Trump a Gentiloni: “Bene su Libia, ma no a ruolo diretto Usa”

Pubblicato il 20 aprile 2017 da ansa

Il Presidente Gentiloni a Washington ha incontrato alla Casa Bianca il Presidente degli Stati Uniti, Donald Trump.

WASHINGTON. – La Libia e la lotta all’Isis. Questi i temi al centro del primo incontro alla Casa Bianca tra Paolo Gentiloni e Donald Trump. Il nuovo presidente Usa riserva al presidente del Consiglio italiano un’accoglienza calorosa: “Non vedo l’ora” di essere in Sicilia per il G7, dice (e di incontrare il Papa, aggiunge poi). Poi il bilaterale, con Trump circondato dalle figure più in vista del suo staff, da Steve Bannon al genero Jared Kushner al segretario di Stato Rex Tillerson.

Nel corso del vertice arriva la notizia dell’attacco agli Champs Elysee (“Non finisce mai”, dice Trump). E ancor di più, il tema della lotta comune al terrorismo diventa il focus dell’incontro. A partire dalla Libia, dove Gentiloni definisce “fondamentale” l’impegno “anche politico” degli Usa per dare stabilità al Paese ed evitare che “si divida” anche per l’influsso di altre potenze.

Trump all’Italia riconosce la “leadership per la stabilizzazione del Paese” nordafricano ma quanto agli Usa aggiunge: “Non vedo un ruolo degli Stati Uniti in Libia”. Parole, queste ultime, che fonti italiane interpretano nel senso del no a un impegno militare nel Paese.

Trump risponde alla domanda di un giornalista italiano e forse non sente le parole di Gentiloni, che lo precede, sulla necessità di un impegno politico a Tripoli perché, nota più d’uno, in quel momento non ha gli auricolari della traduzione. Nel vertice nello Studio Ovale però, raccontano, il presidente Usa ha rivolto molte domande proprio sulla Libia. E nella dichiarazione a fine incontro sottolinea che l’Italia “è un partner chiave nella lotta al terrorismo” e per “la stabilizzazione della Libia e per limitare gli spazi vitali dell’Isis nel Mediterraneo”.

Poi, nella risposta alla domanda, dichiara che non vede un “ruolo in Libia per gli Usa”, che sono già impegnati in Iraq e Siria da dove comunque il presidente Usa ribadisce di voler “uscire” appena possibile.

In Siria, afferma Gentiloni, l’Italia non è impegnata nelle operazioni militari e non intende farlo. E di fronte al pressing di Trump per portare al 2%, come previsto dalla Nato, le spese per la difesa, sottolinea che lo farà progressivamente: “L’impegno è stato preso”, dice. Nell’ultimo decennio, spiega, i nostri investimenti sono cresciuti dall’1,2 all’1,4%, con una spesa di 23,4 miliardi di euro nel 2014.

Quanto ai rapporti economici, è Trump a dare un segnale positivo sottolineando che “l’Italia è un partner commerciale importante, l’obiettivo è ora di creare rapporti improntati alla reciprocità”.

Sul fronte internazionale Gentiloni sottolinea la nostra tradizione: “Siamo Paese del dialogo. Il dialogo deve essere utile anche con la Russia senza rinunciare alla nostra unità, ai nostri principi, alla nostra forza e valori”, sottolinea in un momento di grande tensione dei rapporti tra Washington e Mosca.

“Può essere l’anno della sconfitta dell’Isis”, afferma Gentiloni. Ma a Tripoli come in Siria, secondo l’Italia, c’è bisogno di un approccio negoziale multilaterale fermo restando (sul punto c’è sintonia con Trump) che “Assad non può essere l’uomo del futuro”. E in questa chiave al tavolo deve esserci la Russia, sottolinea nella conferenza stampa congiunta con Trump.

Il nostro rapporto con gli Usa, anche nella nuova stagione trumpiana, è innanzitutto – rimarca – “nell’interesse” del nostro Paese. E ogni posizione che l’Italia assumerà è in linea con i suoi “valori”, a partire dal non abbandonare principi umanitari nella lotta al terrorismo. Di qui il messaggio che il presidente del Consiglio lancia all’alleato, in passato esultante per la Brexit e per le spinte disgregatrici dell’Europa: “Un’Europa forte è importante per gli Usa”.

Sul G7 infine, Trump afferma: “Sono veramente ansioso di vedere la Sicilia” dove “potremo incrementare” collaborazioni non solo “sulla sicurezza” ma anche “sulla scienza, il commercio, la sanità, la tecnologia. E i nostri paesi possono dare un contributo fondamentale”.

“Il G7 è occasione di mostrare unità dei leader delle principali economie libere del pianeta perché ce n’è molto bisogno”, sottolinea Gentiloni.

(dell’inviata Serenella Mattera/ANSA)

Ultima ora

20:37Distrutta a Milano la targa dedicata a Yizhak Rabin

(ANSA) - MILANO, 30 APR - Distrutta a Milano da vandali la targa dedicata a Yithazak Rabin. Lo ha denunciato l'Associazione Nazionale Partigiani d'Italia, esprimendo "profonda indignazione e ferma condanna per l'odioso oltraggio antisemita". L'episodio si sarebbe verificato la notte scorsa. La targa era stata collocata nei giardini di piazza Tripoli, intitolati lo scorso anno al primo Ministro israeliano, insignito nel 1994 del Premio Nobel per la pace. "Alla Comunità Ebraica di Milano esprimiamo tutta la nostra affettuosa solidarietà e vicinanza" ha detto il presidente dell'Anpi Provinciale di Milano, Roberto Cenati.

20:31Attacco a Parlamento Skopje, 15 incriminati

(ANSA) - SKOPJE, 30 APR - Il ministero dell'Interno della Macedonia ha incriminato 15 persone per l'attacco violento di manifestanti al Parlamento nazionale, avvenuto il 27 aprile dopo l'elezione di un nuovo presidente dell'Assemblea legislativa. Cinque incriminati sono stati già arrestati riferisce l'agenzia macedone Mia. Durante gli scontri, un centinaio di persone erano rimaste ferite: oltre agli assalitori, anche alcuni parlamentari, giornalisti e 25 poliziotti.

20:16Calcio: Novara-Brescia 2-3

(ANSA) - NOVARA, 30 APR - Terza sconfitta consecutiva per il Novara, superato in casa 3-2 dal Brescia che esce così dalla zona Play-out. E' Coly, difensore ospite, l'eroe di giornata, per la sua doppietta e, soprattutto, per il gol del 3-2 un attimo dopo che il Novara si era portato sul 2-2. Nel primo tempo la partita è stata molto equilibrata, con il Brescia avanti con un colpo di testa di Ferrante e il Novara a pareggiare con una identica azione conclusa da Galabinov. Nella ripresa i lombardi hanno accentuato la loro pressione e trovato il gol, sempre di testa, con Coly. Al 33' Chiosa ha riportato di testa il Novara sul 2-2 ma un minuto dopo ecco il definitivo 3-2 di Coly, con un gran destro a giro. All'ultimo istante Adorjan ha avuto la palla del 3-3, ma ha tirato letteralmente in faccia al portiere ospite Minelli.

20:15Auto: il Reventino incorona Scola su Osella

(ANSA) - ROMA, 30 APR - Domenico Scola su Osella FA 30 Zytek, la prototipo monoposto di gruppo E2SS con gomme Avon, con il miglior tempo di 2'51"10 ottenuto in grande rimonta in gara 2, ha vinto la 19/a Cronoscalata del Reventino, la competizione calabrese organizzata da Racing Team Lamezia e Lamezia Motorsport con il patrocinio dell'AC Catanzaro, che sul bagnato ha inaugurato il calendario del Campionato Italiano Velocità Montagna 2017. La pioggia è arrivata sul finire della prima salita di gara e da quel momento ha accompagnato ed allungato tutto lo svolgimento della corsa. Sul podio di una gara imprevedibile sono saliti il sardo di CST Sport Omar Magliona su Norma M20 Fc Zytek, biposto di gruppo E2SC, dotata di gomme Pirelli e Christian Merli, vincitore di gara 2 sulla ufficiale monoposto prototipo Osella FA 30 EVO Fortech equipaggiata con pneumatici Avon, ma sul trentino di Vimotorport ha pesato una penalità di 10 secondi per via di un ritardo allo start di gara 1.

20:06Lasciato agonizzante in auto dopo incidente,arrestato pirata

(ANSA) - MILANO, 30 APR - Un automobilista di 55 anni è stato lasciato agonizzante nella sua auto a Milano dopo essere stato investito frontalmente da un'altra auto, un suv nero, condotta da un automobilista che è poi fuggito a piedi. L'uomo intrappolato nell'auto è poi morto poco dopo essere giunto in ospedale. L'incidente è avvenuto all'alba in viale Monza. L'uomo è rimasto intrappolato a bordo della sua vettura e i vigili del fuoco hanno dovuto lavorare a lungo per estrarlo dall'abitacolo. In serata è stato arrestato un uomo, un italiano, con l'accusa di omicidio stradale.

20:06Calcio: forfait di Miranda, difensore Inter out col Napoli

(ANSA) - MILANO, 30 APR - Joao Miranda dà forfait. Il difensore dell'Inter non sarà a disposizione per la sfida contro il Napoli di stasera per un risentimento muscolare al retto anteriore della gamba destra. L'allenatore dell'Inter, Stefano Pioli, dovrebbe quindi sostituirlo con Murillo, che andrà a formare la coppia di centrali con Medel.

20:02Champions: inglese Atkinson arbitra derby Real-Atletico

(ANSA) - ROMA, 30 APR - Sarà l'inglese Martin Atkinson a dirigere la semifinale di andata di Champions tra Real Madrid e Atletico Madrid, in programma il 2 maggio al Bernabeu. Lo ha stabilito l'Uefa.

Archivio Ultima ora