Fmi, Venezuela: l’inflazione nel 2018 sarà del 2068%

Pubblicato il 18 aprile 2017 da redazione

CARACAS – Come un’economia in guerra. Anzi, forse peggio perchè in un paese in guerra le ragioni per squilibri economici profondi abbondano. Le previsioni del Fondo Monetario Internazionale ci mostrano un Venezuela sempre immerso in una vasta crisi per la quale pare non vi sia nessuna uscita in vista.
Nel suo consueto rapporto annuale, l’organismo con sede a Washington, stima che il Prodotto Interno Lordo del Paese, dopo un calo del 18 per cento negli ultimi due anni, perderà un altro 4,1 per cento nel 2018. La contrazione, meno grave del 7,2 per cento previsto per l’anno in corso, avrà riflessi sul tasso di disoccupazione che il FMI, per il 2018, prevede possa calcolarsi attorno al 28,2 per cento. In altre parole, dovrebbe crescere in un 6 per cento rispetto a quella registrata nel 2016. L’incremento della disoccupazione, che esperti in materia considerano che potrebbe aggirarsi addirittura attorno al 35 o 40 poer cento, è attribuito alla crisi dell’industria privata, ormai agonizzante, e, soprattutto, all’impossibilità del governo di incrementare la burocrazia oramai al limite della tolleranza.
Il problema maggiore per il governo del presidente Maduro, comunque, resta il costo della vita che ha rotto ogni argine. Il Fondo Monetario Internazionale, che preferisce sempre essere molto cauto nei pronostici, stima che il Venezuela chiuderà il 2017 con una inflazione del 720 per cento. Sarà il tasso piú alto al mondo e di gran lunga superiore alla media delle economie latinoamericane. Nel 2018, l’inflazione potrebbe battere ogni record con un 2068 per cento. Un tale tasso colpirebbe soprattutto la qualità di vita degli strati più umili della popolazione che già oggi riescono appena a coprire parte dei propri fabbisogni. Sono sempre più le famiglie che riescono a consumare appena due pasti al giorno.
Nonostante la crisi del Venezuela e dell’Ecuador, le uniche nazioni per le quali il Fondo prevede un Pil negativo, l’economia dell’America Latina e dei Caraibi, nel suo insieme, dovrebbe crescere dell’1,1 per cento nel 2017 e del 2 per cento nel 2018. A spingere la ripresa economica dell’America Latina e dei Caraibi, che lo scorso anno hanno registrato una contrazione dell’1 per cento, sarà la crescita dell’Argentina, del Brasile e del Messico. Argentina e Brasile, dopo un 2016 negativo, tornano a registrare tassi di crescita positivi mentre il Messico, anche se il Fondo ha rivisto al ribasso le stime, continuerà a crescere. Nonostante le minacce protezioniste del presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, il Messico dovrebbe crescere dell’1,7 per cento nel 2017 e del 2 per cento nel 2018.

Ultima ora

12:28Navalni all’ANSA, ‘irritanti i legami Putin-Lega-M5s’

(ANSA) - MOSCA, 18 GEN - "Sono irrazionali e abbastanza irritanti i legami fra il regime di Putin e l'establishment italiano. Quelli con i partiti di estrema destra sono incomprensibili, come nel caso della Lega Nord, che ama molto Putin e Putin ama molto loro. Ma le loro ideologie sono opposte. Mi rincresce molto che il Movimento 5 Stelle abbia una posizione favorevole nei confronti di Putin perché, sulla base di tutto quello che loro dicono, lo dovrebbero odiare". Lo afferma l'oppositore russo Alexei Navalni in un'intervista esclusiva all'ANSA.

12:28Klm cancella 220 voli da Schipol per maltempo

(ANSA) - BRUXELLES, 18 GEN - La Klm ha cancellato 220 voli da e per l'aeroporto di Amsterdam-Schipol a causa della tempesta, con venti molto forti, che sta flagellando l'Olanda ed altri Paesi dell'Europa del nord. Si legge sugli online dei media olandesi.

12:26Crac ‘Ciccolella’, indagato presidente Fc Bari Giancaspro

(ANSA) - BARI, 18 GEN - C'è anche il presidente del Bari Calcio, Cosmo Antonio Giancaspro, fra gli indagati in una inchiesta della Procura di Trani su una presunta bancarotta fraudolenta del Gruppo Ciccolella di Molfetta, società floro-vivaistica. I finanzieri stanno eseguendo perquisizioni domiciliari sequestrando documentazione. I destinatari delle perquisizioni sono i tre fratelli Corrado, Vincenzo e Antonio Ciccolella, gli avvocati baresi Michele Bellomo e Francesco Quarto, il commercialista Gianluca Petrera di Bari e il presidente del Fc Bari Cosmo Antonio Giancaspro di Molfetta. Gli indagati rispondono, a vario titolo, di bancarotta fraudolenta e riciclaggio. Dalle indagini dei finanzieri, coordinate dal pm di Trani Silvia Curione, sono emerse distrazioni di fondi della Ciccolella Spa (società il quotata in borsa e fallita nel gennaio 2015) e conseguente riciclaggio tramite complessi passaggi di denaro e quote societarie tra società infragruppo e soggetti operanti in Italia e all'estero (Malta e Uk).

12:23Calcio: ranking Fifa, Germania sempre n. 1,Italia resta 14ma

(ANSA) - ROMA, 18 GEN - Nessuna sorpresa nella nuova classifica mondiale Fifa, che tiene conto delle 22 partite, tutte amichevoli, disputate dall'ultima rilevazione di ottobre. La Germania del ct Joachim Low (con 1602 punti) resta al primo posto del ranking e l'Italia (1052) si conferma al 14mo posto. L'Islanda guadagna due posizioni, entrando nella top 20 delle nazionali di calcio. La Croazia ne guadagna altre due e sale al 15mo posto, mentre l'Olanda ne perde una e scende al 21mo. Nelle prime dieci posizioni, dopo la nazionale tedesca, si confermano nell'ordine Brasile, Portogallo, Argentina, Belgio, Spagna, Polonia, Svizzera, Francia e Cile. Fra le outsider, la nuova classifica Fifa vede la Tunisia balzare di quattro posizioni e attestarsi al 23mo posto, mentre si registra la crescita di Paesi di giovane tradizione calcistica come il Kuwait (174mo, +15 posizioni), il Sudan (124mo, * 12) e El Salvador (90mo, +10). (ANSA).

12:23Gentiloni, dobbiamo occuparci di chi è rimasto indietro

(ANSA) - ROMA, 18 GEN - "C'è una parte di Italia che corre e una parte che fatica ed è rimasta indietro e se non ci occupiamo anche di questa parte faremo molta fatica a progredire". Lo dice Paolo Gentiloni intervenendo all'inaugurazione dell'anno accademico della Luiss. I conti pubblici "sono non in ordine, ma molto in ordine" la crescita è tornata ed è "stabile" e "dobbiamo partire dalla consapevolezza che questi risultati che sono costati sacrifici" alle famiglie e alle imprese "non possono essere dilapidati, disperderli o dilapidarli sarebbe assolutamente irresponsabile", aggiunge il premier sottolineando come non sia il "tempo delle cicale".

12:11Zimbabwe: Mnangagwa, elezioni ‘in quattro o cinque mesi’

(ANSA) - IL CAIRO, 18 GEN - Indicando un periodo più prossimo di quanto previsto finora, il nuovo presidente dello Zimbabwe - Emmerson Mnangagwa - ha detto che le elezioni nel paese si terranno "in quattro o cinque mesi". Lo scrive il sito Zimbabwe Mail. "Lo Zimbabwe terrà elezioni in quattro o cinque mesi e dobbiamo pregare di avere pace, pace, pace", ha detto il successore di Robert Mugabe a Maputo, la capitale del Mozambico dove è in visita ufficiale. Nel fare l'annuncio Mnangagwa ha promesso di tenere elezioni corrette per assicurare che lo Zimbabwe "si impegni col mondo quale Stato democratico qualificato". Sotto Mugabe le elezioni erano inficiate da brogli, intimidazioni e repressione violenta dell'opposizione, ricorda il sito. Mugabe ha governato il paese dell'Africa australe per 37 anni fino al novembre scorso quando fu costretto alle dimissioni da un intervento militare che puntava a scongiurare una passaggio dei poteri dell'ultranovantenne autocrate alla moglie Grace.

12:03Gentiloni, non scardinare sistema pensioni e fisco

(ANSA) - ROMA, 18 GEN - "Non è il tempo di scardinare pilastri del nostro sistema pensionistico e fiscale, non è il tempo delle cicale, ma è il tempo della competenza, della serietà e dell'investimento sul futuro". Lo dice Paolo Gentiloni intervenendo all'inaugurazione dell'anno accademico della Luiss, ammonendo: "Quando si parla della prossima fase politica guai a dimenticare che uno degli obiettivi" deve essere "passare dalla stabilizzazione e leggerissima" discesa del debito "a una fase di riduzione graduale, sostenibile e significativa del nostro debito pubblico, se ne parla un po' poco" ma "deve essere uno degli obiettivi fondamentali del nostro paese" . "L'Italia attraversa una fase dove è più che mai necessario coraggio e fiducia. Fuori dalla più grande crisi dal dopoguerra, con una crescita stabile", conclude Gentiloni.

Archivio Ultima ora