Russia: giornalista muore in ospedale dopo aggressione

Pubblicato il 19 aprile 2017 da ansa

MOSCA. – Un altro nome si aggiunge alla tristemente lunga lista dei giornalisti uccisi in Russia. Nikolai Andrushenko, cofondatore della testata Novy Peterburg e noto per i suoi articoli su corruzione e criminalità, non ce l’ha fatta: è morto in ospedale, più di un mese dopo essere stato aggredito e pestato a San Pietroburgo mentre, uscito dalla redazione, si recava a un incontro di lavoro.

I motivi dell’omicidio non sono chiari, e neanche chi siano esecutori e mandanti. Ma secondo il direttore della “sua” Novy Peterburg, Denis Usov, il navigato Andrushenko (aveva 73 anni) è stato aggredito per le sue pubblicazioni su un settimanale avverso al governo, che tra l’altro ha recentemente pubblicato i ricordi del reporter Dmitri Zapolskij sui legami tra la Pietroburgo criminale e le autorità cittadine nell’era di Boris Eltsin.

Il reporter era stato colpito alla testa la sera del 9 marzo e i medici dell’ospedale Marinskij lo avevano posto in coma indotto. Alevtina Agheeva, direttrice della casa editrice Novy Peterburg, che pubblica l’omonimo settimanale fondato da Andrushenko, ha spiegato che “dopo il ricovero” il giornalista aveva “subito un intervento al cervello.

Agheeva non ha fatto mistero di temere che le forze dell’ordine possano non indagare adeguatamente sull’aggressione. Il motivo, per Agheeva, è chiaro: Andrushenko aveva più volte causato grattacapi alla polizia russa, accusandola di violenze e soprusi.

Laureato in fisica, Andrushenko era stato consigliere comunale a San Pietroburgo all’inizio degli anni Novanta. La sua opposizione alle autorità gli aveva attirato l’accusa di ‘estremismo’, nonché di diffamazione e insulti a pubblico ufficiale tra il 2006 e il 2009. Sempre in quel periodo, nel 2007, arrivò la vera stangata: un tribunale fece chiudere Novy Peterburg dopo due ‘ammonizioni’, una delle quali inflitta proprio per un articolo di Andrushenko intitolato “Perché vado alla marcia del dissenso”. Due anni dopo, però, la Corte suprema fece riaprire il giornale.

Andrushenko è l’ultimo di un lungo elenco di giornalisti uccisi in Russia. La più nota è sicuramente Anna Politkovskaia: la reporter di Novaia Gazeta, che denunciava la deriva autoritaria del governo di Vladimir Putin e i tanti abusi commessi dalle forze russe in Cecenia, fu freddata a colpi di pistola il 7 ottobre del 2006 nell’ascensore dell’edificio di Mosca in cui abitava.

Un’altra giornalista di Novaia Gazeta, Anastasia Baburova, fu ammazzata, anche lei a pistolettate, nel 2009 nel centro di Mosca assieme all’avvocato difensore dei diritti umani Stanislav Markelov. Khadzhimurad Kamalov, fondatore del quotidiano daghestano Cernovik, fu ucciso nel 2011 nella capitale della repubblica caucasica, Makhachkala. Natalia Estemirova, giornalista e attivista dell’ong russa Memorial fu rapita in Cecenia e trovata assassinata in Inguscezia nel luglio del 2009. E questi non sono che alcuni dei nomi di una lunga, triste lista.

(di Giuseppe Agliastro/ANSA)

Ultima ora

20:37Distrutta a Milano la targa dedicata a Yizhak Rabin

(ANSA) - MILANO, 30 APR - Distrutta a Milano da vandali la targa dedicata a Yithazak Rabin. Lo ha denunciato l'Associazione Nazionale Partigiani d'Italia, esprimendo "profonda indignazione e ferma condanna per l'odioso oltraggio antisemita". L'episodio si sarebbe verificato la notte scorsa. La targa era stata collocata nei giardini di piazza Tripoli, intitolati lo scorso anno al primo Ministro israeliano, insignito nel 1994 del Premio Nobel per la pace. "Alla Comunità Ebraica di Milano esprimiamo tutta la nostra affettuosa solidarietà e vicinanza" ha detto il presidente dell'Anpi Provinciale di Milano, Roberto Cenati.

20:31Attacco a Parlamento Skopje, 15 incriminati

(ANSA) - SKOPJE, 30 APR - Il ministero dell'Interno della Macedonia ha incriminato 15 persone per l'attacco violento di manifestanti al Parlamento nazionale, avvenuto il 27 aprile dopo l'elezione di un nuovo presidente dell'Assemblea legislativa. Cinque incriminati sono stati già arrestati riferisce l'agenzia macedone Mia. Durante gli scontri, un centinaio di persone erano rimaste ferite: oltre agli assalitori, anche alcuni parlamentari, giornalisti e 25 poliziotti.

20:16Calcio: Novara-Brescia 2-3

(ANSA) - NOVARA, 30 APR - Terza sconfitta consecutiva per il Novara, superato in casa 3-2 dal Brescia che esce così dalla zona Play-out. E' Coly, difensore ospite, l'eroe di giornata, per la sua doppietta e, soprattutto, per il gol del 3-2 un attimo dopo che il Novara si era portato sul 2-2. Nel primo tempo la partita è stata molto equilibrata, con il Brescia avanti con un colpo di testa di Ferrante e il Novara a pareggiare con una identica azione conclusa da Galabinov. Nella ripresa i lombardi hanno accentuato la loro pressione e trovato il gol, sempre di testa, con Coly. Al 33' Chiosa ha riportato di testa il Novara sul 2-2 ma un minuto dopo ecco il definitivo 3-2 di Coly, con un gran destro a giro. All'ultimo istante Adorjan ha avuto la palla del 3-3, ma ha tirato letteralmente in faccia al portiere ospite Minelli.

20:15Auto: il Reventino incorona Scola su Osella

(ANSA) - ROMA, 30 APR - Domenico Scola su Osella FA 30 Zytek, la prototipo monoposto di gruppo E2SS con gomme Avon, con il miglior tempo di 2'51"10 ottenuto in grande rimonta in gara 2, ha vinto la 19/a Cronoscalata del Reventino, la competizione calabrese organizzata da Racing Team Lamezia e Lamezia Motorsport con il patrocinio dell'AC Catanzaro, che sul bagnato ha inaugurato il calendario del Campionato Italiano Velocità Montagna 2017. La pioggia è arrivata sul finire della prima salita di gara e da quel momento ha accompagnato ed allungato tutto lo svolgimento della corsa. Sul podio di una gara imprevedibile sono saliti il sardo di CST Sport Omar Magliona su Norma M20 Fc Zytek, biposto di gruppo E2SC, dotata di gomme Pirelli e Christian Merli, vincitore di gara 2 sulla ufficiale monoposto prototipo Osella FA 30 EVO Fortech equipaggiata con pneumatici Avon, ma sul trentino di Vimotorport ha pesato una penalità di 10 secondi per via di un ritardo allo start di gara 1.

20:06Lasciato agonizzante in auto dopo incidente,arrestato pirata

(ANSA) - MILANO, 30 APR - Un automobilista di 55 anni è stato lasciato agonizzante nella sua auto a Milano dopo essere stato investito frontalmente da un'altra auto, un suv nero, condotta da un automobilista che è poi fuggito a piedi. L'uomo intrappolato nell'auto è poi morto poco dopo essere giunto in ospedale. L'incidente è avvenuto all'alba in viale Monza. L'uomo è rimasto intrappolato a bordo della sua vettura e i vigili del fuoco hanno dovuto lavorare a lungo per estrarlo dall'abitacolo. In serata è stato arrestato un uomo, un italiano, con l'accusa di omicidio stradale.

20:06Calcio: forfait di Miranda, difensore Inter out col Napoli

(ANSA) - MILANO, 30 APR - Joao Miranda dà forfait. Il difensore dell'Inter non sarà a disposizione per la sfida contro il Napoli di stasera per un risentimento muscolare al retto anteriore della gamba destra. L'allenatore dell'Inter, Stefano Pioli, dovrebbe quindi sostituirlo con Murillo, che andrà a formare la coppia di centrali con Medel.

20:02Champions: inglese Atkinson arbitra derby Real-Atletico

(ANSA) - ROMA, 30 APR - Sarà l'inglese Martin Atkinson a dirigere la semifinale di andata di Champions tra Real Madrid e Atletico Madrid, in programma il 2 maggio al Bernabeu. Lo ha stabilito l'Uefa.

Archivio Ultima ora