M5s: “Né con Trump né con Putin, via dalla Nato se non cambia”

Pubblicato il 18 aprile 2017 da ansa

Di Maio, Grillo e DI Battista

ROMA. – Sovranisti, multilaterali, nè con Trump né con Putin ma neppure con la Nato, fino a quando, almeno, l’organismo non accetterà di rimodellarsi alle nuove esigenze geopolitiche. Ma non euroscettici, perché “in un’Europa che si sta sgretolando occuparsi di possibili alternative o condizioni per la permanenza nell’ Eurozona non è scetticismo ma un atteggiamento responsabile”.

Dopo il voto di 23 mila iscritti, e in attesa di sciogliere la nuova grana dei parlamentari siciliani espulsi (la deputata Claudia Mannino non ha fatto ancora nessun passo indietro dal Gruppo Parlamentare), il M5s rilancia il suo programma elettorale in politica estera per dimostrare anche quanto sia cresciuto il movimento in questi 4 anni di politica dentro le istituzioni.

“Siamo cittadini che 4 anni fa non stavano neppure nei consigli comunali, che ora fanno un programma di politica estera e che hanno ambasciatori europei e non che ci cercano e ci vogliono parlare” dice Alessandro Di Battista che ci tiene a ricordare: “siamo nati come Movimento per portare avanti il concetto di sovranità e perché avevamo predetto la fine degli attuali partiti”.

Il nostro programma, intende dire, non è insomma “pura utopia, come quegli analisti che non hanno azzeccato neppure uno degli avvenimenti politici che hanno fatto storia negli ultimi anni, si sono affrettati a bollare”. Invece, gli fa eco Manlio Di Stefano, “siamo l’unico gruppo politico che ad un anno dalle elezioni parla già di programma elettorale anziché di lotte intestine dentro i partiti”.

Tanto che, azzarda Di Battista, “di qui ai prossimi mesi sentirete dalle altre forze politiche parlare di programmi che sono un copia-incolla delle nostre proposte”. Soprattutto dopo Ivrea, il Movimento rivendica insomma una sua “visione” che non vuole essere solo la somma di una serie di idee sul futuro.

“Il nostro programma segue come direttrice l’interconnessione con altri programmi, come ad esempio la politica estera e quella energetica con i riflessi che comporta l’obiettivo dell’abbandono delle fonti fossili” spiega Di Stefano.

“Il Ms5 porta avanti la sovranità, perché siamo un grande Paese e perché l’Unione europea si sta smantellando da sola” avvertono i 5 Stelle ribadendo, ad esempio, il danno arrecato all’economia italiana per le sanzioni alla Russia “con cui vogliamo dialogare – rimarcano -soprattutto in chiave antiterrorismo”.

Il M5s “vuole difendere i propri confini e se saremo forza di governo ritireremo le nostre truppe dall’Afghanistan”, avverte Di Battista che continua: “crediamo nel disarmo e lo diremo chiaramente alle autorità Usa e Russe”.

Tra le priorità espresse dagli iscritti che hanno votato i 10 punti del programma estero, tuttavia, sono le questioni economiche quelle che interessano di più: contrasto ai trattati internazionali come TTIP e CETA; sovranità e indipendenza; no all’austerità. Non rientra però l’euro tra gli argomenti del programma esteri, nonostante l’avvio del dibattito in rete sia stato proprio propiziato dal contributo del prof Gennaro Zezza sull’introduzione della moneta fiscale: “Ne parlano i colleghi della commissione Finanze” tagliano corto i 5 Stelle.

(di Francesca Chiri/ANSA)

Ultima ora

19:16Calcio: Juve Marotta “Schick e Keita discorsi chiusi”

(ANSA) - TORINO, 22 AGO - "Con l'arrivo di Matuidi, come detto da Allegri, questa rosa ha la possibilità di adeguarsi a tutte le scelte tattiche, Keita e Schick sono due argomenti chiusi". Così il dg bianconero Beppe Marotta. "Restiamo così - ha aggiunto - a meno che non si presentino delle opportunità, ma ora siamo tranquilli. Un difensore? Non vogliamo giocatori normali e per Garay, al momento, non ci sono le condizioni". "Il mercato così lungo è logorante per tutti, gestiamo ogni giorno svariate situazioni - ha proseguito il dirigente bianconero -. Noi siamo tranquilli, ma rimane il fatto che se si presenteranno situazioni invitanti, magari vi dirò cose diverse da quelle di oggi".

19:14Barcellona: arrestato conferma piani attacco più grande

(ANSA) - MADRID, 22 AGO - Mohamed Houli Chemal, 21 anni, uno dei quattro presunti terroristi della cellula di Ripoll detenuti, ha confermato oggi davanti a un giudice a Madrid che i piani iniziali del gruppo prevedevano un attentato più vasto, con esplosivi, a Barcellona. Houli Chemal, rimasto gravemente ferito mercoledì notte nell'esplosione del covo della cellula a Alcanar, è stato il primo dei quattro ad essere interrogato. Secondo i media spagnoli ha risposto a tutte le domande del giudice.

19:12Calcio: Cancelo, voglio vincere titolo con Inter

(ANSA) - MILANO, 22 AGO - "L'Inter rappresenta un passo avanti nella mia carriera, è un club storico e spero di crescere qui contribuendo al progetto. Spero di vincere un titolo quest'anno". Sono le prime parole di Joao Cancelo da giocatore dell'Inter. Il difensore, arrivato dal Valencia, vestirà la maglia numero 7 lasciata libera da Kondogbia ceduto al club spagnolo con uno scambio di prestiti. "Spero di ambientarmi al più presto - dice il portoghese a Inter Channel - e cercheremo di lottare per lo scudetto. Sono un giocatore a cui piace aiutare i compagni e darò tutto per l'Inter. Arrivo con la convinzione di poter far bene e sono pronto per dare il massimo con questa maglia".

19:11Usa: dimezzata immigrazione illegale da Messico in 2017

(ANSA) - WASHINGTON, 22 AGO - Dall'inizio dell'anno a fine luglio gli immigrati clandestini fermati alla frontiera col Messico sono stati 126.472, con un calo del 46% rispetto allo stesso periodo. Lo rende noto una fonte dell'amministrazione Trump, poche ore prima dell'arrivo del presidente in Arizona per un comizio a Phoenix e una visita alla zona di frontiera di Yuma. In aumento inoltre il numero di arresti di clandestini o stranieri che hanno violato il loro status migratorio: +44%, secondo un responsabile del dipartimento della sicurezza interna.

19:10Chelsea Clinton difende Barron Trump, ‘è solo un bambino’

(ANSA) - NEW YORK, 22 AGO - Chelsea Clinton torna a difendere Barron Trump, dopo che il figlio più piccolo del presidente americano Donald Trump e' stato criticato per l'abbigliamento troppo casual mentre rientrava a Washington con i genitori dopo le vacanze. Alcuni media, infatti, hanno attaccato Barron perche' e' sceso dall'Air Force One indossando maglietta e bermuda. "Barron e' solo un bambino di 11 anni, nonostante il padre sia presidente e viva alla Casa Bianca", ha detto l'ex first daughter, prendendo le sue difese. Gia' in passato Chelsea si era schierata a favore del figlio di Trump, scrivendo su Twitter: "È arrivato il momento che i media e tutti gli altri lascino Barron Trump in pace, e gli facciano vivere l'infanzia privata che merita".

19:03Afghanistan: Usa, pronti a colloqui pace

(ANSA) - WASHINGTON, 22 AGO - Bastone e carota. Dopo l'annuncio da parte di Donald Trump di un rafforzamento della presenza militare americana in Afghanistan, il segretario di stato Rex Tillerson rilancia l'offerta di negoziati di pace ai talebani. "Siamo pronti a sostenere colloqui di pace tra il governo afghano e i talebani senza precondizioni", ha dichiarato Tillerson, invitando la comunità internazionale, in particolare i vicini dell'Afghanistan, a fare altrettanto.

18:42Roma, al via piano sicurezza, fioriere in via del Corso

(ANSA) - ROMA, 22 AGO - Rafforzamento dell'area pedonale di via del Corso, nel tratto che va da Piazza del Popolo a Largo Goldoni, con il posizionamento di fioriere e divieto d'accesso al Colle capitolino per ncc e taxi. Queste le principali misure che compongono il piano anti-terrorismo, attuato da Roma Capitale, per garantire sicurezza nei punti strategici della Capitale ad alto flusso turistico.

Archivio Ultima ora