazione di protesta con molta gente. C’erano bambini, anziani, e donne in cinta. Eravamo in quattro accanto a Tony, seduti proprio di fronte alla casetta di vigilanza privata del quartiere. Dopo un po’ Tony si è alzato. Ed è proprio allora quando è intervenuta con furia la “Guardia”. La gente ha iniziato a correre cercando riparo ma Tony non c’è riuscito.
Non si sa quando tempo sia rimasto il giovane italo-venezolano sul posto prima di essere portato in ospedale, dove è arrivato ancora cosciente. Secondo i medici, comunque, aveva già perso molto sangue. Sottoposto a due interventi chirugici è morto, nonostante le cure dei responsabili dell’Unità di Terapia Intensiva.
“Tony”, come lo chiamavano gli amici, ha perso il padre durante una drammatica rapina avvenuta circa 6 anni fa e in cui i delinquenti sparavano a sangue fredda. Orfano, si era fatto carico della madre, del fratello minore e della sorella.
Nel nostro Club Italo-venezuelano la notizia della morte di “Tony” è stata accolta con grande dolore. Il giovane era noto specialmente nell’ambiente sportivo. Infatti, gli piaceva giocare a pallacanestro, a pallavolo, a pallanuoto ed era amante del nuoto. Tutti lo ricordano come un giovane dal sorriso facile, cortese ed ottimo sportivo. Insomma, un ragazzo in gamba.
Nello Stato Lara, la repressione, come denunciato dal Governatore Henry Falcòn, è stata particolarmente violenta; lo è stata tanto che oltre al giovane italo-venezuelano è morto, presumibilmente a mano delle forze dell’Ordine, un giovane di 14 anni. Questi sarebbe stato raggiunto allo stomaco da un colpo di arma da fuoco che, stando ad alcune testimonianze, sarebbe stato sparato da un agente della Guardia Nazionale. Un gruppo di motociclisti, invece, avrebe sparato su alcuni manifestanti e colpito Miguel Angel Colmenarez, di 36 anni. Secondo le testimonianze, estraneo alle proteste.
Il deputato Alfonso Marquina ha assicurato che i morti a Barquisimeto sarebbe quattro. L’ultimo, Yey Amaro, di 37 anni, agente della Polizia di Lara. Questi sarebbe stato raggiunto da un colpo di pistola sparato da un motociclista mentre cercava di calmare gli animi e di mediare tra polizia e manifestanti.

Ultima ora

16:29Londra, la fuga di gas per rottura tubo

(ANSA) - LONDRA, 23 GEN - E' stata identificata la rottura di una tubatura che oggi ha provocato una fuga di gas a Londra con conseguente evacuazione di circa 1450 persone dalla zona attorno a Charing Cross, nel centro della capitale britannica. Lo riferiscono i vigili del fuoco, che sono in queste ore al lavoro con i tecnici per cercare di riparare il guasto "quanto prima possibile". Al momento non sono segnalati timori per la salute pubblica, al di là dell'odore e della presenza di gas nell'aria nella zona attualmente cordonata dalla polizia, che si estende fino quasi a Trafalgar Square. Mentre proseguono i disagi e il caos al traffico si ripercuote su diverse aeree della città. Le stazioni di Charing Cross e Waterloo East restano chiuse, i servizi della metropolitana sono dirottati su altre linee. Inoltre, deviazioni e intasamenti si registrano per la circolazione dei bus e delle automobili.

16:21Pence visita Muro Pianto, poggia le mani e infila biglietto

(ANSAmed) - TEL AVIV, 23 GEN - Il vicepresidente Usa Mike Pence ha appena finito la sua visita al Muro del Pianto a Gerusalemme. Copricapo rituale nero in testa, Pence ha letto una breve preghiera dal Libro dei Salmi e poi ha infilato, come vuole la tradizione, un biglietto nelle fessure del Muro appoggiando in raccoglimento le mani alle pietre sacre. Nella visita Pence era accompagnato dal rabbino capo del Muro Shmuel Rabinovicz. Alla moglie di Pence è stata mostrata invece la parte del Muro riservata alle donne.

16:19Hong Kong: nuovo arresto per Gui Minhai, uno dei ‘librai’

(ANSA) - PECHINO, 23 GEN - Gui Minhai, uno dei "librai" di Hong Kong rilasciato a ottobre dalle autorità cinesi dopo due anni di detenzione, è stato nuovamente fermato mentre era diretto sabato a Pechino per sottoporsi a importanti visite mediche, malgrado siano indefinite le ragioni della mossa. Lo ha riferito la figlia Angela parlando con Radio Sweden. Gui, in possesso di passaporto svedese, era tra i 5 "librai" dell'ex colonia britannica misteriosamente spariti a ottobre 2015 ed è stato arrestato mentre era in compagnia di due diplomatici di Stoccolma. L'uomo è affetto da una forma incurabile di sclerosi laterale amiotrofica, nota come morbo di Lou Gehrig. "Dato che è cittadino svedese, voleva trattamenti medici in Svezia o in altre parti d'Europa. Per questo ha coordinato con l'ambasciata svedese il viaggio in treno a Pechino per sabato al fine di poter incontrare un medico svedese fatto arrivare per poterlo visitare", ha aggiunto la figlia.

16:16Italia Team: Coni ufficializza primi 84 azzurri per i Giochi

(ANSA) - ROMA, 23 GEN - La Giunta Nazionale del Coni, che si è riunita oggi a Firenze, ha ufficilaizzato i primi 84 azzurri - sui 121 previsti come numero finale in base alle qualificazioni ottenute - in vista dei Giochi Olimpici Invernali, in programma a PyeongChang dal 9 al 25 febbraio. In particolare è stata definita la rosa degli atleti degli sport del ghiaccio (Fisg), mentre nei prossimi giorni verrà completata la squadra degli invernali (Fisi).

16:15Dramma Cassino, ‘voleva dimostrare innocenza’

(ANSA) - CASSINO (FROSINONE), 23 GEN - "L'avevo sentito l'ultima volta pochi giorni fa, avevamo parlato della eventuale nomina di un consulente di parte in vista dell'imminente incidente probatorio. C'era tutta la volontà di collaborare con la magistratura e di dimostrare la sua innocenza". Lo ha detto l'avvocato Domenico Di Tano, che assisteva il poliziotto della penitenziaria suicidatosi ieri mattina a Roccasecca (Frosinone) dopo le accuse di presunti abusi sessuali nei confronti della figlia 14enne.

16:14Filippine: sale a 56 mila numero persone in fuga da vulcano

(ANSA) - LEGAZPI (FILIPPINE) 23 GEN - Sale ancora, a oltre 56.000 persone, il numero degli evacuati, fuggiti dai villaggi vicino al vulcano Mayon, il più attivo delle Filippine. Quarantasei i campi allestiti per ospitarli. Le ceneri dell'eruzione si sono elevate fino a un'altezza di tre chilometri. Le autorità filippine temono che potrebbe verificarsi una violenta eruzione 'esplosiva' entro breve tempo, poche ore, qualche giorno al massimo.

16:13Calcio:cori a Koulibaly,stop con condizionale curva Atalanta

(ANSA) - ROMA, 23 GEN - Il giudice sportivo ha stabilito una giornata di chiusura con la condizionale per la curva nord 'Pisani' dell'Atalanta, per i cori razzisti indirizzati al difensore del Napoli, Koulibaly, nella partita vinta dai partenopei domenica a pranzo. Il club orobico "disputerà una partita con il settore privo di spettatori - si legge nel comunicato ufficiale della Lega di Serie A -, disponendo che l'esecuzione di tale sanzione sia sospesa per un periodo di un anno con l'avvertenza che, se durante tale periodo sarà commessa analoga violazione, la sospensione sarà revocata e la sanzione sarà aggiunta a quella inflitta per la nuova violazione".

Archivio Ultima ora