Dopo il lancio fallito, calma surreale a Pyongyang

Pubblicato il 17 aprile 2017 da ansa

FOTO EPA/KCNA EDITORIAL USE ONLY

PYONGYANG. – Il sole primaverile ha illuminato Pyongyang anche domenica: le strade piene di gente, gli addobbi a ricordare il “Giorno del Sole”, la festa appena celebrata per i 105 anni dalla nascita del fondatore Kim Il-sung. Andando in giro la sorpresa è nella quantità di persone e famiglie nei giardini e nei numerosi parchi sparsi per la città, tra picnic, balli e coi più giovani alle prese con lo sport più popolare, la pallavolo. Tornei amatoriali sono diffusi per tutto l’anno quando il meteo lo permette e il tifo, naturalmente, non manca.

Nel giorno di Pasqua a Pyongyang, un passaggio naturale, tra curiosità e diffidenza, è rappresentato dall’affacciarsi nella chiesa cattolica di Jangchan “dedicata a Maria”, nel distretto di Sonkyo. E’ tarda mattinata e il cancello di metallo è aperto. Il primo incontro è con Kim “Francesco” Chol-ung, “presidente” della comunità cattolica.

“Il prete non c’è, ci riuniamo, preghiamo e discutiamo ogni settimana. La messa pasquale l’abbiamo anticipata alle 9 del mattino, peccato siate arrivati ora, c’erano almeno 200 persone”.

La chiesa è ordinata, pulita e illuminata. E’ stata costruita negli Anni ’80, dono “del nostro generale Kim Jong-il (il ‘caro leader’, ndr)”, dice Francesco, indossando un abito stile “Mao” e sul petto l’immancabile spilletta di Kim Il-sung, il “presidente eterno”.

“E’ punto di riferimento dei cattolici in Corea del Nord – aggiunge, quantificandoli in 800 -. Ci sono cappelle nelle città, ma questa è l’unica chiesa. Qui vengono da ogni parte del Paese”, a rimarcare ‘la piena libertà di culto'”.

In sagrestia c’è l’immagine di Papa Francesco. “L’abbiamo qui da prima che si recasse in Corea del Sud nel 2015 – racconta So “Mosè” Chol-su, altra figura attiva della comunità -. Abbiamo apprezzato molto le sue parole e l’appello all’unità della Corea. Ci è stato detto dalla Chiesa sudcoreana (i contatti sono sempre stati tenuti aperti come confermato in passato all’ANSA a Seul, ndr) che sarebbe venuta qui una delegazione. La aspettiamo”.

Il commiato arriva non prima della richiesta (soddisfatta) di una “preghiera comune, a maggior ragione con un italiano”.

Fuori dalla chiesa si alzano le voci da tifo: nel campetto di pallavolo nel parco adiacente c’è una partita in corso. Intorno alla penisola coreana le acque restano agitate, le diplomazie cercano una via d’uscita alla crisi “onorevole per tutti”, ma nella capitale nordcoreana la vita scorre nella sua piena regolarità.

Sul lancio del missile di lunedì (fallito secondo Usa e Corea del Sud) è velleitario trovare conferme. Nei colloqui informali l’indicazione che si ottiene è quella generale sugli sviluppi dei piani nucleari e balistici per “contribuire alla pace non solo della regione, ma del mondo intero”.

La “normalità” non sorprende, è la stessa vissuta dall’ANSA a Pyongyang durante il bombardamento a colpi d’artiglieria dell’ isola sudcoreana di Yeonpyeong del 23 novembre 2010. Fu l’azione militare più grave tra i due Paesi dalla fine della Guerra di Corea: per le strade della capitale quella sera, quando il mondo temeva un nuovo conflitto, risuonarono dagli altoparlanti le musiche rassicuranti a indicare la buonanotte.

(dell’inviato Antonio Fatiguso/ANSA)

Ultima ora

02:41Manchester: esplosione a concerto, forse terrorismo

(ANSA) - LONDRA, 23 MAG - Paura e sangue in Gran Bretagna, nella Manchester Arena, dove una potente esplosione ha causato morti e feriti. L'episodio è trattato dagli inquirenti come un fatto di terrorismo. Alcune testimonianze fanno riferimento ad almeno "20-30 persone" viste a terra. L'episodio, descritto subito dagli investigatori come "un serio incidente", ha tutta l'aria di essere un attacco compiuto con un ordigno, anche se al momento non vi sono conferme. E' avvenuto ieri sera subito dopo la fine di un concerto di Ariana Grande - pop star americana 24enne, rimasta illesa secondo una sua portavoce - e ha scatenato il panico fra la gente. La struttura, la più grande arena indoor d'Europa, con una capienza di oltre 21.000 posti, era affollata soprattutto di giovani e giovanissimi. Immagini registrate da testimoni oculari hanno mostrato scene di terrore, con urla seguite dal fuggi fuggi generale. Mentre la polizia accorreva in forze e così pure i mezzi di soccorso.

01:47Wp, Trump sollecito’ aiuto due capi 007 contro Fbi

(ANSA) - WASHINGTON, 23 MAG - Donald Trump chiese invano lo scorso marzo ai capi di due agenzie di intelligence di negare pubblicamente l'esistenza di qualsiasi prova di collusione tra il suo entourage e i russi per smontare l'inchiesta dell'Fbi. Lo rivela il Wp citando due dirigenti americani attuali e due ex. La richiesta fu rivolta a Daniel Coats, capo della National Intelligence (Dia), e all'ammiraglio Michael S. Rogers, direttore della National Security Agency (Nsa).

01:44Manchester: morti e feriti a concerto

(ANSA) - LONDRA, 22 MAG - Ci sono alcuni morti e feriti a causa dell'incidente avvenuto in serata alla Manchester Arena, dove e' stata udita 'almeno una esplosione' che ha scatenato il panico fra migliaia di persone subito dopo la conclusione di un concerto della cantante americana Ariana Grande. Lo riferisce la polizia della città britannica. Stando alle prime informazioni l'esplosione sarebbe avvenuta nella zona delle biglietterie, subito fuori dall'arena, che può contenere circa 20.000 spettatori.

01:44Svezia: tracce esplosivo in borsa, evacuato scalo

(ANSA) - ROMA, 23 MAG - E' stato evacuato in Svezia l'aeroporto internazionale di Goteborg Landvetter, dopo che in un bagaglio lasciato incustodito sono state rilevate tracce di esplosivo. La borsa abbandonata era nell'area partenze, che è stata subito evacuata, transennata e raggiunta da polizia e artificieri. L'allarme è scattato verso le 21 di ieri. Il bagaglio sospetto è stato trovato vicino a un banco informazioni e dopo che la sicurezza non è riuscita a trovarne il proprietario sono scattati gli accertamenti, dai quali è risultata la presenza di tracce di esplosivo. La polizia svedese afferma che per ora non si può parlare di una situazione di "minaccia effettiva", ma le indagini sono ancora in corso.

23:47Calcio: Quagliarella, a Schick dico di restare alla Samp

(ANSA) - MILANO, 22 MAG - "Consiglio a Schick di restare un altro anno alla Sampdoria per confermare quanto di buono fatto e continuare a crescere. Non ho mai giocato con un calciatore simile". Fabio Quagliarella, vincitore del 22esimo 'Premio Gentleman', suggerisce al suo compagno di aspettare a lasciare Genova, ma concede un indizio sull'altro oggetto del desiderio del mercato, Muriel: "Muriel è nell'età giusta per poter partire se ci sono delle richieste che soddisfano il presidente. Contro l'Udinese non ha fatto una cosa bella, ma si è reso conto dell'errore. Non c'è stato alcuna rissa con Danilo e alla fine ha chiesto scusa". Quagliarella conferma il suo desiderio di restare alla Samp ("ho ancora due anni di contratto") e spende parole al miele per Francesco Totti: "E' una leggenda. Sono orgoglioso si averci giocato contro. Un ragazzo eccezionale, c'e solo da togliersi il cappello. Non mi permetto di dire nulla a Spalletti, ma Totti non va trattato così".

23:44Calcio: Montella, il Milan vuole tenere Donnarumma

(ANSA) - MILANO, 22 MAG - "Il rinnovo di Donnarumma? So che la società sta facendo degli sforzi enormi per riconoscere le grandi qualità di Gigio. Voglio bene come a un figlio a Donnarumma, ma ora deve fare una scelta e capire cosa vuole fare da grande perché é anche diventato maggiorenne. Ma con la massima serenità perché la società sta facendo di tutto per tenerlo". Così Vincenzo Montella a margine del 22esimo Premio Gentleman, parla delle trattative per il rinnovo di Donnarumma, ma non svela nulla su chi sarà il prossimo centravanti del Milan: "Chi sarà il prossimo numero 9 tra Keita, Kalinic e Morata? Forse nessuno dei tre. La maglia numero 9 è di Lapadula e per il momento se la tiene lui".

23:15Calcio: Pescara batte Palermo 2-0

(ANSA) - PESCARA, 22 MAG - Il Pescara ha battuto 2-0 il Palermo nel posticipo della 37/a giornata della serie A di calcio, partita che ha messo di fronte due formazioni già retrocesse. Gli abruzzesi sono passati in vantaggio al 15' con la prima rete in A del croato Robert Muric. Nel finale dell'incontro è giunto il raddoppio siglato dal suo sostituto, il romeno Mitrita. Il Pescara ha così vinto la terza partita in campionato.

Archivio Ultima ora