Entrano in scena i “colectivos”

Pubblicato il 19 aprile 2017 da Mauro Bafile

Due morti, 400 arresti e decine di feriti. Questo è il primo bilancio della protesta del 19 aprile; protesta che, pare inevitabile, non potrà non avere conseguenze politiche. Com’era nelle previsioni, i cordoni delle forze dell’Ordine non hanno permesso ai 26 cortei del Tavolo dell’Unità Democratica, di convergere verso la sede della “Defensoria del Pueblo”. Era quello l’obiettivo e lo era anche quello di consegnare a William Tareck Saab, “Defensor del Pueblo”, un documento nel quale si reclama una dichiarazione di principio sul “Golpe”, poi parzialmente rientrato, promosso, come segnalato dalla stessa Procuratrice, dall’Alta Corte con le sentenze 155 e 156.

Confuse le versioni sulla morte dei due giovani, a Caracas e a San Cristobal. Ma, secondo testimonianze raccolte dai mass-media sembrerebbe che i responsabili sarebbero da individuare tra i “colectivos”, gruppi armati fedeli al governo che si muovono in moto. A Caracas, Carlos José Moreno Barón, 17 anni e studente di Economia nell’Università Centrale del Venezuela, è stato raggiunto da un colpo di arma da fuoco in testa mentre osservava la protesta indetta dal Tavolo dell’Unità nella “Plaza La Estrella”, nel quartiere di San Bernardino. C’è chi dice che sia stato un motociclista a sparare un colpo di pistola contro il giovane, chi invece che l’assassino stava appostato in uno degli edifici della Piazza. Portato immediatamente all’“Hospital de Clínicas Caracas”, la vittima è deceduta mentre i medici lo operavano, nel disperato tentativo di salvarlo. Paola Andreina Ramìrez Gómez, a San Cristobal, è stata colpita a morte da un gruppo di motociclisti appartenenti a un “colectivo” che faceva fuoco sui manifestanti. La giovane è caduta a terra tra le urla dei presenti e per lei non c’è stato nulla da fare.
Parallelamente alla manifestazione dell’Opposizione si è svolta quella indetta dal Psuv (Partido Socialista Unido), a sostegno del governo, nella centrica Avenida Bolívar. Oratore principale, il presidente della Repubblica, Nicolás Maduro. Il capo dello Stato, nel suo intervento trasmesso dalla televisione di Stato, ha accusato nuovamente il partito Primero Justicia e, in particolare, il presidente del Parlamento, Julio Borges, di tessere le trame di un colpo di Stato. L’insistenza del presidente Maduro nell’assicurare l’esistenza di un complotto e di indicare nei leader dell’Opposizione – leggasi, Julio Borges, Henry Ramos Allup, Freddy Guevara ed altri – i promotori, lascia facilmente supporre che nei prossimi giorni potrebbe ordinare il loro arresto.

Lo scopo, stando a quanto sostengono analisti politici, sarebbe quello di privare l’Opposizione dei suoi leader. Quindi, la possibilità per il capo dello Stato di affrontare l’elezione regionale, o addirittura quella presidenziale, con un Tavolo dell’Unità in crisi. Da qui, sostengono alcuni esperti in materia, l’insistenza nell’esigere al Consiglio Nazionale Elettorale un’agenda elettorale affinché si svolgano elezioni quanto prima. Fantapolitica? Probabile. Ma, se diamo credito alle dichiarazioni del capo dello Stato, e non c’è motivo per non farlo, il suo desiderio sarebbe quello di misurarsi al più presto con l’Opposizione. Ma mai lo farebbe da una posizione di debolezza. E oggi, evidentemente, lo è.
A preoccupare il presidente Maduro non è solo la realtà politica, che comunque continua a controllare anche se con affanno, ma quella economica. Le stime per quest’anno e il prossimo, rese note dal Fondo Monetario Internazionale, presentano un Paese in ginocchio. La contrazione del Pil, stimato attorno al 4 per cento, è sicuramente inferiore a quella degli anni passati ma ancora molto preoccupante. E poi c’è l’inflazione che quest’anno, secondo le proiezioni del Fondo, dovrebbe raggiungere il 750 per cento e il prossimo il 2064 per cento. Cifre da capogiro che ricordano l’iperinflazione che anni fa colpì i paesi del “Cono Sud”. L’incidenza della contrazione economica e dell’accelerata spirale inflazionaria sulla qualità di vita di tutti i venezuelani sarà drammatica. A soffrirne le conseguenze saremo tutti ma, in particolare, gli strati più umili e meno abbienti, quelli che già oggi riescono a consumare appena due pasti al giorno se non uno solo.

Il governo del presidente Maduro, quindi, avrà bisogno di affrontare le difficili circostanze sociali, che potrebbero rendere il Paese ingovernabile, da una posizione di forza. E, per farlo, dovrà necessariamente indebolire l’Opposizione. L’alternativa sarebbe una transizione pilotata, ma questa passerebbe necessariamente per l’uscita dalla scena politica del presidente della Repubblica, dei membri del governo, e dei principali leader del Psuv. Un’ipotesi inaccettabile per chi, oggi, ha le redini del Paese. Inaccettabile anche un accordo con il Fondo Monetario Internazionale, poiché significherebbe ammettere il fallimento del “chavismo”. Non resterebbe quindi al Governo altra alternativa se non quella di radicalizzare il proprio atteggiamento, accusare l’Opposizione di cospirazione e dichiarare fuorilegge i partiti che la costituiscono o, più probabile, lasciare al Consiglio Nazionale Elettorale la responsabilità di affermare che i maggiori partiti dell’Opposizione non sono riusciti a legittimarsi.
E intanto, mentre gli analisti presentano scenari possibili o prossimi alla fantapolitica, i leader del Tavolo dell’Unità esortano i venezuelani a scendere di nuovo in piazza e a ripetere ancora e ancora la “madre de todas las marchas”.
Bafile Mauro

Ultima ora

00:58Medico, Trump assume farmaci per capelli

(ANSA) - WASHINGTON, 16 GEN - Tra i farmaci assunti da Trump figurano la Propecia (finasteride) contro la caduta dei capelli e il Crestor (rosuvastatina) per abbassare il colesterolo. Lo ha detto il contro ammiraglio Ronny L. Jackson, medico della Casa Bianca, aggiungendo che il presidente trarrebbe vantaggi da una dieta con meno grassi.

00:55Calcio: Var irrompe in Fa cup e regala un gol al Leicester

(ANSA) - LONDRA, 16 GEN - Svolta storica nel calcio inglese dove, per la prima volta, un gol è stato assegnato con l'ausilio della Var, sperimentata nella Fa cup nell'attesa della sua introduzione anche in Premier League. Durante la partita fra Leicester e Fleetwood Town (squadra di III Divisione), vinta dalle 'Foxes' 2-0 e valida per il terzo turno, l'arbitro ha fatto ricorso al sussidio tecnologico e, dopo avere annullato in un primo momento la rete del 2-0 firmata da Kelechi Iheanacho, dopo 70" di consultazione, ha ribaltato la propria decisione, concedendo il gol del raddoppio che era stato realizzato al 32' del secondo tempo. Una rivoluzione nella terra dove è nato il calcio. Un "grazie" con tanti punti esclamativi è apparso sull'account Twitter ufficiale del Leicester. (ANSA).

00:51Medico, Trump assume farmaci per capelli

(ANSA) - WASHINGTON, 16 GEN - Tra i farmaci assunti da Trump figurano la Propecia (finasteride) contro la caduta dei capelli e il Crestor (rosuvastatina) per abbassare il colesterolo. Lo ha detto il contro ammiraglio Ronny L. Jackson, medico della Casa Bianca, aggiungendo che il presidente trarrebbe vantaggi da una dieta con meno grassi.

00:33Calcio: doppio Balo non basta, 2-2 in derby Costa Azzurra

(ANSA) - ROMA, 16 GEN - Una doppietta di Balotelli non basta al Nizza per aggiudicarsi in trasferta il derby della Costa Azzurra. Sul terreno del Louis II, a Montecarlo, finisce 2-2 con il Monaco, passato in vantaggio con Diakhaby (33'), ma raggiunto al 2' st e superato al 23' st dall'attaccante italiano, ora a quota 9 gol. Al 48' st Radamel Falcao mette tutti d'accordo e regala il definitivo 2-2 al Monaco. Nel tardo pomeriggio si erano disputate altre due partite della 21/a di Ligue 1: il Bordeaux è stato sconfitto in casa 2-0 dal Caen, in vantaggio al 44' st con Santini su rigore; il raddoppio è arrivato in pieno recupero, al 49', con Rodelin. Il Marsiglia, invece, ha sfruttato il fattore campo e superato 2-0 lo Strasburgo: gol di N'Jie al 34' st e Payet al 43' st. Nuova classifica: Paris Saint-Germain punti 53; Marsiglia 44; Monaco 43; Lione 42; Nantes; Nizza 31; Guincamp 39; Caen e Montpellier 27; Digione 25; Stade Rennais 25; Strasburgo 24; Bordeaux e Saint-Etienne 23; Lilla 22; Amiens e Troyes 21; Angers e Tolosa 19; Metz 12.(ANSA).

00:27Medico Casa Bianca, la salute di Trump è ottima

(ANSA) - WASHINGTON, 16 GEN - La salute di Donald Trump complessivamente è eccellente: lo ha detto il controammiraglio Ronny L. Jackson, medico della Casa Bianca, in un briefing sul primo checkup medico del presidente effettuato venerdì scorso. Anche la salute cardiaca è eccellente, ha aggiunto l'ufficiale medico, secondo cui Trump ha fortissime probabilità di completare il suo mandato senza problemi medici. Jackson ha fornito nel corso del briefing alcuni dati della visita: il presidente pesa 239 libbre (108,4 kg) mentre la sua pressione del sangue è 122/74. Donald Trump ha superato "estremamente bene" anche gli esami cognitivi (30 su 30), ha detto il medico. Se ci fosse stata la presenza dell'Alzheimer o di altri problemi mentali, ha aggiunto, i test lo avrebbero rivelato.

00:00Calcio: Ronaldinho si ritira, partita d’addio dopo Mondiali

(ANSA-AP) - SAN PAOLO (BRASILE), 16 GEN - Il fratello e agente del vincitore del Pallone d'Oro 2005, Roberto Assis, ha dichiarato che Ronaldinho lascia il calcio professionistico. Assis ha detto che la partita d'addio del fratello, che oggi ha 37 anni, molto probabilmente verrà disputata dopo la fine della Coppa del mondo in Russia, prevista il 15 luglio. Nel luglio dell'anno scorso, Ronaldinho, al termine di una partita-esibizione disputata in Cecenia, dichiarò che ormai si sentiva troppo vecchio per un certo tipo di calcio. 'Ronnie' aveva disputato l'ultima partita da professionista nel 2015, in Brasile, con la maglia del Fluminense. Nel corso della carriera ha vinto un titolo mondiale, nel 2002, una Champions con il Barcellona nel 2006 e il Pallone d'Oro. Ha pure giocato in Italia, con la maglia del Milan.

23:14Usa tagliano metà fondi all’agenzia Onu per i palestinesi

(ANSA) - WASHINGTON, 16 GEN - L'amministrazione Trump ha annunciato oggi di aver tagliato 65 dei 125 milioni di dollari destinati alla Unrwa, l'agenzia dell'Onu che assiste i profughi palestinesi. Lo rende noto il dipartimento di stato Usa in una lettera nella quale chiede all'agenzia un "riesame fondamentale" della sua attività. I restanti 60 milioni saranno erogati per impedire che l'Unrwa finisca il cash entro fine mese e chiuda. Era stato il presidente Donald Trump a minacciare il taglio dei fondi ai palestinesi se non fossero tornati al tavolo dei negoziati di pace con Israele.

Archivio Ultima ora