Guanipa afirmó que el Gobierno tortura a jóvenes para que declaren contra la Oposición

Pubblicato il 17 aprile 2017 da redazione

 

CARACAS­- El diputado a la Asamblea Nacional y secretario general del partido Primero Justicia (PJ), Tomás Guanipa, denunció que militantes de PJ y Voluntad Popular fueron “torturados” por el Servicio Bolivariano de Inteligencia Nacional (Sebin), para involucralos  en hechos delictivos e “incriminarlos”. Esto responde, según dijo, a una nueva estrategia del Gobierno en contra de la Oposición venezolana.

Destacó el caso de los hermanos José y Alejandro Sánchez, integrantes de PJ detenidos el pasado jueves durante las manifestaciones de la Oposición, y aseguró que fueron víctimas de torturas tanto físicas como psicológicas. Aseveró que los hermanos no fueron detenidos sino “secuestrados”.

– Nicolás Maduro incurre permanente en mentiras. Dijo cosas insólitas de los “morochos” Sánchez. No fueron detenidos in fraganti. Es mentira. Ellos estaban entrando en su carro cuando fueron capturados, luego de haber estado en una manifestación recorriendo el oeste de Caracas. Maduro presentó un video, Julio Borges y yo habíamos advertido que lo haría, en el que pusieron a estos muchachos, después de una tortura sicológica sin igual y de haberlos aislado durante 48 horas, a que dijesen que PJ les pagó para realizar actos terroristas,−  precisó Guanipa durante una entrevista a Globovisión este lunes.

Afirmó que esos videos no constituyen ninguna prueba jurídica, ya que son falsos y no estaban presentes en el momento los abogados de los Sánchez. Además, sostuvo, que las grabaciones no fueron realizadas en la Fiscalía como correspondería si fuesen verídicas.

Reveló que actualmente investigan las identificaciones de los funcionarios del Sebin que aplican las torturas para denunciarlos. Enfatizó que la Constitución Nacional y las normas internacionales vigentes rechazan la aplicación de torturas y actos degradantes a los ciudadanos.

Ultima ora

21:50Acquisizione Bari Calcio, Procura Bari indaga per estorsione

(ANSA) - BARI, 19 GEN - La Procura di Bari indaga sull'acquisizione della società Fc Bari 1908 da parte dell'attuale presidente Cosmo Antonio Giancaspro. A quanto si apprende l'inchiesta della Guardia di finanza, coordinata dal pm Bruna Manganelli, è stata aperta circa un anno e mezzo fa sulla base di una denuncia dell'ex presidente del Bari Calcio Gianluca Paparesta. Nel fascicolo il pm ipotizza i reati di estorsione contrattuale e usura. I fatti su cui sono in corso gli accertamenti degli inquirenti baresi risalgono al primo semestre del 2016. Al centro dell'indagine ci sarebbero l'ingresso di Giancaspro in società come socio di minoranza, un accordo sottoscritto fra i due soci per il pagamento di debiti pregressi e la successiva ricapitalizzazione della società calcistica da parte di Giancaspro. Paparesta contesta in sostanza le modalità di trasformazione dei crediti di Giancaspro in capitale sociale. La vicenda fu pubblicamente denunciata dallo stesso Paparesta nel novembre 2016 in una conferenza stampa.

21:38Calcio: Sportiello, Fiorentina si gioca posto in E.League

(ANSA) - FIRENZE, 19 GEN - "Le prime cinque in classifica fanno un campionato a parte. Noi, come Atalanta, Sampdoria, Torino, Milan e mettiamoci anche il Bologna, ci giochiamo un mini-campionato e abbiamo tutte le carte in regola per vincerlo, però sappiamo che lo dobbiamo dimostrare domenica dopo domenica". Per Marco Sportiello, ai microfoni dell'emittente Italia 7, per la Fiorentina domenica inizia un mini-campionato dove in gioco c'è un posto in Europa League. Alla squadra viola manca "una vittoria importante fuori casa, come può esserla quella del Ferraris. Ci manca uno 'strappo' - ha aggiunto Sportiello - perché è vero che nelle ultime otto partite abbiamo fatto belle prestazioni e abbiamo preso pochi gol, ma abbiamo fatto solo due vittorie e sei pareggi".

21:35Trump cerca di evitare lo ‘shutdown’

(ANSA) - WASHINGTON, 19 GEN - La Casa Bianca si sta preparando all'eventualità di uno 'shutdown', vale a dire la chiusura delle attività amministrative, nonostante continui i suoi tentativi per scongiurarlo. La Camera americana ha approvato una proroga a breve della legge di bilancio per evitare dalla mezzanotte di oggi (le sei in Italia) lo shutdown. Le prospettive del voto restano però incerte al Senato, dove i repubblicani hanno solo 51 voti dei 60 necessari e i democratici sono sulle barricate perché non è stato raggiunto un accordo né sui cosiddetti 'dreamers' né sul programma che garantisce la copertura sanitaria di nove milioni di bambini. Donald Trump ha telefonato al leader dem al Senato Charles Schumer invitandolo alla Casa Bianca per tentare di raggiungere un accordo per evitare lo shutdown.

21:30Spari in strada: Bitonto,bimbo ringrazia Cc e Ps con disegno

(ANSA) - BITONTO (BARI), 19 GEN - Un gesto di speranza a Bitonto mentre oltre 100 uomini, tra carabinieri e polizia, hanno messo oggi a soqquadro la zona ex 167 in seguito alle sparatorie avvenute il 30 dicembre culminate con l'omicidio di Anna Rosa Tarantino. Proprio mentre i carabinieri recuperavano, dietro ad un muro di cartongesso nel salone dell'abitazione di un uomo, quattro telecamere, due orientate su via Pertini e le altre due su via Spadolini, collegate a uno schermo al plasma da 55 pollici, un bambino si è avvicinato ai militari dell'Arma donando loro un disegno in cui erano ritratte un'auto della polizia e una vettura dei carabinieri. Un gesto fatto in segno di riconoscenza, con tanto di dedica e ringraziamento agli uomini delle forze dell'ordine. 'Grazie polizia e carabinieri che ci aiutate - ha scritto il bimbo - vi ringrazio del vostro lavoro Che Dio vi benedica'.

21:29Cile: storica chiusura progetto minerario per danni ambiente

(ANSA) - ROMA, 19 GEN - A cinque anni dall'inizio delle indagini, la Sovrintendenza dell'Ambiente del Cile ha emesso una storica risoluzione con la quale ha chiesto la chiusura definitiva del progetto minerario di oro e argento "Pascua-Lama" della canadese Barrick Gold, la più grande società al mondo per l'estrazione dell'oro. Lo riporta Diario Financiero. Nel procedimento sono stati identificati 33 elementi negativi a carico della società, tra i quali il fatto di aver prodotto un danno ambientale irreparabile all'area, situata a sud di Atacama, al confine tra Cile e Argentina. Tra le accuse contro il progetto minerario ci sarebbero lo scarico di acque acide, la distruzione della flora e il parziale monitoraggio ambientale e sociale. In precedenza c'è stato solamente un altro caso nel quale la Sovrintendenza cilena ha chiesto la chiusura definitiva di un progetto minerario, ed era legato al commercio illegale di minerali.

20:44Calcio: Inter-Rafinha e’ fatta, manca solo ufficialita’

(ANSA) - MILANO, 19 GEN - Rafinha sara' un giocatore dell'Inter: il club nerazzurro e il Barcellona hanno raggiunto un accordo per il centrocampista brasiliano che arrivera' a Milano con la formula del prestito con diritto di riscatto a 35 milioni di euro. Per Rafinha si attende solo l'ufficialita'.

20:42Mondadori: giornalisti in stato agitazione, timore chiusure

(ANSA) - MILANO, 19 GEN - Stato d'agitazione per i giornalisti della Mondadori, messi in allarme dalle notizie della possibile vendita e chiusura di alcune testate. L' assemblea ha dato mandato al Cdr di chiedere un immediato incontro con i massimi vertici della Periodici e del gruppo per conoscerne le reali intenzioni. Da subito è stato dichiarato lo stato d'agitazione affidando all'organismo sindacale un pacchetto iniziale di cinque giorni di sciopero. Nelle ultime settimane sono apparse sui giornali notizie su possibili cessioni, chiusure o ristrutturazioni di alcune testate Mondadori (Tustyle, Panorama, Il mio Papa). Da parte sua - si legge in una nota del Cdr - il gruppo editoriale, interpellato dalla rappresentanza sindacale dei giornalisti, non ha smentito possibili vendite, sottolineando la necessità di interventi strutturali nella Periodici Italia. La 'pace sociale' legata all'accordo di stato di crisi del giugno 2017 (fino al giugno 2018) "è stata così slealmente incrinata".

Archivio Ultima ora