Barquisimeto, ucciso giovane connazionale durante le proteste

Pubblicato il 14 aprile 2017 da redazione

BARQUISIMETO – Gli hanno sparato a bruciapelo. Era, quindi, inevitabile che la rosa delle pallottole di plastico arrecasse lacerazioni gravi. Quando il giovane italo-venezuelano Gruseny Antonio Canelòn Scirpatempo è arrivato all’Ospedale Universitario Antonio Maria Pineda i medici di turno si rendevano conto immediatamente della gravità delle ferite. Il loro disperato intervento è stato inutile. Dopo 30 ore di agonia e di lotta contro la morte, il connazionale di 32 anni si è arreso. Solo allora, dopo il decesso, gli agenti della Guardia Nazionale, pronti ad intervenire per condurre in carcere il giovane una volta dimesso, si dileguavano nel nulla.
Jesús Guarecuco, presidente della “Sociedad de Mèdicos y Residente del Hcuamp” ha affermato senza mezzi termini che al connazionale è stato sparato da cortissima distanza, tanto che sul corpo era visibile la bruciatura della polvere da sparo. Insomma, chi ha premuto il grilletto lo ha fatto consapevole che non avrebbe permesso ai pallottoloni di plastico di aprirsi a rosa e di perdere potenza.
Mariana Angulo, vicina del giovane connazionale nel quartiere “Tarabana Plaza de Palavecino” narra così quanto avvenuto:
– Quella sera c’era una manifestazione di protesta con molta gente. C’erano bambini, anziani, e donne in cinta. Eravamo in quattro accanto a Tony, seduti proprio di fronte alla casetta di vigilanza privata del quartiere. Dopo un po’ Tony si è alzato. Ed è proprio allora quando è intervenuta con furia la “Guardia”. La gente ha iniziato a correre cercando riparo ma Tony non c’è riuscito.
Non si sa quando tempo sia rimasto il giovane italo-venezolano sul posto prima di essere portato in ospedale, dove è arrivato ancora cosciente. Secondo i medici, comunque, aveva già perso molto sangue. Sottoposto a due interventi chirugici è morto, nonostante le cure dei responsabili dell’Unità di Terapia Intensiva.
“Tony”, come lo chiamavano gli amici, ha perso il padre durante una drammatica rapina avvenuta circa 6 anni fa e in cui i delinquenti sparavano a sangue fredda. Orfano, si era fatto carico della madre, del fratello minore e della sorella.
Nel nostro Club Italo-venezuelano la notizia della morte di “Tony” è stata accolta con grande dolore. Il giovane era noto specialmente nell’ambiente sportivo. Infatti, gli piaceva giocare a pallacanestro, a pallavolo, a pallanuoto ed era amante del nuoto. Tutti lo ricordano come un giovane dal sorriso facile, cortese ed ottimo sportivo. Insomma, un ragazzo in gamba.
Nello Stato Lara, la repressione, come denunciato dal Governatore Henry Falcòn, è stata particolarmente violenta; lo è stata tanto che oltre al giovane italo-venezuelano è morto, presumibilmente a mano delle forze dell’Ordine, un giovane di 14 anni. Questi sarebbe stato raggiunto allo stomaco da un colpo di arma da fuoco che, stando ad alcune testimonianze, sarebbe stato sparato da un agente della Guardia Nazionale. Un gruppo di motociclisti, invece, avrebe sparato su alcuni manifestanti e colpito Miguel Angel Colmenarez, di 36 anni. Secondo le testimonianze, estraneo alle proteste.
Il deputato Alfonso Marquina ha assicurato che i morti a Barquisimeto sarebbe quattro. L’ultimo, Yey Amaro, di 37 anni, agente della Polizia di Lara. Questi sarebbe stato raggiunto da un colpo di pistola sparato da un motociclista mentre cercava di calmare gli animi e di mediare tra polizia e manifestanti.

Ultima ora

11:22William e Harry, troppo breve ultima telefonata con Diana

(ANSA) - ROMA, 23 LUG - Una telefonata breve, come quella che può esserci tra due adolescenti e una madre in vacanza. Loro volevano giocare con i cugini, non perdere tempo in chiacchiere, lei era in Francia. Ma sarà proprio la brevità della telefonata, quel 31 agosto del 1997, a 'perseguitare' i principi William ed Harry: la loro mamma, la principessa Diana, morì quella stessa notte in un incidente nel tunnel dell'Alma a Parigi. William aveva 15 anni, Harry soltanto 12. Sono proprio i due fratelli a raccontare quel giorno in un documentario di ITV: 'Diana, nostra mamma: la sua vita e la sua eredità', che sarà trasmesso domani, a vent'anni dalla scomparsa della principessa. "Harry ed io avevamo una fretta dannata di salutarla... Se avessi saputo cosa sarebbe successo non sarei stato così indifferente", racconta William. Che aggiunge: "Ma quella telefonata mi si è conficcata in testa, anche in maniera pesante". Harry afferma che quella breve chiacchierata è qualcosa che rimpiangerà per il resto della sua vita.

11:22Calcio: Allegri, “ottimo test, normale essere indietro”

(ANSA) - TORINO, 23 LUG - "È stato un bello show, una partita con giocate tecniche di alto livello. Per noi si è trattato di un ottimo test: non avevamo praticamente fatto neanche un allenamento insieme, quindi è normale che la squadra sia indietro come preparazione, anche se, ci sono state delle buone giocate a livello individuale". Il tecnico della Juventus, Massimiliano Allegri, commenta così, sul sito internet del club, la sconfitta nell'amichevole americana contro il Barcellona. "Ora l'obiettivo - aggiunge il tecnico - è lavorare sia sulla fase offensiva che difensiva, evitare gli infortuni e tornare in Italia in buona condizione per prepararci bene per la Supercoppa e il campionato".

11:21Nuoto: Mondiali, Detti finalista nei 400 col 7/o tempo

(ANSA) - ROMA, 23 LUG - Gabriele Detti si è qualificato per la finale dei 400 stile ai Mondiali di nuoto in corso a Budapest: alla Duna Arena della capitale magiara che apre la settimana dedicata ai campioni della piscina, l'azzurro ha ottenuto il settimo tempo delle batterie di 3'45"72. "Sarà molto dura, saremo tutti motivati e vogliosi. Nuoterò in corsia laterale, magari non mi vede nessuno. Anche alle Olimpiadi di Rio avevo Mack Horton a fianco e mi ha portato fortuna". Horton ha il quarto tempo di 3'45"60. La prima degli azzurri a gareggiare è stata oggi Ilaria Bianchi che si è qualificata alle semifinali dei 100 farfalla con il 9/0 tempo delle batterie di 57"98. "E' sempre difficile nuotare così presto al mattino, ho avuto comunque delle buone sensazioni. C'è tanto da limare ma va bene così".

11:07Calcio: Fassone, Kalinic? No nomi ma Milan farà qualcosa

(ANSA) - MILANO, 23 LUG - Il Milan prosegue la sua caccia a un nuovo attaccante ma Marco Fassone non rivela se sarà Nikola Kalinic, della Fiorentina. "Non faccio più nomi, perché non voglio che qualcuno si risenta. Guai a parlare dei giocatori che sono di altri club - ha frenato l'ad rossonero, tornato in Italia con la squadra dalla tournée in Cina -. Certamente faremo qualcosa, ma con la dovuta calma. Mancano ancora quaranta giorni. La squadra è già molto competitiva così e non abbiamo nessuna fretta di concludere".Intanto Fassone è concentrato sul preliminare di Europa League. "Sono stati dieci giorni importanti e due gare importanti per il mister. Siamo stati tutti assieme e adesso parte la stagione, quella vera, con la partita di giovedì prossimo. Giovedì vedremo se la squadra è pronta".

11:06Calcio: Milan rientrato da Cina, ora testa a Europa League

(ANSA) - MILANO, 23 LUG - Il Milan è rientrato in Italia dalla tournée cinese. Il volo proveniente da Hong Kong con a bordo la squadra di Vincenzo Montella è atterrato poco dopo le 8 all'aeroporto di Malpensa. Giusto il tempo di smaltire il fuso orario nella giornata di riposo prevista oggi, poi domani i rossoneri ricominceranno ad allenarsi per preparare un'altra trasferta. Mercoledì voleranno in Romania per il primo impegno ufficiale della stagione, l'andata del preliminare di Europa League di giovedì contro il Craiova.

11:04Calcio: amichevoli, Juventus ko 1-2 col Barcellona

(ANSA) - ROMA, 23 LUG - La Juventus perde 1-2 col Barcellona, nella prima amichevole dei bianconeri in programma negli Stati Uniti. Doppietta di Neymar nel primo tempo (15' e 26'), poi nella ripresa la rete di Chiellini (63').

10:48Fukushima: ‘Little sunfish’ segnala combustibile radioattivo

(ANSA) - TOKYO, 23 LUG - Per la prima volta dal disastro nucleare di Fukushima, nel marzo del 2011, un robot è riuscito a individuare quello che con ogni probabilità è il combustibile radioattivo depositatosi nel fondo del reattore numero 3, il più danneggiato nell'incidente. Lo ha reso noto la Tokyo Electric Power (Tepco), il gestore dell'impianto di Fukushima Daiichi, spiegando che i tentativi vanno avanti da mercoledì scorso e l'obiettivo è di raggiungere le fondamenta, a una profondità di 6,4 metri. "Crediamo che il combustibile nel contenitore a pressione si sia fuso e abbia causato il cedimento delle strutture sistemate nella parte superiore della struttura", ha detto il portavoce della Tepco, Takahiro Kimoto. L'operazione 'Little Sunfish', il robot a forma di cilindro del diametro di 13 centimetri, è il terzo tentativo di questo tipo. I precedenti erano falliti.

Archivio Ultima ora