Trump a Gentiloni: “Bene su Libia, ma no a ruolo diretto Usa”

Pubblicato il 20 aprile 2017 da ansa

Il Presidente Gentiloni a Washington ha incontrato alla Casa Bianca il Presidente degli Stati Uniti, Donald Trump.

WASHINGTON. – La Libia e la lotta all’Isis. Questi i temi al centro del primo incontro alla Casa Bianca tra Paolo Gentiloni e Donald Trump. Il nuovo presidente Usa riserva al presidente del Consiglio italiano un’accoglienza calorosa: “Non vedo l’ora” di essere in Sicilia per il G7, dice (e di incontrare il Papa, aggiunge poi). Poi il bilaterale, con Trump circondato dalle figure più in vista del suo staff, da Steve Bannon al genero Jared Kushner al segretario di Stato Rex Tillerson.

Nel corso del vertice arriva la notizia dell’attacco agli Champs Elysee (“Non finisce mai”, dice Trump). E ancor di più, il tema della lotta comune al terrorismo diventa il focus dell’incontro. A partire dalla Libia, dove Gentiloni definisce “fondamentale” l’impegno “anche politico” degli Usa per dare stabilità al Paese ed evitare che “si divida” anche per l’influsso di altre potenze.

Trump all’Italia riconosce la “leadership per la stabilizzazione del Paese” nordafricano ma quanto agli Usa aggiunge: “Non vedo un ruolo degli Stati Uniti in Libia”. Parole, queste ultime, che fonti italiane interpretano nel senso del no a un impegno militare nel Paese.

Trump risponde alla domanda di un giornalista italiano e forse non sente le parole di Gentiloni, che lo precede, sulla necessità di un impegno politico a Tripoli perché, nota più d’uno, in quel momento non ha gli auricolari della traduzione. Nel vertice nello Studio Ovale però, raccontano, il presidente Usa ha rivolto molte domande proprio sulla Libia. E nella dichiarazione a fine incontro sottolinea che l’Italia “è un partner chiave nella lotta al terrorismo” e per “la stabilizzazione della Libia e per limitare gli spazi vitali dell’Isis nel Mediterraneo”.

Poi, nella risposta alla domanda, dichiara che non vede un “ruolo in Libia per gli Usa”, che sono già impegnati in Iraq e Siria da dove comunque il presidente Usa ribadisce di voler “uscire” appena possibile.

In Siria, afferma Gentiloni, l’Italia non è impegnata nelle operazioni militari e non intende farlo. E di fronte al pressing di Trump per portare al 2%, come previsto dalla Nato, le spese per la difesa, sottolinea che lo farà progressivamente: “L’impegno è stato preso”, dice. Nell’ultimo decennio, spiega, i nostri investimenti sono cresciuti dall’1,2 all’1,4%, con una spesa di 23,4 miliardi di euro nel 2014.

Quanto ai rapporti economici, è Trump a dare un segnale positivo sottolineando che “l’Italia è un partner commerciale importante, l’obiettivo è ora di creare rapporti improntati alla reciprocità”.

Sul fronte internazionale Gentiloni sottolinea la nostra tradizione: “Siamo Paese del dialogo. Il dialogo deve essere utile anche con la Russia senza rinunciare alla nostra unità, ai nostri principi, alla nostra forza e valori”, sottolinea in un momento di grande tensione dei rapporti tra Washington e Mosca.

“Può essere l’anno della sconfitta dell’Isis”, afferma Gentiloni. Ma a Tripoli come in Siria, secondo l’Italia, c’è bisogno di un approccio negoziale multilaterale fermo restando (sul punto c’è sintonia con Trump) che “Assad non può essere l’uomo del futuro”. E in questa chiave al tavolo deve esserci la Russia, sottolinea nella conferenza stampa congiunta con Trump.

Il nostro rapporto con gli Usa, anche nella nuova stagione trumpiana, è innanzitutto – rimarca – “nell’interesse” del nostro Paese. E ogni posizione che l’Italia assumerà è in linea con i suoi “valori”, a partire dal non abbandonare principi umanitari nella lotta al terrorismo. Di qui il messaggio che il presidente del Consiglio lancia all’alleato, in passato esultante per la Brexit e per le spinte disgregatrici dell’Europa: “Un’Europa forte è importante per gli Usa”.

Sul G7 infine, Trump afferma: “Sono veramente ansioso di vedere la Sicilia” dove “potremo incrementare” collaborazioni non solo “sulla sicurezza” ma anche “sulla scienza, il commercio, la sanità, la tecnologia. E i nostri paesi possono dare un contributo fondamentale”.

“Il G7 è occasione di mostrare unità dei leader delle principali economie libere del pianeta perché ce n’è molto bisogno”, sottolinea Gentiloni.

(dell’inviata Serenella Mattera/ANSA)

Ultima ora

12:11Delegato Catalogna, vogliamo rimanere nell’euro e in Europa

(ANSA) - ROMA, 25 SET - "Il popolo catalano vuole rimanere nell'euro e in Europa". Lo ha detto il delegato della Generalitat di Catalogna a Roma Luca Bellizzi in un forum all'ANSA sul referendum del primo ottobre. L'Ue si distingue da Madrid "per proposte pratiche, concrete". In Catalogna ci sono 600 imprese italiane, "è interesse dell'Italia e dell'Ue che rimangano". Sono questioni "pratiche che meritano risposta".

12:04Calcio: Conte, ‘nostalgia Italia,non all’estero per sempre’

(ANSA) - ROMA, 25 SET - L'ex ct azzurro Antonio Conte non vede un suo futuro "per sempre all'estero, perchè ho nostalgia dell'Italia". In Inghilterra -ha detto Conte a 'Radio anch'io sport'- mi trovo benissimo, sono contento per l'accoglienza che dei tifosi del Chelsea, che "l'anno scorso vennero in tribuna con la bandiera italiana per salutarmi. Ho nostalgia dell'Italia questo è fuori dubbio, non penso di stare all'estero troppo tempo. L'Italia è il mio paese, quindi una volta fatte delle esperienze belle, formative, importanti per la vita, alla fine tornerò. Non so tra quanto tempo, ma l'obbiettivo è quello". Alla domanda se dunque andrà in Cina, Conte ha risposto: "no. Ma è sempre difficile prevedere il futuro, per noi tecnici è il lavoro più precario in assoluto, oggi sei in un posto, domani altrove. Io voglio fare sempre bene, finire un progetto e trovare la giusta via per il dopo. Questa esperienza mi sta dando tanto, migliorando molto, magari in futuro non farò l'allenatore o il dirigente, non lo so".

11:59Don Prodi lascia parrocchia, ‘non a tutti piace la mia vita’

(ANSA) - BOLOGNA, 25 SET - "Non a tutti è piaciuta o piace la mia vita; a nessuno, però, era lecito portare in pubbliche piazze valutazioni negative su di me, che hanno fatto male a me, ma soprattutto alla comunità". E' un passaggio di un testo letto da don Matteo Prodi, nipote dell'ex premier, che ieri ha annunciato dopo la messa domenicale le sue dimissioni dopo 12 anni dalla parrocchia di Ponte Ronca, frazione di Zola Predosa, nel Bolognese. Una rinuncia che, ha detto il sacerdote, oggi porterà all'arcivescovo di Bologna, Matteo Zuppi. "Il vescovo - ha spiegato don Prodi nella lettera - mi disse già molti mesi fa che 10 anni erano abbastanza; la necessità di creare unità pastorali ha dato pure il suo contributo; ma le grandissime difficoltà che ho sperimentato, soprattutto l'ultimo anno, hanno, sicuramente, accelerato il processo". Difficoltà che non sono chiarite nel testo. L'addio non è al sacerdozio: "Io non avrò una parrocchia andrò ad officiare in zona Santa Rita di via Massarenti.(ANSA).

11:59Calcio: Conte, “certo che Italia andrà ai Mondiali 2018”

(ANSA) - ROMA, 25 SET - L'ex tecnico azzurro Antonio Conte, oggi allenatore del Chelsea, è fiducioso, anzi non ha "il minimo dubbio" sulla partecipazione dell'Italia ai Mondiali del 2018 in Russia. Lo ha detto lo stesso Conte ai microfoni di 'Radio anch'io sport'. "Non ho paura -ha detto Conte in risposta a una domanda- che la nazionale italiana non vada ai Mondiali. Non ho il minimo dubbio. Si andrà agli spareggi e lì abbiamo forza sufficiente per passare. Penso non ci siano assolutamente problemi".

11:58Calcio: Champions, Conte “se passo turno,non vorrei italiane

(ANSA) - ROMA, 25 SET - "Se il Chelsea passa il turno a gironi della Champions, spero di non incontrare sul mio cammino squadre italiane": lo ha detto il tecnico del Chelsea Antonio Conte ai microfoni di 'Radio anch'io sport'. La Roma, che è nello stesso girone del Chelsea, secondo Conte "ha tutte le carte in regola per andare avanti. Non siamo stati fortunati nel sorteggio, il nostro è uno dei più difficili. L'Atletico Madrid ha fatto tutte le grandi competizioni negli ultimi anni, diverse finali e semifinali, ha una rosa forte. Conosco benissimo la Roma, compete per i massimi traguardi in Italia e così farà nelle altre competizioni. Noi -ha concluso Conte- siamo tornati in Champions con tanto entusiasmo e abbiamo voglia di fare del nostro meglio, ma dovremo fare la massima attenzione. Comunque, noi dobbiamo cercare di passare il turno, e poi prepararci per il sorteggio".

11:51Delegato Catalogna, pronti a negoziare fino all’ultimo

(ANSA) - ROMA, 25 SET - "Siamo disposti a negoziare fino all'ultimo partendo dalla condizione che il popolo catalano possa decidere". Lo ha detto il delegato della Generalitat di Catalogna a Roma Luca Bellizzi in un forum all'ANSA. "Data, quorum, censo, la domanda elettorale, siamo disposti a negoziare su tutto, ma qual è la proposta del governo spagnolo?. Rajoy ha detto no. Se c'è una volontà si puo' modificare anche la costituzione ma i popolari non hanno questa volontà politica", ha aggiunto Bellizzi.

11:45Catalogna: Puigdemont, ‘potrei essere arrestato’

(ANSA) - BARCELLONA, 25 SET - Il presidente catalano Carles Puigdemont non ha escluso di poter essere arrestato dalla polizia spagnola prima del referendum del 1/o ottobre. "Il procuratore generale lo ha ipotizzato", ha detto al programma Salvados della Sexta. "Non sarebbe una buona idea", ha aggiunto. "Ma se succederà faremo fronte a qualsiasi decisione". Puigdemont ha definito l'offensiva giudiziaria contro la Catalogna come "un fatto vergognoso, indegno di uno Stato democratico".

Archivio Ultima ora