La protesta in Venezuela, Alfano: “La libertà di manifestare un diritto inalienabile”

Pubblicato il 20 aprile 2017 da redazione

Il ministro degli Esteri, Angelino Alfano

CARACAS – La situazione del Venezuela, sempre più tensa, è stato anche oggi al centro dell’interesse internazionale. Il ministro degli Esteri Angelino Alfano ha affermato di seguire “con forte preoccupazione” la situazione, esprimendo “la più ferma condanna per le violenze dei giorni scorsi”.

– Ribadisco che la violenza non può essere una risposta alle legittime istanze della popolazione e che la libertà di manifestare pacificamente le proprie opinioni rappresenta un diritto inalienabile di ogni individuo – ha aggiunto il titolare della Farnesina.

Dal canto suo, il presidente colombiano e Premio Nobel della Pace, Juan Manuel Santos, in un tweet è stato lapidario:
“Sei anni fa glielo dissi a Chavez: la rivoluzione bolivariana è fallita”.

Dopo quella di Donald Trump dell’altra sera, condanne alla violenza sono arrivate da tutto il mondo.
– Basta scontri, serve il dialogo – è stato l’appello del segretario generale dell’Onu, Antonio Guterres.

La foto deIla donna, avvolta nel tricolore, che blocca da sola un blindato della Guardia Nazionale, durante le manifestazioni che hanno alterato la quotidianità dei venezuelani, ha fatto il giro del mondo. Come la foto-icona di Tienanmen, illustra perfettamente la lotta di David e Goliat, di centinaia di migliaia di venezuelani disarmati che da circa 15 giorni protestano nonostante la violenta repressione della Polizia Nazionale Bolivariana e della Guardia Nazionale. Ed è proprio questa foto, diventata icona della protesta, che ha spinto l’ex premier Matteo Renzi ad una riflessione, pubblicata su Facebook:

“Guardate questa foto – ha scritto -. E ditemi se non vi vengono i brividi. La mente torna a Piazza Tienanmen, giugno 1989: Oggi la storia si ripete in Venezuela, un Paese sull’orlo del baratro. Ci sono proteste, morti, disperazione e dolore. E pensare che qualche illuminato aspirante statista italiano riteneva quel regime un modello. Speriamo che la comunità internazionale possa finalmente aiutare il Venezuela, questo bellissimo Paese, a tornare al benessere, alla pace, alla democrazia. Noi, intanto, non giriamoci dall’altra parte facendo finta di niente. Ciò che accade a Caracas in queste ore va denunciato con forza e chiarezza”.

Venezuela è nel caos. L’opposizione non molla. Continua a resistere in piazza nonostante i morti, i feriti e gli arresti. Il bilancio è pesante. Tre vittime, una di questo il giovane connazionale Gruseny Antonio Canelòn Scirpatempo. Canelòn Scirpatempo, “Tony” come lo chiamavano gli amici, proprio non molto tempo fa aveva iniziato i tramiti burocratici per acquisire la cittadinanza italiana; cittadinanza che gli spettava di diritto essendo la madre italiana.

Le rivendicazioni delle migliaia di persone che hanno colmato le “Avenidas” di tutto il Venezuela e in particolare di Caracas, sempre le stesse: la fine del governo del presidente Nicolas Maduro; elezioni anticipate, restituzione dei poteri al Parlamento, liberazione dei prigionieri politici, corridoi umanitari per cibo e medicine.

E sempre la stessa è stata, almeno fino ad oggi, la risposta del governo: unità di Polizia e Guardia Nazionale in tenuta antisommossa, cariche contro i manifestanti, lanci di gas lacrimogeno, spari con pallottole di gomma e arresti.

Dopo la violenta repressione di mercoledì anche oggi a San Bernardino (nord), Santa Monica (ovest), Chacao (est), Altamira (est), e Santa Fe (est) la protesta è tornata in strada. Ma la polizia, specialmente a nord e ovest, non ha permesso ai manifestanti di riunirsi, disperdendo immediatamente ogni tentativo di protesta con lanci di gas lacrimogeno. La protesta si è concentrata, ancora una volta, nella super-strada Francisco Fajardo e nelle vicinanze dei quartieri Chacaito e Las Mercedes. Gli scontri sono stati particolarmente violenti.

Ultima ora

13:18Crollo cavalcavia nel Lecchese, inchiesta rischia stop

(ANSA) - LECCO, 23 NOV - L'inchiesta penale sul crollo del ponte di Annone (Lecco) lungo la Superstrada 36 Milano-Lecco, rischia uno stop. La ragione è legata al trasferimento del sostituto procuratore Nicola Preteroti, titolare del fascicolo d'inchiesta, destinato alla Procura di Bergamo e in quella sede atteso per fine mese. Non è servita la richiesta specifica del procuratore capo lecchese, Antonio Chiappani, inoltrata al Ministero della Giustizia. Da Roma è arrivato un no. A questo punto Preteroti dovrà lasciare nel giro di pochi giorni il suo ufficio lecchese, e dovrà farlo senza che il suo sostituto sia ancora arrivato a Lecco. La Procura di Lecco è sotto organico da tempo e il procuratore capo Chiappani potrebbe essere costretto a chiedere il congelamento dei termini dell'inchiesta fino all'arrivo del nuovo magistrato. Il crollo del ponte di Annone avvenne il 28 ottobre dello scorso anno e provocò la morte di un automobilista, Claudio Bertini, il ferimento di altre persone e pesantissimi disagi alla circolazione.

13:08Migranti:’ribelli’ Cona hanno trascorso notte a Malcontenta

(ANSA) - VENEZIA, 23 NOV - Hanno trascorso la notte al primo piano del centro civico di Malcontenta i migranti provenienti dall'ex base di Cona che hanno chiesto di non far rientro nel centro di accoglienza per protesta contro le condizioni della struttura. Al gruppo si sono aggiunti anche gli stranieri che erano stati portati a Jesolo: il gruppo è composto ora da 69 persone. Da un'ora i migranti stanno tenendo un'assemblea al primo piano del centro civico per decidere se accogliere o meno la proposta del prefetto di nominare al loro interno una rappresentanza che porti avanti la trattativa.

13:00Roma:Raggi,ok bilancio 2018-2020,stop era scroccopoli

(ANSA) - ROMA, 23 NOV "Approveremo (in aula, ndr) il bilancio nei tempi per garantire alla struttura centrale e periferica di lavorare in maniera corretta. E' la fine di scroccopoli, quella che abbiamo visto anche con le case (popolari, ndr) occupate. Non aumentano le tariffe. E ci sono investimenti sopratutto per ultimi: 36 milioni in più ai municipi da investire su sociale e 30 milioni in più sulla manutenzione di strade e scuole". Così la sindaca di Roma Virginia Raggi presentando il bilancio di previsione 2018-2020 già passato in giunta.

12:49Cauzione da 5 mln euro per senatore russo fermato a Nizza

(ANSA) - MOSCA, 23 NOV - Il senatore russo Suleiman Kerimov, fermato all'aeroporto di Nizza martedì scorso, è stato incriminato dei reati di riciclaggio ed evasione fiscale. Lo ha confermato alla Tass il procuratore Jean-Michel Pretre. Kerimov dovrà "consegnare il passaporto alla polizia, non potrà lasciare la regione sino a che le indagini non saranno finite, dovrà pagare 5 milioni di euro di cauzione e dovrà interrompere i contatti con una lista di persone che non possiamo rendere pubblica", ha detto Pretre. Mosca ha reagito con forza ricordando alla Francia che Kerimov ha l'immunità diplomatica. Ma il ministero degli Esteri francese ha sottolineato che l'immunità vale solo per la sua capacità ufficiale e che sulla questione si esprimerà il giudice incaricato di seguire il caso.

12:47Etruria: udienza ad Arezzo, tribunale blindato

(ANSA) - AREZZO, 23 NOV - Tribunale di Arezzo blindato per l'udienza preliminare sul crac Etruria: oggi il gup Giampiero Borraccia è chiamato a decidere sull'ammissibilità di 2.500 richieste di costituzione di parte civile. Circa 40 risparmiatori presenti fuori dal Palazzo di giustizia non vengono fatti avvicinare all'area esterna di pertinenza dell'edificio, protetto da un cordone di protezione di polizia e carabinieri, così come i giornalisti, ai quali già nelle precedente udienza del 12 ottobre era stato interdetto l'accesso. "Non siamo delinquenti, siamo sempre stati civili, questo cordone di sicurezza come in un processo per mafia è vergognoso", ha detto uno dei rappresentanti dei risparmiatori che espongono alcuni cartelli contro il decreto salvabanche, senza urlare slogan. Tra i presenti anche Letizia Giorgianni, presidente dell'associazione Vittime salvabanche.

12:43Donna trovata morta in un parco a Milano, è omicidio

(ANSA) - MILANO, 23 NOV - Una donna di 67 anni, Marilena N, è stata trovata morta stamani nel parco di Villa Litta a Milano, nel quartiere Affori, a Milano. La suadra mobile indaga per omicidio. Il primo a dare l'allarme è stato un passante attorno alle 7.20. Quando i paramedici del 118 sono arrivati sul posto era ancora viva ma le manovre di rianimazione non sono servite. La ferita alla gola le è stata fatale. Potrebbe comunque aver fornito ai primi soccorritori elementi utili alle indagini. La donna, che viveva nella stessa zona dove è stata trovata cadavere, indossava dei leggings neri, una minigonna grigia, un cappotto e, pare, una parrucca. Il cadavere si trova a pochi metri da una telecamera del Comune, in un crocevia molto illuminato, e la Polizia ha già acquisito le immagini.

12:37Molestie: Macron verso piano di ‘sicurezza sessuale’

(ANSA) - PARIGI, 23 NOV - Il presidente francese, Emmanuel Macron, presenterà sabato prossimo un piano di "sicurezza sessuale" sull'onda dello scandalo Weinstein. In pratica, spiega BFM-TV, si tratta di un insieme di "misure di prevenzione contro le violenze sulle donne". Il governo di Parigi intende, in particolare, cambiare la società e cambiare "globalmente i comportamenti". (ANSA).

Archivio Ultima ora