Entrano in scena i “colectivos”

Pubblicato il 19 aprile 2017 da Mauro Bafile

Due morti, 400 arresti e decine di feriti. Questo è il primo bilancio della protesta del 19 aprile; protesta che, pare inevitabile, non potrà non avere conseguenze politiche. Com’era nelle previsioni, i cordoni delle forze dell’Ordine non hanno permesso ai 26 cortei del Tavolo dell’Unità Democratica, di convergere verso la sede della “Defensoria del Pueblo”. Era quello l’obiettivo e lo era anche quello di consegnare a William Tareck Saab, “Defensor del Pueblo”, un documento nel quale si reclama una dichiarazione di principio sul “Golpe”, poi parzialmente rientrato, promosso, come segnalato dalla stessa Procuratrice, dall’Alta Corte con le sentenze 155 e 156.

Confuse le versioni sulla morte dei due giovani, a Caracas e a San Cristobal. Ma, secondo testimonianze raccolte dai mass-media sembrerebbe che i responsabili sarebbero da individuare tra i “colectivos”, gruppi armati fedeli al governo che si muovono in moto. A Caracas, Carlos José Moreno Barón, 17 anni e studente di Economia nell’Università Centrale del Venezuela, è stato raggiunto da un colpo di arma da fuoco in testa mentre osservava la protesta indetta dal Tavolo dell’Unità nella “Plaza La Estrella”, nel quartiere di San Bernardino. C’è chi dice che sia stato un motociclista a sparare un colpo di pistola contro il giovane, chi invece che l’assassino stava appostato in uno degli edifici della Piazza. Portato immediatamente all’“Hospital de Clínicas Caracas”, la vittima è deceduta mentre i medici lo operavano, nel disperato tentativo di salvarlo. Paola Andreina Ramìrez Gómez, a San Cristobal, è stata colpita a morte da un gruppo di motociclisti appartenenti a un “colectivo” che faceva fuoco sui manifestanti. La giovane è caduta a terra tra le urla dei presenti e per lei non c’è stato nulla da fare.
Parallelamente alla manifestazione dell’Opposizione si è svolta quella indetta dal Psuv (Partido Socialista Unido), a sostegno del governo, nella centrica Avenida Bolívar. Oratore principale, il presidente della Repubblica, Nicolás Maduro. Il capo dello Stato, nel suo intervento trasmesso dalla televisione di Stato, ha accusato nuovamente il partito Primero Justicia e, in particolare, il presidente del Parlamento, Julio Borges, di tessere le trame di un colpo di Stato. L’insistenza del presidente Maduro nell’assicurare l’esistenza di un complotto e di indicare nei leader dell’Opposizione – leggasi, Julio Borges, Henry Ramos Allup, Freddy Guevara ed altri – i promotori, lascia facilmente supporre che nei prossimi giorni potrebbe ordinare il loro arresto.

Lo scopo, stando a quanto sostengono analisti politici, sarebbe quello di privare l’Opposizione dei suoi leader. Quindi, la possibilità per il capo dello Stato di affrontare l’elezione regionale, o addirittura quella presidenziale, con un Tavolo dell’Unità in crisi. Da qui, sostengono alcuni esperti in materia, l’insistenza nell’esigere al Consiglio Nazionale Elettorale un’agenda elettorale affinché si svolgano elezioni quanto prima. Fantapolitica? Probabile. Ma, se diamo credito alle dichiarazioni del capo dello Stato, e non c’è motivo per non farlo, il suo desiderio sarebbe quello di misurarsi al più presto con l’Opposizione. Ma mai lo farebbe da una posizione di debolezza. E oggi, evidentemente, lo è.
A preoccupare il presidente Maduro non è solo la realtà politica, che comunque continua a controllare anche se con affanno, ma quella economica. Le stime per quest’anno e il prossimo, rese note dal Fondo Monetario Internazionale, presentano un Paese in ginocchio. La contrazione del Pil, stimato attorno al 4 per cento, è sicuramente inferiore a quella degli anni passati ma ancora molto preoccupante. E poi c’è l’inflazione che quest’anno, secondo le proiezioni del Fondo, dovrebbe raggiungere il 750 per cento e il prossimo il 2064 per cento. Cifre da capogiro che ricordano l’iperinflazione che anni fa colpì i paesi del “Cono Sud”. L’incidenza della contrazione economica e dell’accelerata spirale inflazionaria sulla qualità di vita di tutti i venezuelani sarà drammatica. A soffrirne le conseguenze saremo tutti ma, in particolare, gli strati più umili e meno abbienti, quelli che già oggi riescono a consumare appena due pasti al giorno se non uno solo.

Il governo del presidente Maduro, quindi, avrà bisogno di affrontare le difficili circostanze sociali, che potrebbero rendere il Paese ingovernabile, da una posizione di forza. E, per farlo, dovrà necessariamente indebolire l’Opposizione. L’alternativa sarebbe una transizione pilotata, ma questa passerebbe necessariamente per l’uscita dalla scena politica del presidente della Repubblica, dei membri del governo, e dei principali leader del Psuv. Un’ipotesi inaccettabile per chi, oggi, ha le redini del Paese. Inaccettabile anche un accordo con il Fondo Monetario Internazionale, poiché significherebbe ammettere il fallimento del “chavismo”. Non resterebbe quindi al Governo altra alternativa se non quella di radicalizzare il proprio atteggiamento, accusare l’Opposizione di cospirazione e dichiarare fuorilegge i partiti che la costituiscono o, più probabile, lasciare al Consiglio Nazionale Elettorale la responsabilità di affermare che i maggiori partiti dell’Opposizione non sono riusciti a legittimarsi.
E intanto, mentre gli analisti presentano scenari possibili o prossimi alla fantapolitica, i leader del Tavolo dell’Unità esortano i venezuelani a scendere di nuovo in piazza e a ripetere ancora e ancora la “madre de todas las marchas”.
Bafile Mauro

Ultima ora

11:21Calcio: Juventus rientrata a Boston

(ANSA) - ROMA, 28 LUG - Dopo la vittoria contro il Paris Saint-Germain a Miami, la Juventus ha fatto ritorno nel ritiro di Boston. Ad attendere i bianconeri al Babson College c'era anche Federico Bernardeschi. L'attaccante ex Fiorentina ha effettuato il primo allenamento con i nuovi compagni in vista dell'amichevole di domenica con la Roma, ultima partita della tournée americana.

11:18F.1: motori, accordo tra Ferrari e Sauber

(ANSA) - ROMA, 28 LUG - La scuderia Ferrari ha raggiunto un accordo pluriennale con la Sauber Formula 1. In base a questo, spiega il Cavallino rampante in un comunicato, le power unit prodotte a Maranello saranno utilizzate sulle monoposto della squadra svizzera.

11:12Calcio: Mls, Sigi Schmid nuovo tecnico dei LA Galaxy

(ANSA) - ROMA, 28 LUG - Cambio di allenatore sulla panchina dei Los Angeles Galaxy: Curt Onalfo, infatti, è stato esonerato in seguito ai deludenti risultati conseguiti, non ultima una serie di 5 sconfitte consecutive. Il suo posto è stato assegnato al veterano della Mls Sigi Schmid, 64 anni, tedesco con passaporto Usa, tra il '99 e il 2004 già nella franchigia californiana che nel 2002 condusse anche al suo primo scudetto. Titolo che la scorsa stagione è andato ai Seattle Sounders, squadra allenata proprio da Schmid fino all'estate, quando fu a sua volta esonerato. Onalfo, promosso dai Galaxy B dopo la nomina di Bruce Arena a ct della Nazionale statunitense, lascia la squadra al 9/o posto della Western Conference, con 6 vittorie, 4 pareggi e 10 sconfitte. Dal prossimo campionato di Mls, intanto, la città avrà il suo derby con il debutto del Los Angeles Football Club (Lafc): la nuova franchigia sarà guidata dal 59enne ex ct degli Usa Bob Bradley. Nel gennaio dello scorso anno era stato esonerato dallo Swansea (Premier League).

10:59Migranti: naufragio Egeo, 7 vittime, anche 5 bambini

(ANSAmed) - ISTANBUL, 28 LUG - Almeno 7 persone, 2 donne e 5 bambini, sono morte nel naufragio di un barcone di migranti nel mar Egeo, avvenuto nella tarda serata di ieri. Lo riferisce la guardia costiera turca. Il natante, diretto verso le isole greche, è affondato al largo di Cesme, località costiera nella provincia di Smirne. Secondo le autorità marittime di Ankara, a bordo c'erano 18 persone, 9 delle quali - 4 iracheni, 3 somali e 2 siriani - soccorse in mare. Proseguono inoltre le ricerche di un altro migrante, che risulta disperso. Il presunto scafista avrebbe invece abbandonato il barcone mentre stava affondando ed è ora ricercato. Nelle operazioni di salvataggio sono stati impiegati 3 navi e un elicottero. Dall'accordo Ue-Turchia del marzo 2016, il flusso di migranti e rifugiati verso le isole greche si è ridotto a una media quotidiana di poche decine, facendo diminuire sensibilmente anche il numero degli incidenti in mare

10:51Pakistan: premier rimosso da Corte Suprema

(ANSA) - ROMA, 28 LUG - La corte suprema pachistana ha rimosso dal suo incarico il premier Nawaz Sharif perché accusato di corruzione. Non è la prima volta che un tribunale ha ordinato la rimozione di un premier eletto. Cinque anni fa era successo all'allora primo ministro Yusuf Raza Gilani per un caso di oltraggio alla giustizia. Sharif e i suoi figli sono invece accusati di possedere una serie di compagnie offshore, come è emerso un anno fa dai cosiddetti Panama Papers.

10:42Omicidio a Vieste: indagini, ascoltate 8 persone

(ANSA) - VIESTE, 28 LUG - Otto persone, tra amici, familiari e possibili testimoni, sono state ascoltate dai carabinieri nell'ambito delle indagini sull'omicidio di Omar Trotta, di 31 anni, con precedenti penali, ucciso ieri con colpi di pistola intorno alle 14.00 mentre era all'interno del suo ristorante, 'La bruschetta', nel centro storico di Vieste. E'stata ascoltata anche la moglie della vittima, che era presente con la figlioletta di 7 mesi. ''Ci ha confermato la dinamica. - ha detto un ufficiale dei Cc che segue le indagini - Un solo killer è entrato nel locale, col volto coperto da casco e armato di pistola calibro 9. Ha esploso 5 colpi che hanno raggiunto Trotta all'addome e alla testa, uccidendolo''. Poi è fuggito ed ha raggiunto il complice che lo attendeva su uno scooter. Il killer ha sparato senza preoccuparsi della gente che in quel momento si trovava nel locale. Al tavolo con Trotta e Tommaso Tomaiuolo, di 21 anni, rimasto leggermente ferito, sedeva anche la fidanzata di Tomaiuolo, sfuggita al fuoco del killer.

10:41Causò incendio che distrusse 10mila mq Parco Vesuvio, preso

(ANSA) - NAPOLI, 28 LUG - Identificato e arrestato dai Carabinieri l'autore dell'incendio che ha distrutto 10mila metri quadrati di Parco nazionale del Vesuvio. Sono stati i Carabinieri della Compagnia di Torre del Greco, in sinergia con i Carabinieri Forestali, ad aver eseguito nella notte un'ordinanza di custodia cautelare in carcere per incendio boschivo emessa dal Gip di Torre Annunziata su richiesta della locale Procura nei confronti di un 24enne del luogo già noto alle forze dell'ordine. L'uomo, identificato grazie a veloci indagini - esame di telecamere e attività di intercettazione - è ritenuto responsabile di aver appiccato, il 14 luglio scorso a Torre del Greco, l'incendio che ha distrutto 10mila metri quadrati di Parco. Il giovane ha utilizzato un semplice accendino, mettendo per altro a repentaglio con quel gesto la sua stessa abitazione, lambita dalle fiamme. Adesso si trova nel carcere di Poggioreale, in attesa del processo.

Archivio Ultima ora