Pd: Orlando e Emiliano contro Renzi, ma ex leader li ignora

Pubblicato il 18 aprile 2017 da ansa

ANSA/ANGELO CARCONI

ROMA. – Due contro uno: a 12 giorni dalle primarie Andrea Orlando e Michele Emiliano vanno all’affondo di Matteo Renzi indicandolo come “ostacolo al centrosinistra”, il primo, e come responsabile della sconfitta del Pd alle elezioni, il secondo. Accuse che l’ex leader, come si conviene ad ogni candidato in vantaggio, ignora e, proprio per segnare fisicamente la distanza dalle polemiche interne, ufficializza la chiusura della sua campagna il 28 a Bruxelles.

Ma più che per la sfida per la leadership, i renziani si scaldano contro Carlo Calenda che propone la ricerca di “convergenze” con il centrodestra sulle riforme del governo Gentiloni. Nonostante il pressing di Orlando e di Emiliano, il confronto tv su Sky resta l’unico al momento in cui si confronteranno i 3 aspiranti alla segreteria del Pd.

“Servono altri momenti di confronto ma Renzi è indisponibile”, accusa il Guardasigilli che, dopo il secondo posto nel voto tra gli iscritti, non dà per scontato l’esito della battaglia per la leadeship. Michele Emiliano, per il quale la commissione congresso potrebbe trovare una mediazione per riammetterlo in 5 collegi in Lombardia e uno in Liguria dopo l’esclusione per mancanza di firme, non si scoraggia.

“Una vittoria di Renzi – mette in guardia il governatore – probabilmente ci spingerebbe ad elezioni anticipate. Insomma la sua vittoria sarebbe negativa per molte ragioni, la principale è che ci farebbe perdere le elezioni”.

L’ex leader lascia cadere nel vuoto attacchi e sospetti. “Noi non parliamo male degli altri candidati – chiarisce ai suoi – noi non facciamo polemiche: noi raccontiamo le nostre idee per il futuro dell’Italia e dell’Europa”. E proprio Bruxelles sarà la sede dell’ultimo comizio dell’ex premier consapevole che nel rapporto con l’Europa si giocherà gran parte della campagna elettorale per le politiche con M5S.

Ma c’è qualcosa che almeno oggi unisce i tre sfidanti alla segreteria Pd. In un’intervista al Foglio, il ministro dello Sviluppo Carlo Calenda sostiene la necessità di un “riformismo forte” e ipotizza già prima delle elezioni politiche un’intesa con il centrodestra “altrimenti vince la banalizzazione populista”.

“Perché Calenda – ribatte il responsabile Comunicazione della mozione Renzi, Michele Anzaldi – non parla di Alitalia e di altri problemi degli italiani, anziché parlare del Pd? Al Pd ci pensiamo noi egregiamente e tra 15 giorni avremo l’unico segretario di partito eletto in Italia”.

Una reazione stizzita che descrive il malumore dei renziani per una proposta, l’alleanza con il centrodestra sulle riforme, che avrebbe come unico effetto di favorire M5S alle politiche. E la pensano così anche Orlando e Emiliano. “Le larghe intese sono da evitare, si può fare un accordo con le forze moderate del centro destra sulle regole fondamentali ma sul governo abbiamo già dato”, sostiene il Guardasigilli mentre Emiliano esclude Nazareni bis sia ora sia nel caso in cui vincesse le primarie.

(di Cristina Ferrulli/ANSA)

Ultima ora

08:47India: camion carico di operai in una scarpata

(ANSA) - NEW DELHI, 21 OTT - Dieci operai indiani sono morti all'alba di oggi quando l'autocarro su cui viaggiavano insieme ad altri 20 compagni, che sono rimasti feriti, è uscito di strada finendo in una scarpata nello Stato centrale di Maharashtra. Lo riferisce l'agenzia di stampa Pti. La polizia, che ha coordinato i soccorsi, ha reso noto che l'autista ha perso il controllo dei veicolo, in viaggio fra Karad e Solapur, mentre affrontava una difficile curva vicino alla città di Tasgaon del distretto occidentale di Maha.

08:43Usa: G.W. Bush è stato il presidente più distruttivo

(ANSA) - ANAHEIM, 21 OTT - George W. Bush è stato il presidente più "distruttivo" nella storia degli Stati Uniti. Lo ha dichiarato Steve Bannon durante una convention del partito repubblicano in California. L'ex consigliere di Donald Trump ha utilizzato parole durissime contro Bush definendolo "inetto" e "imbranato". E in riferimento al recente attacco sferrato dall'ex presidente contro l'amministrazione Trump Bannon ha attaccato: "Non sa quello che dice ne' dove sta andando, esattamente come quando era presidente".

08:42Agguato in un bar a Catania, grave il titolare

(ANSA) - CATANIA, 21 OTT - Agguato la notte scorsa in un bar della zona alta di viale Mario Rapisardi a Catania dove almeno due uomini hanno fatto irruzione sparando diversi colpi di pistola contro il titolare. Angelo Torrisi, di 47 anni, proprietario dell'omonimo esercizio, che era seduto, è rimasto ferito in più parti del corpo. Soccorso è stato trasportato nell'ospedale Garibaldi dove è ricoverato con la prognosi riservata. Per i medici le sue condizioni sono molto gravi. Nonostante la modalità dell'agguato la squadra mobile della polizia di Stato, che indaga, pur non escludendo alcuna ipotesi, ritiene più probabile che il tentativo di omicidio possa essere maturato nella sfera personale della vittima, che non aveva precedenti penali. Per questo gli investigatori stanno cercando di ricostruire la sua personalità e le sue ultime frequentazioni, sentendo familiari e amici, per risalire a elementi utili alle indagini. La Procura di Catania ha aperto un'inchiesta.

08:38India: camion carico di operai in una scarpata

(ANSA) - NEW DELHI, 21 OTT - Dieci operai indiani sono morti all'alba di oggi quando l'autocarro su cui viaggiavano insieme ad altri 20 compagni, che sono rimasti feriti, è uscito di strada finendo in una scarpata nello Stato centrale di Maharashtra. Lo riferisce l'agenzia di stampa Pti. La polizia, che ha coordinato i soccorsi, ha reso noto che l'autista ha perso il controllo dei veicolo, in viaggio fra Karad e Solapur, mentre affrontava una difficile curva vicino alla città di Tasgaon del distretto occidentale di Maha.

07:39Afghanistan: talebani, sparati tre razzi in centro Kabul

(ANSA) - KABUL,21 OTT - I talebani afghani hanno sparato oggi all'alba tre razzi che si sono schiantati nella 'zona verde' al centro di Kabul. Secondo i primi rilievi i razzi hanno colpito le aree di Wazir Akbar Khan e Shash Darak. Uno di essi ha centrato un muro esterno dell'ambasciata dell'Arabia Saudita, mentre un altro è caduto non lontano dal quartier generale della Nato. L'operazione è stata rivendicata dai talebani che hanno parlato di "molte vittime" in un attacco per cui tuttavia non esiste un bilancio ufficiale. Secondo alcune fonti sono due i razzi atterrati vicino al quartier generale della Nato e della Missione 'Resolute Support', un'area che ospita anche edifici governativi afghani e numerose ambasciate. Il fragore delle esplosioni ha causato allarme e fatto scattare le sirene nei compound della Nato e delle rappresentanze diplomatiche straniere. L'operazione rivendicata dai talebani giunge poche ore dopo la strage compiuta ieri sera, e rivendicata dall'Isis, di decine di persone nella moschea sciita dell'Imam Zaman

05:54Argentina: Maldonado, fratello identifica cadavere

(ANSA) - BUENOS AIRES, 21 OTT - Sergio Maldonado, fratello maggiore di Santiago - il giovane artigiano sparito lo scorso 1 agosto durante la repressione di una protesta degli indigeni mapuche in Patagonia - ha detto oggi che il corpo ritrovato nel fiume Chubut è quello del fratello. "Abbiamo riconosciuto i suoi tatuaggi, siamo convinti che si tratti di Santiago", ha detto, parlando con la stampa davanti all'obitorio giudiziario di Buenos Aires, dove un gruppo di una ventina di esperti ha esaminato il cadavere scoperto martedì scorso a circa 300 metri dal posto dove suo fratello era stato visto per ultima volta.

23:52Calcio: Bari-Cittadella 4-2

(ANSA) - BARI, 20 OTT - Una vittoria che vale il (temporaneo) secondo posto in classifica: il Bari, nel secondo anticipo della decima giornata, davanti agli oltre quindicimila spettatori del San Nicola, ha battuto il Cittadella per 4-2, confermando il buon momento di forma con il terzo risultato utile di fila. La squadra di Fabio Grosso, dopo un avvio da incubo e un gol di svantaggio rimediato al 2' con una incornata di Salvi, è cresciuto arrivando a dilagare nel finale. Il pari dei pugliesi è arrivato al 20' con un colpo di testa di Basha; nella ripresa al 3' il vantaggio di Improta (settima realizzazione stagionale) al termine di una azione elaborata con ben cinque rapidi passaggi prima della conclusione che ha battuto il portiere Alfonso. Poi i veneti hanno avuto una occasionissima con Chiaretti al 9', ma Micai ha compiuto una prodezza. Il terzo centro è firmato da Galano (quinto gol) in contropiede, mentre il poker è siglato sempre Basha (doppietta). Al 37' Pasa ha accorciato le distanze per la squadra di Venturato.

Archivio Ultima ora