La protesta in Venezuela, Alfano: “La libertà di manifestare un diritto inalienabile”

Pubblicato il 20 aprile 2017 da redazione

Il ministro degli Esteri, Angelino Alfano

CARACAS – La situazione del Venezuela, sempre più tensa, è stato anche oggi al centro dell’interesse internazionale. Il ministro degli Esteri Angelino Alfano ha affermato di seguire “con forte preoccupazione” la situazione, esprimendo “la più ferma condanna per le violenze dei giorni scorsi”.

– Ribadisco che la violenza non può essere una risposta alle legittime istanze della popolazione e che la libertà di manifestare pacificamente le proprie opinioni rappresenta un diritto inalienabile di ogni individuo – ha aggiunto il titolare della Farnesina.

Dal canto suo, il presidente colombiano e Premio Nobel della Pace, Juan Manuel Santos, in un tweet è stato lapidario:
“Sei anni fa glielo dissi a Chavez: la rivoluzione bolivariana è fallita”.

Dopo quella di Donald Trump dell’altra sera, condanne alla violenza sono arrivate da tutto il mondo.
– Basta scontri, serve il dialogo – è stato l’appello del segretario generale dell’Onu, Antonio Guterres.

La foto deIla donna, avvolta nel tricolore, che blocca da sola un blindato della Guardia Nazionale, durante le manifestazioni che hanno alterato la quotidianità dei venezuelani, ha fatto il giro del mondo. Come la foto-icona di Tienanmen, illustra perfettamente la lotta di David e Goliat, di centinaia di migliaia di venezuelani disarmati che da circa 15 giorni protestano nonostante la violenta repressione della Polizia Nazionale Bolivariana e della Guardia Nazionale. Ed è proprio questa foto, diventata icona della protesta, che ha spinto l’ex premier Matteo Renzi ad una riflessione, pubblicata su Facebook:

“Guardate questa foto – ha scritto -. E ditemi se non vi vengono i brividi. La mente torna a Piazza Tienanmen, giugno 1989: Oggi la storia si ripete in Venezuela, un Paese sull’orlo del baratro. Ci sono proteste, morti, disperazione e dolore. E pensare che qualche illuminato aspirante statista italiano riteneva quel regime un modello. Speriamo che la comunità internazionale possa finalmente aiutare il Venezuela, questo bellissimo Paese, a tornare al benessere, alla pace, alla democrazia. Noi, intanto, non giriamoci dall’altra parte facendo finta di niente. Ciò che accade a Caracas in queste ore va denunciato con forza e chiarezza”.

Venezuela è nel caos. L’opposizione non molla. Continua a resistere in piazza nonostante i morti, i feriti e gli arresti. Il bilancio è pesante. Tre vittime, una di questo il giovane connazionale Gruseny Antonio Canelòn Scirpatempo. Canelòn Scirpatempo, “Tony” come lo chiamavano gli amici, proprio non molto tempo fa aveva iniziato i tramiti burocratici per acquisire la cittadinanza italiana; cittadinanza che gli spettava di diritto essendo la madre italiana.

Le rivendicazioni delle migliaia di persone che hanno colmato le “Avenidas” di tutto il Venezuela e in particolare di Caracas, sempre le stesse: la fine del governo del presidente Nicolas Maduro; elezioni anticipate, restituzione dei poteri al Parlamento, liberazione dei prigionieri politici, corridoi umanitari per cibo e medicine.

E sempre la stessa è stata, almeno fino ad oggi, la risposta del governo: unità di Polizia e Guardia Nazionale in tenuta antisommossa, cariche contro i manifestanti, lanci di gas lacrimogeno, spari con pallottole di gomma e arresti.

Dopo la violenta repressione di mercoledì anche oggi a San Bernardino (nord), Santa Monica (ovest), Chacao (est), Altamira (est), e Santa Fe (est) la protesta è tornata in strada. Ma la polizia, specialmente a nord e ovest, non ha permesso ai manifestanti di riunirsi, disperdendo immediatamente ogni tentativo di protesta con lanci di gas lacrimogeno. La protesta si è concentrata, ancora una volta, nella super-strada Francisco Fajardo e nelle vicinanze dei quartieri Chacaito e Las Mercedes. Gli scontri sono stati particolarmente violenti.

Ultima ora

02:02Iraq: autobomba a Baghdad, almeno 10 morti

(ANSA) - BAGHDAD, 30 MAG - Almeno 10 persone sono morte e altre 22 rimaste ferite per l'esplosione ieri sera di una autobomba fuori da una popolare gelateria di Baghdad. L'attentato è avvenuto pochi giorni dopo l'inizio del Ramadan, mese sacro durante il quale i musulmani digiunano durante le ore diurne: al tramonto bar e ristoranti si riempiono rapidamente di avventori, tra cui molte famiglie. L'attacco ha colpito un locale nel centro della capitale irachena ed è stato effettuato con dell'esplosivo piazzato in una macchina lasciata parcheggiata. Al momento non c'è stata alcuna rivendicazione ma nel passato l'Isis ha rivendicato attentanti simili, come quello con un camion bomba esploso durante il Ramadan dello scorso anno che ha ucciso centinaia di persone.

00:35Voto Gb:May su Brexit, non pagheremo qualunque prezzo

(ANSA) - LONDRA, 30 MAG - "Nessun accordo sulla Brexit è meglio di uno cattivo". La premier britannica ha ribadito in modo chiaro, nel corso del dibattito televisivo a distanza col leader laburista Jeremy Corbyn, che è pronta ad abbandonare i negoziati sull'uscita dall'Europa nel caso in cui non si riesca a trovare una intesa con l'Ue, a partire dalla questione del cosiddetto 'conto del divorzio'. Il primo ministro conservatore ha sottolineato che non è intenzionata a "pagare ogni prezzo" per ottenere un accordo.

22:56Voto Gb: Corbyn, ‘con noi non ci sarà Brexit senza accordo’

(ANSA) - LONDRA, 29 MAG - La Brexit ci sarà, ma non avverrà "senza un accordo" con l'Ue se al governo in Gran Bretagna andrà il Labour. Lo ha detto il leader laburista, Jeremy Corbyn, nel dibattito televisivo elettorale a distanza di stasera, assicurando di voler "rispettare il risultato del referendum", ma di voler negoziare anche "un accordo di libero scambio con Bruxelles" e mantenere rapporti stretti con l'Europa. Il leader laburista si è poi detto pronto a pagare all'Ue "quanto legalmente dovuto" per il divorzio. Quanto all'immigrazione, Corbyn ha infine detto di ritenere "probabile" una leggera riduzione dell'immigrazione, ma senza fare alcuna promessa di limitarla. Secondo Corbyn, l'attentato di Manchester è stato un gesto orribile e non ci sono giustificazioni per chi la commesso, ma deve suggerire anche una revisione della politica estera, che "non significa una politica estera più soft", bensì una politica che punti a stabilizzare i Paesi devastati da guerre e interventi militari, come la Siria e la Libia.

21:29Auto ‘impazzita’ travolge 5 persone a Roma, 2 gravi

(ANSA) - ROMA, 29 MAG - Un'auto ha travolto 5 pedoni stasera a Roma. E' accaduto in via dei Colli Portuensi. I 5 feriti sono stati trasportati in ospedale dal 118 di Roma. Secondo quanto si è appreso, il più grave è un ragazzo di circa 30 anni rimasto incastrato sotto le ruote della macchina. Trasportata in ospedale in codice rosso anche una donna con vari traumi alla schiena. Gli altri tre sembrerebbero meno gravi. Sul posto polizia e polizia locale per i rilievi. Alla guida della Smart c'era una donna. Non si esclude che possa aver avuto un malore.

21:20Tennis: Roland Garros, Fognini al secondo turno

(ANSA) - ROMA, 29 MAG - Anche Fabio Fognini si aggiunge alla piccola pattuglia di azzurri che ha raggiunto il secondo turno al Roland Garros. Il tennista ligure e' riuscito solo al quinto set ad avere ragione del giovane statunitense Frances Tiafoe, col punteggio di 6-4, 6-3, 3-6, 1-6, 6-0, in due ore e 45 minuti di gioco. L'incrocio del tabellone lo porta ad affrontare un altro italiano, Andreas Seppi.

21:02Totti: Spalletti “Francesco vuole fare vicepresidente Roma”

(ANSA) - ROMA, 29 MAG - "Totti? Gli devono far fare il vicepresidente della Roma, è quello che lui vuole. I fischi di ieri? Mi hanno fatto pagare il conto". Così Luciano Spalletti, in una intervista che andrà in onda integralmente in serata (alle ore 21) nel corso della trasmissione di Sportitalia 'La Partita Perfetta'. Il tecnico della Roma annuncerà il suo futuro domani in una conferenza stampa: "Dirò cose molto importanti, la prima di tutte è che la Roma è in Champions. Di Francesco? Ne parlerò domani..." aggiunge l'allenatore toscano, rifilando una stoccata al collega Sarri: "Il suo Napoli gioca un calcio da paradiso, ma non parli dei nostri rigori".

20:47Migranti: sbarchi 2017 a quota 60mila, +48% rispetto a 2016

(ANSA) - ROMA, 29 MAG - Con i quasi diecimila arrivi negli ultimi tre giorni il conto degli sbarchi nel 2017 ha superato quota 60mila, il 48% in più rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso, quando erano stati 40mila. Lo indicano i dati del Viminale. I nigeriani sono testa tra le nazionalità delle persone sbarcate (8.120), seguiti da bengalesi (7.567) e guineani (6.144). I minori non accompagnati sono 6.242, ma non sono ancora stati conteggiati i numerosi arrivati degli ultimi giorni. La Lombardia è sempre in testa tra le regioni per la quota di migranti8 ospitati (il 14% del totale), seguita da Campania e Lazio (9%).(ANSA).

Archivio Ultima ora