Allarme giudici: “Liberi criminali malati di mente”

Pubblicato il 21 aprile 2017 da ansa

ROMA. – Responsabili anche di “gravissimi reati di sangue”, ma prosciolti per infermità mentale, vagano liberi in alcune zone del Paese perché sono già piene le Rems, le residenze per l’esecuzione delle misure di sicurezza nate con la chiusura degli Opg. Il quadro preoccupante emerge da un monitoraggio condotto dal Csm, che ha raccolto informazioni sugli effetti della riforma dai vertici degli uffici giudiziari.

Il problema della carenza di posti in queste strutture, con l’inevitabile formazione di liste d’attesa per l’accettazione di nuovi pazienti, è diffuso. Ma in certe realtà è una vera emergenza. Come nel distretto di Catania: l’unica Rems, a Caltagirone, ha appena venti posti letto a disposizione, già da tempo occupati con ammalati psichiatrici provenienti in gran parte dalle vecchie strutture carcerarie abolite.

Il risultato di questa situazione lo descrive il presidente del tribunale di sorveglianza: “vagano nel territorio ammalati psichiatrici gravi, violenti e socialmente pericolosi”, per i quali è stato disposto il ricovero nelle Rems, “in attesa che si rendano disponibili posti” presso queste strutture.

E’ allarme anche in Puglia, una regione popolosa ma che dispone soltanto due Rems per un totale di striminziti 38 posti. La loro limitatezza è fonte di rischio, segnala il Pg di Bari, perché si traduce nella “presenza sul territorio di soggetti autori anche di gravissimi reati di sangue che, affetti da patologie psichiatriche anche valutate di alta pericolosità, non sono stati ricevuti da alcuna Rems per indisponibilità di posti una volta recuperata la piena libertà”.

Pure a Napoli per carenza di disponibilità di posti sono “molte” le misure di sicurezza in attesa di esecuzione. Ma così, rileva il presidente del tribunale, “non si riesce né a garantire la cura della malattia psichiatrica né ad assicurare la difesa sociale”.

Criticità analoghe si registrano a Roma, dove il presidente del tribunale avverte: il ritardo nell’esecuzione delle misure di sicurezza espone a “gravi pericoli” la collettività e le vittime di reato. E a Firenze, dove “l’indisponibilità di un sufficiente numero di posti nelle strutture esistenti nel territorio toscano – nota il Pg – impedisce di procedere all’applicazione della misura, rimasta in diversi casi inseguita per non breve tempo”.

Non solo posti contingentati: nelle Rems c’è anche un problema di inadeguatezza della sorveglianza interna e esterna. A Caltagirone ci sono state aggressioni al personale infermieristico ed “episodi di allontanamento dalla struttura degli ospiti ricoverati”, come segnala il Pg di Catania. E altre tre fughe (ma gli ospiti sono stati poi rintracciati) si sono verificate a Bologna.

L’allarme sui criminali liberi “non costituisce “l’oggetto del parere approvato dal Csm, precisa il vice presidente Giovanni Legnini, evidenziando che la delibera indica piuttosto “i benefici derivanti dal superamento degli Opg”.

(di Sandra Fischetti/ANSA)

Ultima ora

14:32Corea Nord minaccia lo stop ai Giochi

(ANSA) - PECHINO, 23 GEN - La Corea del Nord ha ventilato l'ipotesi di boicottare le Olimpiadi invernali di PyeongChang dopo la protesta di un gruppo di attivisti a Seul che ieri hanno dato fuoco a una bandiera del Nord e a foto del leader Kim Jong-un. "Non possiamo fare a meno di prendere in considerazione sul serio il seguito delle misure relative ai Giochi invernali", ha ammonito in un comunicato il Comitato per la riunificazione pacifica della Corea, sollecitando Seul a prendere rapidamente misure per evitare il ripetersi dell'episodio di ieri, avvenuto al passaggio alla stazione di Seul del team di Pyongyang impegnato nelle ispezioni dei siti delle performance artistiche. "Non tollereremo mai atti detestabili di hooligan conservatori che insultato la sacra dignità e i simboli della Corea del Nord. Se l'accordo Nord-Sud e il programma per la partecipazione del Nord alle Olimpiadi sono cancellati, la colpa sarà solo ed esclusivamente a carico dei gruppi conservatori e delle autorità sudcoreane", conclude la nota.

14:28Calcio: Hamsik in testa a testa con Juve contano nervi saldi

(ANSA) - NAPOLI, 23 GEN - "Nel testa a testa con la Juventus conteranno tanti aspetti, anche quello dei nervi saldi. Ogni partita deve essere come una finale, non solo lo scontro diretto a Torino". Lo ha detto Marek Hamsik che oggi ha depositato al Museo Nazionale di Napoli nella mostra "Napoli nel mito" la maglia con cui ha segnato il gol numero 116 con il Napoli, superando Maradona come massimo bomber azzurro. "Sappiamo che da qui in avanti ogni punto vale molto - ha aggiunto il capitano del Napoli - la Juve ne perderà qualcuno, come anche noi ma l'importante sarà come si arriva alla fine. Stiamo facendo tutto il possibile per portare a Napoli la coppa dello scudetto, questa città se lo merita. Ci pensiamo tantissimo, ormai dopo oltre venti giornate siamo là e combattiamo per arrivare primi alla fine. Tutto il gruppo ha in testa il titolo, ci aspettano partite sulla carta facili ma sul campo difficili e allora dobbiamo tenere la testa bassa e portare a casa più vittorie possibili".

14:22Snowboard:sfide e show acrobatici,ecco il’King of Obereggen’

(ANSA) - ROMA, 23 GEN - Lo snowboard italiano ed internazionale farà tappa ad Obereggen cuore bolzanino del comprensorio del Latemar (con Pampeago e Predazzo). Grande attesa nel mondo dello snowboard per il 'King of Obereggen' in programma domenica 28 gennaio. L'evento, organizzato dall'associazione Skateboardproject-Bolzano e la società impianti Obereggen Spa, decreterà re e regina di snowboard e sci freestyle (categorie Under 16, Senior e Girls) dello snowpark altoatesino, tra i più conosciuti a livello italiano ed internazionale. I partecipanti si esibiranno in numeri acrobatici inediti davanti ad una giuria di esperti tra l'entusiasmo contagioso, come nelle scorse edizioni, di numerosi appassionati. In mattinata si svolgerà la gara principale, ad iscrizione gratuita, nella modalità Slopestyle. ''L'iscrizione alla gara sarà gratuita - spiega Stefano Tonini, presidente dell'associazione Skateboardproject-Bolzano - nostro auspicio è che ognuno possa trascorrere una bella giornata di puro snowboard e sci freestyle''.

14:15Boldrini, chiudere pagine Fb che inneggiano a fascismo

(ANSA) - ROMA, 23 GEN - "I siti e le pagine di Facebook, che aumentano continuamente, che inneggiano al fascismo e al nazismo vanno chiuse. Sono le pagine della vergogna". Lo dice la presidente della Camera Laura Boldrini, nel corso del convegno "Perseguitati per Legge - 1938, ottant'anni fa le leggi razziali", organizzato a Montecitorio con l'Unione delle comunità ebraiche italiane (Ucei), in occasione del Giorno della Memoria. "Ho anche scritto a Zuckerberg per sottolineare quanto questa non sia una dimensione sostenibile con una democrazia", aggiunge.

13:55Ostia: aggredì giornalisti, Spada a processo

(ANSA) - ROMA, 23 GEN - Roberto Spada è stato rinviato a giudizio assieme al suo complice Ruben Nelson Del Puerto per l'aggressione ai giornalisti della Rai Daniele Piervincenzi ed Edoardo Anselmi avvenuta ad Ostia il 7 novembre scorso. Lo ha deciso il gup di Roma Maria Paola Tomaselli che ha fissato il processo al prossimo 30 marzo. i due imputati sono accusati di lesioni e violenza privata aggravate dal metodo mafioso.

13:50Turchia: raid aerei contro il Pkk in Iraq

(ANSA) - ISTANBUL, 23 GEN - Mentre attacca i curdi in Siria nell'enclave di Afrin, la Turchia li colpisce anche in Iraq. L'aviazione di Ankara ha fatto sapere di aver compiuto nelle scorse ore nuovi raid nella regione di Zap, nel nord dell'Iraq, contro postazioni del Pkk, i cui miliziani erano sospettati di preparare attacchi contro le basi turche al confine. La Turchia considera come "organizzazioni terroristiche" con legami organici il Pkk e i curdi siriani del Pyd, che controllano anche Afrin. Le forze armate non hanno fornito al momento un bilancio dei bombardamenti, che avvengono periodicamente dalla ripresa del conflitto tra Ankara e il Pkk nel luglio 2015.

13:50Calcio: Lichtesteiner, siamo stati bravi in difesa

(ANSA) - TORINO, 23 GEN - "Abbiamo difeso bene, sull'1-0 non serve più spingere come all'inizio. Forse abbiamo sofferto per il carico di questa settimana, era tanto ed era importantissimo ripartire". Stephan Lichtesteiner analizza così la vittoria di misura contro il Genoa che ha permesso alla sua Juventus di restare nella scia del Napoli. "Peccato non averla chiusa prima, ma abbiamo tenuto difensivamente", aggiunge nel dopopartita il giocatore, pronto a tornare in Champions. "Ho parlato con tutti, direi di sì", dice al riguardo lo svizzero che nella prima parte della stagione - come lo scorso anno - è stato escluso dalla lista Champions.

Archivio Ultima ora