Comune calabrese torna alla vita grazie ai migranti

Pubblicato il 18 aprile 2017 da ansa

SANT’ALESSIO D’ASPROMONTE (REGGIO CALABRIA). – Una ringhiera verniciata con i colori delle bandiere dei Paesi di provenienza dei migranti del progetto Sprar. E’ l’immagine di benvenuto che offre Sant’Alessio d’Aspromonte, piccolo comune di circa 400 anime, alle pendici dell’Aspromonte lungo la vallata del Gallico, a pochi km da Reggio Calabria. E sarebbero stati molti di meno senza Eunice, 25 anni, o Annabel, di 23. Vengono dalla Nigeria.

Eunice è in attesa di un bambino, Annabel ha voglia di imparare. Vuole diventare parrucchiera per signora, ed ha accettato di partecipare ad un tirocinio formativo all’interno del Progetto Sprar che ha fatto di un paesino di montagna, come tanti condannato allo spopolamento, svuotato dall’emigrazione un centro che vuole rinascere e dove è tornata la vita. Un centro da prendere ad esempio per i progetti di accoglienza e integrazione che l’Amministrazione ha saputo mettere in campo.

Ci ha creduto molto il giovane sindaco Stefano Ioli Calabrò e con lui il responsabile del progetto, Luigi De Filippis, un medico che della gestione dei migranti sotto il profilo psicofisico ha fatto scuola, diventando punto di riferimento a livello nazionale nel trattamento dei cosiddetti “vulnerabili”, così definiti dal dipartimento per le libertà civili e l’Immigrazione, del Ministero dell’Interno.

“Parliamo di soggetti che vivono, nel dramma del loro viaggio verso una vita migliore, particolari condizioni personali – spiega De Filippis – donne, soprattutto singole, in stato di gravidanza, genitori singoli con figli minori, persone sottoposte a torture, stupri o altre forme gravi di violenza psicologica, fisica o sessuale. Ma anche soggetti che necessitano di assistenza sanitaria e domiciliare specialistica più o meno prolungata e coloro che presentano una disabilità anche temporanea, e, infine, le famiglie con minori.

Il nostro è un progetto che prevede un processo programmato di inserimento nel tessuto sociale. Punto centrale di questa integrazione, che avviene per gradi, non invasiva per la comunità locale, è la reciproca convenienza e sulle opportunità economiche che questa presenza offre al Paese. Obbiettivo è riportare queste persone all’autonomia, fornendo loro strumenti e competenze per farle diventare parte attiva della società italiana”.

Ed il Progetto non solo ha rivitalizzato il paese, ma ha offerto opportunità di lavoro a numerose professionalità locali, soprattutto giovani laureati, e dato un futuro a tanti migranti che lavorano all’interno di progetti di recupero urbano. Tra loro, Isabella Trombetta, che ha messo la sua laurea in Relazioni Internazionali alla Luiss di Roma a disposizione dei migranti.

La ringhiera con i colori di tante bandiere “è solo il benvenuto” tiene a precisare con una punta di orgoglio il Sindaco, in partenza per Madrid dove è stato invitato al Forum mondiale contro le violenze urbane e l’educazione alla convivenza e alla pace.

“Alcuni migranti – spiega Stefano Ioli Calabrò – sono stati inseriti in servizi di pulizia delle aiuole, recupero floreale, ed altri, impegnati nei laboratori di falegnameria, stanno recuperando le panchine in legno degli spazi pubblici”.

“Ai migranti forniamo un alloggio, il cui affitto è pagato dal Progetto – spiega la cordinatrice Angela Spagna – e li aiutiamo, quasi tutti giovanissimi, a diventare cittadini di questo Paese attraverso formazione professionale e linguistica. Forniamo anche assistenza sanitaria e legale. E’ una integrazione vera che non ha affatto turbato gli equilibri e la tranquillità della popolazione residente”.

Tant’è che a Sant’Alessio, ricorda, opera con successo anche un centro di recupero per tossicodipendenti, soggetti svantaggiati e ragazze madri, gestito dal Ce.Re.So. il Centro Reggino di Solidarietà.

(di Giorgio Neri/ANSA)

Ultima ora

00:02Champions: Guardiola “vittoria che vale”

(ANSA) - ROMA, 17 OTT - "Non posso giudicare le difficoltà del Napoli durante la prima mezz'ora, ma è stata la partita che mi aspettavo: è impossibile dominare una squadra come il Napoli per 90', quindi devo fare i complimenti ai 'miei' giocatori, perché so contro quale tipo squadra abbiamo vinto. Non abbiamo giocato contro dei ragazzini, ma contro una formazione che in Serie A ha vinto otto partite di fila". Così Pep Guardiola commenta la vittoria del Manchester City contro il Napoli, in Champions. "Questa è una una vittoria importantissima nell'economia del passaggio del turno", conclude l'allenatore spagnolo.

00:00Sarri: “25′ scadenti, poi messo City in difficoltà”

(ANSA) - ROMA, 17 OTT - "Non so cosa sia successo nei primi 30': abbiamo sbagliato pressioni e distanze, concesso troppi spazi a una squadra devastante. Prendere gol dopo 5' è stato pesante: nei primi 25' siamo stati scadenti, ma nei restanti 75' abbiamo reagito, imponendoci. Giocare alla pari contro questi avversari, ci lascia fiduciosi". Così, a Premium sport, Maurizio Sarri. "Il City è una squadra difficile da affrontare, ma l'abbiamo messa in difficoltà e questo è un grande segnale. Insigne aveva un dolore all'adduttore, non dovrebbe essere nulla di grave".

23:46Champions: i risultati della terza giornata

(ANSA) - ROMA, 17 OTT - I risultati delle partite valide per la terza giornata di Champions league, disputate stasera: Maribor-Liverpool 0-7, Real Madrid-Tottenham 1-1, Feyenoord-Shakhtar Donetsk 1-2, Monaco-Besiktas 1-2, Spartak Mosca-Siviglia 5-1, Lipsia-Porto 3-2, Apoel Nicosia-Borussia Dortmund 1-1.

23:17Champions: Manchester City-Napoli 2-1

(ANSA) - ROMA, 17 OTT - Il Manchester City ha battuto 2-1 (2-0) il Napoli, in una partita valida per il Gruppo F di Champions League. Inglesi in vantaggio al 9' con Sterling e bravi a raddoppiare con Gabriel Gesus al 13'. Dopo che al 38' Mertens si era fatto parare un rigore dal portiere Ederson, nella ripresa i partenopei hanno accorciato le distanze - sempre su rigore - con Diawara, al 28'. Manchester City a punteggio pieno nel raggruppamento, il Napoli fermo a tre, con lo Shakhtar salito a 6.

23:09Usa: giudice Hawaii blocca ultimo ‘travel ban’ Trump

(ANSA) - WASHINGTON, 17 OTT - Un giudice federale delle Hawaii ha bloccato l'ultima versione del 'travel ban' di Donald Trump poche ore prima che entrasse in vigore. Il provvedimento prevede restrizioni per l'arrivo in Usa da otto Paesi. Secondo il giudice, l'ordine esecutivo di Trump crea discriminazioni sulla base della nazionalità. Il provvedimento sarebbe dovuto entrare in vigore alla mezzanotte, ora di Washington (le 6 di domani mattina in Italia). La Casa Bianca ha subito definito la decisione del giudice "pericolosamente errata" E' stata così accolta la richiesta delle Hawaii, secondo cui il nuovo bando è la continuazione della "promessa di Donald Trump di escludere i musulmani dagli Usa". Il 'travel ban' prevede restrizioni per i cittadini di Ciad, Iran, Libia, Corea del Nord, Somalia, Siria, Yemen e per alcuni dirigenti di governo venezuelani.

21:57200mila manifestanti in piazza a Barcellona

(ANSA) - BARCELLONA, 17 OTT - Duecentomila persone partecipano alla concentrazione nel centro di Barcellona per chiedere la liberazione dei due dirigenti indipendentisti, Jordi Sanchez e Jordi Cuixart, accusati di 'sedizione' e arrestati ieri sera per ordine di un giudice spagnolo, secondo le stime della polizia urbana della capitale catalana. Manifestazioni pacifiche parallele si svolgono in altri centri della Catalogna.

21:43Appalti sanità Puglia, condannati Gianpi Tarantini e altri 5

(ANSA) - BARI, 17 OTT - Il Tribunale di Bari ha condannato a pene comprese fra i 4 anni e i 2 anni di reclusione sei delle otto persone, fra le quali l'imprenditore Gianpaolo Tarantini e l'ex dg della Asl di Bari Lea Cosentino, imputate in uno dei processi baresi su presunti appalti truccati nella sanità. Colpevoli, a vario titolo, di associazione per delinquere, peculato e truffa. Assolto "per non aver commesso il fatto" da tutte le accuse l'allora direttore amministrativo della Asl Bari Francesco Lippolis. Prosciolto per prescrizione Claudio Tarantini, fratello di Gianpi, che rispondeva unicamente di due episodi di corruzioni. I fatti risalgono agli anni 2008-2010 e riguardano la gestione delle gare e delle trattative per l'acquisto di attrezzature e protesi sanitarie alla Asl di Bari. Tarantini è stato condannato a 4 anni di reclusione per associazione per delinquere e peculato, Lea Cosentino a 2 anni e 6 mesi, l'allora capo area gestione patrimonio della Asl di Bari Antonio Colella e il funzionario Asl Michele Vaira a 3 anni.

Archivio Ultima ora