Padoan: “No a rialzo dell’Iva, sulle tasse aperti al confronto”

Pubblicato il 19 aprile 2017 da redazione

ROMA. – Niente aumento dell’Iva nel 2018. E quindi, probabilmente, nessuno scambio tra rialzo dell’aliquota e taglio del cuneo fiscale. Davanti alle Commissioni Bilancio di Camera e Senato, il ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan, assicura il pieno impegno del governo a sterilizzare le clausole di salvaguardia per il prossimo anno, così come previsto nel Def, e puntualizza che il ‘trade-off’ tra Iva e cuneo sul quale sembrava essersi favorevolmente sbilanciato nei giorni scorsi non rappresenta una sua preferenza, ma “una delle tante ipotesi” amplificata nel corso di un’intervista.

Non proprio una marcia indietro, ma comunque una decisa apertura nei confronti dei dem nel dibattito sulle tasse che lo ha portato oggi a incontrare una delegazione del partito stavolta al Senato. In continuità con il governo Renzi, – Padoan ha tenuto a ribadirlo più volte nel corso dell’audizione – l’attuale esecutivo punta a ridurre ancora la pressione fiscale.

Ma perché il taglio delle tasse, che tutti ora invocano sul lavoro, sia credibile e permanente, c’è bisogno di coperture altrettanto credibili e strutturali, ha insistito il titolare del Tesoro. Se passasse in pieno, come sembra emergere fino ad oggi, la linea Renzi, le risorse non potranno arrivare dal rialzo dell’Iva, vero tabù dell’ex premier, ma bisognerà studiare qualche alternativa, su cui Padoan si dice disponibile ad un confronto.

“Che cosa si farà quando si dovrà affrontare la rimozione delle clausole, non sono in grado di dirvelo. – ha ammesso – Non si è ancora parlato, almeno nel governo, di quali misure” saranno adottate. Proprio per questo, l’esecutivo è “aperto ad una discussione ampia ed approfondita sulle scelte che andranno finalizzate in sede di formazione della Legge di Bilancio”.

Il ministro ha quindi confermato la sua linea di delicato equilibrio tra esigenze diverse (politiche quanto finanziarie): interrompere il consolidamento dei conti pubblici sarebbe “rovinoso”, ma allo stesso tempo il calo del deficit dovrà necessariamente essere graduale per non colpire a morte la ripresa incipiente.

L’economia sta infatti dando segnali incoraggianti, per quanto non soddisfacenti, che non possono essere stroncati sul nascere. Il sentiero, ha insistito anche di fronte ai senatori del Pd, è stretto, non ci sono scorciatoie e non esistono soluzioni facili.

Una consapevolezza diffusa anche tra le massime istituzioni del Paese. Bankitalia è la prima ad esprimere qualche perplessità sul niet assoluto all’aumento dell’Iva previsto dalle salvaguardie. Lotta all’evasione fiscale e revisione strutturale della spesa, principali voci che compaiono del Def come alternative alle clausole, sono obiettivi pienamente condivisibili, sottolinea Via Nazionale.

Ma non del tutto sicuri e forse non di portata tale da garantire i quasi 15 miliardi necessari. Per questo, secondo il vicedirettore generale Luigi Signorini, “una riconsiderazione dell’ampio ventaglio delle aliquote Iva non dovrebbe a questo stadio essere esclusa”, così come una revisione delle tax expenditure. Allo stesso modo, anche lo scambio Iva-cuneo è sicuramente “una questione complessa, che merita però di essere discussa e approfondita”.

Le clausole sono materia di incertezza anche per l’Ufficio parlamentare di bilancio che, considerando il peso della correzione per il prossimo anno (lo 0,9% del Pil, circa 15 miliardi), giudica “difficile” riuscire a sterilizzare in toto gli aumenti Iva previsti.

“Tutto il quadro – nota il presidente Giuseppe Pisauro – sconta un’incertezza di base sulla dimensione dell’aggiustamento che sarà necessario”. Il peccato del governo sta nel confidare troppo nella trattativa con l’Ue e quindi nel “rinviare” alla possibilità che a livello europeo intervengano cambiamenti del patto di stabilità in senso più orientato alla crescita e allo sviluppo, tali da ridurre le correzioni richieste all’Italia per i prossimi anni. Non a caso anche la Corte dei Conti, convinta della necessità di una politica rigorosa, tale da assicurare gli obiettivi di taglio del deficit all’1,2% e di risanamento del debito, non sottovaluta la possibilità di un disattivazione “anche parziale” della clausola pur di centrare i target indicati nel Def.

(di Mila Onder e Silvia Gasparetto/ANSA)

Ultima ora

00:12Calcio: Spagna, Atletico Madrid ko con Villareal

(ANSA) - ROMA, 25 APR - Seconda sconfitta dell'anno per l'Atletico Madrid. Nell'anticipo del turno infrasettimanale della Liga, battuta d'arresto per la squadra di Simeone superata in casa 1-0 dal Villareal: decide la rete di Roberto Soriano che entra e gela così il Calderon. Un ko che complica la vita dell'Atletico che resta a quota 68 punti, terzo, ma con il Siviglia lontano solo tre lunghezze e con una gara in meno. Nelle altre gare disputate 1-1 tra Sporting e Espanyol, vittoria per 2-0 del Malaga in casa del Granada.

23:31Calcio: Chelsea vince e va a +7 su Tottenham

(ANSA) - ROMA, 25 APR - Gli applausi alla fine sono tutti per Antonio Conte. Il Chelsea torna a vincere dopo la battuta d'arresto col Manchester e allo Stamford Bridge batte il Southampton 4-2, compiendo così un altro passo verso la conquista del titolo in Premier League. La squadra allenata dall'ex ct azzurro sale infatti a 78 punti, con sette lunghezze di vantaggio sul Tottenham che scende in campo domani in casa del Crystal Palace. Nella serata trionfale dei Blues i riflettori sono per Diego Costa, autore di una doppietta, seguita alle reti di Hazard e Cahill. Di Romeu e Bertrand i gol del Southampton.

21:09Calcio: Baccaglini, lavoriamo in silenzio a futuro Palermo

(ANSA) - PALERMO, 25 APR - "Ci sono avvocati, banchieri e tecnici che stanno lavorando intensamente per finalizzare l'operazione entro i termini stabiliti. Lo fanno nel modo in cui si svolgono gli affari seri: in silenzio e con discrezione. Nel frattempo stiamo lavorando intensamente alla pianificazione del prossimo anno che deve vederci squadra forte, competitiva e all'altezza dei colori societari". E' quanto dice il presidente del Palermo calcio, Paul Baccaglini.

21:09Il paese raccolse 2 mln euro per cure, morto 14enne malato

(ANSA) - NUORO, 25 APR - E' morto questa mattina, nella sua casa di Gavoi (Nuoro), Roberto Sanna, il ragazzo di 14 anni affetto da leucodistrofia metacromatica, una malattia rara per le cui cure, undici anni fa, si era mobilitato il paese e l'intera Sardegna in una campagna di raccolta di fondi che doveva servire per i viaggi della speranza negli Stati Uniti. In quella campagna di solidarietà, da cui nacque il comitato "pro Roberto", furono raccolti oltre due milioni di euro. Molti di più di quelli che sono serviti per finanziare i due viaggi in America per sottoporre Robertino al trapianto di cellule staminali. Purtroppo, però, la sua malattia era già in stato avanzato e il piccolo che allora aveva tre anni, non è stato sottoposto all'intervento. Quei fondi, però, non sono rimasti inutilizzati. Grazie alla generosità del Comitato, presieduto da Dario Sanna, padre di Robertino, i soldi sono stati donati per la cura di altre malattie rare, per l'inserimento di ragazzi svantaggiati e per l'acquisto di apparecchiature mediche. (ANSA).

21:04Calcio: Baccaglini tagli al Palermo, ‘via molti giocatori’

(ANSA) - PALERMO, 25 APR - "Molti dei giocatori nella rosa attuale non faranno parte del futuro del Palermo che deve ai suoi tifosi e alla propria storia un impegno maggiore, migliore e più continuativo". Lo annuncia il presidente del Palermo, Paul Baccaglini, che critica senza giri di parole i giocatori soprattutto dopo la pessima figura rimediata a Roma, dove i rosanero, a un passo ormai dalla serie B, hanno lasciato l'Olimpico con un pesante 6-2.

21:03Pallavolo: gara-1 finali scudetto, Civitanova-Trentino 3-0

(ANSA) - CIVITANOVA MARCHE, 25 APR - Il primo acuto delle finali scudetto della Superlega di pallavolo è della Cucine Lube Civitanova. La formazione vincitrice della 'regular season' e della Coppa Italia si è assicurata gara 1 della serie, confermando il pronostico della vigilia e il fattore campo. 3-0 ((25-18, 25-20, 25-17) il risultato finale di un match che i padroni di casa hanno condotto fin dall'inizio nel punteggio dei singoli parziali ma anche per il volume di gioco espresso. Con un muro attento (11 block vincenti in tre set, quattro di Stankovic) e un attacco che ha viaggiato sempre su percentuali elevate (60% di squadra), la squadra di Blengini ha preso in mano le redini del gioco fin da primi scambi, non consentendo agli avversari di rispondere colpo su colpo. La Diatec Trentino ha faticato a contenere gli ex Sokolov (14 punti, con 3 muri e il 69%) e Juantorena (11 col 53%) e la potenza del servizio avversario. I cambi in corsa di Lorenzetti non hanno invertito la tendenza. Gara-2 è in programma il 4 maggio al PalaTrento.

20:40Bif&st: Avati, torno al Diavolo della mia infanzia

(ANSA) BARI, 25 APR - Pupi Avati torna ai demoni del passato con 'Il signor Diavolo'. Lo ha annunciato il regista in una master-class stamani al Bif&st divisa tra Amarcord e nostalgia. "Sto ai titoli di coda della mia vita e ho così voglia di tornare alla nostalgia del cinema con cui ho cominciato a misurarmi da bambino, con quel mondo fantastico. Torno alle cose che mi spaventavano, quando credevo ci fosse il male assoluto, in quell'atmosfera pre-conciliare dell'Italia anni Cinquanta dove i bambini erano immersi tra paura e sacralità". Nel film, che si girerà a Grado ed è tratto dal suo omonimo libro in pubblicazione per Guanda, siamo negli anni '50, a ridosso dell'alluvione del Polesine. I protagonisti sono due 14enni che vivono ancora un tipo di religiosità ancestrale. Uno dei due muore di malaria, ma la gente si convince che sia perché ha fatto cadere l'ostia e l'ha pestata. L'altro non si rassegna di aver perso l'amico del cuore e fa di tutto per contattare un essere deforme che si pensa abbia rapporti col demonio.

Archivio Ultima ora