Pd: Orlando e Emiliano contro Renzi, ma ex leader li ignora

Pubblicato il 18 aprile 2017 da ansa

ANSA/ANGELO CARCONI

ROMA. – Due contro uno: a 12 giorni dalle primarie Andrea Orlando e Michele Emiliano vanno all’affondo di Matteo Renzi indicandolo come “ostacolo al centrosinistra”, il primo, e come responsabile della sconfitta del Pd alle elezioni, il secondo. Accuse che l’ex leader, come si conviene ad ogni candidato in vantaggio, ignora e, proprio per segnare fisicamente la distanza dalle polemiche interne, ufficializza la chiusura della sua campagna il 28 a Bruxelles.

Ma più che per la sfida per la leadership, i renziani si scaldano contro Carlo Calenda che propone la ricerca di “convergenze” con il centrodestra sulle riforme del governo Gentiloni. Nonostante il pressing di Orlando e di Emiliano, il confronto tv su Sky resta l’unico al momento in cui si confronteranno i 3 aspiranti alla segreteria del Pd.

“Servono altri momenti di confronto ma Renzi è indisponibile”, accusa il Guardasigilli che, dopo il secondo posto nel voto tra gli iscritti, non dà per scontato l’esito della battaglia per la leadeship. Michele Emiliano, per il quale la commissione congresso potrebbe trovare una mediazione per riammetterlo in 5 collegi in Lombardia e uno in Liguria dopo l’esclusione per mancanza di firme, non si scoraggia.

“Una vittoria di Renzi – mette in guardia il governatore – probabilmente ci spingerebbe ad elezioni anticipate. Insomma la sua vittoria sarebbe negativa per molte ragioni, la principale è che ci farebbe perdere le elezioni”.

L’ex leader lascia cadere nel vuoto attacchi e sospetti. “Noi non parliamo male degli altri candidati – chiarisce ai suoi – noi non facciamo polemiche: noi raccontiamo le nostre idee per il futuro dell’Italia e dell’Europa”. E proprio Bruxelles sarà la sede dell’ultimo comizio dell’ex premier consapevole che nel rapporto con l’Europa si giocherà gran parte della campagna elettorale per le politiche con M5S.

Ma c’è qualcosa che almeno oggi unisce i tre sfidanti alla segreteria Pd. In un’intervista al Foglio, il ministro dello Sviluppo Carlo Calenda sostiene la necessità di un “riformismo forte” e ipotizza già prima delle elezioni politiche un’intesa con il centrodestra “altrimenti vince la banalizzazione populista”.

“Perché Calenda – ribatte il responsabile Comunicazione della mozione Renzi, Michele Anzaldi – non parla di Alitalia e di altri problemi degli italiani, anziché parlare del Pd? Al Pd ci pensiamo noi egregiamente e tra 15 giorni avremo l’unico segretario di partito eletto in Italia”.

Una reazione stizzita che descrive il malumore dei renziani per una proposta, l’alleanza con il centrodestra sulle riforme, che avrebbe come unico effetto di favorire M5S alle politiche. E la pensano così anche Orlando e Emiliano. “Le larghe intese sono da evitare, si può fare un accordo con le forze moderate del centro destra sulle regole fondamentali ma sul governo abbiamo già dato”, sostiene il Guardasigilli mentre Emiliano esclude Nazareni bis sia ora sia nel caso in cui vincesse le primarie.

(di Cristina Ferrulli/ANSA)

Ultima ora

15:32Germania: Schulz chiede ministero finanze, Merkel frena

(ANSA) - BERLINO, 18 DIC - I media tedeschi affermano che Martin Schulz rivendicherebbe il ministero delle finanze per l'Spd, nel caso in cui si arrivasse a un governo di Grosse Koalition. Ma Angela Merkel, sollecitata in materia, frena. "Parlare di una distribuzione dei ministeri, non avendo ancora neppure la certezza di costruire insieme un governo, non mi sembra la sequenza giusta", ha affermato, rispondendo alle domande dei giornalisti, in conferenza stampa, rispetto a possibili desiderata dei socialdemocratici. È stato il giornale economico Handelsblatt a scrivere oggi, in prima pagina, che il leader dei socialdemocratici vorrebbe per il suo partito il ministero delle finanze.

15:25Calcio: Coppa Italia, Pasqua arbitra Napoli-Udinese

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - Questi gli arbitri, gli assistenti, i IV Ufficiali, i Var e gli assistenti Var per le partite valide per gli ottavi di finale di Coppa Italia in programma da domani: Napoli-Udinese (19/12 ore 21): Pasqua di Tivoli Mondin-Bellutti/Di Paolo/Pairetto-Fiorito); Atalanta-Sassuolo (20/12 h.15): Ghersini di Genova (Rocca-La Notte/Minelli/Giacomelli-Ranghetti); Roma-Torino (20/12 ore 17.30): Calvarese di Teramo(Paganessi-Prenna/Abbattista/Banti-Di Vuolo); Juventus-Genoa (20/12 ore 20.45): Maresca di Napoli (La Rocca-Bindoni/Marini/Mariani-Alassio).

15:20Migranti: ok a progetto per impiego in Scavi Pompei e Reggia

(ANSA) - NAPOLI, 18 DIC - Una migliore distribuzione dei migranti sul territorio attraverso anche l'impiego sperimentale nei servizi sociali, in particolare in alcune realtà turistiche di grande pregio come gli Scavi di Pompei e la Reggia di Caserta. É il senso del protocollo d'intesa siglato oggi a Napoli con il ministro degli Interni Marco Minniti da 265 sindaci della Campania (il 70% del territorio) per l'accoglienza dei richiedenti asilo. "Un progetto bello e straordinario - ha sottolineato il ministro - che mette in campo una visione comune basata su accoglienza, umanità, integrazione e sicurezza e che se dovesse avere successo renderà migliore non solo la Campania ma l'Italia intera".

15:16Assad, 400 mld dollari di danni materiali dalla guerra

(ANSA) - MOSCA, 18 DIC - I danni materiali del conflitto in Siria ammontano a circa 400 miliardi di dollari: è la stima fatta dal controverso presidente siriano Bashar al Assad e riportata oggi dal vice premier russo Dmitri Rogozin. "Secondo le stime del presidente siriano - ha detto Rogozin - i danni provocati da questa aggressione contro la Siria ammontano a circa 400 miliardi di dollari".

15:16Calcio: Torino, Ansaldi operato a Monaco,intervento riuscito

(ANSA) - TORINO, 18 DIC - E' "perfettamente riuscito" l'intervento di sports Hernia, l'ernia dello sportivo, a cui è stato sottoposto Cristian Ansaldi. Il difensore del Torino, che ha anticipato l'intervento già previsto per giugno approfittando dalla lesione muscolare alla lesione destra che comunque l'avrebbe tenuto fuori fino al 2018, è stato operato dalla professoressa Ulrike Mushawech alla Atos Klinik di Monaco di Baviera. Era presente anche il responsabile sanitari del club granata, Rodolfo Tavana. Nei prossimi giorni, informa il club, Ansaldi verrà dimesso e tornerà a Torino dove lavorerà con lo staff medico granata per riprendere l'attività sportiva. I tempi per il recupero all'attività agonistica non sono stati resi noti.

15:15Calcio: Udinese, Oddo “a Napoli per passare il turno”

(ANSA) - UDINE, 18 DIC - "Non sottovalutiamo l'impegno di Coppa, andiamo a Napoli per vincere, per passare il turno. Se poi saranno più bravi di noi...". Il proclama arriva dal tecnico dell'Udinese Massimo Oddo, nella conferenza stampa della vigilia in vista della gara degli ottavi di coppa Italia a Napoli, che riporta i bianconeri di fronte alla capolista, dopo il successo di sabato con l'Inter. Una gara preparata "questa mattina", con un occhio al prossimo impegno di campionato sabato con l'Hellas Verona che porterà un inevitabile turnover: "Ci sono due partite in una settimana, quindi è normale provare a gestirle, con i pro e i contro, a prescindere contro chi giochi. Qualcuno ha bisogno a livello fisico di recuperare, chi va in campo va a cogliere una opportunità importante", ha aggiunto annunciando che in porta giocherà Scuffet e con gli uomini contati in difesa ne confermerà "due su tre".

15:13Romania: migliaia in piazza contro riforma giustizia

(ANSAmed) - BELGRADO, 18 DIC - In Romania migliaia di persone hanno nuovamente manifestato ieri sera in varie città del Paese contro la riforma del sistema giudiziario varata dal governo del premier socialdemocratico Mihai Tudose, accusata di minare lo stato di diritto e vanificare la lotta alla corruzione dilagante. Nella capitale Bucarest circa 5 mila persone hanno percorso in corteo il centro della città partendo dalla sede del governo e raggiungendo il parlamento, dove oggi è in programma una seduta dedicata all'esame della legge contestata. "Vogliamo giustizia, non corruzione", "Governo covo di ladri", hanno scandito i manifestanti che hanno sfidato il maltempo e il freddo intenso. Proteste popolari si sono registrare in diverse altre città quali Timisoara, Cluj, Brasov.

Archivio Ultima ora