Barquisimeto, ucciso giovane connazionale durante le proteste

Pubblicato il 14 aprile 2017 da redazione

BARQUISIMETO – Gli hanno sparato a bruciapelo. Era, quindi, inevitabile che la rosa delle pallottole di plastico arrecasse lacerazioni gravi. Quando il giovane italo-venezuelano Gruseny Antonio Canelòn Scirpatempo è arrivato all’Ospedale Universitario Antonio Maria Pineda i medici di turno si rendevano conto immediatamente della gravità delle ferite. Il loro disperato intervento è stato inutile. Dopo 30 ore di agonia e di lotta contro la morte, il connazionale di 32 anni si è arreso. Solo allora, dopo il decesso, gli agenti della Guardia Nazionale, pronti ad intervenire per condurre in carcere il giovane una volta dimesso, si dileguavano nel nulla.
Jesús Guarecuco, presidente della “Sociedad de Mèdicos y Residente del Hcuamp” ha affermato senza mezzi termini che al connazionale è stato sparato da cortissima distanza, tanto che sul corpo era visibile la bruciatura della polvere da sparo. Insomma, chi ha premuto il grilletto lo ha fatto consapevole che non avrebbe permesso ai pallottoloni di plastico di aprirsi a rosa e di perdere potenza.
Mariana Angulo, vicina del giovane connazionale nel quartiere “Tarabana Plaza de Palavecino” narra così quanto avvenuto:
– Quella sera c’era una manifestazione di protesta con molta gente. C’erano bambini, anziani, e donne in cinta. Eravamo in quattro accanto a Tony, seduti proprio di fronte alla casetta di vigilanza privata del quartiere. Dopo un po’ Tony si è alzato. Ed è proprio allora quando è intervenuta con furia la “Guardia”. La gente ha iniziato a correre cercando riparo ma Tony non c’è riuscito.
Non si sa quando tempo sia rimasto il giovane italo-venezolano sul posto prima di essere portato in ospedale, dove è arrivato ancora cosciente. Secondo i medici, comunque, aveva già perso molto sangue. Sottoposto a due interventi chirugici è morto, nonostante le cure dei responsabili dell’Unità di Terapia Intensiva.
“Tony”, come lo chiamavano gli amici, ha perso il padre durante una drammatica rapina avvenuta circa 6 anni fa e in cui i delinquenti sparavano a sangue fredda. Orfano, si era fatto carico della madre, del fratello minore e della sorella.
Nel nostro Club Italo-venezuelano la notizia della morte di “Tony” è stata accolta con grande dolore. Il giovane era noto specialmente nell’ambiente sportivo. Infatti, gli piaceva giocare a pallacanestro, a pallavolo, a pallanuoto ed era amante del nuoto. Tutti lo ricordano come un giovane dal sorriso facile, cortese ed ottimo sportivo. Insomma, un ragazzo in gamba.
Nello Stato Lara, la repressione, come denunciato dal Governatore Henry Falcòn, è stata particolarmente violenta; lo è stata tanto che oltre al giovane italo-venezuelano è morto, presumibilmente a mano delle forze dell’Ordine, un giovane di 14 anni. Questi sarebbe stato raggiunto allo stomaco da un colpo di arma da fuoco che, stando ad alcune testimonianze, sarebbe stato sparato da un agente della Guardia Nazionale. Un gruppo di motociclisti, invece, avrebe sparato su alcuni manifestanti e colpito Miguel Angel Colmenarez, di 36 anni. Secondo le testimonianze, estraneo alle proteste.
Il deputato Alfonso Marquina ha assicurato che i morti a Barquisimeto sarebbe quattro. L’ultimo, Yey Amaro, di 37 anni, agente della Polizia di Lara. Questi sarebbe stato raggiunto da un colpo di pistola sparato da un motociclista mentre cercava di calmare gli animi e di mediare tra polizia e manifestanti.

Ultima ora

01:30Azzurri:Bonucci,Ventura unico colpevole è brutto e riduttivo

(ANSA) - ROMA, 18 NOV - ''Trovare un unico colpevole nel Ct Ventura è brutto e riduttivo, l'eliminazione arriva non per il Ct in panchina ma perché abbiamo tralasciato i segnali che arrivavano''. Dopo il match con il Napoli, il difensore del Milan e della Nazionale italiana torna sulla mancata qualificazione dell'Italia ai Mondiali. ''Gli altri - afferma Bonucci a Sky - crescono e noi ci affidiamo alla buona sorte. Ancelotti prossimo CT? Per lui parla la carriera, è un grandissimo allenatore, è un vincente ma ci sono altre cose che bisogna decidere prima del commissario tecnico"

01:16Azzurri:Sarri’nessuno ha difeso Ventura e non mi è piaciuto’

(ANSA) - ROMA, 18 NOV - ''Nessuno ha preso le difese di Ventura. Qualcuno avrebbe dovuto farlo. Non ho sentito le parole dell'associazione allenatori e questo mi ha fatto male''. Il tecnico del Napoli Maurizio Sarri prende le difese dell'ex ct della nazionale Giampiero Ventura assediato dai media dopo la mancata qualificazione ai Mondiali. ''Nessuno l'ha difeso e non mi è piaciuta la gogna mediatica a cui è stato sottoposto''. ''Io ct? Più facile - aggiunge Sarri - che io faccia il politico''.

00:41Calcio: Liga, finisce a reti inviolate il derby di Madrid

(ANSA) - ROMA, 18 NOV - Finisce a reti inviolate il derby di Madrid. Nella 12/a giornata della Liga, l'Atletico, prossimo avversario della Roma in Champions League, non va oltre lo 0-0 in casa contro il Real di Cristiano Ronaldo. Ne approfitta il Barcellona che allunga sempre di più in classifica dopo la larga vittoria 3-0 sul campo del Leganes. Ora i blaugrana hanno 7 punti di vantaggio sul Valencia impegnato domani contro l'Espanyol e 10 sulle due squadre di Madrid.

00:40Calcio:Insigne’dispiace molto per Mondiale,ma no polemiche’

(ANSA) - ROMA, 18 NOV - "E' stata una grande vittoria contro una grande come il Milan. Noi ci abbiamo messo grinta e cuore, poi i tifosi ci sono sempre vicino e noi li ringraziamo sempre e cercheremo di non deluderli''. A Premium Sport l'attaccante del Napoli Lorenzo Insigne torna sulla mancata qualificazione al Mondiale: Scudetto possibile? ''Sappiamo che possiamo fare grandi cose quest'anno, stiamo dando il massimo e speriamo che basterà. Il Napoli per dimenticare la panchina in Nazionale? A me è dispiaciuto di più non andare al Mondiale rispetto a non aver giocato. Non voglio fare polemica, ho accettato le scelte del mister. Per il CT quegli erano gli uomini giusti ma io sono stato orgoglioso di far parte di quel gruppo. Dispiace molto, ma ora devo pensare al Napoli".

00:24Basket: Serie A, Cremona-Reggio Emilia 68-71

(ANSA) - CREMONA, 18 NOV - Colpo grosso per Reggio Emilia che in emergenza totale passa al PalaRadi di Cremona contro una Vanoli troppo svagata (71-68). La squadra di Menetti si è affidata al suo giocatore più forte, Amedeo Della Valle, e alla fine ha ragione visto che il numero 8 realizza ben 24 punti. Reggio ha sfruttato una grande difesa, riuscendo a limitare per quasi tutti i 40' il giocatore più pericoloso della Vanoli: Johnson Odom. La gara, nonostante la supremazia di Reggio, si è decisa a pochi secondi dalla fine. Cremona era riuscita a passare in vantaggio ma ha sprecato troppo facendosi riprendere e superare da un canestro di Wright. Sul -1 la palla persa decisiva di Odom con contropiede decisivo di Reggio che ha di fatto chiuso il conto sul 71-68. Migliori marcatori da una parte Della Valle con 24 e dall'altra Sims con 15.

00:13Serie A: il Napoli batte il Milan 2-1

(ANSA) - ROMA, 18 NOV - Il Napoli ha battuto il Milan 2-1 (1-0) al San Paolo nel secondo dei due anticipi della 13/a giornata del campionato di Serie A. Apre le marcature Insigne (gol convalidato dalla Var al 33' pt) e chiude Zielinski al 28' st. Tardivo il gol nel finale di Romagnoli (47' st). Gli azzurri allungano in testa alla classifica a +4 punti dalla Juventus attesa domani a Genova dalla Sampdoria.

00:01Gerry Adams, ‘lascio la guida del Sinn Fein nel 2018’

(ANSA) - ROMA, 18 NOV - Gerry Adams ha annunciato che l'anno prossimo lascerà la guida del Sinn Fein, il partito di riferimento della causa repubblicana nella comunità cattolica dell'Irlanda del Nord, dopo 34 anni di leadership. Adams ha comunicato che non si presenterà alle prossime elezioni parlamentari irlandesi. "La leadership è sapere quando è il momento di cambiare e questo è il momento", ha detto alla riunione del partito a Dublino. La sua decisione era attesa.

Archivio Ultima ora