La protesta in Venezuela, Alfano: “La libertà di manifestare un diritto inalienabile”

Pubblicato il 20 aprile 2017 da redazione

Il ministro degli Esteri, Angelino Alfano

CARACAS – La situazione del Venezuela, sempre più tensa, è stato anche oggi al centro dell’interesse internazionale. Il ministro degli Esteri Angelino Alfano ha affermato di seguire “con forte preoccupazione” la situazione, esprimendo “la più ferma condanna per le violenze dei giorni scorsi”.

– Ribadisco che la violenza non può essere una risposta alle legittime istanze della popolazione e che la libertà di manifestare pacificamente le proprie opinioni rappresenta un diritto inalienabile di ogni individuo – ha aggiunto il titolare della Farnesina.

Dal canto suo, il presidente colombiano e Premio Nobel della Pace, Juan Manuel Santos, in un tweet è stato lapidario:
“Sei anni fa glielo dissi a Chavez: la rivoluzione bolivariana è fallita”.

Dopo quella di Donald Trump dell’altra sera, condanne alla violenza sono arrivate da tutto il mondo.
– Basta scontri, serve il dialogo – è stato l’appello del segretario generale dell’Onu, Antonio Guterres.

La foto deIla donna, avvolta nel tricolore, che blocca da sola un blindato della Guardia Nazionale, durante le manifestazioni che hanno alterato la quotidianità dei venezuelani, ha fatto il giro del mondo. Come la foto-icona di Tienanmen, illustra perfettamente la lotta di David e Goliat, di centinaia di migliaia di venezuelani disarmati che da circa 15 giorni protestano nonostante la violenta repressione della Polizia Nazionale Bolivariana e della Guardia Nazionale. Ed è proprio questa foto, diventata icona della protesta, che ha spinto l’ex premier Matteo Renzi ad una riflessione, pubblicata su Facebook:

“Guardate questa foto – ha scritto -. E ditemi se non vi vengono i brividi. La mente torna a Piazza Tienanmen, giugno 1989: Oggi la storia si ripete in Venezuela, un Paese sull’orlo del baratro. Ci sono proteste, morti, disperazione e dolore. E pensare che qualche illuminato aspirante statista italiano riteneva quel regime un modello. Speriamo che la comunità internazionale possa finalmente aiutare il Venezuela, questo bellissimo Paese, a tornare al benessere, alla pace, alla democrazia. Noi, intanto, non giriamoci dall’altra parte facendo finta di niente. Ciò che accade a Caracas in queste ore va denunciato con forza e chiarezza”.

Venezuela è nel caos. L’opposizione non molla. Continua a resistere in piazza nonostante i morti, i feriti e gli arresti. Il bilancio è pesante. Tre vittime, una di questo il giovane connazionale Gruseny Antonio Canelòn Scirpatempo. Canelòn Scirpatempo, “Tony” come lo chiamavano gli amici, proprio non molto tempo fa aveva iniziato i tramiti burocratici per acquisire la cittadinanza italiana; cittadinanza che gli spettava di diritto essendo la madre italiana.

Le rivendicazioni delle migliaia di persone che hanno colmato le “Avenidas” di tutto il Venezuela e in particolare di Caracas, sempre le stesse: la fine del governo del presidente Nicolas Maduro; elezioni anticipate, restituzione dei poteri al Parlamento, liberazione dei prigionieri politici, corridoi umanitari per cibo e medicine.

E sempre la stessa è stata, almeno fino ad oggi, la risposta del governo: unità di Polizia e Guardia Nazionale in tenuta antisommossa, cariche contro i manifestanti, lanci di gas lacrimogeno, spari con pallottole di gomma e arresti.

Dopo la violenta repressione di mercoledì anche oggi a San Bernardino (nord), Santa Monica (ovest), Chacao (est), Altamira (est), e Santa Fe (est) la protesta è tornata in strada. Ma la polizia, specialmente a nord e ovest, non ha permesso ai manifestanti di riunirsi, disperdendo immediatamente ogni tentativo di protesta con lanci di gas lacrimogeno. La protesta si è concentrata, ancora una volta, nella super-strada Francisco Fajardo e nelle vicinanze dei quartieri Chacaito e Las Mercedes. Gli scontri sono stati particolarmente violenti.

Ultima ora

19:40Calcio: Premier, doppietta Alonso e prima vittoria Chelsea

(ANSA) - ROMA, 20 AGO - Il Chelsea di Antonio Conte conquista la prima vittoria nell'attuale Premier, battendo in trasferta il Tottenham, che gioca a Wembley nell'attesa del completamento dello stadio di casa. Dopo con sconfitta a Stamford bridge contro il Burnley, i 'Blues' si sono riscattati, mettendo le mani su uno degli innumerevoli derby di Londra per 2-1. L'ex viola Alonso ha aperto le marcature dopo 24' ma, al culmine di un forcing instancabile, la squadra guidata da Pochettino è giunta al pareggio grazie all'autogol di Batshuayi, che ha fulminato il proprio portiere Courtois con un colpo di testa in tuffo degno di un grande centravanti. I campioni d'Inghilterra non si sono persi d'animo e hanno approfittato di un pasticcio difensivo degli 'Spurs', ma soprattutto dell'errore del portiere francese Lloris, che si è fatto passare sotto il corpo il pallone sul rasoterra di Alonso. In testa alla Premier da oggi, assieme a Manchester United e West Bromwich, c'è il neopromosso Huddersfield, che ha superato il Newcastle 1-0.

19:17Sondaggio, tonfo Trump anche in Midwest

(ANSA) - WASHINGTON, 20 AGO - Precipita il livello di approvazione per l'operato del presidente Usa Donald Trump anche negli stati del Midwest che l'8 novembre 2016 gli hanno aperto le porte della Casa Bianca. Secondo un sondaggio NBC News/Marist e' sceso sotto il 40% il consenso verso il Tycoon in Michigan (36%), Pennsylvania (35%) e Wisconsin (34%). Il rilevamento e' stato condotto nei giorni successivi agli scontri a Charlottesville della scorsa settimana, in un lasso di tempo che include anche la controversa reazione del presidente Trump a quell'episodio.

19:13Catamarano si ribalta due volte, salvati due giovani

(ANSA) - TRIESTE, 20 AGO - Si è ribaltato per due volte nel giro di pochi minuti, fino a semiaffondare e andare alla deriva nel golfo di Trieste battuto dalla bora, un catamarano a vela con a bordo due giovani che sono stati soccorsi e portati a riva dalla Guardia costiera del capoluogo giuliano. Il catamarano, lungo quattro metri e mezzo, si è ribaltato stamani la prima volta a circa tre miglia al largo del porto di Sistiana. Sul luogo è subito arrivata una motovedetta e l'equipaggio ha aiutato i due giovani a rimettere a posto l'imbarcazione, che però aveva subito danni che secondo i tecnici potevano comprometterne la navigabilità. I giovani hanno deciso di proseguire da soli la navigazione ma la motovedetta li ha seguiti per dirottare il catamarano verso il porto più vicino, quello del Villaggio del Pescatore. Dopo pochi minuti, però, l'imbarcazione si è ribaltata di nuovo ed è semiaffondata. I due giovani sono stati salvati e condotti nel porto di Sistiana.

19:12Riaperta la stazione di Marsiglia

(ANSA) - ROMA, 20 AGO - E' stata riaperta la stazione ferroviaria Saint-Charles a Marsiglia nel sud della Francia. Lo scrive Le Figaro online citando un tweet della Sncf, le Ferrovie Francesi. La stazione era stata chiusa nel primo pomeriggio per la presenza di un pacco sospetto. Centinaia di persone hanno dovuto aspettare sotto il sole prima che venissero concluse le operazioni per la messa in sicurezza del sito da parte delle forze dell'ordine.

19:09Incendi: oggi 34 richieste di intervento aereo

(ANSA) - ROMA, 20 AGO - Prosegue l'impegno dei Canadair e degli elicotteri della flotta aerea dello Stato, coordinati dal Dipartimento della Protezione Civile: anche oggi, gli equipaggi sono stati impegnati dalle prime luci del giorno nelle operazioni di spegnimento dei numerosi incendi boschivi per cui si è reso indispensabile il supporto aereo alle operazioni svolte dalle squadre a terra e dai velivoli regionali. Al momento sono 34 le richieste di concorso aereo ricevute dal Centro Operativo Aereo Unificato (COAU) del Dipartimento dalle Regioni. In particolare, 10 sono pervenute dalla Campania, 5 dal Lazio, 4 dall'Abruzzo e altrettante dalla Calabria, 3 dalla Sicilia, 2 ciascuna da Basilicata, Molise, Puglia e una rispettivamente da Piemonte e Sardegna. L'impegno dei velivoli disponibili è attualmente concentrato, in accordo con le regioni, sulle situazioni più critiche. L'intenso lavoro svolto dai piloti dei mezzi aerei - 15 Canadair e 8 elicotteri del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco oltre a un elicottero della Difesa - ha permesso di mettere sotto controllo o spegnere, finora, 13 roghi. Le attività di lancio di acqua e liquido ritardante ed estinguente proseguiranno finché le condizioni di luce consentiranno di operare in sicurezza. La protezione civile ricorda che la maggior parte degli incendi boschivi è causata da comportamenti superficiali o, spesso, dolosi e che la collaborazione dei cittadini può essere decisiva.

19:08Auto su spiaggia in Versilia, autista rischia linciaggio

(ANSA) - VIAREGGIO (LUCCA), 20 AGO - Sorpresa, ma soprattutto paura, fra i bagnanti in spiaggia oggi pomeriggio in uno stabilimento balneare di Focette di Marina di Pietrasanta: un'auto, utilizzando il passaggio dello stabilimento, è arrivata sulla spiaggia, arenandosi, fra il fuggi-fuggi generale. Il conducente, straniero, ha rischiato anche il linciaggio da parte di alcune persone spaventate dopo gli ultimi episodi terroristici a Barcellona e che hanno inveito contro di lui. Sul posto è intervenuto anche personale della Capitaneria di porto. Non è chiaro se il conducente abbia invaso l'arenile per un errore o se pensava di poter accedere alla spiaggia con l'auto. (ANSA).

19:01Calcio: Buffon “a Trieste vinto scudetto, sensazioni forti”

(ANSA) - TRIESTE, 20 AGO - "A Trieste ho vinto uno scudetto, ci torno volentieri. E' una città stupenda, lascia sensazioni forti". Lo ha detto il portiere della Juve e della Nazionale, Gigi Buffon, a Trieste, dove ha visitato la mostra 'Le stanze segrete di Vittorio Sgarbi', accompagnato dallo stesso critico. "Mi sembra una città che si sia svegliata da un certo torpore, almeno negli ultimi anni - ha aggiunto Buffon -. Ci sono iniziative che prendono piede e danno vitalità a una città talmente bella che è impossibile pensare che possa rimanere dormiente. Con la nuova giunta, i nuovi politici e tutti quanti - ha concluso Buffon - si troverà il modo di fare vivere anche sportivamente a Trieste lo sport di un certo livello". Di calcio e di Trieste ha parlato anche Sgarbi, ricordando di essere stato, da bambino, tifoso della Juve e della Spal, di aver smesso di seguire il calcio a partire dal 1968. "Poi - ha aggiunto - la Spal è arrivata in A, una città morta peggio di Trieste come Ferrara, stramorta, ha un rinascimento nel calcio".

Archivio Ultima ora