Studium

Pubblicato il 17 aprile 2017 da Luigi Casale

 

Nella serie di articoli su singole parole e la loro storia, o su fenomeni di fonetica e di morfosintassi, o su concetti e definizioni di semantica, come trasparenza linguistica, scivolamento di significato, denotazione e connotazione, pertinenza lessicale; oppure su problemi di lingua in generale, sebbene visitati solo di passaggio e occasionalmente, il più delle volte ci siamo trovati a confrontare i tratti semantici (cioè: la portata del significato) di parole del lessico latino o greco, base e modello anche per l’italiano, con le corrispondenti parole attualmente in uso per indicare i medesimi referenti, vale a dire le stesse realtà concettuali.

Cosa che abbiamo fatto, in pratica, con agenda, domus, idiotes, negozium, otium, primo pelo, schola, studium, villa, virtus e altre, tutte recuperabili anche tra le righe della trattazione dei soggetti che a causa della loro pregnanza hanno meritato di figurare nella titolazione degli articoli pubblicati.

Sicché ne è nato un confronto chiarificatore di che cosa intendessero gli antichi con quelle parole, dalle quali sono derivate, poi, le parole italiane. E questa comparazione, se attentamente osservata, ci ha fatto capire il senso dell’espressione “ville d’ozio” attribuita ai complessi residenziali dei vari siti archeologici presenti sul territorio di Stabiae (Castellammare di Stabia e circondario). Come pure che cosa debba intendersi esattamente con l’odierna espressione “di primo pelo”. O anche lo stretto rapporto che lega dominus (signore) e domina (signora) a domus (casa), legame per niente evidente nella lingua italiana tra casa e signore, a meno che non si usi la perifrasi “padrone di casa”.

E allora ci siamo detto che quello che i Romani chiamavano otium, meglio lo tradurremmo con la parola “studio”.

Ma la lingua latina aveva anche la parole studium. E allora quale significato essa andava a ricoprire?

Per gli antichi Romani la parola studium significava “amore”, “passione”, “trasporto”, attaccamento per qualche cosa che piace. E qui si pone il problema di come i Romani chiamassero quello che noi oggi indichiamo con la parola “studio”, cioè l’applicazione dello studente a scuola oppure dello studioso nell’ambito delle professioni nobili. E se per gli studiosi può ancora valere la parola studium, per lo studente quale parola latina dobbiamo scegliere?

Ecco, se intendiamo il dovere quotidiano (lezioni e compiti) dei giovani scolari, fatto essenzialmente di simulazioni (esercizi), allora la parola usata dai Romani era ludus (= gioco/esercizio). Ciò che oggi diciamo: la scuola.

E se studium è passione, amore, che cosa indica la parola latina amor?

Amor era l’amore anche presso i Romani; ma, essenzialmente, quello che si ritrova nell’amico o nell’amante/amata.

E scuola?

Schola, è l’adattamento nella lingua latina del termine greco scholè, e significa – nelle due lingue – press’a poco la stessa cosa: “tempo perso o da perdere”. Più esattamente: tempo libero da impegni, tale da potersi trascorrere in compagnia del precettore. Forse, pausa?

Esattamente! Ma pausa dalle altre occupazioni, quelle che ingombrano e che distraggono.

A questo punto, a me imbevuto di troppo latino, sorge spontanea una domanda:

“Che cosa faranno, oggi, i nostri giovani studenti andando a scuola? Ludus, otium, oppure, studium ?”

Presso gli antichi solo chi aveva “tempo libero” poteva continuare a fare scuola.

Luigi Casale

luigicasale
Luigi Casale

Luigi Casale, insegnante in pensione e pubblicista. È nato nel 1943 a Torre Annunziata, alle falde del Vesuvio. Oggi, continuando a mantenere contatti affettivi e culturali con la Campania, vive tra Bressanone (Alto Adige) e Lussemburgo. Durante la sua carriera professionale, ha insegnato nei Licei dell’Alto Adige, nella Scuola Europea di Lussemburgo, e presso il Dipartimento d’italiano dell’Università di Clermont-Ferrand (Francia). Si occupa di didattica delle lingue classiche e di linguistica generale. Nel più ampio quadro delle questioni pedagogiche e sociali, su queste tematiche offrirà la sua collaborazione in questa rubrica.




Ultimi articoli


01 agosto 2017

Legenda o leggenda?



26 luglio 2017

Cultura



03 luglio 2017

Idiota



21 giugno 2017

Auguri



12 giugno 2017

Preparare



02 maggio 2017

Ite Missa Est



25 aprile 2017

Virtù



10 aprile 2017

La scuola



03 aprile 2017

Istruzione, educazione



27 marzo 2017

Amante



14 marzo 2017

“Cicero, pro domo sua”



20 febbraio 2017

Eccetera



13 febbraio 2017

Urbano e villano



23 gennaio 2017

Affatto



09 gennaio 2017

Oratorio



03 gennaio 2017

La Befana



19 dicembre 2016

I pastori



12 dicembre 2016

Tetto, tegola, proteggere



05 dicembre 2016

Marmellata



28 novembre 2016

Erario, fisco e moneta



21 novembre 2016

Primo pelo



14 novembre 2016

Carosello



31 ottobre 2016

Istruzione, educazione



24 ottobre 2016

Ozio e negozio



17 ottobre 2016

Emancipazione



12 settembre 2016

Implicito ed esplicito



22 agosto 2016

Anfiteatro



15 agosto 2016

Teatro



08 agosto 2016

Semplice



01 agosto 2016

Fato



25 luglio 2016

Rex



18 luglio 2016

Giusto