Rai: bufera su Report, ira di Lorenzin e querela di Benigni

Pubblicato il 18 aprile 2017 da ansa

Roberto Benigni con la moglie Nicoletta Braschi, in un’immagine del 7 ottobre 2012. ANSA / Claudio Lattanzio

ROMA. – L’ira del ministro Lorenzin, che parla di “grave disinformazione”. La querela di Benigni, che punta il dito contro le “notizie false e gravemente diffamatorie” sulla ristrutturazione degli studi di Papigno. Un nuovo caso Report – dopo le polemiche sulla puntata sull’Unità – agita la Rai alla vigilia di una delicata audizione del cda in Vigilanza.

Nel mirino, innanzi tutto, l’inchiesta sul vaccino contro il Papilloma virus e sulle ‘reazioni avverse’ a questo tipo di vaccinazione contro il tumore al collo dell’utero. “E’ come gridare che c’è una bomba in uno stadio affollato e vedere la gente che fugge e calpesta i bambini”, attacca Roberto Burioni, noto medico pro-vaccini, mentre insorgono il presidente dell’Istituto superiore di sanità Walter Ricciardi e la Società italiana di virologia.

“Report ha dato spazio a teorie prive di base scientifica, instillando timore nei confronti di una pratica sicura, efficace e in grado di salvare migliaia di donne da un cancro aggressivo e spesso mortale”, polemizza Lorenzin, ricordando di medici, scienziati e istituzioni di tutto il mondo per “controbattere ai falsi miti degli anti vax”.

Sigfrido Ranucci, che cura e conduce lo storico programma di inchieste, dopo l’era Gabanelli, non ci sta: “Report non ha mai messo in dubbio l’utilità dei vaccini: chi lo asserisce non ha visto la trasmissione”. L’inchiesta, spiega, si è soffermata sulla segnalazione delle reazioni avverse ai vaccini e sul “reclamo dei medici danesi al Mediatore europeo, che ha il compito di vigilare anche sui metodi con cui i vaccini entrano sul mercato, che è stato accolto”.

Interviene anche la Rai, sottolineando di essere “da sempre a sostegno di scienza e vaccini” e annunciando una nuova campagna di sensibilizzazione sul tema, “massiccia e pervasiva”, pronta “entro giugno”.

Ad aprire un nuovo fronte è la querela di Benigni: i legali del premio Oscar – lo studio Gentiloni Silveri – contestano che la ristrutturazione degli studi della Vita è bella “si sia basata su fondi pubblici e che Benigni sia poi ‘scappato’ per non sopportarne i costi”.

L’operazione, dicono, “è costata 7,4 milioni a carico di Benigni; Cinecittà Studios ha ‘comprato’ 5 milioni di credito; Benigni deve ancora riscuotere 1,1 milioni. Dunque ci ha rimesso”. “Mai detto che Benigni abbia usufruito di fondi pubblici”, replica Ranucci. “I 10 milioni, citati dal sindaco di Terni, sono serviti per bonificare e sistemare il contesto intorno all’operazione”.

Che Report stia diventando il ‘termometro’ di un clima sempre più rovente attorno alla Rai, lo dimostrano anche le critiche che arrivano dal Pd, specie sul tema vaccini, e le controrepliche dei Cinque Stelle, che dopo essersi schierati con il dg Campo Dall’Orto (“Se Renzi vuole cacciarlo, va difeso”, parola del presidente della Vigilanza Fico), lanciano dal blog di Grillo l’hashtag #IoStoConReport.

Scintille destinate ad animare la riunione della bicamerale di domani: sul tavolo l’applicazione del tetto di 240 mila euro agli stipendi di artisti, consulenti e collaboratori, il piano informazione e le risposte dell’azienda ai rilievi dell’Autorità Anticorruzione.

(di Angela Majoli/ANSA)

Ultima ora

02:41Manchester: esplosione a concerto, forse terrorismo

(ANSA) - LONDRA, 23 MAG - Paura e sangue in Gran Bretagna, nella Manchester Arena, dove una potente esplosione ha causato morti e feriti. L'episodio è trattato dagli inquirenti come un fatto di terrorismo. Alcune testimonianze fanno riferimento ad almeno "20-30 persone" viste a terra. L'episodio, descritto subito dagli investigatori come "un serio incidente", ha tutta l'aria di essere un attacco compiuto con un ordigno, anche se al momento non vi sono conferme. E' avvenuto ieri sera subito dopo la fine di un concerto di Ariana Grande - pop star americana 24enne, rimasta illesa secondo una sua portavoce - e ha scatenato il panico fra la gente. La struttura, la più grande arena indoor d'Europa, con una capienza di oltre 21.000 posti, era affollata soprattutto di giovani e giovanissimi. Immagini registrate da testimoni oculari hanno mostrato scene di terrore, con urla seguite dal fuggi fuggi generale. Mentre la polizia accorreva in forze e così pure i mezzi di soccorso.

01:47Wp, Trump sollecito’ aiuto due capi 007 contro Fbi

(ANSA) - WASHINGTON, 23 MAG - Donald Trump chiese invano lo scorso marzo ai capi di due agenzie di intelligence di negare pubblicamente l'esistenza di qualsiasi prova di collusione tra il suo entourage e i russi per smontare l'inchiesta dell'Fbi. Lo rivela il Wp citando due dirigenti americani attuali e due ex. La richiesta fu rivolta a Daniel Coats, capo della National Intelligence (Dia), e all'ammiraglio Michael S. Rogers, direttore della National Security Agency (Nsa).

01:44Manchester: morti e feriti a concerto

(ANSA) - LONDRA, 22 MAG - Ci sono alcuni morti e feriti a causa dell'incidente avvenuto in serata alla Manchester Arena, dove e' stata udita 'almeno una esplosione' che ha scatenato il panico fra migliaia di persone subito dopo la conclusione di un concerto della cantante americana Ariana Grande. Lo riferisce la polizia della città britannica. Stando alle prime informazioni l'esplosione sarebbe avvenuta nella zona delle biglietterie, subito fuori dall'arena, che può contenere circa 20.000 spettatori.

01:44Svezia: tracce esplosivo in borsa, evacuato scalo

(ANSA) - ROMA, 23 MAG - E' stato evacuato in Svezia l'aeroporto internazionale di Goteborg Landvetter, dopo che in un bagaglio lasciato incustodito sono state rilevate tracce di esplosivo. La borsa abbandonata era nell'area partenze, che è stata subito evacuata, transennata e raggiunta da polizia e artificieri. L'allarme è scattato verso le 21 di ieri. Il bagaglio sospetto è stato trovato vicino a un banco informazioni e dopo che la sicurezza non è riuscita a trovarne il proprietario sono scattati gli accertamenti, dai quali è risultata la presenza di tracce di esplosivo. La polizia svedese afferma che per ora non si può parlare di una situazione di "minaccia effettiva", ma le indagini sono ancora in corso.

23:47Calcio: Quagliarella, a Schick dico di restare alla Samp

(ANSA) - MILANO, 22 MAG - "Consiglio a Schick di restare un altro anno alla Sampdoria per confermare quanto di buono fatto e continuare a crescere. Non ho mai giocato con un calciatore simile". Fabio Quagliarella, vincitore del 22esimo 'Premio Gentleman', suggerisce al suo compagno di aspettare a lasciare Genova, ma concede un indizio sull'altro oggetto del desiderio del mercato, Muriel: "Muriel è nell'età giusta per poter partire se ci sono delle richieste che soddisfano il presidente. Contro l'Udinese non ha fatto una cosa bella, ma si è reso conto dell'errore. Non c'è stato alcuna rissa con Danilo e alla fine ha chiesto scusa". Quagliarella conferma il suo desiderio di restare alla Samp ("ho ancora due anni di contratto") e spende parole al miele per Francesco Totti: "E' una leggenda. Sono orgoglioso si averci giocato contro. Un ragazzo eccezionale, c'e solo da togliersi il cappello. Non mi permetto di dire nulla a Spalletti, ma Totti non va trattato così".

23:44Calcio: Montella, il Milan vuole tenere Donnarumma

(ANSA) - MILANO, 22 MAG - "Il rinnovo di Donnarumma? So che la società sta facendo degli sforzi enormi per riconoscere le grandi qualità di Gigio. Voglio bene come a un figlio a Donnarumma, ma ora deve fare una scelta e capire cosa vuole fare da grande perché é anche diventato maggiorenne. Ma con la massima serenità perché la società sta facendo di tutto per tenerlo". Così Vincenzo Montella a margine del 22esimo Premio Gentleman, parla delle trattative per il rinnovo di Donnarumma, ma non svela nulla su chi sarà il prossimo centravanti del Milan: "Chi sarà il prossimo numero 9 tra Keita, Kalinic e Morata? Forse nessuno dei tre. La maglia numero 9 è di Lapadula e per il momento se la tiene lui".

23:15Calcio: Pescara batte Palermo 2-0

(ANSA) - PESCARA, 22 MAG - Il Pescara ha battuto 2-0 il Palermo nel posticipo della 37/a giornata della serie A di calcio, partita che ha messo di fronte due formazioni già retrocesse. Gli abruzzesi sono passati in vantaggio al 15' con la prima rete in A del croato Robert Muric. Nel finale dell'incontro è giunto il raddoppio siglato dal suo sostituto, il romeno Mitrita. Il Pescara ha così vinto la terza partita in campionato.

Archivio Ultima ora