Entrano in scena i “colectivos”

Pubblicato il 19 aprile 2017 da Mauro Bafile

Due morti, 400 arresti e decine di feriti. Questo è il primo bilancio della protesta del 19 aprile; protesta che, pare inevitabile, non potrà non avere conseguenze politiche. Com’era nelle previsioni, i cordoni delle forze dell’Ordine non hanno permesso ai 26 cortei del Tavolo dell’Unità Democratica, di convergere verso la sede della “Defensoria del Pueblo”. Era quello l’obiettivo e lo era anche quello di consegnare a William Tareck Saab, “Defensor del Pueblo”, un documento nel quale si reclama una dichiarazione di principio sul “Golpe”, poi parzialmente rientrato, promosso, come segnalato dalla stessa Procuratrice, dall’Alta Corte con le sentenze 155 e 156.

Confuse le versioni sulla morte dei due giovani, a Caracas e a San Cristobal. Ma, secondo testimonianze raccolte dai mass-media sembrerebbe che i responsabili sarebbero da individuare tra i “colectivos”, gruppi armati fedeli al governo che si muovono in moto. A Caracas, Carlos José Moreno Barón, 17 anni e studente di Economia nell’Università Centrale del Venezuela, è stato raggiunto da un colpo di arma da fuoco in testa mentre osservava la protesta indetta dal Tavolo dell’Unità nella “Plaza La Estrella”, nel quartiere di San Bernardino. C’è chi dice che sia stato un motociclista a sparare un colpo di pistola contro il giovane, chi invece che l’assassino stava appostato in uno degli edifici della Piazza. Portato immediatamente all’“Hospital de Clínicas Caracas”, la vittima è deceduta mentre i medici lo operavano, nel disperato tentativo di salvarlo. Paola Andreina Ramìrez Gómez, a San Cristobal, è stata colpita a morte da un gruppo di motociclisti appartenenti a un “colectivo” che faceva fuoco sui manifestanti. La giovane è caduta a terra tra le urla dei presenti e per lei non c’è stato nulla da fare.
Parallelamente alla manifestazione dell’Opposizione si è svolta quella indetta dal Psuv (Partido Socialista Unido), a sostegno del governo, nella centrica Avenida Bolívar. Oratore principale, il presidente della Repubblica, Nicolás Maduro. Il capo dello Stato, nel suo intervento trasmesso dalla televisione di Stato, ha accusato nuovamente il partito Primero Justicia e, in particolare, il presidente del Parlamento, Julio Borges, di tessere le trame di un colpo di Stato. L’insistenza del presidente Maduro nell’assicurare l’esistenza di un complotto e di indicare nei leader dell’Opposizione – leggasi, Julio Borges, Henry Ramos Allup, Freddy Guevara ed altri – i promotori, lascia facilmente supporre che nei prossimi giorni potrebbe ordinare il loro arresto.

Lo scopo, stando a quanto sostengono analisti politici, sarebbe quello di privare l’Opposizione dei suoi leader. Quindi, la possibilità per il capo dello Stato di affrontare l’elezione regionale, o addirittura quella presidenziale, con un Tavolo dell’Unità in crisi. Da qui, sostengono alcuni esperti in materia, l’insistenza nell’esigere al Consiglio Nazionale Elettorale un’agenda elettorale affinché si svolgano elezioni quanto prima. Fantapolitica? Probabile. Ma, se diamo credito alle dichiarazioni del capo dello Stato, e non c’è motivo per non farlo, il suo desiderio sarebbe quello di misurarsi al più presto con l’Opposizione. Ma mai lo farebbe da una posizione di debolezza. E oggi, evidentemente, lo è.
A preoccupare il presidente Maduro non è solo la realtà politica, che comunque continua a controllare anche se con affanno, ma quella economica. Le stime per quest’anno e il prossimo, rese note dal Fondo Monetario Internazionale, presentano un Paese in ginocchio. La contrazione del Pil, stimato attorno al 4 per cento, è sicuramente inferiore a quella degli anni passati ma ancora molto preoccupante. E poi c’è l’inflazione che quest’anno, secondo le proiezioni del Fondo, dovrebbe raggiungere il 750 per cento e il prossimo il 2064 per cento. Cifre da capogiro che ricordano l’iperinflazione che anni fa colpì i paesi del “Cono Sud”. L’incidenza della contrazione economica e dell’accelerata spirale inflazionaria sulla qualità di vita di tutti i venezuelani sarà drammatica. A soffrirne le conseguenze saremo tutti ma, in particolare, gli strati più umili e meno abbienti, quelli che già oggi riescono a consumare appena due pasti al giorno se non uno solo.

Il governo del presidente Maduro, quindi, avrà bisogno di affrontare le difficili circostanze sociali, che potrebbero rendere il Paese ingovernabile, da una posizione di forza. E, per farlo, dovrà necessariamente indebolire l’Opposizione. L’alternativa sarebbe una transizione pilotata, ma questa passerebbe necessariamente per l’uscita dalla scena politica del presidente della Repubblica, dei membri del governo, e dei principali leader del Psuv. Un’ipotesi inaccettabile per chi, oggi, ha le redini del Paese. Inaccettabile anche un accordo con il Fondo Monetario Internazionale, poiché significherebbe ammettere il fallimento del “chavismo”. Non resterebbe quindi al Governo altra alternativa se non quella di radicalizzare il proprio atteggiamento, accusare l’Opposizione di cospirazione e dichiarare fuorilegge i partiti che la costituiscono o, più probabile, lasciare al Consiglio Nazionale Elettorale la responsabilità di affermare che i maggiori partiti dell’Opposizione non sono riusciti a legittimarsi.
E intanto, mentre gli analisti presentano scenari possibili o prossimi alla fantapolitica, i leader del Tavolo dell’Unità esortano i venezuelani a scendere di nuovo in piazza e a ripetere ancora e ancora la “madre de todas las marchas”.
Bafile Mauro

Ultima ora

10:23G7: Donald Trump arriva con oltre mezz’ora di ritardo

(ANSA) - TAORMINA, 27 MAG - Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha raggiunto i colleghi del G7 e dei paesi africani al San Domenico Palace di Taormina con oltre mezz'ora di ritardo, nella seconda giornata di lavori. Gli altri leader erano già nella sala pronti a cominciare le discussioni.

10:19Truffavano antiquari e collezionisti, venti denunce

(ANSA) - TORINO, 27 MAG - Murate all'interno di una villa, nel Vercellese, c'erano opere pittoriche attribuite a Van Dyck e Guido Reni. A scoprirle sono stati i carabinieri del nucleo Tutela Patrimonio Culturale di Torino, che hanno denunciato per truffa aggravata 20 persone. L'organizzazione criminale è stata sgominata nell'ambito delle attività che i militari del nucleo hanno effettuato nel 2016. E che hanno portato alla denuncia di 77 persone (+97,4% rispetto al 2015) e al sequestro di 3.470 beni antiquari, archivistici e librari (+28%). Tra questi ultimi anche un antico libro di preghiere, 'Modus Orandi Deum', acquistato via web da un professore di storia dell'arte dell'università svedese di Lunds. Il docente si è accorto che il libro aveva il timbro della Biblioteca Reale di Torino, da dove era stato rubato nel 2012. Le investigazioni hanno consentito di scoprire la filiera della provenienza del libro fino ad arrivare ad un noto antiquario di Torino. Nel suo magazzino sono stati trovati molti documenti provento di furto.(ANSA).

10:19G7: Gentiloni, serve una partnership forte con Africa

(ANSA) - TAORMINA, 27 MAG - "Già Taormina e la Sicilia già dice quanto è importante per noi il rapporto con l'Africa, ci troviamo nel cuore del Mediterraneo e oggi la discussione con l'Africa si concentra sull'esigenza di partnership a tutto campo tra G7, organismi internazionali e paesi africani con l'obiettivo d'innovazione e sviluppo del capitale umano". Così il premier Paolo Gentiloni aprendo la sessione outreach con i paesi africani ospiti al vertice.

10:18Attentato incendiario contro sindaco sardo, bruciata auto

(ANSA) - CAGLIARI, 27 MAG - Ancora attentati e intimidazioni ai danni dei sindaci della Sardegna. Dopo la busta con quattro cartucce inviata ieri al primo cittadino di Siniscola (Nuoro), Gian Luigi Farris, durante la notte è stata presa di mira la sindaca di Villacidro, Marta Cabriolu, comune del Campidano. E' stata incendiata la sua auto, una Ford Fiesta, che era parcheggiata poco distante dall'abitazione. Il fatto alle 2:30 in via della Libertà. Le fiamme hanno avvolto il cofano e il vano motore. Alcuni vicini si sono accorti dell'incendio e hanno fatto scattare l'allarme e sono anche intervenuti per domare le fiamme. Sul posto sono giunti i carabinieri del Radiomobile della Compagnia di Villacidro e i vigili del fuoco di Sanluri. L'auto è stata gravemente danneggiata. I pompieri, a quanto pare, non avrebbero trovato evidenti tracce di acceleranti ma il rogo dell'auto, che è nuova, è di natura dolosa. I carabinieri, coordinati dal cap. Valerio Cadeddu,hanno avviato le indagini non semplici, nel paese non ci sono telecamere. (ANSA).

10:17G7: Gurria, Pil Italia accelera, fiduciosi su banche

(ANSA) - TAORMINA, 27 MAG - "C'è ripresa, c'è crescita positiva con un 2017 meglio del 2016, credo l'accordo con l'Ue su Mps sia vicino a conclusione e ora tocca alle venete". Lo dice in un'intervista all'ANSA Angel Gurrìa, segretario generale dell'Ocse, a margine del G7. "Credo che l'Italia vada nella giusta direzione, naturalmente c'è una questione politica sul quando avremo le prossime elezioni e naturalmente il risultato. Ma questa è una cosa che avviene in tutti i Paesi, non solo in Italia", aggiunge Gurria.(ANSA).

10:12Giro: 20/a tappa, da Pordenone a Asiago, 190 km

(ANSA) - PORDENONE, 26 MAG - La 20/a e penultima tappa del 100/o Giro d'Italia, in programma oggi, si disputa tra il Friuli Venezia Giulia e il Veneto, dalla provincia di Pordenone, a quelle di Treviso, Belluno e Vicenza, su un percorso di 190 km. E sarà molto probabilmente la gara decisiva di questo Giro, che da ieri vede al comando della classifica generale il colombiano Nairo Quintana. Ma Dumoulin, Nibali e Pinot sono a una manciata di secondi. Il via da Pordenone; l'arrivo ad Asiago. Percorso in pianura per un centinaio di km. Poi la salita del Montegrappa, lunga 24,2 km, con un dislivello di 1.287 metri, una pendenza media del 5,3 %, massima dell'11. La discesa è molto lunga e impegnativa (26 km), con numerosi tornanti su strada di media larghezza. Si affronterà quindi l'ultima salita a Foza dove. E' una salita lunga 14 km, con un dislivello di 937 metri, una pendenza media del 6,7 %, massima dell'11. I corridori arriveranno a quota 1.086, prima della discesa con diversi tornanti.

09:55Basket: playoff, Venezia-Avellino 73-80

(ANSA) - VENEZIA, 26 MAG - Reyer Venezia sconfitta in casa da Avellino 73-80 (21-21, 32-32, 49-55) in gara-1 delle semifinali scudetto della serie A di basket. Il segreto della squadra di Sacripanti sono le individualità, con Ragland (miglior realizzatore con 20 punti) ben affiancato da Randolph, 13 punti, buona parte dei quali nel terzo quarto, in cui Avellino ha incanalato il match dopo un primo tempo in sostanziale equilibrio, con nessuna delle due squadre capace di scavare un solco maggiore ai quattro punti. Ma anche i lunghi hanno fatto sentire il loro peso: Avellino ha dominato a rimbalzo (33 a 24). E vanno segnalati anche i sei recuperi di Green, importantissimo nella fase in cui, in avvio di ultimo periodo, Avellino ha portato il vantaggio in doppia cifra. L'unico di Venezia ad esprimersi sui suoi livelli è stato Peric (18 punti), con qualche fiammata di Tonut. McGee e Bramos, mentre sono mancati i punti di Haynes (fermo ad 8). Si torna in campo domenica, di nuovo al Taliercio.

Archivio Ultima ora