Fmi, Venezuela: l’inflazione nel 2018 sarà del 2068%

Pubblicato il 18 aprile 2017 da redazione

CARACAS – Come un’economia in guerra. Anzi, forse peggio perchè in un paese in guerra le ragioni per squilibri economici profondi abbondano. Le previsioni del Fondo Monetario Internazionale ci mostrano un Venezuela sempre immerso in una vasta crisi per la quale pare non vi sia nessuna uscita in vista.
Nel suo consueto rapporto annuale, l’organismo con sede a Washington, stima che il Prodotto Interno Lordo del Paese, dopo un calo del 18 per cento negli ultimi due anni, perderà un altro 4,1 per cento nel 2018. La contrazione, meno grave del 7,2 per cento previsto per l’anno in corso, avrà riflessi sul tasso di disoccupazione che il FMI, per il 2018, prevede possa calcolarsi attorno al 28,2 per cento. In altre parole, dovrebbe crescere in un 6 per cento rispetto a quella registrata nel 2016. L’incremento della disoccupazione, che esperti in materia considerano che potrebbe aggirarsi addirittura attorno al 35 o 40 poer cento, è attribuito alla crisi dell’industria privata, ormai agonizzante, e, soprattutto, all’impossibilità del governo di incrementare la burocrazia oramai al limite della tolleranza.
Il problema maggiore per il governo del presidente Maduro, comunque, resta il costo della vita che ha rotto ogni argine. Il Fondo Monetario Internazionale, che preferisce sempre essere molto cauto nei pronostici, stima che il Venezuela chiuderà il 2017 con una inflazione del 720 per cento. Sarà il tasso piú alto al mondo e di gran lunga superiore alla media delle economie latinoamericane. Nel 2018, l’inflazione potrebbe battere ogni record con un 2068 per cento. Un tale tasso colpirebbe soprattutto la qualità di vita degli strati più umili della popolazione che già oggi riescono appena a coprire parte dei propri fabbisogni. Sono sempre più le famiglie che riescono a consumare appena due pasti al giorno.
Nonostante la crisi del Venezuela e dell’Ecuador, le uniche nazioni per le quali il Fondo prevede un Pil negativo, l’economia dell’America Latina e dei Caraibi, nel suo insieme, dovrebbe crescere dell’1,1 per cento nel 2017 e del 2 per cento nel 2018. A spingere la ripresa economica dell’America Latina e dei Caraibi, che lo scorso anno hanno registrato una contrazione dell’1 per cento, sarà la crescita dell’Argentina, del Brasile e del Messico. Argentina e Brasile, dopo un 2016 negativo, tornano a registrare tassi di crescita positivi mentre il Messico, anche se il Fondo ha rivisto al ribasso le stime, continuerà a crescere. Nonostante le minacce protezioniste del presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, il Messico dovrebbe crescere dell’1,7 per cento nel 2017 e del 2 per cento nel 2018.

Ultima ora

11:02Incendi: auto a fuoco in garage, soccorsa un’anziana

(ANSA) - UDINE, 23 AGO - Un incendio è divampato la scorsa notte in uno stabile Ater di viale Divisione Garibaldi-Osoppo a Udine, dove ha preso fuoco, per cause in corso di accertamento, un'auto parcheggiata nell'autorimessa. L'incendio ha parzialmente intaccato una seconda vettura e il fumo ha rapidamente invaso la facciata del palazzo. Alcuni residenti sono stati evacuati e un'anziana è stata accompagnata a scopo precauzionale in pronto soccorso ma non ha riportato conseguenze. L'incendio è scoppiato intorno alle 2 di notte. Domate le fiamme dai vigili del fuoco di Udine intervenuti con il distaccamento di Cividale del Friuli (Udine), sono state chiuse a scopo precauzionale 24 utenze di gas metano in attesa che le verifiche escludano danni da irraggiamento del calore alle tubature a parete. Lo stabile è agibile. La Polizia di Stato indaga sulle cause del rogo. Non si esclude l'origine dolosa. L'auto è stata posta sotto sequestro.

11:02Falso allarme stazione Bologna, taniche diluente abbandonate

(ANSA) - BOLOGNA, 23 AGO - C'erano due taniche di diluente nell'involucro, abbandonato su un vagone di un treno Regionale, che verso le 21.30 di ieri ha fatto scattare un falso allarme bomba alla stazione di Bologna. L'intervento di Polizia e Vigili del Fuoco, per accertare che non ci fosse nulla di pericoloso, ha provocato la chiusura temporanea di 7 binari e qualche ritardo alla circolazione, tornata regolare dopo le 23. Il pacco 'sospetto' è stato notato da passeggeri su una carrozza del Regionale Milano-Ravenna, arrivato al binario 4. Il treno è stato evacuato e l'area transennata, poi sono intervenuti artificieri, unità cinofile, Digos e polizia Scientifica, oltre a Polfer e Vigili del Fuoco. A scopo precauzionale l'intera parte centrale della stazione è stata chiusa al pubblico, con il blocco dei binari dall'1 al 7 e treni 'scudo' sul primo e l'ultimo. L'involucro è stato aperto a distanza dagli artificieri e si è scoperto che conteneva un paio di taniche di diluente per sanificazione, probabilmente dimenticate. (ANSA).

10:53Calcio: sfumato Coutinho, il Barcellona punta su Di Maria

(ANSA) - ROMA, 23 AGO - Dopo il mancato ingaggio del brasiliano Coutinho, ritenuto incedibile da Juergen Klopp, allenatore del Liverpool, il Barcellona è pronto a mettere in atto il 'piano b' per sopperire alla cessione di Neymar, che ha lasciato un grandissimo vuoto nell'attacco blaugrana. Secondo l'edizione online di Sport è Angel Di Maria il giocatore in grado di completare l'attacco dei catalani, affiancando il connazionale Leo Messi e il centravanti Luis Suarez. Negli ultimi giorni, riferisce Sport, la trattativa fra gli emissari del club blaugrana e la dirigenza del PSG si è intensificata, nonostante le tensioni recenti. Stanno per sbarcare nella capitale francese sia Fabinho che Mbappé, dunque la concorrenza rischia di diventare insostenibile in attacco, anche per un giocatore del calibro di Di Maria, il cui cartellino costa intorno ai 50 milioni. Si parla anche di un accordo raggiunto dal Barca con il calciatore, che in Spagna firmerebbe un quadriennale.

10:36Calcio: Trofeo Bernabeu, l’anno prossimo toccherà al Milan

(ANSA) - ROMA, 23 AGO - Dopo avere affrontato lo Stade Reims l'anno scorso e la Fiorentina, che stasera sarà in campo a Madrid, nel 2018 il Real ha scelto il Milan come sfidante per il Trofeo Santiago Bernabeu. Lo riferisce l'edizione online di As. Il club 'merengue' vuole proseguire il proprio cammino a ritroso, rivivendo le prime finali che gli regalarono le prime tre Coppe dei Campioni delle cinque conquistate di seguito in altrettante edizioni disputate. Era il Real di Puskas, Gento e Di Stefano. La squadra degli invincibili, che dominava il mondo alla fine degli anni '50. Nel 1956, i 'blancos' superarono nella finale del neonato trofeo europeo proprio la squadra francese dello Stade Reims, nel 1957 la Fiorentina campione d'Italia in carica e nel 1958 il Milan, a Bruxelles, per 3-2, dopo che i rossoneri erano stati in vantaggio due volte. Nel 2019, in occasione del 40/o anniversario del Trofeo Santiago Bernabeu, si dovrebbe tornare alla formula originaria, con la disputa di un quadrangolare.

10:25Viaggio su carrozze d’epoca da Napoli a Pompei e Paestum

(ANSA) - NAPOLI, 23 AGO - Un treno storico dal centro di Napoli ai due Parchi Archeologici di Pompei e Paestum, patrimonio dell'UNESCO. Mercoledì 30 agosto nuova occasione per salire a bordo di Archeotreno Campania e delle vetture d'epoca Centoporte e Corbellini. Fischio di partenza alle 9.25 nella stazione di Napoli Centrale, con arrivo a Pompei alle 10.05. Alle 14.05 il treno lascerà Pompei per raggiungere Paestum, da dove ripartirà alle 17.44 per arrivare a Napoli alle 19.22. Il costo del biglietto di andata e ritorno è di 20 euro per gli adulti e 10 euro per i ragazzi. I bambini fino a 4 anni non compiuti, accompagnati da un adulto pagante, viaggiano gratis (senza garanzia di posto a sedere). Prezzo ridotto del 50% per coloro che sceglieranno di utilizzare il treno storico solo all'andata o al ritorno. A bordo del treno i viaggiatori potranno acquistare lo speciale voucher a tariffa ridotta e con ingresso prioritario per la visita dei due Parchi Archeologici. I biglietti per Archeotreno Campania sono acquistabili. (ANSA).

10:24Polvere sospetta non era antrace, ma dolcificante diabetici

(ANSA) - FORLI', 23 AGO - Non era antrace, ma dolcificante per diabetici, la polvere sospetta di colore biancastro uscita da un pacco proveniente dalla Germania che lunedì aveva fatto scattare l'allarme al centro di smistamento di Poste italiane a Forlì. Lo riferiscono media locali, precisando che le analisi non sono ancora ufficiali ma nell'informativa consegnata dagli investigatori alla Procura si parla di 'stevia rebaudiana' destinata ad un nigeriano di 30 anni residente in città e con regolare permesso, che aveva ordinato quel particolare zucchero via internet alcuni giorni prima, proprio a causa della patologia di cui soffre. Gli agenti della Digos hanno eseguito una serie di controlli sull'uomo: il suo profilo non ha destato sospetti. L'allerta era scattata due giorni fa, verso le 10.30, e aveva provocato l'intervento di vigili del fuoco, polizia, carabinieri e artificieri. Era stato avviato il protocollo sicurezza, gli uffici erano stati chiusi e tre impiegati erano stati isolati per timore di contaminazioni. (ANSA).

10:20Terremoto Ischia: Ciro, il mio primo pensiero è stato Dio

(ANSA) - NAPOLI, 23 AGO - "Il mio primo pensiero quando ho rivisto la luce è stato Dio. Allora davvero esiste, ho pensato". Non ha più voce Ciro Marmolo, 11 anni, il "bambino eroe" dagli enormi occhioni neri, l'ultimo dei tre fratellini ad essere estratto vivo dalle macerie della palazzina crollata in seguito al terremoto che ha devastato Casamicciola sull'isola d'Ischia. Ai microfoni di TV Luna, Ciro si lascia andare a cuore aperto: "quando ho saputo che il più piccolo dei miei fratelli stava bene mi sono fatto coraggio e ho detto: ce la devo fare". Ciro è ricoverato all'ospedale Rizzoli di Lacco Ameno. Con lui, nella grande stanza colorata di giallo, arancione e verde ci sono la mamma Alessia, incinta al quinto mese di una bimba e i fratellini Pasquale 7 mesi e Matias 8 anni. Dal canto suo mamma Alessia guarda i suoi figli e dice: "ho capito che quella notte maledetta è intervenuta la mano di Dio a salvarci. Ho imparato ad apprezzare la vita".

Archivio Ultima ora