Trump: media, presidente pensa di ridurre import acciaio

Pubblicato il 20 aprile 2017 da ansa

(ANSA) – WASHINGTON, 20 APR – L’amministrazione Trump intende rispolverare una legge del 1962 che potrebbe bloccare o ridurre le importazioni di acciaio negli Stati Uniti. Lo scrivono i media Usa, secondo cui il presidente dovrebbe firmare oggi un provvedimento per chiedere al dipartimento del commercio una indagine in base al ‘Trade expansion act’ per verificare se certe importazioni minaccino la sicurezza nazionale. Minaccia che consentirebbe di imporre sanzioni commerciali di emergenza. Secondo alcune fonti del Wsj, l’iniziativa potrebbe riguardare altri prodotti ritenuti “importanti per la difesa”. Gli Usa non hanno più utilizzato questa legge dalla nascita nel 1995 del Wto, che scoraggia le sanzioni unilaterali ma che Trump ha più volte criticato, anche recentemente, definendolo “un altro dei nostri disastri”.

I commenti sono chiusi.

Ultima ora

12:42Terremoto: Malagò ad Amatrice,felice per restauro Palazzetto

(ANSA) - ROMA, 26 SET - "E' una di quelle giornate in cui ti senti felice e gratificato di essere presidente del Coni. Questo impianto è il simbolo di questo posto, l'ho visto quando è stato utilizzato come tetto per chi non aveva più una casa e quando è stato un luogo ludico: oggi abbiamo rispettato quanto promesso". Lo dice il presidente del Coni, Giovanni Malagò, all'inaugurazione del Palazzetto dello Sport di Amatrice, appena restaurato grazie al progetto finanziato con un protocollo di intesa tra Fondazione Giulio Onesti-Accademia olimpica nazionale italiana, Comitato olimpico nazionale italiano e Comune di Amatrice.

12:27Corea Nord: Pechino, una guerra non avrebbe vincitori

(ANSA) - PECHINO, 26 SET - "Speriamo che i politici Usa e nordcoreani abbiano sufficiente giudizio da realizzare che ricorrendo alla forza militare non sarà mai una via praticabile per risolvere la questione della penisola e le relative preoccupazioni. Noi speriamo anche che i due paesi realizzino che assertività e provocazioni reciproche aumenteranno solo il rischi di conflitto, riducendo i margini di manovra politica. La guerra sulla penisola non avrà vincitori". Lo ha detto il portavoce del ministero degli esteri cinese, LU Kang nel corso del briefing quotidiano con i media.

12:27Pinotti, servono soluzioni nuove contro attacchi cibernetici

(ANSA) - ROMA, 26 SET - "Esiste oggi una forte vulnerabilità per tutti gli Stati, perché le potenzialità offensive degli attacchi cibernetici sono elevatissime, e le capacità difensive rischiano di arrivare troppo tardi per essere davvero utili": lo dice il ministro della Difesa, Roberta Pinotti, al Cybertech Europe. "Esiste una forte vulnerabilità del sistema di sicurezza internazionale nel suo complesso" ed "anche la deterrenza non funziona". Per questi motivi, dice il ministro, "ci troviamo in una fase dove il rischio di un conflitto internazionale combattuto nella dimensione cibernetica è più elevato del rischio di un conflitto militare tradizionale, ma non possiamo escludere che dal primo si scivoli, senza controllo, nel secondo. Dobbiamo immaginare soluzioni nuove che, in analogia a quanto fatto nei decenni passati per ridurre il rischio di conflitti fra grandi potenze, permettano di costruire prima un ragionevole grado di trasparenza sui rispettivi 'arsenali cibernetici' e, poi, ragionevoli misure di confidenza reciproca".

12:23Catalogna: Puigdemont, se vince il ‘si’ periodo transizione

(ANSA) - BARCELLONA, 26 SET - Se al referendum del 1/o ottobre vincerà il 'sì', dal giorno dopo il governo catalano aprirà un periodo di transizione verso l'indipendenza nel quale proporrà l'avvio di un dialogo a Spagna e Ue: lo ha detto in una intervista alla tv francese Lci il presidente catalano Carles Puigdemont. Puigdemont, presentato da Lci com "l'uomo che fa tremare l'Europa", ha auspicato che dal 2 ottobre la Spagna "voglia mettersi d'accordo su come gestire la transizione": "Non vogliamo voltare le spalle alla Spagna".

12:21Indonesia: a Bali paura vulcano, esodo 75.000 persone

(ANSA) - BALI, 26 SET - Oltre 75.000 persone hanno abbandonato le loro abitazioni sull'isola di Bali nel timore di una possibile imminente eruzione del vulcano Agung: lo ha reso noto la Protezione civile indonesiana. Secondo un portavoce dell'agenzia, Sutopo Purwo Nugroho, il numero delle persone in fuga continua a salire. Venerdì scorso le autorità del Paese hanno alzato l'allerta al massimo livello. L'ultima eruzione del vulcano risale al 1963, quando morirono circa 1.100 persone.

12:13‘Ndrangheta: arrestato sindaco di Seregno, corruzione

(ANSA) - MONZA, 26 SET - Il sindaco di Seregno (Monza) Edoardo Mazza, di Forza Italia, è stato arrestato dai carabinieri del Comando provinciale di Milano in esecuzione di un'ordinanza di custodia cautelare ai domiciliari emessa dai Gip dei Tribunali di Monza, nell'ambito della maxi inchiesta sulle infiltrazioni della 'Ndrangheta in Brianza e in Lombardia. E' accusato di corruzione: avrebbe favorito gli affari con un imprenditore legato alle cosche, il quale si sarebbe a sua volta adoperato per procurargli voti. A legare a "doppio filo" politica e 'ndrangheta, secondo l'inchiesta della Procura di Monza e della Dda di Milano, sarebbe stato un imprenditore edile di Seregno il quale avrebbe intrattenuto rapporti con politici del territorio, e coltivato frequentazioni e rapporti fatti di reciproci scambi di favori con esponenti della criminalità organizzata. Il suo ruolo sarebbe stato "determinante" per l'elezione del sindaco arrestato.(ANSA).

12:09Terremoto:rivendevano aiuti su web,indagine ‘mamme facebook’

(ANSA) - ASCOLI PICENO, 26 SET - Approfittando della generosità degli italiani, raccoglievano giocattoli, medicinali, coperte per i terremotati attraverso il profilo Facebook ''Tutti uniti ancora una volta'', e poi rivendevano il materiale su due piattaforme e-commerce. La truffa è stata scoperta dalla Guardia di finanza di Ascoli Piceno, che ha denunciato le responsabili, una donna di Spinetoli, già nota alla polizia, e una di Ascoli Piceno. Le due 'sciacalle' si facevano spedire la merce a domicilio e poi la mettevano in vendita sulle piattaforme "Shpock" e "Subito.it". La Gdf, che ha chiamato l'operazione 'mamme di Facebook', ha sequestrato personal computer, materiale informatico, telefoni cellulari e carte Postpay sui cui erano transitate somme incassate e le donazioni. I beni recuperati sono stati donati alla Caritas diocesana di Ascoli. (ANSA).

Archivio Ultima ora