Russia: giornalista muore in ospedale dopo aggressione

Pubblicato il 19 aprile 2017 da ansa

MOSCA. – Un altro nome si aggiunge alla tristemente lunga lista dei giornalisti uccisi in Russia. Nikolai Andrushenko, cofondatore della testata Novy Peterburg e noto per i suoi articoli su corruzione e criminalità, non ce l’ha fatta: è morto in ospedale, più di un mese dopo essere stato aggredito e pestato a San Pietroburgo mentre, uscito dalla redazione, si recava a un incontro di lavoro.

I motivi dell’omicidio non sono chiari, e neanche chi siano esecutori e mandanti. Ma secondo il direttore della “sua” Novy Peterburg, Denis Usov, il navigato Andrushenko (aveva 73 anni) è stato aggredito per le sue pubblicazioni su un settimanale avverso al governo, che tra l’altro ha recentemente pubblicato i ricordi del reporter Dmitri Zapolskij sui legami tra la Pietroburgo criminale e le autorità cittadine nell’era di Boris Eltsin.

Il reporter era stato colpito alla testa la sera del 9 marzo e i medici dell’ospedale Marinskij lo avevano posto in coma indotto. Alevtina Agheeva, direttrice della casa editrice Novy Peterburg, che pubblica l’omonimo settimanale fondato da Andrushenko, ha spiegato che “dopo il ricovero” il giornalista aveva “subito un intervento al cervello.

Agheeva non ha fatto mistero di temere che le forze dell’ordine possano non indagare adeguatamente sull’aggressione. Il motivo, per Agheeva, è chiaro: Andrushenko aveva più volte causato grattacapi alla polizia russa, accusandola di violenze e soprusi.

Laureato in fisica, Andrushenko era stato consigliere comunale a San Pietroburgo all’inizio degli anni Novanta. La sua opposizione alle autorità gli aveva attirato l’accusa di ‘estremismo’, nonché di diffamazione e insulti a pubblico ufficiale tra il 2006 e il 2009. Sempre in quel periodo, nel 2007, arrivò la vera stangata: un tribunale fece chiudere Novy Peterburg dopo due ‘ammonizioni’, una delle quali inflitta proprio per un articolo di Andrushenko intitolato “Perché vado alla marcia del dissenso”. Due anni dopo, però, la Corte suprema fece riaprire il giornale.

Andrushenko è l’ultimo di un lungo elenco di giornalisti uccisi in Russia. La più nota è sicuramente Anna Politkovskaia: la reporter di Novaia Gazeta, che denunciava la deriva autoritaria del governo di Vladimir Putin e i tanti abusi commessi dalle forze russe in Cecenia, fu freddata a colpi di pistola il 7 ottobre del 2006 nell’ascensore dell’edificio di Mosca in cui abitava.

Un’altra giornalista di Novaia Gazeta, Anastasia Baburova, fu ammazzata, anche lei a pistolettate, nel 2009 nel centro di Mosca assieme all’avvocato difensore dei diritti umani Stanislav Markelov. Khadzhimurad Kamalov, fondatore del quotidiano daghestano Cernovik, fu ucciso nel 2011 nella capitale della repubblica caucasica, Makhachkala. Natalia Estemirova, giornalista e attivista dell’ong russa Memorial fu rapita in Cecenia e trovata assassinata in Inguscezia nel luglio del 2009. E questi non sono che alcuni dei nomi di una lunga, triste lista.

(di Giuseppe Agliastro/ANSA)

Ultima ora

00:02Champions: Guardiola “vittoria che vale”

(ANSA) - ROMA, 17 OTT - "Non posso giudicare le difficoltà del Napoli durante la prima mezz'ora, ma è stata la partita che mi aspettavo: è impossibile dominare una squadra come il Napoli per 90', quindi devo fare i complimenti ai 'miei' giocatori, perché so contro quale tipo squadra abbiamo vinto. Non abbiamo giocato contro dei ragazzini, ma contro una formazione che in Serie A ha vinto otto partite di fila". Così Pep Guardiola commenta la vittoria del Manchester City contro il Napoli, in Champions. "Questa è una una vittoria importantissima nell'economia del passaggio del turno", conclude l'allenatore spagnolo.

00:00Sarri: “25′ scadenti, poi messo City in difficoltà”

(ANSA) - ROMA, 17 OTT - "Non so cosa sia successo nei primi 30': abbiamo sbagliato pressioni e distanze, concesso troppi spazi a una squadra devastante. Prendere gol dopo 5' è stato pesante: nei primi 25' siamo stati scadenti, ma nei restanti 75' abbiamo reagito, imponendoci. Giocare alla pari contro questi avversari, ci lascia fiduciosi". Così, a Premium sport, Maurizio Sarri. "Il City è una squadra difficile da affrontare, ma l'abbiamo messa in difficoltà e questo è un grande segnale. Insigne aveva un dolore all'adduttore, non dovrebbe essere nulla di grave".

23:46Champions: i risultati della terza giornata

(ANSA) - ROMA, 17 OTT - I risultati delle partite valide per la terza giornata di Champions league, disputate stasera: Maribor-Liverpool 0-7, Real Madrid-Tottenham 1-1, Feyenoord-Shakhtar Donetsk 1-2, Monaco-Besiktas 1-2, Spartak Mosca-Siviglia 5-1, Lipsia-Porto 3-2, Apoel Nicosia-Borussia Dortmund 1-1.

23:17Champions: Manchester City-Napoli 2-1

(ANSA) - ROMA, 17 OTT - Il Manchester City ha battuto 2-1 (2-0) il Napoli, in una partita valida per il Gruppo F di Champions League. Inglesi in vantaggio al 9' con Sterling e bravi a raddoppiare con Gabriel Gesus al 13'. Dopo che al 38' Mertens si era fatto parare un rigore dal portiere Ederson, nella ripresa i partenopei hanno accorciato le distanze - sempre su rigore - con Diawara, al 28'. Manchester City a punteggio pieno nel raggruppamento, il Napoli fermo a tre, con lo Shakhtar salito a 6.

23:09Usa: giudice Hawaii blocca ultimo ‘travel ban’ Trump

(ANSA) - WASHINGTON, 17 OTT - Un giudice federale delle Hawaii ha bloccato l'ultima versione del 'travel ban' di Donald Trump poche ore prima che entrasse in vigore. Il provvedimento prevede restrizioni per l'arrivo in Usa da otto Paesi. Secondo il giudice, l'ordine esecutivo di Trump crea discriminazioni sulla base della nazionalità. Il provvedimento sarebbe dovuto entrare in vigore alla mezzanotte, ora di Washington (le 6 di domani mattina in Italia). La Casa Bianca ha subito definito la decisione del giudice "pericolosamente errata" E' stata così accolta la richiesta delle Hawaii, secondo cui il nuovo bando è la continuazione della "promessa di Donald Trump di escludere i musulmani dagli Usa". Il 'travel ban' prevede restrizioni per i cittadini di Ciad, Iran, Libia, Corea del Nord, Somalia, Siria, Yemen e per alcuni dirigenti di governo venezuelani.

21:57200mila manifestanti in piazza a Barcellona

(ANSA) - BARCELLONA, 17 OTT - Duecentomila persone partecipano alla concentrazione nel centro di Barcellona per chiedere la liberazione dei due dirigenti indipendentisti, Jordi Sanchez e Jordi Cuixart, accusati di 'sedizione' e arrestati ieri sera per ordine di un giudice spagnolo, secondo le stime della polizia urbana della capitale catalana. Manifestazioni pacifiche parallele si svolgono in altri centri della Catalogna.

21:43Appalti sanità Puglia, condannati Gianpi Tarantini e altri 5

(ANSA) - BARI, 17 OTT - Il Tribunale di Bari ha condannato a pene comprese fra i 4 anni e i 2 anni di reclusione sei delle otto persone, fra le quali l'imprenditore Gianpaolo Tarantini e l'ex dg della Asl di Bari Lea Cosentino, imputate in uno dei processi baresi su presunti appalti truccati nella sanità. Colpevoli, a vario titolo, di associazione per delinquere, peculato e truffa. Assolto "per non aver commesso il fatto" da tutte le accuse l'allora direttore amministrativo della Asl Bari Francesco Lippolis. Prosciolto per prescrizione Claudio Tarantini, fratello di Gianpi, che rispondeva unicamente di due episodi di corruzioni. I fatti risalgono agli anni 2008-2010 e riguardano la gestione delle gare e delle trattative per l'acquisto di attrezzature e protesi sanitarie alla Asl di Bari. Tarantini è stato condannato a 4 anni di reclusione per associazione per delinquere e peculato, Lea Cosentino a 2 anni e 6 mesi, l'allora capo area gestione patrimonio della Asl di Bari Antonio Colella e il funzionario Asl Michele Vaira a 3 anni.

Archivio Ultima ora